RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy e preso visione delle opzioni per la gestione dei cookie.

OK, confermo


Puoi gestire in qualsiasi momento le tue preferenze cookie dalla pagina Preferenze Cookie, raggiugibile da qualsiasi pagina del sito tramite il link a fondo pagina, o direttamente tramite da qui:

Accetta CookiePersonalizzaRifiuta Cookie

Sony presenta una tecnologia anti-contraffazione


  1. Forum
  2. »
  3. Fotocamere, Accessori e Fotoritocco
  4. » Sony presenta una tecnologia anti-contraffazione





avataradmin
inviato il 04 Agosto 2022 ore 16:12

Sony ha presentato una tecnologia anti-contraffazione che permetterà di capire se un RAW è stato manipolato: "Attivando l'apposita modalità già integrata nella fotocamera, il processore aggiunge una firma crittografata non appena scatta l'otturatore. In caso di modifica, manomissione o interventi impropri, la firma scomparirà e il server di certificazione del cliente, esaminando la foto, rileverà all'istante l'avvenuta manipolazione."

Sarà disponibile su Sony A7 IV, e in futuro anche su altri modelli, però non è destinata al grande pubblico ma sarà solo per "utenti business, alle aziende e alle organizzazioni di diversi settori.".

Potete trovare i dettagli nel comunicato stampa:





Sony ha annunciato oggi l'introduzione di una speciale tecnologia che impedisce la contraffazione delle immagini nelle fotocamere destinate agli utenti business, alle aziende e alle organizzazioni di diversi settori. Grazie all'apposizione di una firma digitale al momento dello scatto, questa soluzione consente di rilevare eventuali modifiche apportate alle foto, impedendone l'uso fraudolento.

Data la progressiva diffusione delle pratiche di editing non autorizzate e dell'uso illecito dei dati delle foto digitali, Sony ha deciso di sviluppare una tecnologia basata sulla crittografia standard, che permetterà agli utenti professionali di proteggere le immagini da potenziali contraffazioni.

Attivando l'apposita modalità già integrata nella fotocamera, il processore aggiunge una firma crittografata non appena scatta l'otturatore. In caso di modifica, manomissione o interventi impropri, la firma scomparirà e il server di certificazione del cliente, esaminando la foto, rileverà all'istante l'avvenuta manipolazione.

Disponibile con la fotocamera Alpha 7 IV, con la possibilità di espansione ad altri modelli in un prossimo futuro, la nuova funzione accelera i tempi che intercorrono tra l'invio e la verifica dell'immagine, oltre ad aggiungere un ulteriore livello di sicurezza.

Tra l'altro, la fotocamera Alpha 7 IV combina un sensore full-frame retroilluminato CMOS Exmor R™ da 33,0 megapixel a un processore BIONZ XR™ per offrire un'elaborazione ultra-rapida e una risoluzione straordinaria.

La nuova modalità di firma anti-contraffazione permette di creare e trasmettere in tutta sicurezza immagini protette da un sistema crittografico, in risposta all'esigenza sempre più diffusa, in diverse applicazioni di vari settori, di certificare che i file non siano stati alterati o che siano sicuri.

Applicata in modo particolare alla verifica dei passaporti e dei documenti d'identità, questa soluzione è utile anche a media, professionisti sanitari e forze dell'ordine per impedire la manomissione delle immagini. Nel settore edile e assicurativo, inoltre, è un valido ausilio per l'ispezione e la registrazione dei danni.

Yasuo Baba, Director of Digital Imaging and European Product Marketing di Sony, ha commentato: “Una delle missioni di Sony è consolidare le soluzioni aziendali con tecnologie d'immagine all'avanguardia, e l'integrazione di un sistema di firma digitale nelle fotocamere è destinata a rivoluzionare la lotta alla manipolazione e alla contraffazione delle immagini in diversi campi. Sebbene vada adeguata alle esigenze dei singoli settori, questa tecnologia di firma digitale è multilingua e si può impiegare a livello internazionale, così da permettere alle organizzazioni di tutto il mondo di semplificare l'apposizione obbligatoria delle firme sulle immagini attraverso la tecnologia di Sony”.

Attualmente disponibile su Alpha 7 IV e soggetta a licenza per poter abilitare la firma digitale di Sony, questa funzione sarà a disposizione degli utenti business, con prospettiva di allargamento a ulteriori modelli nel prossimo futuro. Al tempo stesso, Sony continuerà a studiare come sfruttare le proprie tecnologie di imaging ai vertici del settore per migliorare la sicurezza in diversi comparti industriali, con l'obiettivo di estendere la gamma di fotocamere supportate.

avatarjunior
inviato il 04 Agosto 2022 ore 16:22

non mi è chiaro cosa si intende per "modifica, manomissione o interventi impropri". Sony decide cosa può o meno fare sui raw l'autore?

