RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

Se vuoi, puoi anche abilitare o disabilitare specifici cookie tramite la pagina Preferenze Cookie.

OK, confermo

Alla ricerca della resa analogica


  1. Forum
  2. »
  3. Tecnica, Composizione e altri temi
  4. » Alla ricerca della resa analogica





avatarsenior
inviato il 16 Ottobre 2021 ore 20:27

@Cirillo Donelli

la fotografia è ovviamente comunicazione a prescindere che sia analogica, digitale o con lo smartphone, ma dato che saper comunicare è appannaggio di una minoranza e saperlo fare in modo artistico restringe ulteriormente il cerchio. giustamente la fotografia democratica è per tutti, mentre quelli che la vivono come forma di ricerca si dotano generalmente di attrezzature adatte sia esse analogiche che digitali.


Che sul digitale la "comunicazione" non manca e che "asfalta" di brutto ma proprio di brutto tanto l'analogico è un dato di fatto.

Alzi la mano chi in campo analogico ha assistito non a semplici fiumi ma a oceani straripanti di "comunicazione illustrata" come la espleta il digitale.

Quanti? Nessuno?

Lo sapevoMrGreen

Il foto analogico non mi si mette a fotografare 300 volte le tegole del vicino, il camino che sta di la, il poggiolo con i panni stesi o le macchine posteggiate sotto casa per arrivare al verbo, magari qualche volta alla web/rissa e relativi bannamenti, succede....

Il foto analogico non mi si mette a cacciare qualsiasi tipo e marca di ottica su altrettanti svariati corpi per arrivare magari a dire che ( dopo svariati Tb di file, conservati pure in tripla copia sugli Hd ) il tale vetro su tale macchina, usato all'ora esatta stabilita, con il tal diaframma e alla tal distanza è il top, però se mi cambi di una virgola la procedura diventa un cesso e ne devi comperare uno differente.

Insomma tutta 'sta roba qui l'analogico se lo sogna e non la può condividere, una tristezza.;-)

avatarjunior
inviato il 16 Ottobre 2021 ore 20:33

'Che sul digitale la "comunicazione" non manca e che "asfalta" di brutto ma proprio di brutto tanto l'analogico è un dato di fatto.

Alzi la mano chi in campo analogico ha assistito non a semplici fiumi ma a oceani straripanti di "comunicazione illustrata" come la espleta il digitale.

Quanti? Nessuno?

Lo sapevoMrGreen

Il foto analogico non mi si mette a fotografare 300 volte le tegole del vicino, il camino che sta di la, il poggiolo con i panni stesi o le macchine posteggiate sotto casa per arrivare al verbo, magari qualche volta alla web/rissa e relativi bannamenti, succede....

Il foto analogico non mi si mette a cacciare qualsiasi tipo e marca di ottica su altrettanti svariati corpi per arrivare magari a dire che ( dopo svariati Tb di file, conservati pure in tripla copia sugli Hd ) il tale vetro su tale macchina, usato all'ora esatta stabilita, con il tal diaframma e alla tal distanza è il top, però se mi cambi di una virgola la procedura diventa un cesso e ne devi comperare uno differente.

Insomma tutta 'sta roba qui l'analogico se lo sogna e non la può condividere, una tristezza.;-)'

Scusa SaroGrey, ma lo sai che non ho capito niente di quello che hai scritto?
Sarà sicuramente un mio problema... ma mi pare una supercatzola

avatarsenior
inviato il 16 Ottobre 2021 ore 21:15

Scusa SaroGrey, ma lo sai che non ho capito niente di quello che hai scritto?
Sarà sicuramente un mio problema... ma mi pare una supercatzola


Credo tu segua poco certe foto novelas ricche di comunicazione digitale,
altrimenti avresti compreso all'istante.CoolMrGreen

avatarsenior
inviato il 16 Ottobre 2021 ore 21:17

Il foto analogico non mi si mette a fotografare 300 volte le tegole del vicino, il camino che sta di la, il poggiolo con i panni stesi o le macchine posteggiate sotto casa per arrivare al verbo, magari qualche volta alla web/rissa e relativi bannamenti, succede....

Il foto analogico non mi si mette a cacciare qualsiasi tipo e marca di ottica su altrettanti svariati corpi per arrivare magari a dire che ( dopo svariati Tb di file, conservati pure in tripla copia sugli Hd ) il tale vetro su tale macchina, usato all'ora esatta stabilita, con il tal diaframma e alla tal distanza è il top, però se mi cambi di una virgola la procedura diventa un cesso e ne devi comperare uno differente.


Ti consiglio il capitolo linkato prima da Ben-G, ti si potrebbe aprire un mondo sul perché accade quello che hai sopra descritto, quello si che dovrebbe fare sorgere un minimo di tristezza ;-)

avatarjunior
inviato il 16 Ottobre 2021 ore 21:41

Ciao SaroGrey, sarei felice se mi indicassi queste foto novelas per sintonizzarmi con quello che scrivi

avatarsenior
inviato il 16 Ottobre 2021 ore 21:52

@Teofilatto Il suo intervento di prima era ironico, si stava riferendo alle polemiche che si sprecano sul forum con paragoni fatti quardando la risoluzione di una certa ottica contando le tegole e così via.

avatarsenior
inviato il 16 Ottobre 2021 ore 22:58

@Mauro
@Teofilatto Il suo intervento di prima era ironico, si stava riferendo alle
polemiche che si sprecano sul forum con paragoni fatti quardando la risoluzione di una certa ottica contando le tegole e così via.


