RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy e preso visione delle opzioni per la gestione dei cookie.

OK, confermo


Puoi gestire in qualsiasi momento le tue preferenze cookie dalla pagina Preferenze Cookie, raggiugibile da qualsiasi pagina del sito tramite il link a fondo pagina, o direttamente tramite da qui:

Accetta CookiePersonalizzaRifiuta Cookie

MTB - come iniziare, cosa acquistare


  1. Forum
  2. »
  3. Tema Libero
  4. » MTB - come iniziare, cosa acquistare





avatarjunior
inviato il 24 Settembre 2021 ore 23:14

Io ho cominciato con questa e ci facevo di tutto, dalle gare ai lunghi tour di più giorni (giro del Cervino, tratti della GTA, ecc). Oggi la tiro fuori solo per godermela un po'….

www.juzaphoto.com/galleria.php?l=it&t=3545964

Alla fine mi sono ritrovato con questa, la cui sostituzione oggi per me non avrebbe senso; faccio le stesse cose che facevo con la progenitrice (salvo le gare….., non ho più l'età) e continuo a divertirmi lo stesso….l'importante è lo spirito MrGreen

www.juzaphoto.com/galleria.php?l=it&t=3545991

avatarsenior
inviato il 25 Settembre 2021 ore 8:30

Io ho cominciato con questa e ci facevo di tutto


Il rampichino vertical!!!MrGreen MrGreenMrGreen

modello 1989

moltiplica biopace (corona ellittica), da 28-38-48 (dietro avevi un 32... che fatica...), appena possibile la sostituii con una bella 24-36-46

manettini del cambio, tanto leggeri e funzionali.

La sella turbo col mollone (mollone a parte mi ci sono fatto un bel culo su quella ed anche un po' di prostatite traumaticaTriste)!! I cerchioni FIR -pesantissimi- ed i copertoni bicolore! (ne posseggo ancora una coppia più un'altra di chiodati) Dico una corbelleria: il posteriore è un Farmer John's cousin? La scolpitura sembra quella però la spalla sembra in kevlar ed il cousin non non l'aveva.

e per finire... U-BrakeMrGreenMrGreen

che frenava una meraviglia ma.... col fango era invivibile (ti toccava pedalare in discesa) roba adatta solo ai deserti dell'Arizona

un bagno di gioventù... U-brake a parte, allora era invidiabile, anche se... una bella Specialized Stumpjumper competition del 1990-91 sarebbe il massimo ancora oggi, soprattutto per il peso (a parte il cambio rapid-fire che non mi è mai piaciuto).

avatarjunior
inviato il 25 Settembre 2021 ore 10:15

Gsabbio, se avessi parlato in finlandese avrei capito di più MrGreen

avatarsenior
inviato il 25 Settembre 2021 ore 13:08

se avessi parlato in finlandese avrei capito di più


sì, è vero, si tratta di un linguaggio criptico per iniziati ed oltretutto è anche una lingua morta, (un po' come il latino e l'italiano)MrGreen

Nel senso che l'italiano deriva dal latino, io ho cominciato con la mtb quando si parlava latinoMrGreen

avatarsenior
inviato il 25 Settembre 2021 ore 14:17

Qulache spiegazione storica.

il biopace: la MTB nasce come fenomeno verso la fine degli anni '80, ma le meccaniche erano molto essenziali e pesanti. Con le guarniture del 1988-89 cominciarono a produrre materiali leggeri e studiati. Secondo i markettari di shimano, il biopace, che consisteva in una moltiplica ellittica, avrebbe dovuto migliorare lo sforzo ed aumentare il rendimento in salita. Venne abbandonato l'anno successivo, quando tornarono alle moltipliche rotonde.

