RCE Foto

(i) On JuzaPhoto, please disable adblockers (let's see why!)






Login LogoutJoin JuzaPhoto!
JuzaPhoto uses technical cookies and third-part cookies to provide the service and to make possible login, choice of background color and other settings (click here for more info).

By continuing to browse the site you confirm that you have read your options regarding cookies and that you have read and accepted the Terms of service and Privacy.


OK, I confirm


You can change in every moment your cookies preferences from the page Cookie Preferences, that can be reached from every page of the website with the link that you find at the bottom of the page; you can also set your preferences directly here

Accept CookiesCustomizeRefuse Cookies


  1. Galleries
  2. »
  3. Paesaggio Naturale
  4. » The Dosegù glacier

 
The Dosegù glacier ...

Alpi Retiche

View gallery (4 photos)

The Dosegù glacier sent on September 22, 2022 (16:46) by Edecapitani. 43 comments, 461 views. [retina]

1/125 f/11.0, ISO 100, hand held.

Escursione sul Pizzo di Vallumbrina. Nel livido gelo di un mattino di settembre. Una giornata molto fredda, neve, vento. Marco e io lasciamo la strada del passo Gavia e ci inoltriamo in un vallone camminando sulla sinistra orografica del Rio Dosegù fino a risalire un pendio morenico a destra di una magnifica cascata ghiacciata incisa nel gradino roccioso su cui poggia il ghiacciaio del Dosegù. Come sempre, Marco galoppa, io vado al mio passo, con i pesi non sempre ben calibrati della mia mania fotografica. Il sentiero, di per sé facile, si è trasformato in questo primo freddo autunnale in un serpentone grigio di vivo ghiaccio, impraticabile se non inventandosi un nuovo percorso. Giunto al lago Nero (il mio socio è più aventi) il vento gelido spazza un paesaggio ampio, desolato e maestoso, di roccia rossa e nera, screziato di bianco dalla prima neve e gravato di nubi. Il vento non dà tregua e c'è stata una mezz'ora in cui non avevo sensibilità al naso e alla bocca, come se mi avessero fatto un'anestesia. Per fotografare ho dovuto combattere con il congelamento delle dita e quando camminavo, avendo inopinatamente lasciato i guanti a casa coprivo le mani con un paio di calze di ricambio. Sorrido pensando alle "foto ragionate", lì dopo due scatti non si resiste e anche solo manovrare il cavalletto provoca dolore, persino le due fotocamere che avevo con me soffrivano e non si riusciva a diaframmare. Ho fame, lungo l'ultima erta che porta al bivacco Monte Ortles e poco dopo alla cima coi suoi panorami, mangio una barretta energetica ma è gelata e mi si pianta sullo stomaco impedendomi nutrimento e acqua per il resto della giornata così alla fine, tornato al Gavia, sono senza benzina. In realtà, nonostante l'altitudine, è un'escursione facile, con un dislivello poco impegnativo e senza difficoltà tecniche; due giorni prima probabilmente saremmo arrivati in cima in maniche corte ma la montagna non è mai scontata e oggi mi ha messo alla prova. Eppure la mia è stata una fatica ripagata da una bellezza sublime (cioè magnifica e terribile), inimmaginabile se non a contatto con la natura, una fatica scelta liberamente, valutando onestamente i rischi, le mie capacità residue e i benefici (in montagna sto bene anche quando sono stanco o inquieto), condivisa con un amico col quale mi piace andare perché si cammina solitari e ci si ritrova e in auto si chiacchiera di tutto fino, talvolta, a perdere la strada. Ma - camminando tra i resti di trincee, reticolati e baraccamenti, visibili lungo tutta la cresta del Pizzo di Vallumbrina - pensavo agli alpini della Grande Guerra che un secolo fa qui hanno vissuto e combattuto in un freddo ancora più intenso, non per diporto né per loro scelta, affrontando un nemico fatto di ragazzi anche loro schiacciati da un tragico giogo e intirizziti dal freddo. Su quel sentiero che io ho percorso portandomi in spalla un cavalletto e due fotocamere leggere, quei ragazzi trascinarono con le loro forze e quelle dei muli