RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Zuiko OM 4


  1. Forum
  2. »
  3. Obiettivi
  4. »
  5. Obiettivi Zuiko OM
  6. » Zuiko OM 4





avatarsenior
inviato il 04 Maggio 2021 ore 13:35

www.juzaphoto.com/galleria.php?t=3939702&l=it
Ecco un'altro scatto con il 180 f2.8.

avatarsenior
inviato il 05 Maggio 2021 ore 9:40

Considerato come il sensore piccolo 'spreme' la lente, dico che va più che bene.
Lo prenderei anche ma... io ormai sono legato a triplo filo col mondo nikon e se volessi c'è lo AF 180 f2.8 -che ho avuto- ed è superbo. Perciò, per quanto bello fosse lo zuiko -che ho avuto- per me non è un investimento economico.

Devo dire che ai tempi, sulla OM4, avevo un grande numero di scarti a causa del micromosso, perciò la consideravo una lente bellissima ma molto critica per ottenere risultati validi (chiaro che oggi, con molti meno limiti sugli ISO, il problema scompare), ma vedo qui la tua foto e ti faccio due domande:

domanda (1): hai scattato a 1/100 che su un 360 equivalente è proprio poco, la tua macchina ha l'IBIS?

domanda (2): quell'effetto 'buccia d'arancia' nella grana nello sfocato dell'immagine è frutto di una qualche pp -sharpening- oppure esce così dal sensore?


avatarsenior
inviato il 05 Maggio 2021 ore 10:01

Parlando dello zuiko 21 f3,5 posto qui alcune considerazioni sul suo valore che ho omesso 'di là' su 'ottiche vintage':

ho fatto una gita in montagna in condizioni di luce molto difficile, e lavorando in pp su RawTherapee sono riuscito ad arrivare alle luci come le avevo viste.
Ma qui la questione è differente: ho impiegato lo Zuiko 21f3.5 a f8 su D850.
La lente l'avevo già usata intensivamente in una gita precedente, ma non mi aveva assolutamente soddisfatto a causa dei limiti di messa a fuoco a infinito indotti dall'anello adattatore. Limiti percepibili anche chiudendo a f8 (i dettagli dell'immagine non erano nitidi)

Ho successivamente modificato l'anello (come spiegato nei post precedenti) ed ora la lente va a fuoco alla perfezione, come chiaramente indicato dall'indicatore di messa a fuoco della D850.
Ora la lente, chiusa a f8, mostra una nitidezza realmente buona, che unita alle sue dimensioni minuscole ne fanno un attrezzo perfetto per viaggiare leggeri.
Dalle mie prove comparative con il Sigma 12-24mm f/4.5-5.6 II DG HSM, il 21 si dimostra migliore un po' in tutto e buono già a f3,5. Conoscendo i limiti del mio 12-24 (che non è un art), posso affermare che, senza dubbio, nel mondo dei 20mm, ci sono lenti attuali sensibilmente migliori, ma lo zuiko si difende benissimo su sensori moderni anche se è un superwide di 40 anni fa.

La foto che qui allego lo dimostra: dettaglio e contrasto sono indiscutibili; non ho assolutamente modificato lo sharpness





nota: l'immagine è da 45 mpix, e su postimg è visualizzabile solo fino a circa 6k, eventualmente scaricate l'immagine per guardarla al 100% (ne vale la pena per farsi un'idea della resa della lente)


avatarsenior
inviato il 05 Maggio 2021 ore 11:12

Per rispondere a Gsabbio. Intanto grazie sempre per i tuoi interventi.
1) si ho scattato con lo stabilizzatore acceso impostato su 180mm. Sulle lenti manuali va impostata la lunghezza focale, e devo dire che l'ibis sulle Olympus fa un gran lavoro.
2) credo che sia pp nello scatto raw non c'era, ho incrementato la nitidezza forse un pò troppo.

avatarsenior
inviato il 05 Maggio 2021 ore 15:08

Questo post è dedicato alla digitalizzazione delle dia ed alla macro adattando il soffietto Olympus ed il tubo auto-macro 65-116 a corpi/lenti Nikon F

Premessa: quando ci sono decine di migliaia di diapositive da duplicare, la mia esperienza mi porta a preferire un sistema molto più efficiente e veloce costituito da soffietto macro+portadia e lente macro.
In passato e per moltissimi duplicati, ho impiegato un soffietto Nikon PB6+PS6 (il portadia) insieme al micro nikkor 55 f3,5. I risultati sono eccellenti sotto tutti gli aspetti ma il micro 55 per rendere al meglio su tutto il fotogramma deve essere chiuso almeno a f8-f11 e questo peggiora gravemente la visibilità dei corpuscoli di polvere non solo presenti sulla dia, ma che sul sensore e sul vetro opalino.

Inoltre, sebbene la resa del 55 sia ottima, c'è anche di meglio e... guarda caso si trova proprio in casa Olympus: lo 80mm f4 macro 1:1 ottimizzato esattamente per la riproduzione e giudicato secondo solamente al 100 macro Leitz.

Così, un paio di anni fa ho recuperato un 80 macro che ho adattato al soffietto Nikon. Non è stato facile, perché il Nikon PB6 è progettato per lavorare con il 55 micro, mentre l'Olympus 80 ha bisogno di lavorare ad una maggiore distanza dalla diapositiva. L'adattamento funzionava ma con alcuni problemi e imperfezioni che mi hanno spinto alla decisione di cercare un soffietto macro Olympus completo, sul quale lo 80mm può lavorare perfettamente.
Il soffietto l'ho trovato in Giappone e tra costo+spedizione+dogana l'ho pagato circa 270 euro.

E qui veniamo al dunque: come far funzionare un sistema macro OM su un corpo Nikon?

Per fortuna esiste un produttore di adattatori che si chiama Leitax...

Il problema, però, è attaccare una Nikon ad un soffietto OM la cui baionetta non è sostituibile. La soluzione è stata quella di cercare un tubo di prolunga OM da 7mm (trovato in Austria), al quale ho sostituito la baionetta con un adattatore Leitax.

Attenzione: per questi componenti non va bene l'adattatore standard (come anche quelli made in China... di scarsa qualità) ma occorre un adattatore speciale prodotto da Leitax con i buchi delle viti in posizione differente.

Qui nelle foto potete vedere il soffietto OM con macro 80mm e l'anello di prolunga OM con la baionetta Nikon-Leitax.





Questo è l'anello distanziale Olympus da 7mm con baionetta Nikon (Lleitax) che consente di attaccare un corpo Nikon al soffietto OM





Questo è lo 80 f4 macro 1:1 (nota: la resa ottimale è a f5,6 che aiuta a verificare che la messa a fuoco sia perfetta)





I risultati: eccellenti.
La digitalizzazione usando il soffietto+lente macro è altamente efficiente e veloce ed anche ampiamente migliore, come risultati, rispetto ai normali scanner -non professionali- il tempo per digitalizzare una dia è solo di alcuni secondi, ma bisogna applicare un'attenzione maniacale nel curare che non vi sia la polvere sulla dia o sul vetro opalino del soffietto. Comunque, anche con tutte le precauzioni, si impiegano al massimo 10 secondi per ciascuna diapositiva

Nella prossima puntata vi racconto come adattare il tubo Olympus macro 65-116 a corpi e lenti Nikon oppure corpi Nikon e lenti OM per un insieme molto ben trasportabile sul campo.

avatarsenior
inviato il 05 Maggio 2021 ore 15:34

;-) grazie ancora per questo tuo contributo Gsabbio.

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 208000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.




06 Maggio 2021

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me