RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy e preso visione delle opzioni per la gestione dei cookie.

OK, confermo


Puoi gestire in qualsiasi momento le tue preferenze cookie dalla pagina Preferenze Cookie, raggiugibile da qualsiasi pagina del sito tramite il link a fondo pagina, o direttamente tramite da qui:

Accetta CookiePersonalizzaRifiuta Cookie

Da dove scatto questa foto? Sito o app


  1. Forum
  2. »
  3. Tecnica, Composizione e altri temi
  4. » Da dove scatto questa foto? Sito o app





user214553
avatar
inviato il 11 Luglio 2022 ore 21:52

Rispetto la tua opinione leopizzo, ma sai quante composizioni che funzionano giacciono in stato latente in ogni luogo iconico? Ogni anno se ne scoprono di nuove, e non sono di seconda scelta! Ad essere di seconda scelta sono i presunti fotografi che - al di là dell'utilità didattica - si accontentano di fare la foto degli altri, spesso con risultati mediocri per non dire insufficienti.

avatarsenior
inviato il 12 Luglio 2022 ore 9:50

Certo che se ne scoprono sempre di nuove, ci mancherebbe!

Facciamo un esempio concreto: vai alle tre cime, e le vuoi fotografare.
Supponiamo che tu ti sia premurato per tempo e riesci a dormire su, quindi non hai problemi di su e giù (al Locatelli oppure all'Auronzo, al Lavaredo o hai il camper, o dormi all'addiaccio dentro i tunnel o le grotte della prima guerra mondiale, per essere ecumenico e abbracciare le possibilità).
È la prima volta, ti sei guardato centinaia di foto, hai visto ogni angolazione possibile, hai fatto scouting virtuale, hai visto tutti i video che parlano di scattare su.
Praticamente dovresti conoscere già tutto, sapere quali inquadrature funzionano, quali no in funzione dell'ora, delle condizioni meteorologiche, della luce.

Arrivi su per tempo, diciamo che sei in zona alle 10 del mattino, come si addice a chi va in montagna (se parti da casa lo stesso giorno arriverai tipo alle 3 del pomeriggio, ma cambia poco), hai il tempo per assorbire la posizione, capire che inquadrature evitare, dove eventualmente metterti.
Ecco, qui sta il problema.
I posti dove metterti sono limitati, diciamo una decina.
E non perché sei pigro, hai fatto male scouting, etc…, solo che la conformazione del terreno è quella è, se non scali, non c'è ne sono altri.
Hai voglia a cercare una posizione differente.
Puoi stare più basso, più alto, un po' più a destra, includere una roccia o un fiore, se c'è.
Puoi infilarti su per un sentiero, ma alla fine l'inquadratura ti verrà sempre una cartolina.

Rivendico il diritto per tutti di fare le proprie cartoline.
La prima volta che ci vai, sicuramente.
La seconda volta, trovi una posizione leggermente differente.
La terza, magari, riesci a non portare a casa solo cartoline.

Che inquadratura scegliere per non cadere nella cartolina è questione di esperienza, di tentativi, di tempo., di luce.
Tutte cose che mancano un po' a tutti, direi.

Non sempre hai tempo (e/o denaro) per fermarti una settimana in un posto, sempre e solo quello, per fotografare, rischiando di non ottenere niente di buono.
Non sempre hai l'esperienza di esserci già stato più volte, lasciando decantare nel tempo gli errori della volta precedente.
Non sempre becchi una luce decente: per una foto che volevo fare ci ho messo 3 anni, 5 volte in tutto.
Anche il tempo ti frena parecchio: per fare una stellata decente c'è ne ho messi 4 di anni.

avatarsenior
inviato il 12 Luglio 2022 ore 12:06

Quotone per Gianluca e Leopizzo.
La maggior parte degli utenti che si dedicano al paesaggio sono anche amanti di viaggi, escursioni, di vedere determinati luoghi sognati. A tutto questo però si contrappone il denaro e soprattutto il tempo, per cui penso che molti di noi facciano scouting da casa dei luoghi che andranno a vedere in modo da essere più pronti una volta sul campo.

