RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy e preso visione delle opzioni per la gestione dei cookie.

OK, confermo


Puoi gestire in qualsiasi momento le tue preferenze cookie dalla pagina Preferenze Cookie, raggiugibile da qualsiasi pagina del sito tramite il link a fondo pagina, o direttamente tramite da qui:

Accetta CookiePersonalizzaRifiuta Cookie

Astrofotografia (soggetti, attrezzatura, tecniche di ripresa ed elaborazione) - Parte 4


  1. Forum
  2. »
  3. Tecnica, Composizione e altri temi
  4. »
  5. Astrofoto, dallo scatto alla postproduzione
  6. » Astrofotografia (soggetti, attrezzatura, tecniche di ripresa ed elaborazione) - Parte 4





avatarsupporter
inviato il 20 Giugno 2022 ore 14:59

Visto che l'altro topic ha raggiunto il limite delle 15 pagine

Astrofotografia (soggetti, attrezzatura, tecniche di ripresa ed elaborazione) - Parte 3

Volevo proseguire qui puntando su tecniche di ripresa e post-produzione alternative, che si discostano dalla ordinaria ripresa a colori in banda larga

A sto giro includiamo pure generi che poco apprezzo come le startail e le doppie esposizioni per cielo e paesaggio... magari riesco a farmele piacere ;-)

avatarsupporter
inviato il 20 Giugno 2022 ore 15:26

Cominciamo a capire come ottenere una ripresa con i colori corretti e poi magari divagheremo su metodi alternativi...

Io effettuo principalmente riprese di oggetti del profondo cielo (per lo più nebulose, ma anche galassie) ed una parte critica della post produzione è sempre quella legata al corretto bilanciamento dei colori

P.S. Per quanto abbia accumulato negli anni una certa esperienza, mi sento ancora un novizio relativamente a questo argomento, quindi ogni intervento è ben accetto!

Metto insieme qualche concetto così studiando, imparo anch'io... ;-)



Le stelle, contrariamente a quanto qualcuno possa credere, sono colorate ed il loro colore dipende dalla radiazione emessa che a sua volta è legata alla loro temperatura superficiale



Il concetto è veramente complicato ma in parole povere, conoscendo il colore di determinate stelle campione possiamo fare quello che si farebbe con una normale ripresa diurna, bilanciare il bianco ed ottenere così dei colori coerenti





Vi interessa l'argomento? Proseguiamo? Sorriso

avatarsupporter
inviato il 20 Giugno 2022 ore 15:41

Dal basso della mia esperienza ho notato che nelle riprese con normali macchine a colori con matrice di Bayer, il bilanciamento dei bianco risulta essere più difficoltoso a causa principalmente dell'inquinamento luminoso o dell'utilizzo di filtri, mentre con una camera mono (e relativi filtri LRGB) risulta invece molto più semplice

L'inquinamento luminoso è ovviamente presente anche in questo caso, suddiviso nei vari colori primari, ma i canali risultano più puri e la post produzione molto più immediata

Non ho dei grandi esempi da proporre, perché utilizzo la mono da poco tempo, ma ho ripreso la Cuore e l'Anima con le mie due macchine e credo che già qualcosa si noti

Hanno lo stesso sensore (Sony ExMor IMX571) ma ovviamente la Mono non ha la matrice di Bayer

ASI2600MC - Color


ASI2600MM - Mono


avatarjunior
inviato il 20 Giugno 2022 ore 16:52

StarTrail e Via Lattea con paesaggio ne faccio tanti e confermo quanto detto sul bilanciamento del bianco. L'inquinamento luminoso avvolte crea problemi non indifferenti, in quanto le luci di città creano delle dominanti troppo calde rispetto al paesaggio e al cielo. Non importa quanto lontane siano queste città, basta un po' di umidità nell'aria per far uscire l'inquinamento luminoso poco più su dell'orizzonte. Spesso è difficile trovare una via di mezzo per fare un bilanciamento generale, pertanto mi trovo quasi sempre a bilanciare sul cielo e poi con un adeguata maschera desaturare e bilanciare le dominanti dell'inquinamento luminoso.
Sono due anni che faccio queste foto, ma continuo ancora a trovare nuove sfide da rendermi conto quanto studio ed esperienza devo affrontare ancora.





@zeppo gli startrail effettivamente si allontanano molto dal concetto di astrofotografia. Personalmente lo ritengo più un gioco artistico dove la sfida è trovare una bella composizione paesaggistica con uno sfondo pieno di linee tracciate dalle stelle. Queste linee posso dar forza alle linee del primo piano o andare in completo contrasto, ed è li che il gioco si fa duro per come la vedo io: trovare una bella composizione è dura. Ne ho fatte tante, alcune riuscite altre meno, ma alla fine dei conti ho raggiunto il risultato: divertirmi e aver imparato cose nuove.








avatarsupporter
inviato il 20 Giugno 2022 ore 18:24

Begli esempi Vale! Quella dell'edificio è molto particolare, lo startrail gli da' sicuramente una marcia in più!

avatarsenior
inviato il 20 Giugno 2022 ore 18:28

Io di recente ho letto questo clarkvision.com/articles/dark-frame-subtraction-vs-no-darks/

Immagino controverso come argomento ma molto interessante, in soldoni dice che se la camera utilizzata ha poco pattern è meglio non fare i dark perché il rumore finale aumenta e basta.
Altra situazione pericolosa sono i dark fatti a temperature non uguali a quelle dei light, dove la sovra o sotto correzione può portare alla comparsa di pattern, ottenendo proprio l'opposto di quello che si cercava di evitare!


