RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy e preso visione delle opzioni per la gestione dei cookie.

OK, confermo


Puoi gestire in qualsiasi momento le tue preferenze cookie dalla pagina Preferenze Cookie, raggiugibile da qualsiasi pagina del sito tramite il link a fondo pagina, o direttamente tramite da qui:

Accetta CookiePersonalizzaRifiuta Cookie

Motore di messa a fuoco lineare.


  1. Forum
  2. »
  3. Obiettivi
  4. » Motore di messa a fuoco lineare.





avatarsenior
inviato il 03 Settembre 2021 ore 16:36

Noto che molte delle ultime ottiche per Mirrorless adottano questo sistema e mi chiedevo la differenza rispetto quello ad ultrasuoni adottato in precedenza.

avatarsenior
inviato il 03 Settembre 2021 ore 18:32

Thinner se cerchi con google trovi dettagli, in generale uno lavora per rotazione l'altro per spostamento su un asse, in pratica lo statore è messo su line invece che circolarmente.
I motori lineari risultano più precisi, rapidi e silenziosi, generalmente, comportano complessità costruttive derivanti dalla necessità di disporre di tanta energia per brevissimo tempo ma anche su questo fronte hanno fatto passi da gigante con l'uso di terre rare per implementare “superconduttori”.

In poche parole il futuro sarà puntato all'impiego di questo tipo di tecnologia.

avatarsenior
inviato il 03 Settembre 2021 ore 19:38

Sempre ammesso che i cinesi le terre rare le forniscano regolarmente. ;-)

avatarsenior
inviato il 03 Settembre 2021 ore 20:17

Adesso la vedo molto dura, anche perché i cinesi probabilmente contavano sull'afganistan come futura fonte….e ora la vedo mooolto dura…

avatarsenior
inviato il 03 Settembre 2021 ore 20:56

Grazie per le risposte!

avatarsenior
inviato il 03 Settembre 2021 ore 21:05

I motorini di messa a fuoco con movimento lineare, usano la coppia data da una corrente generata da una bobina alimentata che che si muove in un campo magnetico fisso generato da un magnete permenente, vengono anche detti motorini elettromagnetici (.....ma lo sono tutti i motori elettrici).

- la coppia è bassa: viene usato in ottiche di piccole dimensioni e leggere

- non usano meccanismi rotativi, dunque non c'è un gruppo motoriduttore ad ingranaggi, perchè il moto è lineare.

- sono veloci

- sono silenziosi

Coi motorni lineari, le Case ci risparmiano un sacco di soldi e di spazio, e ne possono avere più di uno sulla stessa ottica, muovendo gruppi ottici diversi all'interno dell'ottica per focheggiare.

E' la caccia spietata al risparmio che avanza nell'ottica da bancone.

Sull'AF i motorini lineari sono come le ottiche PF nel parco ottico, le PF sono ottiche realizzate con generatori di AC in controfase con l'AC propria dell'ottica, le lenti di Fresnel, per fare le ottiche PF, Phase Fresnel: sono ottiche più leggere delle ottiche normali, ma non sono roba di pregio, un tempo le ottiche con elementi di Fresnel le usavano per i giocattoli, un'ottica PF ha risoluzione più bassa di quella fatta con vetro buono, genera aloni colorati in certe situazioni, etc., è roba vilissima.

I motorini lineari costano pochissimo, tanto che in un'ottica ce ne ficcano anche più di uno, ma connettere la bobina che genera il campo elettromagnetico variabile al gruppo ottico che si deve muovere, può creare dei problemi di precisione ed affidabilità, dunque sulle ottiche "buone" professionali, che devono lavorare in condizioni ambientali dure, quei trabiccoli lì non ce li montano, è per roba prettamente amatoriale.

user187800
avatar
inviato il 03 Settembre 2021 ore 21:07

l'uso di terre rare per implementare “superconduttori”.

Le terre rare si usano per produrre magneti permanenti per brushless dc, ovvero magneti che hanno cicli d'isteresi praticamente nulli, o molto bassi. I materiali superconduttori sono altri e non c'entrano un tubo ;-)

avatarsenior
inviato il 03 Settembre 2021 ore 21:08

I magneti permenenti dei motorini lineari sono roba da tre palle una lira, nulla di trascendentale.

Poi far muovere un gruppo ottico in modo lineare crea problemi di robustezza, se l'ottica piglia une bella sberla di lato, uno sforzo di taglio, ci sta che si blocchi, mentre un motorino USM abbraccia il gruppo mobile con un cuscinetto di metallo, e le sberle laterali le sopporta indubbiamente meglio.

user187800
avatar
inviato il 03 Settembre 2021 ore 21:09

“I magneti permenenti dei motorini lineari sono roba da tre palle una lira, nulla di trascendentale.”

