RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy e preso visione delle opzioni per la gestione dei cookie.

OK, confermo


Puoi gestire in qualsiasi momento le tue preferenze cookie dalla pagina Preferenze Cookie, raggiugibile da qualsiasi pagina del sito tramite il link a fondo pagina, o direttamente tramite da qui:

Accetta CookiePersonalizzaRifiuta Cookie

Le vostre foto incomprese, diamo loro una seconda vita - Parte IV


  1. Forum
  2. »
  3. Tecnica, Composizione e altri temi
  4. » Le vostre foto incomprese, diamo loro una seconda vita - Parte IV





avatarsenior
inviato il 29 Ottobre 2021 ore 18:19

Grazie Giovanni T
:)

avatarsenior
inviato il 30 Ottobre 2021 ore 18:07

@giovanni
Grazie, quella foto va vista nell'insieme della serie, da sola perde un po'.
Magari molti vedendola 'da sola' non l'hanno apprezzata per quel motivo

avatarsenior
inviato il 02 Novembre 2021 ore 14:38

www.juzaphoto.com/galleria.php?t=4076580&l=it

Questa è la più recente della mia serie " SERE/EVENINGS"

ovviamente a me piace, ma forse...?

avatarsupporter
inviato il 02 Novembre 2021 ore 14:52

Piace anche a me.

Il soggetto, ovvero il bar della stazione di sevizio, e quel senso di melanconia mi provoca un'associazione di idee con la pittura Edward Hopper.

Quei colori e quell'atmosfera piovigginosa mi ricordano anche le foto di Saul Leiter.

avatarsenior
inviato il 02 Novembre 2021 ore 15:01

@ Roberto: grazie, hai colto bene le mie intenzioni, cioè dare vita e visibilità all'ordinario, a ciò che non è 'bello' e che non può vivere di vita propria,se non attraverso l'attenzione di un obiettivo fotografico che doni poeticità a ciò che, di per sé, è 'impoetico'. E' un progetto non facile ( anche per le mie scarse capacità ), nel quale è facile cadere nell'insulsaggine...

avatarsupporter
inviato il 02 Novembre 2021 ore 15:14

In quella galleria ne vedo diverse altre che trovo veramente interessanti

www.juzaphoto.com/me.php?p=&pg=286262&l=it


Non so se ti riconosci nel termine "vena crepuscolare", che trovo in diverse tue foto (non in tutte).

Trieste è veramente lo scenario giusto per questa predisposizione.

Anche qui ne vedo diverse che mi piacciono:

www.juzaphoto.com/me.php?p=&pg=89361&l=it


A Trieste ci sono stato un due o tre volte. L'ultima nella seconda metà degli anni '80.

La conosco più che altro attraverso scrittori che vanno dai primi del '900 all'epoca contemporanea.

Non faccio i nomi che tanto sono celeberrimi.

Il primo della serie si chiamava Italo, l'ultimo si chiama Claudio.


Con la funzione di ricerca ho trovato un post in cui facevo una comparazione tra Trieste e la mia città, ovvero Milano

www.juzaphoto.com/topic2.php?l=it&show=8&t=3413286#19231359

Quegli "anziani triestini che non sono più tra noi" e che si ricordavano dell'Impero Austro-Ungarico li ho conosciuti a Venezia, ovviamente molti anni or sono.

Quel post era in risposta a quello di un milanese (nel profilo c'era scritto "prov. Milano") che affermava che, appunto a Milano, non ci fosse nient'altro da vedere oltre al Duomo; che oltretutto per me non è neppure la chiesa milanese più interessante, perlomeno rispetto a Sant'Ambrogio e San Lorenzo Maggiore.
Un totale menefreghismo nei confronti del patrimonio storico e artistico della loro città è una caratteristica di molti, temo la maggior parte, dei miei concittadini.

www.juzaphoto.com/galleria.php?l=it&t=3797930#21852105

Anche nei video che ho allegato Daverio lamenta il sostanziale disinteresse dei milanesi nei confronti dei tesori architettonici del luogo in cui vivono.

avatarsenior
inviato il 02 Novembre 2021 ore 16:55

@ Roberto: io sono triestino di adozione. Ora ho 73 anni e sono arrivato a Trieste quando ne avevo sei. Mio padre era un militare calabrese sposato con mia madre di Ravenna. Nato a Forlì, subito fui trapiantato a Ferrara, di cui ho i primissimi ricordi: una città che ho imparato ad apprezzare soltanto rivisitandola negli anni...
Giunsi a Trieste in una mattina di febbraio del '55, in una giornata di bora "scura" ( così la chiamano ancora i triestini, quando soffia con la pioviggine ). Mio padre ci aveva preceduti nel '54 al seguito delle truppe italiane che 'liberavano' la città restituendola all'Italia. Le prime impressioni vengono decifrate e risistemate col tempo: si trattava - poi lo misi a tema- di una città 'metropolitatana', ben diversa dal quieto provincialismo ferrarese. Tutto mi era estraneo e inospitale, a cominciare da quel dialetto che è duro e secco, molto lontano dalla dolcezza veneta. Ricordo che, in prima elementare, i compagni, interrogati, rispondevano al maestro con un ' comandi? ' che non capivo, ma che era certo retaggio di un costune che aveva a che fare con il passato asburgico...C'era un clima per cui gli italiani ( anzi: i 'taliani, come me) erano considerati degli estranei, come gli sloveni...Insomma i triestini erano e sono soltanto triestini, con una vera insofferenza nei confronti di qualsiasi inquadramento. E poi, una valanga di scoperte, ricordi, atmosfere respirate e assimilate. Mi fermo qui, per condividere in pieno quanto dici riguardo agli anziani triestini e alla loro 'cifra' cosmopolitana, che, qua e là, sempre più raramente sopravvive. Ma Trieste vale davvero un soggiorno...Io non saprei dove altro vivere...( mia moglie è una triestina di origine ebraica...e ho detto tutto!! )Sorriso

avatarsupporter
inviato il 02 Novembre 2021 ore 17:15

Ricordo che, in prima elementare, i compagni, interrogati, rispondevano al maestro con un ' comandi? ' che non capivo, ma che era certo retaggio di un costune che aveva a che fare con il passato asburgico...