Niente, ho letto poi la destinazione d'uso.

avatarsenior
inviato il 04 Agosto 2022 ore 16:22

In realtà non è così facile contraffare un RAW, occorrerebbe fare un reverse della demosaicizzazione, peraltro credo che l'unico utilizzo nella pratica sia la prova di autenticità nei concorsi fotografici. Normalmente non viene utilizzato il RAW come output finale.

avatarsenior
inviato il 04 Agosto 2022 ore 16:25

non mi è chiaro cosa si intende per "modifica, manomissione o interventi impropri". Sony decide cosa può o meno fare sui raw l'autore?


Normalmente di un RAW sono editabili solo i dati exif, l'output grezzo del sensore no, per questo vengono utilizzati come prova di autenticità di una immagine post prodotta. Penso che introduca una sorta di MD5 crittografato di tali dati, se qualcuno cerca di manometterli è possibile rilevarlo.

avatarjunior
inviato il 04 Agosto 2022 ore 16:28

Normalmente di un RAW sono editabili solo i dati exif, l'output grezzo del sensore no, per questo vengono utilizzati come prova di autenticità di una immagine post prodotta. Penso che introduca una sorta di MD5 crittografato di tali dati, se qualcuno cerca di manometterli è possibile rilevarlo.
a che scopo contraffare i dati exif? o.O

avatarsenior
inviato il 04 Agosto 2022 ore 16:29

Per me grande trovata... Brava Sony!

avatarsenior
inviato il 04 Agosto 2022 ore 16:35

a che scopo contraffare i dati exif? o.O


Ma infatti ho scritto che sono editabili, per questo non ha nemmeno senso parlare di contraffazione. Un esempio potrebbe essere, ed a me capita a volte, cambiare l'orario di scatto perchè ti sei dimenticato di aggiornare il fuso all'inizio della vacanza, oppure aggiornare la stringa di copyright o inserire un commento.

avatarsenior
inviato il 04 Agosto 2022 ore 16:38

Molto interessante
mi ricorda il libro di Crichton "sol levante" dove appunto si diceva che già da molti anni le prove video e foto nei processi non venivano considerate in quanto troppo facilmente manipolabili

tutto il libro poi si centrava proprio sulle tecnologie digitali di manipolazione video

quindi ora le foto potrebbero avere un valore legale. sarebbe una svolta

avatarsenior
inviato il 04 Agosto 2022 ore 16:45

Eeeek!!! potenzialmente è molto interessante, resta da vedere se, ed eventualmente quanto, questa tecnologia sia effettivamente in grado di mantenere quanto promette Confuso

avatarsenior
inviato il 04 Agosto 2022 ore 16:55

quindi ora le foto potrebbero avere un valore legale. sarebbe una svolta


mmmm no perchè nella stragrande maggioranza dei casi le foto che vengono utilizzate come prove non hanno il raw associato. Pensa a cellulari, telecamere di sicurezza, etc.

avatarsenior
inviato il 04 Agosto 2022 ore 16:56

Le foto sono già usate come prova...

avatarsenior
inviato il 04 Agosto 2022 ore 17:17

Anche canon vende l'opzione per la firma elettronica delle foto.
Basta che la fotocamera firmi il file con la sua chiave privata e pubblichi la chiave pubblica su di un server.
Chiunque può verificare con la chiave pubblica l'autenticità e integrità della foto.
È molto importante per le attività forensi. C'è un mercato per questo tipo di prodotti.

avatarsenior
inviato il 04 Agosto 2022 ore 18:03

Anche canon vende l'opzione per la firma elettronica delle foto.
Basta che la fotocamera firmi il file con la sua chiave privata e pubblichi la chiave pubblica su di un server.
Chiunque può verificare con la chiave pubblica l'autenticità e integrità della foto.
È molto importante per le attività forensi. C'è un mercato per questo tipo di prodotti.


Ma non nel RAW, perchè chi pubblica i dati grezzi?

avatarsenior
inviato il 04 Agosto 2022 ore 18:57

Non si tratta di pubblicare, ma di fornire in tribunale foto autenticabili/autenticate.

avatarsenior
inviato il 04 Agosto 2022 ore 19:41

Anni fa Canon distribuiva a pagamento un software che certificava l'integrità originale del Raw, non so se lo faccia ancora!

Edit: Scusa Pie, non avevo letto i tuoi post.

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 224000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.






Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me