RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

Se vuoi, puoi anche abilitare o disabilitare specifici cookie tramite la pagina Preferenze Cookie.

OK, confermo

Referendum per l'abolizione della caccia


  1. Forum
  2. »
  3. Viaggi, Natura, Escursioni ed Eventi
  4. » Referendum per l'abolizione della caccia





avatarsenior
inviato il 19 Luglio 2021 ore 12:14

abolire la caccia fine a se stessa? Pienamente d'accordo, come sono anche pienamente d'accordo all'eliminazione degli allevamenti intensivi.
O si diventa tutti vegetariani, o si aspetta che un animale muoia di vecchiaia in allevamento (libero) prima di mangiarselo.
Condannare la caccia a prescindere e non la carne che trovi pronta nel frigo lo trovo un po' i.pocrita.

avatarsenior
inviato il 19 Luglio 2021 ore 12:16

@Alex
A parte che sì, potrei, purtroppo (ahah!) sono circondato da familiari che ci campano di filosofia - non sono insegnanti di licei, senza nulla togliere a loro e alla loro professione, ma tanto per capirsi - e quindi quelle tue amenità sono all'ordine del giorno ogni tanto, perché è roba che pecca di tanti errori logici (almeno logica 1 e logica 2 li avrai dati, no? Fai un ripassino - e torno al punto di partenza): non siamo all'ora di religione, se proprio senti di esprimere le tue opnioni, perché di questo si tratta: stai viziando di dogmaticità ogni tua affermazione, sei pregato di restare in tema, altrimenti divertiti pure a cercare adepti o qualcuno che ti ascolti nella sezione tema libero.
Qui si parla del senso di un referendum con i limiti e gli eventuali pregi, o forse nella tua necessità di dover ammansire il resto degli utenti delle tue minute verità non ci hai fatto caso?
Resta in tema, se ne fossi eventualmente capace.
Dal tono della tua, perché ne hai bisogno, risposta a questa mia, si capirà.
Almeno gli altri, ovviamente tu penserai di essere dentro e in merito.
Optimae
;-)

avatarsenior
inviato il 19 Luglio 2021 ore 12:22

Abolire la caccia sarebbe sicuramente un grave errore.... Sicuramente si può fare di più per renderla più compatibile con altre attività quali ricerca funghi ed escursionismo....
Ma svolge una importante funzione, in alcuni casi, nel mantenimento di determinati equilibri... Ma è un discorso complesso che genera inutili discussioni di solito...

avatarsenior
inviato il 19 Luglio 2021 ore 12:22

www.enpa.it/it/83230/cnt/i-fatti/referendum-per-abolire-la-caccia-enpa

avatarjunior
inviato il 19 Luglio 2021 ore 12:29

bah... io da bambino passavo le estati dai nonni che avevano gli orti e allevavano animali per uso personale (per un totale di 9 famiglie)

Polli, capponi, conigli, quaglie. C'era un rispetto quasi religioso per le "bestie" (il termine con cui venivano chiamate), tutti i giorni c'era del lavoro da fare, ripulire le mangiatoie, lavare gli abbeveratoi e assicurare cibo, acqua e le migliori condizioni perchè gli animali crescessero sani. Quante bestemmie di mio nonno ho sentito perchè nonna prima di preparare la cena doveva aver finito di sistemare il pollaio. Per me era la normalità avere cura e rispetto per gli animali pur sapendo che a fine stagione sarebbero finiti tutti nei freezer. Non ho mai avuto traumi infantili, pur avendo visto centinaia di polli e conigli uccisi, eviscerati e preparati per la conservazione.

Zio era cacciatore, spesso tornava a mani vuote o poco più, ma ho ancora impresso nella mente quelle volte che tornavano con la macchina carica di Fagiani e si facevano tavolate invitando anche i vicini di casa (era un modo per fare lo "sborone" ante Instagram ahahah)

Io vivo in città e queste cose non le vivo più (purtroppo). Giudicare da lontano è semplice, ma non è sempre corretto. Per questo motivo sono fermamente contrario a "referendum" dove si vota "per principio" senza essere calati nella realtà vissuta.

