RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy e preso visione delle opzioni per la gestione dei cookie.

OK, confermo


Puoi gestire in qualsiasi momento le tue preferenze cookie dalla pagina Preferenze Cookie, raggiugibile da qualsiasi pagina del sito tramite il link a fondo pagina, o direttamente tramite da qui:

Accetta CookiePersonalizzaRifiuta Cookie

MTB - come iniziare, cosa acquistare


  1. Forum
  2. »
  3. Tema Libero
  4. » MTB - come iniziare, cosa acquistare





avatarsenior
inviato il 21 Settembre 2021 ore 11:48

C'è poi il problema che io sono un misantropo, e che non intendo aggregarmi a nessun gruppo.

Uscire in gruppo è bello e più sicuro. Ma per esigenze familiari gli ultimi anni sto uscendo sempre da solo. Lo preferisco. Non è una questione di essere misantropo o meno (forse un pò lo sono), è che deve essere un momento tutto mio in cui poter pensare e riflettere, allontanando pensieri negativi; ed è impossibile pensare a cose negative mentre si pedala; inoltre devo potermi prendere le pause come e quando voglio, ad es. per fotografare; qui un'uscita urbana a Monte Mario e anche là non c'era un cane, anzi uno c'era MrGreen










escludi la fat bike

Sono bici molto specialistiche che servono davvero solo su neve e sabbia, laddove sarebbe impossibile pedalare; da noi sono una "moda importata" che può essere anche sfruttata a tutto tondo ma con grossi sacrifici (abbassare la pressione in certi tratti e alzarla in altri, molta fisicità, grandi ammazzate sui tratti scorrevoli...); data la specificità d'impiego, concordo, sono da escludere a priori perchè non sono affatto versatili.

avatarsenior
inviato il 21 Settembre 2021 ore 12:01

Eh, ma io sto cercando qualcosa che sostituisca la corsa...


Allora prendi una MTB vera, con il solo ammortizzatore anteriore, perché non credo che producano ancora quelle senza, ma nel caso tu la trovassi... io prenderei quella senza, l'ammortizzatore anteriore a me non serve, quando esco con la Scott di mia figlia lo tengo bloccato perché mi toglie potenza nella pedalata e per la discesa mi basta ammortizzare con le braccia.

Considera che in bici si fa una gran fatica, con la MTB di più, perché sei sottoposto ad una continua variazione di ritmo, in sostanza ti fai un allenamento da bestia, ma attenzione, alleni il quadricipite in modo molto particolare, e se vai a camminare in montagna quando scendi ti trovi sicuramente con il quadricipite dolorante perché fa un movimento radicalmente differente da quello che fa durante la pedalata o camminando in salita.

Poi... non è necessario comprare il nuovo, cercati un bell'usato (come si fa con macchine e lenti), quando la meccanica è buona, -veramente buona- una bici ti può durare ben più di 30 anni (come la mia o la cannondale del cicloturista che ho incontrato in val d'Aosta). Però... mi raccomando la misura

avatarjunior
inviato il 21 Settembre 2021 ore 12:17

La MTB sarebbe ottimale perché vivo in un paese collinare con letteralmente decine di percorsi MTB che partono ad un paio di km dal centro. Insomma, potrei inforcare la bici fuori dalla porta di casa e farmi un giro di un paio d'ore anche tutti i giorni, cambiando percorso ogni volta.


Io ho fatto esattamente il tuo percorso e non me ne pento. Adesso però mi sta venendo voglia di allungare i giri e sto valutando le gravel....anche se il periodo per acquistare è pessimo, quindi credo che continuerò con la mia mtb ancora per parecchio!

Qualche consiglio in ordine sparso:

1) Sulla scelta della bici non ti dico niente di specifico, ma ti consiglio monocorona a 12 velocità (in mtb per me è la svolta) e ruote da 29 pollici (passi davvero sopra a tutto). Se tocca pedalare seriamente lascia perdere le fat bike.