avatarsenior
inviato il 12 Luglio 2022 ore 12:38

ogni volta il solito discorso; ma uno sarà libero di fare le foto che vuole? se dovessimo evitare di fotografare cose già viste allora potremmo anche buttare tutte le fotocamere, quello che stiamo fotografando qualcun altro lo avrà già fatto, con la stessa inquadratura, anche solo con il telefono.
ci son posti dove le inquadrature sono obbligatorie perchè non ci sono fisicamente altri spot (mi vengono in mente i paesi delle 5 terre, avoja a girare, la strada e la visuale quelle sono, o molti paesaggi dolomitici o anche molti altri paesaggi urbani)

eppure, per uno stesso spost spesso si vedono dei capolavori, tutti belli e tutti diversi nonostante tutto.
fotografate quello che volete quante volte volete, i problemi sono solo di critica

avatarsenior
inviato il 12 Luglio 2022 ore 12:49

detto questo, al di la del discorso "fare una composizione già vista o meno" io mi affido a suncalc per capire che direzione avrà la luce, e google earth x capire dove mettermi e trovare un inquadratura soddisfacente senza perdere tempo li x li a cercare uno spot buono... google permette anche di capire dove sarà il sole (anche se ho notato che non è molto preciso, per quello uso suncalc) poi certo gli imprevisti ci sono sempre. ovviamente per posti che visito per la prima volta, su posti "conosciuti" vado diretto

user207929
avatar
inviato il 12 Luglio 2022 ore 13:30

Io preferisco fotografare senza troppi calcoli esoterici, quindi niente app o siti. Mi toglierebbero metà del gusto. Mi piace andare un po' all'avventura e non mi interessa sapere se a quell'ora/minuto/secondo la luce sarà da cartolina. Una volta deciso sito e soggetto diciamo che l'esperienza, non necessariamente solo quella fotografica, mi fa presumere dove sorge e cala il sole, mi fa distinguere il nord dal sud e le variabili che possono influire… È anche vero, che quando ho un progetto in mente vado, se possibile, in sopralluogo prima. E magari ci torno un anno dopoMrGreen
Non voglio affermare che andare a fotografare sia come andare a funghiMrGreen, e ci si debba affidare solo al lato b. Però, insomma, un po' di avventura rende la nostra passione più interessante, secondo me.
Per tutto il resto c'è sempre il mago OtelmaMrGreen

user214553
avatar
inviato il 12 Luglio 2022 ore 17:49

Le tre cime sono quelle leopizzo, e non sto dicendo di non fotografarle; io sto dicendo che se uno vuole progredire nella sua fotografia, non dovrebbe tentare di emulare le fotografie degli altri, se non per scopo puramente didattico.
Dipende che cosa vuole uno dalla sua fotografia..

Quello che voglio dire, è che posso tranquillamente fotografare in modo unico spot fatti migliaia di volte, senza voler per forza copiare.

avatarsenior
inviato il 13 Luglio 2022 ore 17:58

Domanda: "quali siti mi permettono di vedere luoghi ed inquadrature?"
Risposta media: "quelle foto le abbiamo già fatte tutti, non diventerai mai bravo se non brilli di luce propria..."

Ma voi al supermercato se chiedete "dove posso trovare la pasta?" vi aspettate un "seconda corsia a destra" oppure "il cugino del mio osteopata ha sentito dire che forse è meglio se la gente comune non esagera con i carboidrati?"

avatarjunior
inviato il 14 Luglio 2022 ore 0:20

Seguo

user109536
avatar
inviato il 14 Luglio 2022 ore 6:20

Fai più presto e ti costa meno cercarle sul web

avatarsenior
inviato il 14 Luglio 2022 ore 9:31

Certo, Alex, che possiamo cambiare il modo di vedere e quindi cercare di evitare l'emulazione, ma sei sicuro di ottenere risultati migliori?

Strano, diverso non sempre è bello.

Comunque anche con la stessa inquadratura, al variare della luce, della post, etc… i risultati possono essere diversi.
Inoltre, a forza di replicare qualcosa impari.

Poi, a volte, fai le stesse foto di tutti gli altri senza averne coscienza.
A me è capitato con le gondole dondolanti con dietro San Giorgio a San Marco: da ignorante non avevo mai visto quella foto, mentre ero lì l'ho trovata interessante e ne ho fatte varie.
Torno a casa, faccio la post, e mi accorgo che è uguale a 1000 altre.
Ho copiato o è stata una scelta compositiva che funziona e, pertanto, la becchiamo tutti?