avatarsenior
inviato il 19 Luglio 2021 ore 12:35

La soluzione sarebbe poter coltivare quella che adesso macelliamo o cacciamo, in modo da evitare tutto il circuito.
Vi sono studi e qualche laboratorio ci sta lavorando.
Sicuramente la pressione sull'ambiente, gli allevamenti intensivi sono incredibilmente inquinanti, diminuirebbe e vedere l'agnello al pascolo e i suoi cosciotti venduti senza che sia stato ucciso sarebbe una bella cosa.
Chissà i vegetariani come farebbero a gestire la loro "fede"?
A destra il porcellino bello tranquillo che bruca nel campo e a sinistra una rosticciana profumata derivata dalle sue cellule. MrGreen
Aggiungo: non è fantascienza, per ora si riesce ad ottenere hamburger, ma un domani, chissà.

avatarjunior
inviato il 19 Luglio 2021 ore 12:37

@sabbiavincent

Guarda che l'unico che è intervenuto totalmente fuori tema senza toccare minimamente l'argomento caccia, sei tu!

avatarsenior
inviato il 19 Luglio 2021 ore 12:41

"Da dove ti viene la presunzione che ci sia una unica coscienza?"

Ich denke, Io trascendentale, da non confondere con il pur stimabilissimo e nobilissimo Io empirico. Leggiti la Kritik der reinen Vernunft, ovviamente non basta leggerla, bisogna comprenderla. (Per semplificare, senza presupporre una coscienza unica non ci sarebbe il CERN, il premio Nobel ecc. ecc., compreso il nostro un po' troppo titubante e parac.ulo Comitato Tecnico Scientifico).


P.S. Ottima la definizione di oggetto come Gegenstand, superlativo l'accenno al Buon Enrico (ho subito pensato: questo è bergamasco, anche se li mangiano ovunque in montagna).
Sento una notevole repulsione a vedere abbattere un animale e anche solo a sentire lo sparo, ma sono carnivoro e non abolirei la caccia, è un fenomeno culturale di una certa e antichissima dignità, anche come pura attività sportiva, le cacce medievali, sanguinosissime, violentissime, erano puro sport. Anche se vedere gente notevolmente sovrappeso e col fiato corto, che cercava la lepre con i cani non allontanandosi più di venti metri dalla Land Cruiser sulla strada per il Passo di Verva, non era un bel vedere. Bello invece quel solitario che con cane e fucile a tracolla traversava sui detriti sotto il Masuccio, a Schiazzera. Domanda cretina: "Va a caccia?" Risposta surreale: "Nooo, in questo periodo è chiusa." Ah! allora portava a spasso il fucile? Mah, forse allenava il cane.

Buonissimo il salmì di cervo con la polenta taragna (si mormora però che il marito dell'ostessa faccia una caccia non proprio regolare), superlativo il camoscio che ho mangiato a Natale, omaggio, o meglio parziale pagamento in natura della moglie di un cacciatore (di selezione, si spera) a mia cognata.
Mi dispiace moltissimo che sia morto di covid il principe degli armieri della caccia di montagna.

avatarsenior
inviato il 19 Luglio 2021 ore 13:15

@Murmunto
Presupporre, appunto.
Il fatto che se ne può ragionare vuol solo dire che il buon eremita della montagna del re, che per inciso apprezzo, non è il limite e oltre non si vada, sono passati un po' di annetti, un buon classico è come un vino riserva, si beve bene, poi mi prendo un torbato.

;-)
E non so se è stato detto: se si sta parlando di referendum sulla caccia, che il buon alex resti lì e non vada a chiacchierare di filosofia spicciola perché se stai qui devi per forza metterti a semplificare, vada nei forum adeguati se ne ha una così impellente necessità, ma temo che là non sarebbe minimamente considerato, ovviamente.
la caccia, è un fenomeno culturale di una certa e antica dignità

Infatti la caccia è intrinsecamente legata al nostro modo di essere umani, da sempre. Anzi nella natura non abbiamo che pochissimi esempi di simbiosi.
Essa è cultura, che sia un retaggio e che se ne possa fare a meno, bè, ci sta.
Come ho scritto, per me sarebbe già una buona cosa poter mangiare la carne di un'altro essere vivente senza per questo ucciderlo.
Sono convinto che succederà, tutto sta nel costo di questo processo.


