RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Alla memoria di Alessio Beltrame: smontiamo insieme le bufale in fotografia digitale


  1. Forum
  2. »
  3. Tecnica, Composizione e altri temi
  4. » Alla memoria di Alessio Beltrame: smontiamo insieme le bufale in fotografia digitale





avatarsenior
inviato il 04 Settembre 2019 ore 0:08

seguo

avatarjunior
inviato il 04 Settembre 2019 ore 8:18

Certo Luca, si può benissimo fotografare (e anche molto bene) senza conoscere nulla di teoria, ma se si decide di apprendere, non si può sopperire allo studio con qualche informazione raccattata sui forum: questo era il senso del mio discorso.
;-)
Comunque, chiuso OT.

avatarsenior
inviato il 04 Settembre 2019 ore 8:22

se si decide di apprendere, non si può sopperire allo studio con qualche informazione raccattata sui forum: questo era il senso del mio discorso.

Vero!

avatarjunior
inviato il 04 Settembre 2019 ore 9:00

c'era un suo articolo MOLTO INTERESSANTE sulla teoria dei tempi di esposizione in rapporto ai pixel dei sensori digitali, e non riesco più a trovarlo mannaggia! qualcuno potrebbe aiutarmi? grazie in anticipo! Cool

avatarsenior
inviato il 04 Settembre 2019 ore 9:13

@Flyer Alessio l'aveva in qualche modo disconosciuto quell'articolo, però ricordo anch'io che qualcuno qui aveva fatto in tempo a registrarlo, prima o poi manderà il link;-)

avatarjunior
inviato il 04 Settembre 2019 ore 9:25

Alessio l'aveva in qualche modo disconosciuto quell'articolo


ma và? la cosa mi interessa... ti ricordi perché?

avatarsenior
inviato il 04 Settembre 2019 ore 11:13

@Flyer era una trattazione piuttosto alla buona in 2D, evidentemente non lo soddifaceva al 100%, se no non si spiega perché è diventata quasi subito introvabile (allora colloquiava sotto abfotocalcio).
Già che ci siamo: AB aveva cominciato a fotografare il calcio con la Canon 7D, poi era passato a 7DII. A denti stretti (per via del costo) aveva il mitico zoom Canon 70-200/2.8. Era tanta la sua passione che avrebbe voluto che chiunque con meno di 1000€ fotografasse il calcio. Ma è una pia illusione. Non quanto il BIF, ma le azioni di calcio sono impegnative. Io le seguo a 15-30 fps con la V2, dagli spalti, se vado in campo e mi accuccio non mi alzo più... Il segreto del fotocalcio è entrare in campo. Punto.
Il fatto che usasse Canon ha avuto influenza sul suo atteggiamento verso gli ISO. Si sa che quelle Canon sono poco ISO-Invarianti, ma vediamo se affiora nella discussione, altrimenti è un argomento eccessivamente tecnicoTriste

avatarsenior
inviato il 04 Settembre 2019 ore 11:43

Grazie del link Vale, sempre encomiabile il tuo entusiasmo ad incentivare la conoscenza, stasera mi scarico il libro e ci do un'occhiata, ma so già che sarà indigesto MrGreen

a proposito di falsi miti nel digitale ne ho uno, si è sempre detto fino a pochi anni fa, che una minore densità di pixel equivale ad una migliore tenuta Iso, poi con l'arrivo delle big pixel e la loro alta densità che non era vero, se si riduceva il file la tenuta Iso era uguale se non migliore

bene, io ricordo che DPreview quando provo la Sony a7lll confronto la tenuta Iso con la 7rlll ed il file ridotto da 42 a 24mpx, il risultato fu per me sorprendente perché da 6400 iso la 7lll era migliore e più si saliva con gli iso più migliorava nei confronti della sorella 7rlll

ora considerando che hanno entrambi pari tecnologia e sono della stessa casa, l'unico motivo per cui la big pixel pur con il file ridotto facesse peggio nella tenuta ad alti Iso è che di pixel ne aveva tanti, quindi questa storia che basta ridurre il file per pareggiare il conto non è per niente vera

avatarsenior
inviato il 04 Settembre 2019 ore 11:53

Io metterei il test di ingresso con argomento gli articoli di Beltrame, se non lo si passa non si può rispondere ai topic su Juza. Si risolverebbero tante cose MrGreen

bene, io ricordo che DPreview quando provo la Sony a7lll confronto la tenuta Iso con la 7rlll ed il file ridotto da 42 a 24mpx, il risultato fu per me sorprendente perché da 6400 iso la 7lll era migliore e più si saliva con gli iso più migliorava nei confronti della sorella 7rlll

ora considerando che hanno entrambi pari tecnologia e sono della stessa casa, l'unico motivo per cui la big pixel pur con il file ridotto facesse peggio nella tenuta ad alti Iso è che di pixel ne aveva tanti, quindi questa storia che basta ridurre il file per pareggiare il conto non è per niente vera