I manettini del cambio: semplicissimi, nelle prime versioni (per sei rapporti) si diceva che fossero già predisposti per i sette rapporti (impiegati sulle MTB a partire dal 1989). Li ho ancora sulla mia bici, e funzionano benissimo, ma avevano un difetto imperdonabile: erano troppo semplici, essenziali ed efficaci, vennero sostituiti l'anno successivo con il rapid fire, un sistema di due leve, una per salire una per scendere, attaccato al gruppo del freno. Faceva tanto figo... ma aumentava il peso, era più delicato e si guastava con una certa facilità costringendoti a cambiare tutto il gruppo -leva del freno incluso- (i miei manettini li uso da 32 anni)

Lo U-brake: quasi un freno a disco, fu una soluzione non stupida per migliorare la frenata dei cantilever che, se bagnati, diventava imprecisa; ma aveva un problema, era piazzato in basso, dove gira un sacco di sporco e troppo a ridosso della ruota e circondava interamente il pneumatico (da ché il nome U-brake), ma se c'era fango diventava un ricettacolo di materiale che frenava la ruota, al punto che realmente dovevi pedalare in discesa per riuscire a viaggiare. Fece furore nel 1989-90 ma poi venne -giustamente- abbandonato

il Farmer John's cousin; era un pneumatico tassellato a v con piccoli tasselli, derivato da Farmer John. andavano forte a quei tempi, anche se... secondo me i migliori erano gli Specialized Ground Control. Quello che faceva la differenza, invece, era la spalla del pneumatico in kevlar che era resistentissima, e ti permetteva di sostituire la camera d'aria senza bisogno dei ferri. Nella foto di Minaz, del Rampichino Vertical si vede la spalla della ruota posteriore segnata da righe, quella era una caratteristica delle ruote in kevlar.

Termino con un'ulteriore nota tecnica sul telaio: La foto di Minaz mostra un telaio saldato sull'innesto del canotto dello sterzo e innestato nelle guaine (brasato) sul canotto della sella. La soluzione non era banale, le sollecitazioni delle MTB avevano spesso causato rotture nette del tubo orizzontale proprio in corrispondenza dell'innesto sul canotto dello sterzo. Dove, rotture nette, significa che nell'arco di qualche km ti trovavi col tubo tranciato come se fosse stato tagliato col rasoio.
nella mia foto:

www.juzaphoto.com/galleria.php?l=it&t=4045283

quella Scanziani era in realtà il telaio di un Rampichino Cinelli prima versione, (notare il marcato avanzamento della ruota anteriore rispetto ai disegni successivi) ed un bel giorno, a due ore dalla strada asfaltata più vicina, pensò bene di tranciarsi di netto. Lo rimontammo, ingessandolo con dello scotch* che tratteneva due chiavi inglesi che lo tenevano sui lati ed una fettuccia da zaino che collegava sella a sterzo. Così il nostro amico riuscì a tornare alla base.Cool

*vero... perfino lo scotch, si girava con un'attrezzatura completa da meccanico... e l'abbiamo usata molto spesso, incluso il tagliacatena

avatarsenior
inviato il 25 Settembre 2021 ore 14:19

Si chiama cannotto non canotto che è un'altra cosa MrGreen

avatarjunior
inviato il 25 Settembre 2021 ore 18:53

Gsabbio il mondo non si è fermato nel 1995 MrGreen c'è stata un evoluzione importante nei materiali e nelle varie filosofie nel mondo della mtb. se ti fà piacere ricordare i tuoi tempi d'oro ok, ma da qui a consigliare puntapiedi e dire che una full non si può trasportare in spalla ...

se proprio si vuole tornare allo spirito pionieristico c'è chi affronta lo Chaberton con la vera BiciclettaMrGreen

avatarsenior
inviato il 25 Settembre 2021 ore 19:29

Prima di tutto l'allenamento, la forma fisica e infine l'abilità.
Chi ha il manico ti passa in discesa anche con una graziella e così anche in salita se è più forte di te .
Posso essere d'accordo a parità di prestazioni il mezzo può fare la differenza.
Io ho iniziato con mtb un anno prima di Gsabbio ed erano già 20 anni che pedalavo con la bdc, può calzare il parallelismo con la fotografia se non sai usare il mezzo è inutile spendere migliaia di euro le cose non cambiano.

avatarsenior
inviato il 25 Settembre 2021 ore 19:31

Per la cronaca ora sono in pensione pedalo ancora mai smesso dal 1967 con ogni tipo di bicletta nel 2021 per ora sono a quota 20000 km .

avatarsenior
inviato il 25 Settembre 2021 ore 19:49

Cannotto suona male .
Comunque si dice anche canotto è corretto.