2) La bici (se vai sul nuovo) viene solitamente venduta con gomme e cerchi tubless ready ma con dentro la camera d'aria. Getta la camera (anzi, riponila nello zaino che può venir comoda se squarci tutto durante un giro) e latticizza le ruote. Lo so che il termine può sembrare brutto ma digita "latticizzare mtb" su youtube e capirai, anche questa è una svolta a mio avviso necessaria.

3) I pedali, sgancio rapido (quindi con tacchette) o flat. Dicussione infinita...ognuno ha i suoi pro e i suoi contro. Ciò detto i pedali di primo equipaggiamento che ti danno (se te li danno) con la mtb nuova puoi cestinarli direttamente, che tu opti per i flat o per lo sgancio rapido te li devi comprare a parte (senza che sia necessario spendere chissà che cifre eh).

4) Facendo seguito al punto due, un buon paio di scarpe, che siano con suola piatta o con la clip per lo sgancio rapido.

5) Capitolo abbigliamento. Io mi servo dal decathlon con soddisfazione, in generale puoi metterti un po quello che ti pare (il casco sempre, ca va sans dire ) ma un occhio ai pantaloncini con relativo fondello. Da indossare sempre, vanno messi senza mutande sotto, il fondello deve essere adeguato. Se vuoi stare comodo sulla bici non guardare se la sella è morbida, procurati dei pantaloncini con un buon fondello. Anche qui, fatte numerose prove, quelli in gel costano di più ma valgono tutto quel che costano e anche se non fai giri lunghissimi il maggior comfort per le parti basse è sempre avvertibile (e molto apprezzato).

avatarjunior
inviato il 21 Settembre 2021 ore 12:23

Grazie Lanfi, ho segnato tutto.

avatarsenior
inviato il 21 Settembre 2021 ore 12:39

Lanfi +1. Qualche commento sparso al ns. agnostico:

Le bici "serie" vengono vendute senza pedali, proprio perchè ognuno sceglie e paga a parte quello che preferisce!

Riguardo alle tubeless o tubeless ready da nastrare (trek ha un flap apposito che le rende quasi come le tubeless native) non volevo aggiungere troppa carne al fuoco. Ovviamente sono a favore perchè ti cambia la vita, buchi e continui a pedalare, si ripara da sola! C'è però un'attività di manutenzione da fare in maniera sistematica di rabbocco del lattice ogni 3 mesi circa. Ne vale assolutamente la pena. Come vale la pena imparare a fare questa manutenzione da soli (niente di complicato). Uso caffelatex effetto mariposa. Visto che ti piacciono i termini nuovi Sorriso

La sella deve essere larga il giusto per le tue ischiatiche; tranquillo che il negozio ha l'apposito "culometro" per misurare l'interdistanza (un cuscino a memoria di forma).

Si ovviamente ad un buon fondello. Qui il prodotto di case più note (Santini, Castelli, etc.) lo trovo superiore ma ho tantissima roba decathlon.

La gravel potrà essere affiancata in futuro. A me fa impazzire una variante più pro MTB, la trek 1120:
www.trekbikes.com/it/it_IT/biciclette/bici-da-bikepacking-e-cicloturis
(che a te però non consiglio come prima e unica bici)

Fotografo Agnostico, ora vai in negozio e facci sapere.

avatarjunior
inviato il 21 Settembre 2021 ore 12:55

Le bici "serie" vengono vendute senza pedali, proprio perchè ognuno sceglie e paga a parte quello che preferisce!


Sì, questo l'avevo notato.

Fotografo Agnostico, ora vai in negozio e facci sapere.


Domattina faccio una visita esplorativa, sia al negozio sia all'agriturismo che potrebbe vendere l'usato, poi vi aggiorno.

avatarjunior
inviato il 21 Settembre 2021 ore 13:07

La sella deve essere larga il giusto per le tue ischiatiche; tranquillo che il negozio ha l'apposito "culometro" per misurare l'interdistanza (un cuscino a memoria di forma).


