RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Sony sottovaluta la domanda: ritardi nelle consegne del Sony 50 1.2 GM


  1. Forum
  2. »
  3. Obiettivi
  4. » Sony sottovaluta la domanda: ritardi nelle consegne del Sony 50 1.2 GM





avatarjunior
inviato il 03 Maggio 2021 ore 9:57

I progettisti sembrano giovanissimi!

avatarsupporter
inviato il 03 Maggio 2021 ore 10:33

Si merita un 3d a parte questo stupendo articolo ;-)


Sony 50 1.2 GM - intervista con i suoi ingegneri
www.juzaphoto.com/topic2.php?l=it&t=3938720

avatarjunior
inviato il 03 Maggio 2021 ore 12:52

Scusate il fulmineo OT...
@_Axl_ ti ho inviato un MP appena puoi mi fai sapere?
Scusate

avatarsupporter
inviato il 03 Maggio 2021 ore 15:04

Scusate il fulmineo OT...
@_Axl_ ti ho inviato un MP appena puoi mi fai sapere?
Scusate

Risposto ;-)

Scusa per l'attesa Kinder

avatarjunior
inviato il 03 Maggio 2021 ore 22:30

Bravo _Axl_, hai fatto bene ad aprire il topic ;)

avatarsupporter
inviato il 03 Maggio 2021 ore 22:35

Grande tu a segnalarlo direi
;-)

avatarsupporter
inviato il 10 Maggio 2021 ore 12:24

Questo articolo sulla carenza di Microchip che sta affliggendo la produzione tecnologica mondiale di Raffaele D'Ettore per il Messaggero è davvero interessante.
Non solo ci riferisce il perchè del crollo della produzione di beni che prevedono chip al loro interno ma, purroppo, prevede come la cosa non sia destinata a fermarsi nel 2021 ma impatterà anche nel 2022 con conseguenze, anche sul mercato fotografico, facilmente intuibili in termini di costi dei prodotto e tempi di consengna e, direi, anche di realizzazione e programmazione di nuove uscite.


Raffaele d' Ettorre per "il Messaggero"

Sono minuscoli ma rischiano di causare danni giganteschi. Dalle auto agli smartphone, dai computer alle lavatrici, la carenza globale di microchip quei piccoli circuiti che governano ormai ogni dispositivo elettronico ha creato un effetto farfalla anche in quelle industrie che all' hi-tech si appoggiano solo di riflesso.

Lo scorso febbraio, la General Motors è stata infatti costretta a chiudere temporaneamente tre stabilimenti di assemblaggio per mancanza di chip, che nelle vetture odierne controllano ormai quasi tutto, dalla radio al servosterzo. Secondo la società di consulenza americana AlixPartners, nel 2021 l' industria automobilistica produrrà tra i 2 e i 5 milioni di vetture in meno del previsto .

La crisi è talmente grave che Volkswagen ha deciso di sospendere temporaneamente l' attività nella sua fabbrica di Bratislava, mettendo un freno non solo alla produzione della Touareg ma anche di Porsche Cayenne e Audi Q7 e Q8, che a quella fabbrica si appoggiano .

È nato tutto da un fraintendimento: le aziende tecnologiche hanno scommesso sul crollo della domanda di microchip a seguito della pandemia - pensando che i consumatori avrebbero stretto la cinghia per fronteggiare la crisi economica - e hanno tagliato così gli ordini ai fornitori .

Invece il lockdown, complice il lavoro da casa e la mancanza di alternative per l' intrattenimento, ha portato un boom di richieste senza precedenti, specialmente nel mercato dei personal computer (13% nel 2020, +18% previsto per la fine del 2021).

Ha infierito poi il lancio delle nuove console lo scorso autunno, introvabili allora come oggi.

Emblematico il caso della PlayStation 5 e dei cosiddetti scalpers, che si sono avvalsi di software specifici per acquistare interi lotti di console nel momento esatto del lancio, prosciugando le scorte dei rivenditori e inondando il mercato dell' usato di PlayStation vendute a prezzi proibitivi.

Anche quando le aziende hanno finalmente deciso spingere sulla produzione di chip, a peggiorare lo scenario è intervenuta madre natura. L' isola di Taiwan, patria della TSMC (la più grande fabbrica di semiconduttori al mondo, che tra gli altri serve anche Apple e Nvidia), sta infatti subendo la peggiore siccità degli ultimi cinquant' anni.

Lo scorso febbraio, la fabbrica di chip della Samsung ad Austin, in Texas, ha subito un blackout che ha costretto la multinazionale a fermare la produzione per un mese. Una tempesta perfetta che continuerà almeno per altri sei mesi, stando a quanto dichiarato di recente dal ceo di Cisco, Chuck Robbins.

Alcuni prodotti, come le schede grafiche serie 3000 della statunitense Nvidia, hanno visto il loro prezzo quasi raddoppiato (o addirittura triplicato, se si considera il mercato dell' usato) a pochi mesi dal lancio.

Gli appassionati si sono allora rimboccati le maniche, usando alcuni server della piattaforma Discord e impostando la notifica per essere i primi ad accorrere nell' eventualità ormai rara che qualcuno voglia vendere questi prodotti a prezzi più ragionevoli, ma è una pratica che richiede molta pazienza e un pizzico di fortuna.

Chi vende oggi infatti conosce bene la situazione e fa di tutto per non rimetterci; chi compra spera ancora nell' affare (che ormai consiste semplicemente nel trovare l' oggetto al prezzo di lancio) e su Discord trova sicuramente più convenienza di un' asta su eBay, dove la compravendita di prodotti tecnologici ha raggiunto rincari impressionanti.

Il 2022 si prospetta un anno ancora più problematico, tanto che la stessa Samsung ha recentemente fatto sapere che, se la situazione dovesse continuare, potrebbe non essere più in grado di produrre televisori. E se i fornitori non danno più sicurezza, le aziende decidono di fare da sé .

Apple ha da poco introdotto gli M1, i primi chip autoprodotti che mirano a rimpiazzare gli Intel sui dispositivi di punta dell' azienda di Cupertino, e sono già pronti i piani di produzione per gli M2.

La stessa Intel non sta a guardare, e investirà 20 miliardi per la costruzione di due nuovi stabilimenti negli States, ma le tempistiche non sono ancora chiare, come non è chiaro se un investimento del genere per quanto imponente sarà sufficiente a scongiurare la catastrofe .



avatarsenior
inviato il 10 Maggio 2021 ore 12:56

A mio avviso oggi, tendono a far credere che il venduto sia alto, ma la vera realta', e' ormai quasi tutti lavorano sull'ordinato. Magazzino 0..


Quoto. D'accordo per il discorso semiconduttori ma io ci metterei pure la crisi globale. Oggi vanno tutti ad impresa perfetta o quasi, anche se, qualcuno, tenta di salvarsi la faccia, ma l'è dura. Io, per cambiare le serrature in casa, ho dovuto contattare la fabbrica, il rappresentante della Lombardia, mi rispondono che non ci sono in tutta Italia. Alle fine, me le sono dovute ordinare in Veneto, ce n'erano solo 2 in tutto il paese, una lì e una in Lombardia. E tutto questo, per avere la pronta consegna non potendo, ovviamente, attendere e lasciare casa aperta. Oggi, la pronta consegna, a trovarla, è come trovare l'arca perduta.

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 209000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.






Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me