Si infatti ;-)

avatarsenior
inviato il 03 Settembre 2021 ore 21:55

Non parlavo di superconduttori veri (ho virgolettato apposta) che lavorano a temperature prossime allo zero assoluto ma di conduttori e magneti capaci fornire campi magnetici elevati con poca corrente.

Tralascio i commenti riguardo le interpretazioni di Pollastrini su ipotetici risparmi e le affermazioni su motori lineari di cui parla semplicemente basandosi su modelli che lo portano a tali considerazioni, i motori lineari sono usati in ogni dove compresi i treni a levitazione magnetica (a bassa accelerazione) o in campo militare o in campo spaziale.
L'uso di più motori permette la gestione di gruppi ottici che si muovono all'unisono consentendo messe a fuoco altrimenti velocissime, sono attualmente usati in supertele com 400 e 600 gm oltre che in tantissimi altri obiettivi sony, in canon sul 100-500 e 70-200 con evidenti vantaggi sulla velocità rispetto a qualsiasi soluzione del passato.

Ad ognuno le proprie convinzioni…anche quelle complottistiche…

Ah dimenticavo, non solo non si è a conoscenza del tipo di soluzioni impiegate, del modo in cui sono state impiegate ma si ipotizzano anche possibili limiti operativi o rotture in presenza di colpi, cosa che dovrebbe essere comprovata da test con relativi valori G di accelerazione laterale o longitudinale, …cosa che sarei curioso di vedere per verificare quali elementi possano subire danni per primi:
Barilotto, lenti, sistema di stabilizzazione ghiere…

Ma come sempre si è tutti allenatori, CIO, progettisti…

avatarsenior
inviato il 03 Settembre 2021 ore 22:16

I motorini lineari costano pochissimo, tanto che in un'ottica ce ne ficcano anche più di uno, ma connettere la bobina che genera il campo elettromagnetico variabile al gruppo ottico che si deve muovere, può creare dei problemi di precisione ed affidabilità, dunque sulle ottiche "buone" professionali, che devono lavorare in condizioni ambientali dure, quei trabiccoli lì non ce li montano, è per roba prettamente amatoriale.


I motori lineari si usano da tempo nell'elettro-oleo-pneumatica (oltre a quanto già indicato da Mactwin).
Le affermazioni come quella quotata, CHE BANALIZZANO E GENERALIZZANO, spesso contraddicendo le precedenti affermazioni significano una sola cosa (o forse due). MrGreen

Riguardo all'affidabilità inviterei a riflettere su quante rotture di motori collaudati come quelli montati sui Nikon AFD e AFS si sono lamentate negli anni (fischi esclusi). Il 17-35 come anche l'80-200 ne erano affetti consistentemente ma non solo.
Preciso che ho citato Nikon non per partigianeria o avversione ma perché li conosco avendoli avuti per oltre un ventennio ma credo che in casa Canon la musica non sia stata diversa.


avatarsenior
inviato il 03 Settembre 2021 ore 23:00

Maurizio ma è incommentabile su, su un'ottica come il 600gm sai quanto incide il costo di un rotore usm o di motori lineari (che per altro non costano affatto meno viste le caratteristiche, ma forse si riferivano ai motori stepper)? Lo 0,1%?

A parte i costi di progettazione, ci sono i costi per la produzione di vetri, soprattutto quelli speciali, l'assemblaggio a mano, i controlli qualità….
Forse il tappo di pelle costerà di più di un rotore, e per risparmiare non lo hanno fatto in neoprene o in gomma, ma in pelle.
La borsa non l'hanno fatta di a busta di plastica ma con finiture in alluminio spazzolato.
Il paraluce non in plastica mi raccomando…per risparmiare meglio farlo in carbonio.


avatarsenior
inviato il 04 Settembre 2021 ore 3:08

In realtà vedo che i motori lineari sono adottati anche su ottiche professionali tipo i Sony GM, quindi non mi sembra proprio una soluzione riservata a lenti economiche.

avatarsenior
inviato il 04 Settembre 2021 ore 8:02

perché i due RF sono lenti amatoriali economiche?

avatarsenior
inviato il 04 Settembre 2021 ore 8:42

di economico non c'è niente, di gratis invece ci sono le sciocchezze elargite a piene mani da chi è nato imparato...

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 226000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.






Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me