Assolutamente, così come vale la raccomandazione sulla misura corretta esposta sopra da gsabbio. In negozio, soprattutto se è un negozio serio, si misura tutto e si fa la c.d. messa in sella (cioè si regolano le varie parti della bici secondo le tue misure antropometriche).

Ai consigli (forse già troppi? avremo rimbambito il povero FotografoAgnostico!) già dati ne aggiungo uno: se facendo le prime uscite vedi che ti piace, prima di avventurarti su sentieri non banali fai un bel corso di guida sicura. Ti starai facendo una risata pensando a qualcuno che ti insegna ad andare in bicicletta.....anche io all'inizio la pensavo così ma, dopo essere stato portato quasi di forza da un amico più esperto di me, ho cambiato radicalmente idea. Un corso (che consiste anche in poche uscite con un istruttore qualificato ) cambia radicalmente il tuo approccio ai passaggi tecnici e ti porta ad affrontarli con molta ma molta più sicurezza. I miei istruttori sono tutti amibike, qui c'è il sito e come puoi vedere organizzano un sacco di eventi.

avatarsenior
inviato il 21 Settembre 2021 ore 13:08



Bella! A parte i portapacchi -che comunque si possono smontare- ed il prezzo... mi sembra 'la Bicicletta da montagna' (con la B).

Secondo me sarebbero soldi ben spesi e una volta per tutte, non servirebbe andare oltre

avatarsenior
inviato il 21 Settembre 2021 ore 13:27

Ti starai facendo una risata pensando a qualcuno che ti insegna ad andare in bicicletta...


sembra una banalità ma non lo è per nulla.

spiego: mia moglie come senso dell'equilibrio è un gatto, in montagna cammina e passa su passaggi difficili ed esposti dove io mi cago addosso, ma NON è capace di andare in bicicletta e nelle nostre uscite fuoristrada spesso è caduta o ha rischiato di farlo.

In realtà andare in bici è uno sport che richiede equilibrio -cioè capacità propriocettive- ma di un genere particolare, che comporta l'impiego di un attrezzo estraneo al corpo della persona.

così può succedere, ed anche frequentemente, che noi tutti si sappia -banalmente- andare in bicicletta, ma non tutti, in condizioni di percorsi dissestati o con velocità relativamente alte, sappiamo gestire il nostro equilibrio ed il mezzo, con le conseguenze disastrose del caso.

La passione aiuta, ma il saper gestire i passaggi in discesa, lo spostamento del corpo per bilanciare lo sconnesso, il pilotare la bici con la sella tra le cosce mentre lasciamo che il manubrio si scuota, balli ed ondeggi tra le dita appena socchiuse che non impugnano le manopole ma le lasciano muovere con una certa libertà, sono tutte tecniche che si apprendono in due modi: per istinto (o ce l'hai o non ce l'hai...) oppure con qualcuno che te lo spieghi.

e poi... ricordiamo sempre che se nasci asino non puoi diventare cavallo, al massimo sarai un asino da corsa. Perciò affrontiamo i percorsi con prudenza senza mettere alla prova i nostri limiti (mi riferisco in particolare alla discesa, che costituisce la vera situazione di pericolo della MTB) Col tempo riusciremo anche a passare dove ci sembrava al di sopra delle nostre capacità.

avatarjunior
inviato il 21 Settembre 2021 ore 15:27

Non mi ampliate la scelta anche alle gravel, altrimenti non ne esco più.

avatarsenior
inviato il 21 Settembre 2021 ore 16:19

Probabilmente ti è già stato detto, ma punta al mercato dell'usato, specialmente se ti interessa una front.

