RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy e preso visione delle opzioni per la gestione dei cookie.

OK, confermo


Puoi gestire in qualsiasi momento le tue preferenze cookie dalla pagina Preferenze Cookie, raggiugibile da qualsiasi pagina del sito tramite il link a fondo pagina, o direttamente tramite da qui:

Accetta CookiePersonalizzaRifiuta Cookie

calibrazione di uno schermo consumer


  1. Forum
  2. »
  3. Computer, Schermi, Tecnologia
  4. »
  5. Schermi
  6. » calibrazione di uno schermo consumer





user205232
avatar
inviato il 19 Aprile 2021 ore 17:07

No no, era una considerazione generale MrGreen perché ovviamente il grande movimento fotografico ormai è lì, cioè il web. per il fatto che anche dovendo pubblicare sul web, sarebbe corretto avere un monitor calibrato, è vero... ma visto il costo di un monitor adeguato e relativa sonda, posso tranquillamente ammettere la post produzione con un buon monitor generico MrGreen

avatarsenior
inviato il 19 Aprile 2021 ore 17:10

una sonda discreta la si trova sui 100€, un monitor decente non per forza devi spendere 1000€MrGreen

avatarsenior
inviato il 19 Aprile 2021 ore 17:11

Daniele, già, Eizo 247x = €. 1501,00 MrGreen

avatarjunior
inviato il 19 Aprile 2021 ore 17:12

Sostanzialmente se le foto non vengono stampate ma solo pubblicate sui social o web in generale, si può tranquillamente evitare di comprare monitor specifici, si può tranquillamente evitare di cercare la calibrazione perfetta, questo perché le foto verranno ESCLUSIVAMENTE visualizzate da smartphone, pc, tv ecc che a loro volta non saranno ovviamente calibrati, di conseguenza diventa un lavoro inutile e costoso, per quanto mi riguarda ho avuto fortuna con il monitor, ho un Samsung calibrato a "occhio" cioè facendo prove di stampa in casa, ora praticamente quando mando in stampa, presso laboratori come saal digital e similari, ricevo stampe praticamente identiche a ciò che vedevo a monitor


questo tipo di approccio è sbagliatissimo e ti spiego anche perché.
Supponiamo che tu debba pubblicare la tua foto esclusivamente sui social e che quindi chi la vedrà, lo farà dallo schermo di uno smartphone (o di qualsiasi altro dispositivo) non calibrato.
Se TU non calibri il tuo monitor, la foto risultante avrà i colori sballati e vedendola su un altro monitor, anch'esso non calibrato, potrebbe risultare completamente sballata o se sei fortunato che il monitor "di arrivo" è calibrato male come il tuo, allora vedrai la foto come la vedevi tu a schermo.
Esempio più pratico: se il tuo monitor ha una dominante verde, l'erba delle tue foto risulterà giusta sul tuo monitor, ma se la guardi su un monitor con una dominante magenta, vedrà l'erba "più magenta" rispetto a quella di una foto fatta con monitor calibrato.

La calibrazione, anche se il target finale della foto è uno schermo, serve proprio ad appianare o quantomeno ridurre al minimo le differenze di calibrazione di tutti monitor, raggiungendo un valore "medio" che permetta a tutti di visualizzare il colore il più correttamente possibile.

Spero di essermi spiegato.

user205232
avatar
inviato il 19 Aprile 2021 ore 17:15

Agomatte, Spiegami dove sarebbe indispensabile spendere soldi per un monitor calibrato e sonda per postare foto su Instagram se pur a livello professionale?? dove c'è una compressione che fa schifo, e soprattutto dove ci sono miliardi di smartphone da quello da 50 euro a 2000 con schermi dai colori sparati e finti?! assolutamente no, basta un buon monitor generico e magari calibrato da qualcuno che può prestare la sonda, o a limite fare dei test se a casa si possiede un ottima stampante. altrimenti secondo il tuo ragionamento, tutti i fotografi che lavorano con i notebook sono dei × MrGreen

user205232
avatar
inviato il 19 Aprile 2021 ore 17:21

Mark_ferrer Si infatti, ma un conto è avere i colori sballati sul monitor un altro è non avere un monitor fotografico, che sono due cose molto differenti eh, infatti puoi tranquillamente calibrare il monitor generico o con una sonda o in modo rudimentale, con prove di stampa, in questo caso puoi tranquillamente avere un adeguato bilanciamento di tutto che ti permetterebbe tranquillamente di pubblicare in modo corretto per il web, e stampare anche... certo, se non parliamo di stampa fine Art ovviamente MrGreen

avatarjunior
inviato il 19 Aprile 2021 ore 17:23

io ho calibrato il mio monitor da povero e le stampe fine art (tra molte virgolette) per me stesso, le faccio comunque.