armamenti pesanti e tutto ciò che era necessario alla sopravvivenza e alla guerra in montagna. Su questi monti la Guerra Bianca uccise forse più col freddo e gli stenti che con le pallottole degli austriaci (o degli italiani se si guarda la cosa dall'altra parte). Qui non ci fu il macello del Carso o della Somme ma si moriva. Sulla vetta del S. Matteo, visibile in foto sulla tre quarti a sinistra, gli austriaci avevano piazzato un obice bianco, un osservatorio e avevano scavato nei pressi una galleria attrezzata a dormitorio e deposito munizioni. Gli austriaci occupavano anche il Mantello, mentre sul Vallumbrina, sul Tresero, sul Dosegù e sul Gavia c'erano postazioni italiane. Nell'estate 1918 su queste vette ebbe luogo la battaglia nota come "battaglia del S. Matteo" e, fino al 1984, fu la battaglia combattuta più ad alta quota: morirono 17 austriaci e 10 italiani. Fu l'ultima vittoria austriaca della guerra. Ed ho pensato anche a mio padre che la guerra, la seconda, la fece in Grecia e nel settembre del '43 attraversava i monti della Tessaglia in fuga da tedeschi e partigiani, senza viveri né abbigliamento adeguato. Mi raccontava come tanti suoi compagni morirono mangiando funghi velenosi, pur avendo visto altri morire per gli stessi funghi il giorno prima. Mi raccontava il decorso dell'inedia e di come si salvò, della cattura, del professore universitario che conobbe all'inizio del viaggio estenuante nel carro bestiame verso il campo di prigionia in Germania e che morì di stenti e follia alla fine del viaggio... Lungo il cammino, in una pausa della discesa, abbiamo conosciuto uno studioso del Servizio Glaciologico che ha slittato la nostra attenzione dalla storia allo scioglimento dei ghiacciai e a quel che sta accadendo (adesso non fra dieci anni) ai nostri fiumi. Davanti ai nostri occhi il ghiacciaio del Dosegù è bellissimo ma in evidente scioglimento, con ampie finestre di roccia non più ricoperte da nevi perenni e l'impressionante caverna azzurra prodotta dal distacco di un seracco, come se la bocca della montagna avesse perso un dente. Scendendo, il serpente di ghiaccio che il mattino era vivo e duro, ora, scaldato dal sole, è più cedevole, le superfici sono friabili, come quando si sbrina il freezer; così, pur col cuore appesantito dal destino dei ghiacciai, mi rallegro dell'effimero disgelo che rende più sicuri i miei passi. Il giorno seguente (i turni di lavoro mi avevano concesso liberi la domenica e il martedì successivo... cioè, non sono né in ferie né in pensione, lavoro anche se gli amici di un tempo stenterebbero a riconoscere nel tremolante vecchio di oggi l'aitante farabutto dei giorni migliori) ero tentato di tornare lassù in solitudine per raggiungere una cima sui 3500 da cui la vista è ancora più ampia ma rimando per poter dormire nel bivacco Battaglione Ortless e fare tutto con più calma e con le luci dell'alba e del tramonto. Sarà per il settembre del prossimo anno, si rischia un po' di più col freddo ma il cielo è più terso e le foto più nitide. Per chi vuol godere la solennità dei ghiacci, delle rocce e delle vette retiche è un'escursione appagante e consigliata... ma non lasciate a casa i guanti. Nella foto, a coronare il ghiacciaio si vedono: sul margine destro la Cima Villacorna (3447m), poco più a sinistra la piramide nera del M. Montello (3517m), la piramide bordata di neve della Punta S. Matteo (3678m), l'ultima piramidi a sinistra potrebbe essere la Punta Pesranzini (3599 m), mentre la Cima Dosegù si vede forse seminascosto dal S. Matteo. La Cima Vallumbrina, meta della nostra escursione e non visibile in fotografia, è la prima della dorsale che porta al S. Matteo attraverso il Pizzo di Vallumbrina e i citati Villacorna e Mantello



View High Resolution 7.9 MP  



PAGE: ALL PAGES | NEXT PAGE »


What do you think about this photo?


Do you have questions or curiosities about this image? Do you want to ask something to the author, give him suggestions for improvement, or congratulate for a photo that you really like?