user214553
avatar
inviato il 14 Luglio 2022 ore 13:49

È esattamente quello che cerco di dire: anche tentando di emulare, i risultati sono spesso molto diversi.. ho fatto anche esempi in questo senso. L'errore è proprio quello: parto da casa convinto di andare a emulare la determinata fotografia. Arrivato sul posto ho il paraocchi, non guardo minimamente le condizioni ambientali/meteorologiche perché voglio solo fare la mia cover. Il risultato, spesso, sarà una fotografia mediocre, perché magari il primo piano non era interessante in quel momento, le nubi lasciavano in ombra una determinata porzione di fotografia, ecc. Senza contare che, magari, chi vuole fare a tutti i costi la cover spende decine di minuti nel cercare l'esatta posizione in cui pincopallino aveva piantato il treppiede... molto spesso non la troverà con precisione, lasciando il malcapitato con una ciofeca. In quel tempo, l'ipotetico copione, avrebbe potuto tranquillamente cercare altri spunti che si addicevano di più alle ipotetiche condizioni, e comporre con equilibrio libero da schemi mentali dettati dal dover per forza fare quella foto.
La composizione, fondandosi nell'equilibrio, richiede naturalezza spontanea e precisione. Fatti un giro sulle foto qui su juza del passo delle erbe, alle famose radici... lo spot è minuscolo, eppure la maggior parte degli amatori riesce a sbagliarlo, senza minimamente ricreare la particolare prospettiva e atmosfera che quelle radici creano se riprese adeguatamente. Lo stesso vale per molte fotografie degli spot più classici.. arrivano lì, sono vicini, vogliono fare la cover per portare a casa qualcosa, ma finiscono con il fare una foto storta, non equilibrata e sproporzionata... probabilmente avrebbero sbagliato comunque, ma sbagliare perché hai copiato è da asini!

Ribadisco un'altra volta, se ce ne fosse bisogno, l'indubbia utilità della cover nel processo didattico del fotografo di paesaggio principiante, dal quale prima o poi si dovrà staccare se non vorrà più essere tale.

user207929
avatar
inviato il 14 Luglio 2022 ore 14:16

Ho letto che qualcuno si dedica alle cover fotografiche. Nella musica qualche cover può essere anche più bella della canzone originale, anche se... l'originale è sempre l'originaleSorriso
È probabile che tentare di emulare i lavori fotografici altrui sia in qualche modo didattico. Non saprei. Chi diventa bravo a suonare la chitarra rock, per esempio, ha senz'altro iniziato ripetendo i brani, la tecnica e lo stile dei musicisti tra i più famosi famosi. Bisogna anche dire che è pieno di musicisti diventati piuttosto bravi, che se la suonano da soli davanti allo specchio o al massimo in qualche pub di periferia. Dipenderà anche dagli scopi che ci si prefigge, ma forse non basta imparare alla perfezione un assolo di chitarra... forse bisognerebbe anche imparare a scriverselo da se.
Mi è venuta 'sta analogia, portate pazienza;-)

user214553
avatar
inviato il 14 Luglio 2022 ore 14:33

È ciò che ho espresso nella prima riga del primo commento.
Ribadisco anche, che dipende che cosa si cerca dalla propria fotografia; se uno ha piacere nel fare la collezione delle composizioni classiche - magari con un alto standard tecnico - personalmente non ho alcun problema, ad'ognuno il suo.. tuttavia, la funzione primaria di un forum di fotografia dovrebbe essere l'aiuto reciproco nel progredire verso una fotografia migliore; mi pare quindi lecito consigliare l'abbandono delle cover una volta che queste abbiano assolto al loro intento didattico.

avatarsenior
inviato il 14 Luglio 2022 ore 15:24

Confesso che anche io sono tra quelli che non capisce bene che senso abbia copiare una foto fatta da altri. Con questo non intendo dire che al principio, e probabilmente anche successivamente per noi modesti fotoamatori, uno non si ispiri a questo o quel fotografo ma non credo che l'occhio alla composizione si alleni rifacendo pedissequamente le foto scattate da altri. Trovo più sensato guardarsi più e più volte libri fotografici di autori che noi amiamo, lasciarli decantare e poi magari cercare di emularli facendo scatti altrove, anche in questo caso non saremo originali ma l'esercizio sarebbe forse più costruttivo. Se voglio rifare foto del genere 'Fontana' trovo che sia meglio farlo senza andare alla ricerca del punto di ripresa usato da Fontana, cercherò di fare qualcosa di quel genere altrove, non raggiungerò sicuramente l'originalità ma l'esercizio sarebbe comunque più 'allenante', pur rimanendo nel confine della emulazione scolastica. Preciso che io non sono un appassionato del genere 'foto di montagna che fanno cadere la mascella esclamando wow' o 'aurora boreale', tendenzialmente le trovo tutte abbastanza stucchevoli e da calendario svizzero.
Comunque anche a chi apprezza il genere non mi pare ci possa essere apprendimento e crescita nella imitazione-contraffazione.
P.S. so bene di non avere risposto alla richiesta di informazioni sui siti internet. Se a qualcuno dispiace legga e ignori.

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 242000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.




RCE Foto

Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve una commissione in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me