È un periodo un po' complicato per il mercato delle bici ma qualcosa di buono dovresti comunque riuscire a trovarlo, specialmente in quella categoria dove tanta gente dopo l'acquisto si rende conto che bisogna faticare e quindi passa elle e bike o roba più ammortizzata da discesa.
Buoni affari si fanno su modelli che magari hanno tecnologie "vecchie" (ma comunque valide eh) e non più di moda.

Un ottimo sito dove guardare è questo community.mtb-mag.com/mercatino/


avatarjunior
inviato il 21 Settembre 2021 ore 17:18

Domani pomeriggio vado da dei tizi che fanno corsi ed organizzano escursioni per turisti, soprattutto tedeschi e svizzeri. Vediamo cosa ne esce fuori.

Per l'usato, il mio problema è che non saprei riconoscere eventuali difetti o usure anomale, per cui sarei decisamente a rischio sóla.

avatarsenior
inviato il 21 Settembre 2021 ore 17:18

Ciao se posso permettermi scegli una front leggera e fai un po' di salita per allenarti, io sono sovrappeso anche se sono dimagrito molto e fumo ancora …faccio quasi ogni giorno 300 o più metri di dislivello e domenica qualcosa in più. Per tenersi in forma e divertirsi mi pare una buona soluzione.
Valuta anche una gravel che a mio parere è più comoda. Scegli inizialmente percorsi non eccessivamente tecnici e lontani dal traffico. Io ho una MTB in carbonio ( Olympia Iron 2021) che pesa il giusto (10.1 kg) e non costa eccessivamente….(ho fatto però diversi upgrades) per poter affrontare salite anche in sentieri ripidi con pietrisco vario…..
Con la gravel io che sono una autentica schiappa al terzo giro ho fatto 117 km con soli 300 mt di dislivello. Con la mtb mi sarei spezzato la schiena. Ho una gravel Scott in alluminio e forca in Carbonio, la adoro….con le scelte giuste ci si diverte, si consumano calorie e con prudenza si minimizzano i rischi di fare incidenti e farsi male….

avatarjunior
inviato il 21 Settembre 2021 ore 17:19

Domani pomeriggio vado da dei tizi che fanno corsi ed organizzano escursioni per turisti, soprattutto tedeschi e svizzeri. Vediamo cosa ne esce fuori.

Per l'usato, il mio problema è che non saprei riconoscere eventuali difetti o usure anomale, per cui sarei decisamente a rischio sóla.

avatarjunior
inviato il 21 Settembre 2021 ore 17:26

ciao

mi aggancio alla discussione, sperando di non disturbare FotografoAgnostico.
Io mi sono (ri)avvicinato ad inizio estate alla bicicletta, vorrei approfittare del thread in quanto penso possa interessare anche il proprietario del thread per chiedere consigli sull'abbigliamento per affrontare uscite autunnali e fine inverno inzio primavera. Per l'l'inverno "vero" valuterò se continuare (cosa che ovviamente vorrei fare) o mettere l'attività in standby.
Per ora sto ancora usando l'attrezzatura estiva, ma nelle prime ore del mattino, comincia ad essere "sfidante":-P.
Vorrei qualche consiglio per qualche capo idoneo, senza spendere cifre iperboliche. So che se si spende su capi tecnici di marca, di solito non si sbaglia, ma non vorrei spendere e poi appena raffredda un po' di più tenere la bici in garage e starmene al caldoSorry

Grazie

Cesare



Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)



Questa discussione ha raggiunto il limite di 15 pagine: non è possibile inviare nuove risposte.

La discussione NON deve essere riaperta A MENO CHE non ci sia ancora modo di discutere STRETTAMENTE sul tema originale.

Lo scopo della chiusura automatica è rendere il forum più leggibile, sopratutto ai nuovi utenti, evitando i "topic serpentone": un topic oltre le 15 pagine risulta spesso caotico e le informazioni utili vengono "diluite" dal grande numero di messaggi.In ogni caso, i topic non devono diventare un "forum nel forum": se avete un messaggio che non è strettamente legato col tema della discussione, aprite una nuova discussione!





 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me