avatarsenior
inviato il 25 Settembre 2021 ore 19:55

Le parole sono entrambe corrette ma il significato è totalmente diverso.

www.fixedforum.it/forum/topic/12197-canotto-vs-cannotto/

avatarjunior
inviato il 25 Settembre 2021 ore 20:01

Centauro sempre detto canotto MrGreen MrGreen

avatarsenior
inviato il 25 Settembre 2021 ore 20:13

Come vuoi, allora diciamo che qui ero in bici e stavo armeggiando col cannotto MrGreen



avatarjunior
inviato il 25 Settembre 2021 ore 20:22

MrGreenMrGreen

avatarsenior
inviato il 25 Settembre 2021 ore 22:47

Cann o can... 60+ anni in una famiglia di ciclisti, meccanici ecc... e nessuno lo ha mai chiamato cannotto. Ma non ha nessuna importanza, per me, ovviamente, rimane canotto (anche la Treccani lo indica come variante erronea -ma di uso comune-). A proposito: si dice Treccani o Trecani? MrGreen

@Antonioinoki

materiali o filosofie sono ininfluenti, che sia il 1909, il 1989 o il 2021 per andare in bici non è cambiato nulla e serve sempre la stessa cosa: i garuni (grazie Murmunto)

Leggi bene, non ho per nulla consigliato il puntapiedi (quello a gabbietta), che in MTB è ben pericoloso (ne so qualcosaMrGreen, ma ho consigliato la conchiglia -nessun cinghietto- per trattenere le punte dei piedi specie in discesa sullo sconnesso (come ho scritto: era una tecnica mutuata dal ciclocross), che come ho chiaramente spiegato, in caso di caduta è esattamente come non avere nulla che trattiene il piede. Poi... se non va più di moda... non fa figo... oppure i pedali -piatti- non consentono più di montare la mezza gabbietta... oppure si è dimenticato come si faceva... non me ne po' ffregà de meno, guardate pure 'avanti' e non curatevi se le vostre scarpe scivolano via dal pedale -piatto-.

Non ho scritto che non si può portare in spalla una full, ho chiesto come si fa, ora ho visto -grazie- e la lascio lì. Tra l'altro, su quei passaggi io avrei smontato le ruote per ridurre l'ingombro laterale.

E per tornare ai tempi eroici: scendere dallo Chaberton con una Graziella sarebbe un'impresa, sempreché arrivi giù intero (tu o la bici) MrGreen ma senza nulla togliere alle difficoltà tecniche, quella del video ha i freni a disco, una forcella più moderna e senza il giunto centrale che consentiva di piegare la Graziella (per metterla nel bagagliaio della 127) in sostanza è una bici da trial 'graziellata' con un dettaglio simile all'originale: il portapacchi che concorre a formare il carro posteriore... in una parola: clickbait

ed a proposito d'imprese dei tempi eroici -senza trucchi- se qualcuno conosce la salita di Montevecchia (LC): sono 1800m di strada su un dislivello di 150m con tratti al 15-18%... negli anni '80 ci fu un forte alpinista lombardo che un po' per ridere un po' per scommessa la salì con la bici da uomo anni '50 di quelle stradali, pesanti, nere con le righe d'oro che ornano i tubi del telaio, i freni a bacchetta, cerchioni enormi e nessun cambio (tra le migliori quelle della Dei). Ci riuscì e senza scendere, ma piegò il manubrioEeeek!!! (della stessa serie dei 'garuni' ed anche addominali e bicipiti d'acciaio)



Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)



Questa discussione ha raggiunto il limite di 15 pagine: non è possibile inviare nuove risposte.

La discussione NON deve essere riaperta A MENO CHE non ci sia ancora modo di discutere STRETTAMENTE sul tema originale.

Lo scopo della chiusura automatica è rendere il forum più leggibile, sopratutto ai nuovi utenti, evitando i "topic serpentone": un topic oltre le 15 pagine risulta spesso caotico e le informazioni utili vengono "diluite" dal grande numero di messaggi.In ogni caso, i topic non devono diventare un "forum nel forum": se avete un messaggio che non è strettamente legato col tema della discussione, aprite una nuova discussione!





 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me