@Alex
Sei leggermente in ritardo, leggi pure il mio intervento sopra il tuo. MrGreen

avatarjunior
inviato il 19 Luglio 2021 ore 17:37

Cerco sempre di comprendere il perché di un dato comportamento.. cosa si cela dietro in realtà; io non ti conosco sabbiavincent, né conosco la tua situazione. So che comunque dev'essere triste e frustrante se ti porta ad attaccare personalmente uno sconosciuto su un forum solo perché ha una visione d'insieme differente dalla tua. Quindi, io non infierirò sulla tua inscienza, ma avrò grande compassione nei tuoi riguardi; ti auguro che le cose vadano meglio in futuro.
Pace, Pace, Pace

@Murmunto
Ti ho risposto in privato

avatarsenior
inviato il 19 Luglio 2021 ore 19:31

Come ho scritto, per me sarebbe già una buona cosa poter mangiare la carne di un'altro essere vivente senza per questo ucciderlo.


Il gusto non è lo stesso... Siamo ben lontani da avere qualcosa di decente creato "in provetta". Ed ha pure poco senso...
Se mangi carne per "gustarla", nulla sostituisce l'animale macellato.
Se invece mangi carne per le "sostanze nutrienti" in essa contenuta è molto più promettente la ricerca sugli allevamenti intensivi di insetti... Ciclo di vita brevissimo, bassa tecnologia e basso fabbisogno di materie prime per il loro nutrimento. Un bell'hamburger di macinato di grilli e sei nutrito MrGreen E se vuoi qualcosa di più saporito, una bella cotoletta di scarafaggi MrGreen

avatarsenior
inviato il 19 Luglio 2021 ore 19:36

Possiamo dire che nel 2021 è un passatempo un poco antistorico?

avatarjunior
inviato il 19 Luglio 2021 ore 19:51

Tra gli allevamenti intensivi e la caccia, salvo la caccia.
Se dovessi rinascere bestiola, spero tanto di essere beccaccia e non pollo.

avatarsenior
inviato il 19 Luglio 2021 ore 19:53

Non ne parla nessuno , ma è in corso una raccolta di firme per un referendum per l'abolizione della caccia .


Purtroppo senza la caccia, gran parte dell'economia agricola non sarebbe possibile.
Quella pratica che va sotto il nome di "uccellagione", uccidere uccelli per limitarne il numero, forse oggi non più consentita ma negli anni '60 sì e organizzata dai comuni, era necessaria per salvare le colture. Nella mia zona, una volta all'anno un gruppo di una ventina di cacciatori veniva adunato sotto la supervisione della guardia comunale, per sparare a tutto quello che volava.

Mio padre e i fratelli tutti cacciatori, si montavano le cartucce da sé. Ognuno aveva in casa gli attrezzi necessari. Avevo quattro, cinque anni e osservano mio padre disporre sul tavolo le ciotoline con i pallini differenziati in dimensioni, pesare la dose di polvere, montare la cartuccia e mettere il tutto sotto la pressa... era affascinante.
Ogni anno passava dall'armiere e faceva scorta per la stagione della caccia.

Un giorno d'Estate mi portò con sé in un nostro campo diviso in tre parti di cui una seminata a grano. Era maturo e aspettavano soltanto che la mietitrice arrivasse lì per mieterlo. Quel giorno gli storni erano in giro e si vedevano svolazzare e cantare sulle querce in un bosco a un paio di centinaia di metri da noi. D'improvviso si levarono in volo componendo le classiche coreografie e per qualche secondo sembrarono volgere in qualche direzione per allontanarsi, ma si tuffarono sul nostro campo di grano e vi scomparvero dentro per tre o quattro minuti. Rimasi sorpreso. Erano migliaia e non potevano sparire così! Mio padre rimase silenzioso. Infine ripresero il volo e se ne andarono... Mio padre mi invitò a seguirlo e ci addentrammo tra le spighe. Erano quasi tutte danneggiate, I chicchi divelti al quaranta per cento e caduti a terra, quindi irrecuperabili. Per liberare un chicco da mangiare, immagino che lo storno avrà dovuto rompere quasi l'intera spiga... Mio padre era serioso ma si capiva che avrebbe voluto piangere.

Da quell'esperienza ho sempre valutato con cautela tutte le iniziative contro la caccia.

La specie umana fonda il suo benessere sullo sfruttamento di tutte le altre e qui c'è poco... anzi nulla da fare, casomai ottimizzare gli equilibri per una migliore giustizia anche per gli animali e questo si sta già facendo.




avatarsenior
inviato il 19 Luglio 2021 ore 19:58

La regolamentazione della caccia è fittizia. I migratori pretendono di sfuggirla facendosi trovare in Africa all'apertura? La anticipiamo; in Veneto è così.

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 212000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.






Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me