@zeppo la prima è fatta con qualche filtro? C'è veramente tanta differenza di colore.

avatarsupporter
inviato il 20 Giugno 2022 ore 18:34

Avevo letto anch'io qualcosa riguardi i dark inutili o addirittura controproducenti per le mie ASI… devo fare qualche prova!

La prima immagine l'avevo ripresa con l'L-Pro

avatarsenior
inviato il 20 Giugno 2022 ore 18:50

Cmq un trucchetto per vedere il reale colore delle stelle è fare una foto sfocata, in questo modo si evitano sovraesposizione, artefatti da demosaicizzazione ed eventuali algoritmi di noise reduction invasivi che spesso massacrano le vere tonalità delle stelle.





Ho fatto delle prove simili con la mia D90 (che essendo un vecchio modello Nikon da quel punto di vista è tremenda) e le differenze dei colori diventano palesi!





Quella che ho segnato è W orionis che è estremamente rossa rispetto alle altre, in una foto normale sembrava quasi un hot pixel o un artefatto Eeeek!!!

avatarsupporter
inviato il 20 Giugno 2022 ore 19:02

Interessante questo stratagemma…

avatarjunior
inviato il 20 Giugno 2022 ore 20:23

Questo me lo segno assolutamente.
Aggiungo inoltre un trucchetto che sto utilizzando da qualche mese. In passato è sempre capitato che dopo la post produzione dovevo far passare qualche ora per far riabituare gli occhi all'ambiente e non allo schermo perché capitava che sbagliavo la temperatura colore senza accorgermene e risultavano diverse da come le avrei volute. Ora per avere un arma in più butto la vividezza e saturazione a 100 per capire quali sono le dominanti in gioco, dopo un po' di pratica è facile capire cosa regolare in base ai colori sparati che escono fuori.

@zeppo grazie, mi fa piacere. Quello in particolare è il palazzo Carignano, in centro Torino. Fa parte di una serie di startrail urbani che ho fatto quest'inverno, non pubblico qui su juza, ma se mi cerchi su insta li trovi tutti

avatarjunior
inviato il 20 Giugno 2022 ore 22:54

Quello in particolare è il palazzo Carignano, in centro Torino


ne avevo il sospetto, essendo nato a Torino, ma non l'avevo mai guardato da quel punto di vista Eeeek!!!

scusate l'intrusione: mi piace l'astrofotografia, ma fotografo al massimo la Luna con Olympus Live composite e null'altro MrGreen

ho avuto un Celestron Ultima 90 ma era un telescopio terrestre e lo usavo solo per osservare animali
m'era venuta una mezza idea di farci altro, ma trovo il vostro genere troppo complesso

avatarsupporter
inviato il 21 Giugno 2022 ore 6:03

Il genere è effettivamente complesso, ma con un po' di impegno (e un minimo di attrezzatura) si fa tutto... ;-)

avatarsenior
inviato il 21 Giugno 2022 ore 21:01

A proposito di attrezzatura, ultimamente sto maturando la convinzione che la montatura equatoriale sia destinata a morire (e in tempi relativamente brevi aggiungerei!).

Vedo quello che la gente tira fuori in astrofotografia con i Dobson motorizzati alt-az e resto sbalordito da quello che si ottiene con uno "specchio grande ed ignoranza" MrGreen
La cosa più allettante è il costo, che per la maggior parte dei modelli sembra scalare in maniera lineare con l'area di cattura, e non in modo esponenziale come con le equatoriali.
Un 16" GoTo ad esempio lo vende Skywatcher a meno di 4500€, per un equivalente con equatoriale siamo a minimo 4000€ di SOLA MONTATURA (e come esempio ho preso una EQ8 che penso sia il minimo sindacale per quei pesi mentre telescopi newtoniani di quelle dimensioni sono praticamente introvabili (io ho visto solo un Orion a più di 6000€, ma se lo facesse SW ne costerebbe comunque almeno 2500 mi sa).
Ah, buona fortuna a portarlo in giro un setup simile equatoriale!

Un 20" goto dobson si porta via con meno di 8000€, un equatoriale che supporti quel diametro sono minimo 20.000€ più altrettanti per il telescopio dato che di quelle dimensioni non ne esistono con schemi ottici economici.

Ripeto, sono convinto che nei prossimi anni ci sarà un piccolo terremoto nell'ambiente (e anzi, direi che è già cominciato), e che non tarderanno ad arrivare schemi ottici veloci ma più compatti nati con il preciso scopo di fare astrofotografia alt-az.

avatarsupporter
inviato il 21 Giugno 2022 ore 21:11

Bubu per come la vedo a livello fotografico, il rifrattore apo a campo spianato o un RC per chi vuole le focali lunghe sono otticamente più performanti...
In visuale invece il dobson è il top... ho visto degli oggetti nello specchio da 67 cm di un amico di Milano ..veramente imbattibile

avatarjunior
inviato il 21 Giugno 2022 ore 21:19

Scusate l'ignoranza ma dal punto di vista fotografico cosa e quanto cambia avere un rifrattore o un dobson davanti al sensore?

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 221000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.






Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me