RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy e preso visione delle opzioni per la gestione dei cookie.

OK, confermo


Puoi gestire in qualsiasi momento le tue preferenze cookie dalla pagina Preferenze Cookie, raggiugibile da qualsiasi pagina del sito tramite il link a fondo pagina, o direttamente tramite da qui:

Accetta CookiePersonalizzaRifiuta Cookie

Non una novità, ma seri problemi dei negozi a vendere materiale fotografico (e non) nuovo.


  1. Forum
  2. »
  3. Fotocamere, Accessori e Fotoritocco
  4. » Non una novità, ma seri problemi dei negozi a vendere materiale fotografico (e non) nuovo.





avatarsenior
inviato il 14 Ottobre 2021 ore 12:33

Certo, Tesla ha un vantaggio strutturale perché è maggiormente "proprietaria" dei sistemi hardware e software delle proprie auto rispetto agli altri costruttori, e quindi può sostituire le componenti scarse con altre equivalenti molto più facilmente, riprogrammando il software se necessario.

Va anche detto che ha volumi molto più gestibili.

Io trovo le Tesla bruttine esteriormente e poco curate internamente (ho guidato una S in California e ho fatto un viaggio di 450km come passeggero su una 3 in Italia). Detesto anche l'assenza di comandi fisici, che mi costringe a distrarmi per guardare lo schermone centrale per qualsiasi stupidaggine. Ma questa è una tendenza che purtroppo seguiranno tutti i costruttori, perché porta risparmi notevoli di costo.

Aspettando i robotaxi, ovviamente.

avatarsenior
inviato il 14 Ottobre 2021 ore 12:48

Perbo credo tu abbia ragione in tutto, solo che se nei prossimi dieci anni metà della popolazione di Milano passasse all'elettrico puro, la prima sera quando tutti tornando dall'ufficio attaccassero la loro macchina alla colonnina (del box di casa, del condominio, della rimessa o per strada) in quel momento Milano prenderebbe fuoco.
A patto ovviamente di avere energia sufficiente (e in 10 anni non saremo in grado, fonte Radio24 dove ho seguito un interessante dibattito) e di rifare tutti gli impianti di distribuzione delle abitazioni.

Carlo
PS: io ho un'ibrida.

avatarsenior
inviato il 14 Ottobre 2021 ore 12:52

Al momento discutere di auto elettriche non ha senso. Se e quando il prezzo di acquisto sarà equiparato a quello delle equivalenti auto attuali e le quantità vendute avranno raggiunto almeno il 60% del totale, si potrà ragionevolmente considerare l acquisto.
Al momento l industria, more solito, cerca di fare esperimenti coi nostri soldi.
Funziona più il o meno come per le macchine fotografiche: agli inizi il digitale non era assolutamente conveniente, oggi è lo standard.
Poi se qualcuno pensa che lo Stato rinunci alle entrate garantite dai carburanti attuali in nome della "svolta" ecologica, mera chimera, penso che costui abbia vissuto invano i suoi anni

avatarsenior
inviato il 14 Ottobre 2021 ore 13:00

Ma com'è siete partiti a parlare di supply chain globale e siete finiti a discutere di auto elettriche?


Dovresti saperlo che qui nel forum ci sono le più grandi menti a livello globale che a confronto un premio Nobel "spostate".

avatarsenior
inviato il 14 Ottobre 2021 ore 13:11

Perbo credo tu abbia ragione in tutto, solo che se nei prossimi dieci anni metà della popolazione di Milano passasse all'elettrico puro, la prima sera quando tutti tornando dall'ufficio attaccassero la loro macchina alla colonnina (del box di casa, del condominio, della rimessa o per strada) in quel momento Milano prenderebbe fuoco.


ma no, le auto elettriche non appariranno all'improvviso. Le colonnine e la produzione di energia seguiranno di pari passo.

Al momento discutere di auto elettriche non ha senso. Se e quando il prezzo di acquisto sarà equiparato a quello delle equivalenti auto attuali e le quantità vendute avranno raggiunto almeno il 60% del totale, si potrà ragionevolmente considerare l acquisto.
Al momento l industria, more solito, cerca di fare esperimenti coi nostri soldi.


Ma non è vero. Conosco parecchia gente che è passata all'elettrico da molto tempo, e si trova benissimo... non tornerebbe mai indietro.

Dovresti saperlo che qui nel forum ci sono le più grandi menti a livello globale che a confronto un premio Nobel "spostate".


tralasciando le sterili ironie, non serve essere geni per capire dei concetti e dei meccanismi danto banali. Basta prestare attenzione a quello che succede.

avatarjunior
inviato il 14 Ottobre 2021 ore 13:21

Chissà quanti che scrivono sui forum, uguale se di fotografia o di pupazzetti o di automobili, sono in realtà promotori o venditori camuffati da semplici appassionati. È normale, anche i meccanismi di promozione si adeguano alle tecnologie. Quando leggo lodi sperticate e senza dettagli (dove di solito si nascondono i veri problemi) mi si accende la lucina rossa...

avatarsenior
inviato il 14 Ottobre 2021 ore 13:26

Le colonnine e la produzione di energia seguiranno di pari passo.

C'è però un problema.

Chi valuta l'acquisto di un'auto elettrica, se non ha un garage dove ricaricare la batteria nottetempo, non può non considerare la disponibilità di stazioni/colonnine di ricarica. Dal punto di vista del consumatore, quindi, la disponibilità dell'infrastruttura dovrebbe precedere la scelta di acquisto. Per ovvi motivi, chi sviluppa l'infrastruttura ragiona in modo diametralmente opposto.

