RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy e preso visione delle opzioni per la gestione dei cookie.

OK, confermo


Puoi gestire in qualsiasi momento le tue preferenze cookie dalla pagina Preferenze Cookie, raggiugibile da qualsiasi pagina del sito tramite il link a fondo pagina, o direttamente tramite da qui:

Accetta CookiePersonalizzaRifiuta Cookie



Leonardo Mengoli
www.juzaphoto.com/p/LeonardoMengoli



avatarRisolvenza obiettivo vs densità del sensore vs dimensione dell'immagine (confronti con mtf)
in Tecnica, Composizione e altri temi il 03 Dicembre 2023, 9:03


È stato proposto un confronto in un altro thread dal titolo "2mpx sono abbastanza?", a pagina 2
www.juzaphoto.com/topic2.php?l=it&t=4670083&show=2

L'idea è confrontare il risultato ottenuto in due diversi modi riprendendo una determinata scena a 2Mp.

Premessa: la distanza dal soggetto rimane invariata.

Caso 1: si scatta una foto con un sensore FF da 42.2Mp (pixel pitch 4.52 micron) verso un soggetto, utilizzando un obiettivo da 500mm. Si ritaglia poi dalla foto un frame di 2Mp (sempre in formato 2:3), che racchiude la scena interessata.

Caso 2: si scatta con un sensore FF da 2Mp (pixel pitch 20.79 micron) verso lo stesso soggetto, ma questa volta utilizzando un obiettivo da 2300mm, condizione che permette di riempire l'intero sensore FF con la scena inquadrata dal ritaglio da 2Mp del caso 1.

Per cui, alla fine in entrambi i casi si ottiene una foto da 2Mp della medesima scena.

È stato supposto per semplicità che i due obiettivi presentino pari risolvenza, è stato indicato un valore di 24lp/mm proiettate da tali obiettivi sui due sensori.

Si è dibattuto su quale dei due casi offra un risultato migliore, per farlo ci si è addentrati anche nell'utilizzo delle MTF, citando la formula per cui MTF(sistema) = MTF(obiettivo) x MTF(sensore). Operare con i valori MTF non è un metodo banale, serve un minimo di conoscenza in materia per maneggiarlo.

Tale discussione non si è conclusa al termine delle 15 pagine, lo scopo di questo thread è quello di permettere a chi stava partecipando alla suddetta discussione di poter replicare agli ultimi commenti, sperando anche di riuscire a ottenere qualche risultato.

Dato lo scopo, non mi prolungo nella spiegazione di come si ottengono i valori MTF di un sensore, nota la frequenza spaziale a cui viene esposto (nella discussione si è usato il valore in lp/mm proiettato dall'obiettivo, come premesso fissato a 24). Tali spiegazioni si trovano in buona parte nel thread citato.

Per questioni di tempo, probabilmente mi limiterò a seguire gli interventi che proseguono la discussione in corso.

Qui sotto riporto l'ultimo messaggio del precedente thread.


119 commenti, 4210 visite - Leggi/Rispondi


avatarParentesi sulla gestione dell'amplificazione dei sensori ISO Invarianti
in Fotocamere, Accessori e Fotoritocco il 07 Settembre 2019, 20:38


Nel precedente thread "Sony a7R IV ISO Nativi 100 e 320. Come mai così vicini?" ( www.juzaphoto.com/topic2.php?l=it&t=3290877 ) che discuteva la scelta di Sony di anticipare il primo step della seconda catena di amplificazione a ISO 320 (rispetto ai 640 del modello precedente), è nata una lunga parentesi riguardante una teoria introdotta da uno degli intervenuti.

Il succo della teoria viene introdotto a pagina 4, e sostiene in pratica che un sensore ISO Invariante lavora in realtà ad un solo valore di amplificazione analogica per tutti i valori di sensibilità, oppure due valori in caso di Dual Native ISO (che è il caso delle sony R II III e IV), e che questi unici valori di amplificazione corrisponderebbero ai valori delle sensibilità al limite superiore dei due range di amplificazione (100-500 e da 640 a salire per R II ed R III, 100-250 e da 320 a salire per R IV).
Tutto ciò avverrebbe senza perdita di gamma dinamica nelle alte luci alle esposizioni per le sensibilità inferiori:
Una iso invariant con uno step a 320 e uno a 4000, lavora a 320 per ottenere iso 200 e iso 100 e a 4000 per ottenere iso 3200, 1600, 800 e 400.
il range di amplificazione tra 800 e 6400 non esiste, hai una sola ampificazione. La recuperabilità del raw è identica.