user205232
avatar
inviato il 19 Aprile 2021 ore 17:29

Ecco appunto, vedi?? si può tranquillamente fare senza fino a un certo livello di lavoro ovviamente, in alcuni casi è praticamente IMPOSSIBILE fare senza, in tutti gli altri casi, sarebbe IDEALE sempre, ma visto i costi non indifferenti, si può tranquillamente trovare un compromesso efficace, sia a livello professionale che non, infatti molti lavorano solo con notebook e trovano un compromesso efficace. quindi il monitor prettamente fotografico non è assolutamente necessario ma semplicemente consigliabile, mentre in alcuni occasioni o settori, bhe... si, è OBBLIGATORIO senza se e senza ma!

user205232
avatar
inviato il 19 Aprile 2021 ore 17:45

ah, ovviamente se si usa la stampante come punto di riferimento, deve essere un ottima stampante, altrimenti ovviamente è tempo perso MrGreen io per uso professionale ho un notebook, dato che lavoro in mobilità come fotografo, e spesso vado da un amico in tipografia per calibrare il più possibile il monitor, quasi sempre mi fanno il test di stampa che ovviamente, in tipografia è la miglior risposta che puoi avere MrGreen

avatarjunior
inviato il 19 Aprile 2021 ore 21:14

"Spiegami dove sarebbe indispensabile spendere soldi per un monitor calibrato e sonda per postare foto su Instagram se pur a livello professionale?? dove c'è una compressione che fa schifo, e soprattutto dove ci sono miliardi di smartphone da quello da 50 euro a 2000 con schermi dai colori sparati e finti?! assolutamente no, basta un buon monitor generico e magari calibrato da qualcuno che può prestare la sonda, o a limite fare dei test se a casa si possiede un ottima stampante. altrimenti secondo il tuo ragionamento, tutti i fotografi che lavorano con i notebook sono dei ×"
Parto dalla fine. Si,i fotografi che lavorano con un notebook a mio parere dovrebbero quasi cambiare mestiere, fare post con un notebook oltre a non essere professionale significa capirci poco di tutto il processo. I monitor dei notebook non sono assolutamente adatti a fare una post seria. Sul fatto come dici tu di usare un monitor generico e farsi prestare una sonda non rispondo neanche perche' denota il fatto che non sai proprio di cosa parli. La post è completamente un'altra cosa,mi dispiace che qualcuno non lo capisce. Saluti

user205232
avatar
inviato il 19 Aprile 2021 ore 21:43

beh certo, perché secondo te chi è COSTRETTO a lavorare in mobilità, dovrebbe evitare no!? giustamente perché non mettere nello zaino un monitor esterno da 27 pollici no?! bhà... quando leggo certi commenti, mi rendo conto di come la fotografia stia sempre più diventando una scusa per sfoggiare hardware più che la sostanza, parla con i fotografi sportivi ed eventi live in generale, che hanno dallo scatto a l'invio in redazione si e no, 10 minuti, vagli a dire che sono dei c0glioni perché usano un notebook, vai vai... poi ne riparliamo di cos'è la professionalità di un fotografo. non tutti hanno la possibilità di avere il culo sulla sedia e mettere il monitor che può o deve, ci sono fotografi come il sottoscritto che lavorano in mobilità, e non deve cambiare lavoro perché DEVE usare un notebook, se mai certa gente dovrebbe azionare il cervello prima di parlare ;-)

avatarjunior
inviato il 19 Aprile 2021 ore 21:59

L'argomento del thread è "calibrazione di uno schermo consumer" e tu mi parli di inviare le foto in 10 minuti. Hai proprio ragione,certa gente dovrebbe azionare il cervello prima di parlare ;-) . Continua pure tu,io ho di meglio da fare. Buona serata

user205232
avatar
inviato il 19 Aprile 2021 ore 22:09

non è questione di tempo, potresti avere anche un giorno intero, con cambia la sostanza, se sei un fotografo che lavora in mobilità hai bisogno di un notebook,e con tutto ciò che ne consegue . punto. ma ovviamente per te il fotografo che usa il notebook dovrebbe cambiare lavoro, ahahahah...

avatarjunior
inviato il 19 Aprile 2021 ore 22:40

Beh innanzitutto datevi una calmata entrambi.