C'è poi un'altra questione che riguarda i centri urbani: la prossimità delle stazioni di ricarica e la superficie occupata. Il tempo durante il quale l'auto in ricarica occupa la postazione è molto superiore a quello di un distributore di carburanti, e questo significa che la superficie occupata è molto maggiore. Non solo, ci sarà una notevole domanda di ricariche notturne, per cui il numero di colonnine di ricarica dovrà essere molto elevato, e diffuso sul territorio in modo coerente con la densità di popolazione. Questo significa che nel centro di Milano - per fare un esempio - una quota considerevole dei posti sosta in strada dovrà consentire la ricarica. I costi di un'infrastruttura simile saranno enormi.

avatarsenior
inviato il 14 Ottobre 2021 ore 13:28

Chissà quanti che scrivono sui forum, uguale se di fotografia o di pupazzetti o di automobili, sono in realtà promotori o venditori camuffati da semplici appassionati. È normale, anche i meccanismi di promozione si adeguano alle tecnologie. Quando leggo lodi sperticate e senza dettagli (dove di solito si nascondono i veri problemi) mi si accende la lucina rossa...


cioè sarei un venditore tesla? MrGreen
guarda che non ha proprio bisogno di queste cose Sorriso
semplicemente, quando le provi, capisci che non c'è nulla di paragonabile. Se vuoi i dettagli, prontissimo a fornirteli.

avatarsupporter
inviato il 14 Ottobre 2021 ore 13:28

Chissà quanti che scrivono sui forum, uguale se di fotografia o di pupazzetti o di automobili, sono in realtà promotori o venditori camuffati da semplici appassionati. È normale, anche i meccanismi di promozione si adeguano alle tecnologie. Quando leggo lodi sperticate e senza dettagli (dove di solito si nascondono i veri problemi) mi si accende la lucina rossa...


Ma ciertoh è tutto un gombloddoh|! non cielio dikonohh!|!!


Ma dai, smettetela con ste lucine rosse che stanno bene al camposanto quelle...

avatarsenior
inviato il 14 Ottobre 2021 ore 13:30

Lucine rosse al camposanto?

avatarsenior
inviato il 14 Ottobre 2021 ore 13:30

:-P:-P:-P

avatarsenior
inviato il 14 Ottobre 2021 ore 13:31

C'è però un problema.

Chi valuta l'acquisto di un'auto elettrica, se non ha un garage dove ricaricare la batteria nottetempo, non può non considerare la disponibilità di stazioni/colonnine di ricarica. Dal punto di vista del consumatore, quindi, la disponibilità dell'infrastruttura dovrebbe precedere la scelta di acquisto. Per ovvi motivi, chi sviluppa l'infrastruttura ragiona in modo diametralmente opposto.


no. E infatti Tesla ha sviluppato, di pari passo, una rete capillare di Supercharger e Destination Charger.

C'è poi un'altra questione che riguarda i centri urbani: la prossimità delle stazioni di ricarica e la superficie occupata. Il tempo durante il quale l'auto in ricarica occupa la postazione è molto superiore a quello di un distributore di carburanti, e questo significa che la superficie occupata è molto maggiore. Non solo, ci sarà una notevole domanda di ricariche notturne, per cui il numero di colonnine di ricarica dovrà essere molto elevato, e diffuso sul territorio in modo coerente con la densità di popolazione. Questo significa che nel centro di Milano - per fare un esempio - una quota considerevole dei posti sosta in strada dovrà consentire la ricarica. I costi di un'infrastruttura simile saranno enormi.


ancora, no. Con le percorrenze medie giornaliere, un'auto elettrica buona volendo la ricarichi una volta alla settimana. Ma non è detto che le ricariche debbano essere notturne: già ora la puoi ricaricare mentre fai la spesa al supermercato, un domani ci saranno colonnine vicino agli uffici o nei parcheggi.
Un'auto passa il 90% o più del tempo immobile, e può essere sfruttato per la ricarica.

avatarsupporter
inviato il 14 Ottobre 2021 ore 13:33

Lucine rosse al camposanto?


Eh, perché?
Mai viste?




avatarjunior
inviato il 14 Ottobre 2021 ore 13:39

Ma certo, tutto quello che ti dicono è sempre vero. Ti insegno una risposta da dare a quelli che non ti danno retta: è vero perché è scritto. Vedrai che effettone.
Ho anche un'isola da vendere vicino a Tiksi, ci sono delle spiagge bellissime, fammi sapere se t'interessa. Ah, l'isola è verde e molto resiliente.

avatarsenior
inviato il 14 Ottobre 2021 ore 13:39

Ma certo, tutto quello che ti dicono è sempre vero. Ti insegno una risposta da dare a quelli che non ti danno retta: è vero perché è scritto. Vedrai che effettone.
Ho anche un'isola da vendere vicino a Tiksi, ci sono delle spiagge bellissime, fammi sapere se t'interessa. Ah, l'isola è verde e molto resiliente.


Amen Sorriso



Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)



Questa discussione ha raggiunto il limite di 15 pagine: non è possibile inviare nuove risposte.

La discussione NON deve essere riaperta A MENO CHE non ci sia ancora modo di discutere STRETTAMENTE sul tema originale.

Lo scopo della chiusura automatica è rendere il forum più leggibile, sopratutto ai nuovi utenti, evitando i "topic serpentone": un topic oltre le 15 pagine risulta spesso caotico e le informazioni utili vengono "diluite" dal grande numero di messaggi.In ogni caso, i topic non devono diventare un "forum nel forum": se avete un messaggio che non è strettamente legato col tema della discussione, aprite una nuova discussione!





 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me