Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni). Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie.

OK, ho capito

Leica monochrome, è differente?


Forum » Fotocamere, Accessori e Fotoritocco » Leica monochrome, è differente?




avatarjunior
inviato il 19 Febbraio 2017 ore 22:08

" La Monochrom sforna un ottimo BN, ne ho visti parecchi di file anche se non ho mai provato fisicamente la macchina.
Come definizione dei toni grigi è un buon equilibrio, ma ottenibile con praticamente ogni sensore.
"


Lo sostengo da tempo (in questa e in altre discussioni).
Mi fa piacere avere anche questa conferma da persona che ritengo assai affidabile, qualificata ed esperta.

avatarjunior
inviato il 19 Febbraio 2017 ore 22:09

Mi spiace constatare che la discussione sia degenerata in tal modo, oltretutto andando completamente al di là del senso della mia domanda iniziale.
Sono tutte informazioni molto interessanti, ma il tema di questo thread non è se analogico sia meglio di digitale o se Leica sia meglio o peggio di altri brand o qualsiasi altra cosa sia stata discussa.
Semplicemente volevo sapere se il bianco e nero che esce dalla MM contenga informazioni di lettura di luci e ombre e scala di grigio che diversamente, con la normale conversione da colore a bn non si noterebbero.

Detto questo, sabato ho avuto modo di provare la Leica M10 ed ho capito che al di là del bn, il fascino di Leica stia nel suo utilizzo, ha un che di poetico il suo obbligarti a pensare, con tutti i vantaggi e svantaggi del caso.
Probabilmente, scattare con la monochrom ha a sua volta un che di poetico che va ben al di là delle informazioni contenute nel file e questo, come per ogni cosa, può piacere o meno.
A me piace MrGreen

avatarjunior
inviato il 19 Febbraio 2017 ore 22:20

Provo a riassumere:
Che Leica abbia un suo fascino credo sia innegabile e innegato.
Che Leica sforni immagini migliori di altre digicamere é sostenuto da una parte e negato dall'altra.
Che Leica MM dia informazioni che un altro sensore (convertendo o meno) non riesca a dare credo sia indimostrato ma c'é comunque una "fazione" che vede tale differenza.

Purtroppo, quando si parla di Leica, si finisce sempre a parlare di gradevoli sensazioni percepite nel suo utilizzo.
Per formazione e per carattere tendo invece a dividere il lato soggettivo da quello oggettivo e, usando la digicamera per fare foto, tendo a valutare quanto prodotto (in questo caso la foto).
La valutazione più completa credo vada fatta osservando una stampa di dimensioni adeguate (adeguate, non esagerate MrGreen).

PS che Leica ti "obblighi a pensare" mi appare singolare. Usa una qualsiasi digicamera mettendo la MAF su "manuale" e settando l'esposizione su "M" e sarai nelle medesime condizioni.

avatarsenior
inviato il 19 Febbraio 2017 ore 22:24

" Che Leica sforni immagini migliori di altre digicamere é sostenuto da una parte e negato dall'altra."

Per precisazione, io questa cosa non l'ho mai detta.

avatarjunior
inviato il 19 Febbraio 2017 ore 22:24

Hai perfettamente ragione Maurizio, devo però ammettere che il modo di utilizzo Leica mi ha fatto innamorare e appena possibile, prenderò la M10.
Ho avuto modo di scaricare alcuni dng dal web, cosa che significa tutto e niente, lo so bene, ma giusto per capire come siano e mi sono piaciuti moltissimo.

avatarjunior
inviato il 19 Febbraio 2017 ore 22:35

" Hai perfettamente ragione Maurizio, devo però ammettere che il modo di utilizzo Leica mi ha fatto innamorare e appena possibile, prenderò la M10. "

Fai benissimo. All'amore non si comanda.
Anch'io sono stato innamorato di Leica e ti capisco.

avatarsenior
inviato il 19 Febbraio 2017 ore 22:50

Leica è un brand per pochi, lo era già ai tempi della pellicola, chi compra Leica è spesso un facoltoso alla ricerca di uno stile fotografico essenziale, senza fronzoli e il fascino di queste camere è proprio questo! Un oggetto minimal anche nel design in grado di appagare appieno il suo utilizzatore.
La Leica MM è una macchina che ha davvero poco senso, ma... fra gli amatori la fotografia non ha mai incontrato la logica bensì il puro piacere di possedere un oggetto, perché ci piace, perché ci appaga e non per le prestazioni, e il Leicista D.O.C non seguirà mai una logica ma sarà sempre attratto dal fascino incommensurabile della unicità di un oggetto Leica, è così... e non venitemi a dire che non è vero;-)

avatarsenior
inviato il 19 Febbraio 2017 ore 23:03

Finché si continuerà a pensare che esista una scala assoluta per misurare la bontà di una fotocamera, invece che una scala che misura la bontà dell'accoppiata fotografo/fotocamera, ci saranno discussioni del genere, con interventi del livello di quelli letti qui dentro.
Fatta esclusione per un paio di osservazioni di Raamiel, che ci ha messo dell'esperienza e della conoscenza propria in quello che sostiene, questa discussione avrebbe dovuto chiudersi almeno 5 pagine fa.