i fotografi che lavorano con un notebook a mio parere dovrebbero quasi cambiare mestiere, fare post con un notebook oltre a non essere professionale significa capirci poco di tutto il processo


Ognuno ha le proprie esigenze lavorative: se uno sta fuori casa il 90% del proprio tempo, che senso avrebbe farsi un computer fisso da 2000 euro + monitor da 1000 (cifre a caso)? A quel punto la spesa sarebbe inutile: è vero che potrebbe ottenere dei risultati migliori rispetto a quello che potrebbe ottenere con il portatile, ma questo conterebbe poco perché produrrebbe ottimi risultati ogni morte di papa, rispetto a produrre risultati buoni o anche molto buoni più frequentemente (vorrei ricordarti che sul forum non siamo tutti fotografi fine art che vivono di mostre fotografiche 365 giorni l'anno, esistono anche gli amatori o i professionisti "normali" che VOGLIONO produrre più quantità al costo di una minore qualità).
è questione di saper fare trade off, non è questione di ignoranza del processo. Nel caso del monitor del portatile rispetto a un monitor professionale, stai acquistando mobilità (e anche tanta) e stai perdendo in qualità/dettaglio/fedeltà del colore e chi più ne ha più ne metta.
A giudicare dal tuo post, mi sembri uno che non ha mezze misure, o è bianco o è nero, o spendo 10000€ sull'attrezzatura per fare "vera" fotografia, oppure puoi fare "foto" con la fotocamera della Pimpa.
Capisco questa cosa anche dalla maniera passivo-aggressiva con cui cui rispondi a qualcuno che invece scrive in modo pacato e tranquillo.
Potevi CERTAMENTE evitare (anche io ho dissentito dal commento di Daniele-78, ma mica gli ho dato dell'incompetente ignorante in modo implicito).

Sul fatto come dici tu di usare un monitor generico e farsi prestare una sonda non rispondo neanche perche' denota il fatto che non sai proprio di cosa parli. La post è completamente un'altra cosa,mi dispiace che qualcuno non lo capisce.


E con questo? Stai forse dicendo che chi fa "postproduzione" (o forse dovrei chiamarla postproduzione entry-level?) su un monitor di livello consumer calibrato con uno strumento apposta, non starebbe facendo postproduzione?
Seguendo il tuo ragionamento, se non usi una fotocamera che costa almeno 7000€ non stai facendo fotografia come dio comanda? E ancora, se non postproduci la foto fatta con suddetta macchina con un monitor da 3000€, in realtà stai solo giocando con gli slider di Lightroom?
E poi cosa intendi tu per "postproduzione"?

Tutta questa tecnologia, per quanto buona sia, è OVERKILL nel momento in cui non hai le capacità per sfruttarne appieno le potenzialità: uno può anche spendere solo 150€ per uno schermo su cui fa post produzione entry level e non riuscire a sfruttare al massimo le prestazioni dello stesso, a maggior ragione non sfrutterà le potenzialità di uno schermo da 2000€ calibrato da dio sceso in terra.

Per concludere, la fotografia ormai è un'arte vecchia come il mondo, ma non per questo significa che voi vegliardi siate i depositari dell'unica verità fotografica.
Avete rotto il × (chiedo scusa a tutti quelli che hanno mantenuto il rispetto degli altri nella discussione) di fare nonnismo, non solo in fotografia ma anche nella vita reale, lasciate spazio alle nuove generazioni perché sappiate che il mondo sta cambiando e la vostra mentalità è OBSOLETA e in quanto tale deve essere ERADICATA.

user205232
avatar
inviato il 19 Aprile 2021 ore 22:49

esattamente, aggiungerei solo che oltretutto non è assolutamente vero che un notebook è inferiore a un fisso, ma solo che se per un fisso spendi 1500 euro, per avere le stesse prestazioni su un notebook ne devi spendere 3000 circa, quindi non è una questione di potenza o affidabilità, ma di prezzi. detto ciò... il 99% delle foto sbagliate nei colori ecc, è dovuta alla cattiva post produzione, cioè proprio alla mancanza di consapevolezza della post, non sicuramente per un verde o rosso mezzo tono sopra o sotto, molta gente pensa a spendere 1000 euro di monitor professionale, io gli consiglierei un monitor da 300 euro e 700 euro da investire in studi della post! un monitor leggermente calibrato male non ha mai rovinato il senso di una foto, una post esagerata e mal studiata si, anche da monitor da 3000 euro ;-)

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 243000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.






Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve una commissione in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me