Risposta esatta;-)
Ovvio che i tempi cambiano e bene o male ci si deve "formattare" almeno un po',

"purtroppo" non solo conosco/conoscevo l'analogico per come era ma pure praticato, imbobinato, scattato, sviluppato, stampato, visionato con l'aggiunta di far parte di un circolo con dentro annessi ferri da sviluppo e stampa, gli scambi di informazioni nascevano non da copia/incolla da web ( manco esisteva a momenti ) ma facendo affidamento da pro che intervenivano, da consultazioni di quelle fantastiche riviste dell'epoca, riviste presenti in gran numero e pure con un metodo per ricerca degli articoli,

le prove venivano fatte anche allora, magari su un nuovo filtro e pure su qualche ottica ( vetri e corpi che non si cambiavano con la frequenza delle mutande come ora ) ma la prova veniva portata sul campo con già mezzo progetto fatto perché già consapevoli di come andare a parare,

poi ovvio che senza tegole non perfettamente nitide al 300%, senza tridimensionalità da comperare un tanto al chilo e con tanto di marca, senza corredi camaleontici, senza ricette ad hoc personalizzate per ogni città/lago/viaggio ecc. ecc. per i forum e social sarebbe penalizzante dal punto di vista quantità.Cool

avatarjunior
inviato il 16 Ottobre 2021 ore 23:09

Insomma, basta caricare la Pentacon Six con FP4, montarci il Flektogon 50mm. e ti si apre un mondo.

A chi piacesse qualcosa di un pochino più "spinto", il Carl Zeiss Jena Sonnar 180/2,8 (il classico dei classici) ed allora sono meraviglie!

avatarsenior
inviato il 16 Ottobre 2021 ore 23:33

Ho lo Zeiss 50 f4, lo Zeiss 80 f2.8, lo Zeiss 120 f2.8 e il 180 f2.8. Il 180 f2.8 effettivamente fa davvero paura per resa e... peso, ma è un dazio leggero visti i risultati.

avatarjunior
inviato il 17 Ottobre 2021 ore 5:43

Pesa anche di più nella versione su Flektoskop del 1948, per la Contax-II/III (quindi anche per la Kiev a telemetro, con identico attacco).

Come osservi, il peso anche in questo caso, è un dazio leggero, per la sua qualità!

È l'immortale "Olympia Sonnar"!

avatarsenior
inviato il 17 Ottobre 2021 ore 9:13

@Teofilatto Il suo intervento di prima era ironico, si stava riferendo alle polemiche che si sprecano sul forum con paragoni fatti quardando la risoluzione di una certa ottica contando le tegole e così via.



Invece di farci vedere qualche meravigliosa fotografia ripresa, giustappunto, con la straordinaria lente di turno MrGreen

avatarsenior
inviato il 17 Ottobre 2021 ore 9:18

il Carl Zeiss Jena Sonnar 180/2,8 (il classico dei classici)



Che se non sbaglio non dovrebbe essere altro che la copia-carbone DDR del 180 Olympia Sonnar di Leni Riefenstahl ;-)

avatarsenior
inviato il 17 Ottobre 2021 ore 9:18

Esatto

avatarsenior
inviato il 17 Ottobre 2021 ore 9:19

Sorriso

avatarjunior
inviato il 17 Ottobre 2021 ore 9:57

Consiglio di leggere, fin dove è possibile, il capitolo 7 'La ricezione della fotografia' dal libro di Flusser 'Filosofia della fotografia', linkato da Ben G.

www.google.it/books/edition/Per_una_filosofia_della_fotografia/Mi4xmy1

Perché è istruttivo leggerlo? Per lo stesso motivo per cui nella mia libreria c'è 'L'uomo delinquente' di Cesare Lombroso.
Flusser infatti usa le stesse retoriche configuranti di Lombroso, soltanto il suo esercizio è indirizzato al mondo fotoamatoriale (declinato rigorosamente al maschile per non far mancare il sessismo). E' istruttivo non solo leggere testi intelligenti e belli come 'Piccola storia della fotografia' di Benjamin (se vogliamo parlare di fotografia), ma anche testi-manganello come quel capitolo di Flusser e il famoso libro di Lombroso, che hanno il pregio di farci capire quando un intellettuale smette di fare il lavoro intellettuale per diventare un disgraziato persecutore.




Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)



Questa discussione ha raggiunto il limite di 15 pagine: non è possibile inviare nuove risposte.

La discussione NON deve essere riaperta A MENO CHE non ci sia ancora modo di discutere STRETTAMENTE sul tema originale.

Lo scopo della chiusura automatica è rendere il forum più leggibile, sopratutto ai nuovi utenti, evitando i "topic serpentone": un topic oltre le 15 pagine risulta spesso caotico e le informazioni utili vengono "diluite" dal grande numero di messaggi.In ogni caso, i topic non devono diventare un "forum nel forum": se avete un messaggio che non è strettamente legato col tema della discussione, aprite una nuova discussione!





 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me