Buonanotte

avatarsenior
inviato il 19 Febbraio 2017 ore 23:12

Aggiungerei alto livello .... Cool

avatarjunior
inviato il 19 Febbraio 2017 ore 23:22

@And29. Si hai parecchia ragione. Vorrei/potrei completare con la mia personalissima visione: penso di potermi definire "Leicista DOC " fin dai primi anni '80 ma, come ho gia' scritto, l'ultima vera Leica e' stata la M 6. Tutto cio' che e' arrivato dopo e' stato solo "apecchietto per le allodole", massimamente dall'arrivo del digitale. Si e' mantenuto il "piacere tattile", il gusto elitario del possesso di un oggetto piu' o meno esclusivo, ma poi tutto e' finito li'! "Allora", in aggiunta, c'era una macchina silenziosissima (l'unica ammessa nei tribunali e nei teatri ), una macchina che regalava due stops nei tempi di posa grazie all'assenza dello sbattacchiamento dello specchio, un telemetro che in situazioni di scarsa luce garantiva una precisione di m/f sconosciuta alle reflex coeve, una qualita' ottica mediamente (molto.?) superiore alla concorrenza nipponica e, per finire, un'assenza di obsolescenza comune soltanto a Rollei ed Hasselblad. Chi comprava una Leica, comprava una "macchina per la vita", come -correttamente- recitava la loro pubblicita'. Quando comprai la M 6, usata mint conditions, la pagai quanto una M 3 , vecchia di 20 anni nelle stesse condizioni. Idem la M 4. L'M 5 invece mi costo' di piu', perche' piu' rara... Capisco che chi non ha vissuto quelle realta' puo' benissimo accontentarsi di cio' che, oggi, "passa il convento", ma io proprio non ci riesco! Ciao. G.

avatarsenior
inviato il 19 Febbraio 2017 ore 23:24

Un professionista, difficilmente acquista per lavorarci un corpo Leica M e il perché rimane scontato.
Un amatore invece ha piacere e libertà per fotografare col mezzo che più lo appaga e Leica proprio per il suo fascino irresistibile attira amatori facoltosi come una calamita! Potendosi permettere di sfornare fotocamere assolutamente prive di ogni automatismo (ce n'è una di digitale Leica che non ha nemmeno il display posteriore) perché è questo che si ricerca in un corpo Leica M, l'essenzialità in tutto e per tutto! Io, mi sono fermato alla superlativa Leica M6 che utilizzavo esclusivamente con un 35mm (comprata usata con non pochi sacrifici) quello che vedo fare oggi da Leica nel mondo digitale mi fa sorridere e al tempo stesso ammirare chi lavora dietro alle strategie di marketing per suggestionare amatori facoltosi che, col portafogli gonfio come un cuscino, sono disposti a spendere cifre folli per acquistare oggetti unici come la MM che di unico ha il suo più grande limite ovvero quello di limitare il fotografo alla sola fotografia monocromatica.

avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2017 ore 2:16

" " La Monochrom sforna un ottimo BN, ne ho visti parecchi di file anche se non ho mai provato fisicamente la macchina.
Come definizione dei toni grigi è un buon equilibrio, ma ottenibile con praticamente ogni sensore.
"
.
.
.

Lo sostengo da tempo (in questa e in altre discussioni).
Mi fa piacere avere anche questa conferma da persona che ritengo assai affidabile, qualificata ed esperta.
"


Maurizio hai quotato solo una parte dell' intervento di Raamiel che riporto per intero:
" La Monochrom sforna un ottimo BN, ne ho visti parecchi di file anche se non ho mai provato fisicamente la macchina.
Come definizione dei toni grigi è un buon equilibrio, ma ottenibile con praticamente ogni sensore.

La Monochrom ha un filtro colore, solo che non è a matrice. Il risultato è una ricetta fissa per il BN, ottima, ma fissa, a meno di non impiegare filtri colore in fase di ripresa.

L'unico vero vantaggio è il non dover passare dalla demosaicizzazione; su dettagli fini può fare la differenza.
"


www.stevehuffphoto.com/2012/11/02/the-leica-monochrom-review-part-3-my
scaricati le foto del tavolo e panca di legno...e osserva i dettagli della sua trama

oppure da qui, basta che fai un click sopra l' immagine per ingrandirla, osserva la gamba della panca
www.stevehuffphoto.com/wp-content/uploads/2012/11/L9811236.jpg
www.stevehuffphoto.com/wp-content/uploads/2012/11/L9811044.jpg
.
.
.

invito tutti a leggere questo thread:
www.juzaphoto.com/topic2.php?l=it&t=959568





avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2017 ore 11:48

" Finché si continuerà a pensare che esista una scala assoluta per misurare la bontà di una fotocamera, invece che una scala che misura la bontà dell'accoppiata fotografo/fotocamera,"

Quoto in toto, purtroppo il passatempo di molti è recensire piuttosto che fotografare Sorriso

avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2017 ore 12:47

" Maurizio hai quotato solo una parte dell' intervento di Raamiel che riporto per intero:
" La Monochrom sforna un ottimo BN, ne ho visti parecchi di file anche se non ho mai provato fisicamente la macchina.
Come definizione dei toni grigi è un buon equilibrio, ma ottenibile con praticamente ogni sensore.