Senz'altro è così.


C'era un clima per cui gli italiani ( anzi: i 'taliani, come me) erano considerati degli estranei, come gli sloveni...Insomma i triestini erano e sono soltanto triestini, con una vera insofferenza nei confronti di qualsiasi inquadramento.

Penso che anche questo sia un retaggio di quell'epoca.

In una puntata della serie "Passato e presente" condotta da Paolo Mieli, dedicata a Trieste e con ospite il professor Guido Crainz; si apprendeva che, prima della Grande Guerra", i sudditi del Regno d'Italia residenti a Trieste erano chiamati "regnicoli" dagli stessi italiani fedeli sudditi dell'Impero. Questo con malcelato disprezzo e quasi considerati agenti di una potenza ostile.

avatarsenior
inviato il 03 Novembre 2021 ore 0:07

Una fatica immensa per fare questa foto

www.juzaphoto.com/galleria.php?t=3784266&srt=&show2=9&l=it

Unione di decine di foto da angoli ed altezze diverse col drone..

Io l'adoro ma ha solo 2 like Sorry

avatarsenior
inviato il 03 Novembre 2021 ore 0:22

Secondo me è molto apprezzabile il lavoro che ci sta dietro. Se ci si soffermasse di più a leggere una foto attentamente, ci sarebbero più like per alcune e meno per altre...MrGreen
Ma, lo sappiamo, siamo in un clima di bulimia di immagini e di letture frettolose e superficiali.

E poi, di per sè, io la trovo ricchissima di dati e con un buon taglio, che la rende affascinante.
E non è poco.

avatarsenior
inviato il 03 Novembre 2021 ore 5:36

Sicuramente è come dici .. se cerchi un tutorial su come fare una foto inception c'è da mettersi le mani ai capelli già per le foto col drone da fare su posto MrGreen

avatarsenior
inviato il 03 Novembre 2021 ore 9:48

Daniele è la prima volta in vita mia che sento nominare e vedo una foto realizzata con tecnica inception... ti confesso che a me lascia freddino per non dire perplesso

avatarjunior
inviato il 03 Novembre 2021 ore 11:46

@daniele, sforzo apprezzabile ma secondo me manca un pelo di impatto, la prossima la farei ad un'altra ora del giorno e farei una punta di color per renderla più "cinematografica", alla fine queste piccole cose cambiano molto la percezione

avatarsenior
inviato il 03 Novembre 2021 ore 12:32

Paolo Longo: le foto della serie SERE le trovo interessanti, ma soprattutto quando osservate nel loro insieme, come progetto, portfolio; in questo caso l'unitarietà dello stile, la vena malinconica, l'atmosfera sospesa nel tempo e , come a me sembra, nel ricordo traspaiono meglio e hanno un maggior senso. Sicuramente non sono foto da "like" al volo, da passaggi rapidi girando senza meta per il sito. Come è stato sottolineato, alcune foto dovrebbero essere proposte specificamente per il commento, per una valutazione globale del progetto. Ovviamente funzionano di più un paesaggio spettacolare, magari meglio se esotico, ritratti curati anche se di maniera. Comunque mai affezionarsi troppo alle proprie foto; al netto delle delusioni, si potrebbe non vederne i difetti. Però, l'idea la trovo interessante.

Daniele Ruggeri: anche il tuo progetto mi sembra interessante e lo porterei avanti, affinandolo. Indubbiamente, la sua originalità, particolarità non è detto che incontri il facile e frettoloso consenso. Vedo le foto meglio se stampate in un discreto formato, magari anche accentuandone la vivacità anche nelle saturazioni e nei colori. A parte quella premiata come EP, che però mi sembra la più "facile" perchè ha una certa dose di spettacolarità che cattura più facilmente lo sguardo rapido, mi piace moltissimo quella della strada che si accartoccia nel primo piano con un'auto allo stop e intitolata "Inception": mi sembra, al contrario, che "funzionino" peggio quelle in cui il primo piano è troppo incombente e invadente e, quindi, sbilanciato e un po' fastidioso, almeno a mio parere. Ma credo che tu debba continuare a svilupparla questa idea, sfoltendo un po' gli elementi come hai fatto in "inception" di cui parlavo in cui la strada accartocciata cattura lo sguardo. Mi sembra più gradevole trovare un soggetto forte da esaltare, da evidenziare maggiormente; insomma, gli elementi della foto li troverei più interessanti se giocassero in funzione di un elemento forte e riconoscibile. Sono d'accordo con Slumber86

avatarsenior
inviato il 03 Novembre 2021 ore 12:49

@ Claudio: grazie per il passaggio e per l' analisi



Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)



Questa discussione ha raggiunto il limite di 15 pagine: non è possibile inviare nuove risposte.

La discussione NON deve essere riaperta A MENO CHE non ci sia ancora modo di discutere STRETTAMENTE sul tema originale.

Lo scopo della chiusura automatica è rendere il forum più leggibile, sopratutto ai nuovi utenti, evitando i "topic serpentone": un topic oltre le 15 pagine risulta spesso caotico e le informazioni utili vengono "diluite" dal grande numero di messaggi.In ogni caso, i topic non devono diventare un "forum nel forum": se avete un messaggio che non è strettamente legato col tema della discussione, aprite una nuova discussione!





 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me