Recuperabilità del RAW che si riferisce alle alte luci.

Dall'autore della teoria è stato richiesto un test
Fissa diaframma e tempi.
Varia solo gli iso. Prima 100, poi 200 e poi 400.
In post compensi il raw - 1 al file a iso 200 e - 2 al file ad iso 400.
Sono uguali?
...
Esponi a iso 800 in Av.
Poi sempre senza variare la coppia f/t, in manuale
...
Alza gli iso a 1600, 3200 e 6400.
Come prima compensa in post - 1 a 1600, - 2 a 3200 e - 3 a 6400.
Sono uguali?

Test che è stato effettuato a pagina 13, riporto la descrizione e il link per scaricare i RAW:

"Quattro scatti alla massima esposizione che non sfonda l'istogramma RAW ad ISO 100, valori di esposizione f/5.6 1/60s, riferimento file "(EXP 100)" scatti effettuati ad ISO 100-200-400-500.
Cinque scatti alla massima esposizione che non sfonda l'istogramma RAW ad ISO 640 (primo step della seconda catena di amplificazione), valori di esposizione f/5.6 1/400s, riferimento file "(EXP 640)" scatti effettuati ad ISO 640-800-1600-3200-6400.
Fotocamera Sony a7R II, notoriamente una delle fotocamere maggiormente ISO Invarianti. Tutti file RAW non compressi."

Qui i RAW drive.google.com/open?id=1T5seO676QAWHvek4EFYGWAngMIlQGi1x


Ora, avevo intenzione di proseguire la discussione precedente proponendo una questione aggiuntiva, la quale si distanzia in parte dal titolo originale. Mi rendo conto di non poter aprire una seconda parte, focalizzata un po' diversamente, che includa il seguito di una parentesi della discussione precedente.
Farebbe solo confusione tra i discorsi degli intervenuti nella prima discussione e i nuovi interventi più focalizzati sui nuovi aspetti proposti.

Prima di aprire la seconda parte, apro questa per chiudere la parentesi.

Allegherò il link della futura discussione sia al termine di questa che in aggiunta all'ultimo commento della precedente.



225 commenti, 6790 visite - Leggi/Rispondi


avatarSony a7R IV Dynamic Range Test parte 2
in Fotocamere, Accessori e Fotoritocco il 31 Agosto 2019, 0:05


Si prosegue da qui.

www.juzaphoto.com/topic2.php?l=it&t=3293083

Cerchiamo di riprendere con educazione.


19 commenti, 1104 visite - Leggi/Rispondi


avatarSony a7R IV Dynamic Range Test: leggero passo indietro rispetto alla R III
in Fotocamere, Accessori e Fotoritocco il 30 Agosto 2019, 3:16


Bill Claff ha pubblicato i test sull'ultima nata in Sony FF.

Dopo il primo test pubblicato riguardante il read noise www.photonstophotos.net/Charts/RN_ADU.htm#Sony%20ILCE-7RM4_14
sono ora disponibili anche i grafici dei test sulla gamma dinamica
www.photonstophotos.net/Charts/PDR.htm#Sony%20ILCE-7RM4
e sui miglioramenti di gamma dinamica nelle ombre al crescere della sensibilità
www.photonstophotos.net/Charts/PDR_Shadow.htm#Sony%20ILCE-7RM4
di minor interesse la curva di trasferimento dei fotoni www.photonstophotos.net/Charts/PTC.htm#Sony%20ILCE-7RM4

Come suggerito da precedenti test e previsioni (si veda il blog di Jim Kasson), la nuova R non sembra offrire miglioramenti rispetto al modello precedente. Anzi, si vede un leggero peggioramento, in particolare alle sensibilità superiori a ISO 500, dove il passaggio ai secondi amplificatori ad ISO 640 garantiscono alla R III un vantaggio su tutto il resto della gamma di sensibilità.

Come si era iniziato a discutere nell'altro thread "Sony a7R IV ISO Nativi 100 e 320. Come mai così vicini?", la nuova R IV ha spostato i secondi ISO Nativi a 320, ottenendo risultati peggiori alla R III in read noise alle sensibilità da 640 in su.