La gente passa da un eccesso all'altro, dal demonizzare i mpx a dire che sono sempre meglio in ogni aspetto, quando non è vero.
È verissimo che la dimensione dei pixel conta poco per le performance ad alti ISO (basti vedere fotocamere con pixel identici, tecnologia identica e stessa età ma con sensori di dimensioni diverse, tipo D500/850, D7000/800, 7DII/5Ds che dovrebbero avere le stesse performance invece no dato che conta MOLTO di più la dimensione del sensore), ma è vero anche che comunque più mpx hai più sale il read noise.
A parità di tecnologia ci sarà sempre un vantaggio per le macchine con meno mpx, ma come detto non è il parametro più importante.
Una A7IV ha pixel più piccoli di una GH5s eppure ad alti ISO se la mangia per il sensore grande.

avatarsenior
inviato il 04 Settembre 2019 ore 14:32

@Flare SNR teorico dei due sensel è in rapporto 1.33, cioè il 33% in favore del 24 Mpx, che si apprezza solo nelle ombre più estreme. Ma questo è vero se SNR è deciso solo dallo shot noise della luce. In realtà c'è in ballo anche il read noise e il progettista fa di tutto per implementare gli alti ISO in modo da favorire le bigmpx.
Se poi ridimensioni da 42 Mpx a 24 Mpx, introduci un miglioramento SNR del 33%, che compensa lo svantaggio del 33% precedente.
Ma esiste la conservazione dell'energia che talvolta si chiama botte piena e moglie ubriaca. Moglie e botte sono SNR e risoluzione, sono inversamente proporzionali. Hai un buon SNR ridimensionando ma perdi i dettagli più minuti. Siccome al buio di piccoli dettagli non si va a caccia, vissero tutti felici e contenti, alla faccia della risoluzione peròEeeek!!!

avatarjunior
inviato il 04 Settembre 2019 ore 16:00

Altro aspetto su cui insisteva Alessio: in condizioni di scarsa luce, una volta massimizzata la luce raccolta, agendo su f e t, non ha senso (anzi è una vera e propria cazzx..) sottoesporre per evitare di salire con gli ISO, per poi recuperare in post. Questo vale sempre più quanto meno invariant è il sensore...

avatarjunior
inviato il 04 Settembre 2019 ore 18:25

dai c'è qualcuno che potrebbe segnalarmi un link per quell'articolo? Sorry

avatarsenior
inviato il 04 Settembre 2019 ore 18:57

@Anton mai sottoesporre in digitale, è una specie di dogma. Quando si recuperano 3-4-5 stop nelle ombre appare un rumore mostruoso. Fissato EV corrispondente alla esposizione nominale corretta (che varia da media a valutativa a spot, non è fissa), sottoesporre corrisponde a innalzare EV. Innalzare EV ha come conseguenza abbassare SNR. E ne soffrono di più le ombre, fra l'altro.
La relazione che lega la luminanza della scena (però logaritmica), la sovra/sottoesposizione, l'esposizione e la sensibilità ISO è semplice. La complicazione è che i termini sono logaritmici in base 2: Lv-C = Ev-S
Fissiamo Lv=8 (non molta luce, sole pieno è Lv=15 come da regola del 16). S è la sensibilità ISO espressa dal logaritmo in base 2 del rapporto fra ISO e ISO 100. Per esempio a ISO=400 è log2(400/100)=2. L'esposizione base a ISO 100 è Lv=Ev=8 in questo caso. Ev=8 proviene da diverse coppie f/ e t, scegliamo multipli di 2 per semplificare i calcoli:
Ev=8--->(f/1.4, 1/128s), (f/5.6, 1/8s), (f/11, 1/2s) e così via. Tutte queste coppie fanno arrivare la stessa luce al sensore. Quindi produrranno lo stesso SNR (a determinate condizioni).
Sottoesponendo di 2 (due) stop: Lv-C=8-(-2)=10.
A ISO 100 S=0, per cui Ev=10.
Ev=10--->(f/1.4, 1/512s), (f/5.6, 32s), (f/11, 1/8s)...Si vede che le coppie corrispondenti a Ev=10 fanno passare meno luce di quelle a Ev=8.
Questa è la spiegazione del perché non si dovrebbe mai sottoesporre in digitale.

avatarsenior
inviato il 04 Settembre 2019 ore 19:06

@Flyer se c'è uno che può averlo è Kinelot, guarda qua: www.juzaphoto.com/topic2.php?l=it&t=1925738 bisognerebbe arrivare a chi cura abfotocalcio, adesso che non c'è più Alessio.

avatarsenior
inviato il 04 Settembre 2019 ore 21:11

Eccomi qua!

Non so se posso pubblicarlo o mandarlo privatamente. In caso basta che mi dai un indirizzo email via mp.

Spero non si violi nessun copyright...

18 Febbraio 2020

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)



Questa discussione ha raggiunto il limite di 15 pagine: non è possibile inviare nuove risposte.

La discussione NON deve essere riaperta A MENO CHE non ci sia ancora modo di discutere STRETTAMENTE sul tema originale.

Lo scopo della chiusura automatica è rendere il forum più leggibile, sopratutto ai nuovi utenti, evitando i "topic serpentone": un topic oltre le 15 pagine risulta spesso caotico e le informazioni utili vengono "diluite" dal grande numero di messaggi.In ogni caso, i topic non devono diventare un "forum nel forum": se avete un messaggio che non è strettamente legato col tema della discussione, aprite una nuova discussione!





 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me