RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy e preso visione delle opzioni per la gestione dei cookie.

OK, confermo


Puoi gestire in qualsiasi momento le tue preferenze cookie dalla pagina Preferenze Cookie, raggiugibile da qualsiasi pagina del sito tramite il link a fondo pagina, o direttamente tramite da qui:

Accetta CookiePersonalizzaRifiuta Cookie

le menate della nitidezza


  1. Forum
  2. »
  3. Obiettivi
  4. » le menate della nitidezza





avatarsenior
inviato il 25 Settembre 2022 ore 11:48

Leone: condivido quello che dici sulla qualità delle ottiche.

avatarsenior
inviato il 25 Settembre 2022 ore 12:04

Il problema, IN GENERALE (NON mi riferisco all'amico Leone G. qui sopra!) è che, secondo me, questa Società si informa all'assioma del "più ce n'è, meglio è!"! Io vengo da un'altra formazione che, sempre personalmente, preferisco (si chiama "equilibrio"!)! Poi ... faber est suae quisque fortunae (il compianto Prof. G.P. Bolognesi, più prosaicamente, affermava: "Ognuno è libero di impiccarsi all'albero che preferisce!"!;-))! GL

avatarjunior
inviato il 25 Settembre 2022 ore 12:35

La realtà però non si vede a 800mm, quindi difficile dire che le foto fatte col super tele siano corrispondenti a quello che vedo (al massimo a quello che vede l'800mm suddetto).

Spesso la nitidezza che viene esplicitata nelle foto supera di gran lunga la realtà (in naturalistica, nel 90% dei casi). E parlo con cognizione di causa (ho partecipato ad una sessione di inanellamento ISPRA e in MANO non c'è fringuello che abbia le penne affilate come nelle foto qua su Juza). Giusto per riferirmi a casi che conosco.

avatarsenior
inviato il 25 Settembre 2022 ore 12:52

Giovanni, è vero in generale, ma dipende dal genere (e anche dai gusti, dalla vista, etc.)

avatarsenior
inviato il 25 Settembre 2022 ore 19:17

Bisognerebbe parlare di nitidezza e acutanza che sono due cose diverse.

avatarsenior
inviato il 25 Settembre 2022 ore 19:37

Non proprio Bergat, nel senso che non sei stato sufficientemente chiaro: la Nitidezza è il risultato della somma fra Risolvenza e Acutanza ;-)

In altre parole i due parametri che concorrono alla Nitidezza sono appunto la Risolvenza e l'Acutanza, che sono due cose fra loro ben diferse pur se fin troppo spesso usate come sinonimi.

avatarsenior
inviato il 25 Settembre 2022 ore 20:04

Il mio pensiero lo direi vicino a quanto dice Giovanni Leoni. Sono per un garbato equilibrio.

Anche io diverse volte in un primo momento sono colpito e affascinato da foto “dopate”, ricchissime di nitidezza, dettaglio, saturazione ecc ecc…. Però poi quasi sempre mi stancano subito, le riguardo e le apprezzo meno. Mentre apprezzo sempre più le immagini più equilibrate, “garbate”, che danno altro(contenuti, armonia compositiva, gusto) rispetto allo spingere a fondo sul “pedale l'acceleratore” della nitidezza.
Sto rivalutando sensori meno densi e ottiche d'annata e non tra le più nitide ma che hanno una bella resa complessiva.
L'assioma non mi sembra valido, in certi ambiti, come anche la fotografia, che “più c'è n'è e meglio è”.


E non mi interessa fare pixelpeeping, può essere divertente ma ha poco a che fare con la fotografia come la intendo io(mi interessa poco vedere un ingrandimento del naso della Gioconda, preferisco vedere il quadro nel suo complesso).
Poi certo ora sto generalizzando, ci sono tanti generi fotografici, in alcuni certe mie considerazioni valgono di più e in altri meno.

avatarsenior
inviato il 25 Settembre 2022 ore 21:14

Certo Paolo nitidezza è risolvenza + acutanza + contrasto e sono d'accordo con quanto espresso da Maiello

Ciò che maggiormente influenza il nostro occhio nel valutare un'immagine è in parte la presenza di dettagli molto fini e vicini tra loro (risolvenza), in parte la rapidità con cui avviene la variazione di densità tra un elemento e l'altro dell'immagine (nitidezza dei bordi, ovvero acutanza), in parte il grado di differenza di questa densità nelle zone di acutanza simile (cioè il contrasto).

avatarsenior
inviato il 26 Settembre 2022 ore 7:11

Perfettamente.
Dirò di più: l'Acutanza è anche più immediata, come percezione, rispetto alla Risolvenza, non per nulla è chiamata anche "nitidezza apparente", ma alla lunga è il giusto mix fra le due componenti quello che fa la differenza.

avatarsenior
inviato il 26 Settembre 2022 ore 9:58

Dirò di più: l'Acutanza è anche più immediata, come percezione, rispetto alla Risolvenza, non per nulla è chiamata anche "nitidezza apparente", ma alla lunga è il giusto mix fra le due componenti quello che fa la differenza.


Secondo me acutanza e risolvenza non sono aspetti distinti.

Se l'acutanza è la capacità di un obiettivo di rendere la separazione fra due luminosità (e/o colori) diverse in modo molto netto, per ottenere ciò ci vuole un obiettivo sia risolvente che con buon microcontrasto.

Infatti un obiettivo poco risolvente lo è perchè rende le separazioni fra linee nere e bianche così poco nette che le linee non vengono distinte (risolte).
Un obiettivo con poco microcontrasto renderebbe lo stacco meno netto perchè in corrispondenza della transizione ci sarebbe un calo di contrasto locale.


avatarsenior
inviato il 26 Settembre 2022 ore 10:42

Microcontrasto e Acutanza sono.la stessa cosa Rolubich.

Un obiettivo capace di distinguere 80 coppie di linee/mm ha una Risoluzione maggiore rispetto a quella fornita da un obiettivo che ne distingue solo 50.

Al contrario un obiettivo che distingue in MODO molto più NETTO 50 lp/mm rispetto a come l'altro obiettivo distingue le sue 80 lp/mm, ha una maggiore Acutanza.

E non è da escludere che l'"Impressione di Nitidezza" assicurata dall'obiettivo con maggiore Acutanza sia anche maggiore rispetto a quella fornita dall'obiettivo più risolvente.

Ovvio a questo punto che un terzo obiettivo che assicurasse, per esempio, una Risoluzione di 65 lp/mm con una Acutanza di poco inferiore a quella offerta da quello da 50 lp/mm sarebbe di gran lunga il migliore dei tre.

avatarsenior
inviato il 26 Settembre 2022 ore 14:18

Al contrario un obiettivo che distingue in MODO molto più NETTO 50 lp/mm rispetto a come l'altro obiettivo distingue le sue 80 lp/mm, ha una maggiore Acutanza.


Ma se il supporto ha una risoluzione di 100lp/mm, ed a quella risoluzione il contrasto dell'obiettivo cala a livelli molto bassi (sotto il 10/20% che il limite di visibilità), vuol dire che la linea di separazione fra due zone a luminosità diversa non potrà risultare perfettamente definita, facendo calare l'acutanza.

Per quello che secondo me l'acutanza è la combinazione dei due aspetti, anche se il microcontrasto conta probabilmente di più. Però quest'ultimo può essere leggermente aumentato in PP, la risolvenza no.

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 224000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.






Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me