You can do it by joining JuzaPhoto, it is easy and free!

There is more: by registering you can create your personal page, publish photos, receive comments and you can use all the features of JuzaPhoto. With more than 224000 members, there is space for everyone, from the beginner to the professional.




avatarsupporter
sent on September 22, 2022 (16:53) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

















avatarsupporter
sent on September 22, 2022 (17:14) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

Seen from the ridge, in the background the Presanella group. On the other side of the valley stands a blue pond, like a jewel set in the
Rhaetians:


Mount Gavia and in the background, on the right, the Bernina






The Black Lake:



The waterfall:



Just above the Gavia Pass, in the background the Ortless group and, on the right margin, the Gran Zebrù:



avatarsupporter
sent on September 22, 2022 (17:27) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

Beautiful reportage, places to say the least magnificent!
Hello

avatarsupporter
sent on September 22, 2022 (17:33) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

Thanks Bepi!

avatarsupporter
sent on September 22, 2022 (17:56) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

The story can be read in one breath.
This is from hands down
(in the mountains I'm fine even when I'm tired or restless),

Congratulations and thanks for sharing.

avatarsupporter
sent on September 22, 2022 (18:03) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

Thank you Fabrizio!

avatarsupporter
sent on September 22, 2022 (18:03) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

...... a very interesting reportage .....
7 hello Ray Palm-

avatarsupporter
sent on September 22, 2022 (18:44) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

Thanks Ray!

avatarsupporter
sent on September 22, 2022 (19:06) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

...... but the mountain is never taken for granted .....

This says it all, what is done in joy today becomes almost dramatic the next day
Bravissimo Enrico, magnificent photos and a beautiful story, I seemed to be there and, if I have to tell the truth, the only thing that sometimes I miss is some beautiful hike like the one you told us.
Greetings.
Paul
Monumental.

avatarsupporter
sent on September 22, 2022 (19:14)

Fantastic landscape ''winter'' and shot ''B.W.''..my friend..bye Jean..

;-)

avatarsupporter
sent on September 22, 2022 (19:19) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

Thanks Paolo!
thanks Jean!

avatarsenior
sent on September 22, 2022 (19:35) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

A lot,
your desire to
tell and testify
in photography (excellent)
in writing (congratulations)
I observe, read
and everything is ENGAGING
With Esteem
Ernesto 8-)


avatarsenior
sent on September 22, 2022 (19:52) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

The great effort of the ascent for the soul.
... Thank you for your testimony of both daily and extraordinary deeds

avatarsupporter
sent on September 22, 2022 (20:09) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

Thanks Ernesto!
thanks Simone!

avatarsupporter
sent on September 22, 2022 (21:40) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

Great reportage, excellent story.
Very nice main photo in BN.
Congratulations Enrico, hello!
Sergio ;-) :-P

avatarsupporter
sent on September 22, 2022 (22:52) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

Great skill in writing as well as photographing. The reading is really pleasant , interesting and you feel the enthusiasm with which you go to the mountains. The same thing applies to me too.... there I feel good even when I am tired because it recharges me, even when I am restless because it puts order in my thoughts. The shots show that taking the equipment with you deserved! Unfortunately, I too have the bad habit of bringing myself a goal no longer rather than a pair of gloves. Congratulations for everything.... continue with these excursions. Greetings. Magú

avatarsupporter
sent on September 22, 2022 (23:34) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

Thanks Sergio!
thanks Magù!

avatarsenior
sent on September 23, 2022 (9:03) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

Now the photos cancel all the words ..... congratulations Luigi hello

avatarsupporter
sent on September 23, 2022 (9:45) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

Thanks Luigi!

avatarsenior
sent on September 23, 2022 (11:33) | This comment has been automatically translated (show/hide original)

Great reportage, congratulations!
Greetings.
Roberto


PAGE: ALL PAGES | NEXT PAGE »



Some comments may have been automatically translated with Microsoft Translator.  Microsoft Translator



 ^

JuzaPhoto contains affiliate links from Amazon and Ebay and JuzaPhoto earn a commission in case of purchase through affiliate links.

Mobile Version - juza.ea@gmail.com - Terms of use and Privacy - Cookie Preferences - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

May Beauty Be Everywhere Around Me