La Monochrom ha un filtro colore, solo che non è a matrice. Il risultato è una ricetta fissa per il BN, ottima, ma fissa, a meno di non impiegare filtri colore in fase di ripresa.

L'unico vero vantaggio è il non dover passare dalla demosaicizzazione; su dettagli fini può fare la differenza. "
"


E' vero. Ma non mi pare dica cose diverse nella parte non quotata.

Nel thread che hai invitato a leggere trovo poi una conferma inequivocabile. Infatti, nel suo secondo intervento, l'ottimo Ramiel asserisce:
" Non ho detto mai che il sensore monocromatico è puro marketing.
Ma è marketing far credere alla gente che il risultato sia inarrivabile per sensori Bayer.
"


Tralascio la parte centrale che é comunque significativa e che consiglio di leggere e riporto una frase finale:

" La mia convinzione è che con l'attuale tecnologia, nel bene o nel male, si possa arrivare ad ottenere un BN di pari livello di quello di un sensore monocromatico, partendo da un sensore Bayer.
Ovviamente il tutto dipende dalla bravura a fare la giusta conversione; e questa è tecnica. Anche se a certi soggetti ciò non piace
"


Ed é esattamente quello che penso.
Poi si tratta sempre di opinioni anche se quella di Ramiel é sicuramente più qualificata della mia.


Venendo all'affermazione di Pierfranco:

" Finché si continuerà a pensare che esista una scala assoluta per misurare la bontà di una fotocamera, invece che una scala che misura la bontà dell'accoppiata fotografo/fotocamera, ci saranno discussioni del genere, con interventi del livello di quelli letti qui dentro. "

La stessa mi trova parzialmente in accordo perché ritengo sia indubbio che esista una scala assoluta per misurare il mezzo tecnico (una Porsche é tecnicamente meglio di una panda) ma poi se sulla panda ci mettiamo Rosberg e sulla Porsche guido io é facile che la panda prevalga.

Ma il giudizio sul risultato (dipendente dall'accoppiata mezzo/pilota) é comunque altra cosa e non esclude il giudizio sul mezzo tecnico.

avatarjunior
inviato il 21 Febbraio 2017 ore 3:02

" E' vero. Ma non mi pare dica cose diverse nella parte non quotata. "
a me invece pare che la parte che avevi tralasciato è abbastanza significativa...

" Nel thread che hai invitato a leggere trovo poi una conferma inequivocabile. Infatti, nel suo secondo intervento, l'ottimo Ramiel asserisce: "
condivido anch' io quello che ha scritto Raamiel sia le parti che hai citato ma anche altre che riporto per par condicio:

" In ultima analisi direi che questi sensori sono sicuramente molto interessanti e validi, ma rimangono delle zone d'ombra.
I vantaggi che apportano non sono a costo zero. Se si è disposti a sopportare la perdita delle informazioni sul colore per avere i vantaggi sopra esposti allora macchine come la Monochrom saranno in grado di dare molte soddisfazioni.
Ma solo se si stampa, e si stampa veramente bene. Altrimenti tutti questi vantaggi "andranno perduti nel tempo
come lacrime nella pioggia".
"


" Poi certo in condizioni di luce sbilanciata fortemente il Bayer soffre; ma anche il Monochrom soffre se lo spettro della luce si sposta verso il rosso; meno di un Bayer, ma non è vero che lavora sempre al meglio.
Al solito le cose vanno viste nel dettaglio, altrimenti siamo superficiali.
"



infine concludo con l' affermazione di Pierfranco che condivido pienamente:
" Finché si continuerà a pensare che esista una scala assoluta per misurare la bontà di una fotocamera, invece che una scala che misura la bontà dell'accoppiata fotografo/fotocamera"

hanno aperto la parte2 della discussione:
www.juzaphoto.com/topic2.php?l=it&t=2221486





Questa discussione ha raggiunto il limite di 15 pagine: non è possibile inviare nuove risposte.

La discussione NON deve essere riaperta A MENO CHE non ci sia ancora modo di discutere STRETTAMENTE sul tema originale.

Lo scopo della chiusura automatica è rendere il forum più leggibile, sopratutto ai nuovi utenti, evitando i "topic serpentone": un topic oltre le 15 pagine risulta spesso caotico e le informazioni utili vengono "diluite" dal grande numero di messaggi.In ogni caso, i topic non devono diventare un "forum nel forum": se avete un messaggio che non è strettamente legato col tema della discussione, aprite una nuova discussione!





 ^

www.JuzaPhoto.com - Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me