Qui di seguito i grafici di comparazione tra la R IV e la R III

Gamma Dinamica
www.photonstophotos.net/Charts/PDR.htm#Sony%20ILCE-7RM3,Sony%20ILCE-7R
Read Noise
www.photonstophotos.net/Charts/RN_ADU.htm#Sony%20ILCE-7RM3_14,Sony%20I
Guadagno sulle ombre
www.photonstophotos.net/Charts/PDR_Shadow.htm#Sony%20ILCE-7RM3,Sony%20

A quanto pare, la risoluzione ha il suo (piccolo) prezzo.
C'è da chiedersi quanto questo risultato possa essere stato influenzato dalla risoluzione e quanto dall'abbassamento degli ISO Nativi, dal momento che tra ISO 100 e ISO 250 I risultati sono abbastanza sovrapponibili, mostrando un maggiore divario proprio da ISO 640 in su.
Tra ISO 320 e ISO 500 la R IV si avvantaggia dell'entrata in funzione anticipata dei secondi amplificatori rispetto alla R III.

Qui il Thread che discute dell'abbassamento dei secondi ISO Nativi da 640 (R II ed R III) a 320 (R IV)

www.juzaphoto.com/topic2.php?l=it&t=3290877

Quasi identici i risultati a ISO 100, anche se stando alle misurazioni di Tony Northrup la sensibilità "100" effettiva della R IV sarebbe di soli 50 ISO, contro i 70 della R III.
Un "trucco" introdotto forse per non sfigurare nei test rispetto alla sorella "minore".

Se tutte le reali sensibilità fossero effettivamente inferiori rispetto alla R III, il divario fra le due camere sarebbe più marcato rispetto a quello mostrato nei grafici (tali grafici non sono adattati sull'asse X a valori misurati della sensibilità, i punti sono allineati alle sensibilità dichiarate).

Interessante anche l'anticipo dell'introduzione di riduzione del rumore già da ISO 16000.


227 commenti, 9187 visite - Leggi/Rispondi


avatarSony a7R IV ISO Nativi 100 e 320. Come mai così vicini?
in Fotocamere, Accessori e Fotoritocco il 28 Agosto 2019, 2:26


Incuriosito dal recente annuncio della Panasonic S1H, ho letto una caratteristica che mi è sembrata un po' strana: Dual Native ISO 640 e 4000. Stranezza risolta controllando sul sito ufficiale, i valori base nativi sono 100 e 640, diventano rispettivamente 640 e 4000 in modalità V-Log (con sottoesposizione di 2 stop e 2/3).
Ad ogni modo, prima di verificare, nel dubbio di aver mal compreso tale specifica ho speso qualche minuto sul sito photonstophotos.net, sul quale ho notato con sorpresa la presenza della a7R IV nei grafici del read noise

www.photonstophotos.net/Charts/RN_ADU.htm#Sony%20ILCE-7RM4_14

dal cui grafico si evince che la seconda serie di amplificatori ha un valore base di 320, uno stop in meno rispetto ai 640 dei recenti BSI Sony.
Lo stesso risultato è stato rilevato da Jim Kasson briansmith.com/jim-kasson-a7r-iv-dual-tests-native-iso-no-pdaf-pixel-b (immagino non sia lecito postare l'immagine di un grafico da un altro sito, dico bene?)

È una caratteristica che mi incuriosisce, avere due serie di amplificatori così "vicine" porta vantaggi solo a sensibilità molto molto basse, quasi vanificando lo scopo per cui la doppia serie è stata ideata (preservare la qualità a sensibilità elevate).
Non penso che questa scelta possa essere stata dettata da ragioni tecniche legate al nuovo sensore, non me lo spiegherei, immagino sia una semplice scelta di indirizzo nei confronti della nuova bigMP, che la privilegia ancora più marcatamente alla fotografia "da studio". Forse per distanziarla maggiormente dalle prestazioni ad alte sensibilità della prossima a7S III (le S ed S II hanno i secondi amplificatori con base a ISO 2000), anche se date le due vocazioni/clientele/diffusioni così diverse dubito sia questa la ragione. Altre ipotesi?

Sono curioso di vedere quali sono i risultati sulla gamma dinamica, a quanto pare su photonstophotos stanno testando la macchina quindi vedremo presto gli altri risultati.

Semplice thread informativo/di curiosità.
(Vi prego non litigate)






226 commenti, 10775 visite - Leggi/Rispondi





Foto Personale

prov. Bologna, 729 messaggi, 0 foto

  ULTIME 10 FOTO PUBBLICATE 

Invia Messaggio Privato   Aggiungi Amico


Leonardo Mengoli ha ricevuto 3682 visite, 0 mi piace

Registrato su JuzaPhoto il 17 Febbraio 2014

AMICI (0/100)



 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve una commissione in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me