RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Parliamo di mirini







avatarsenior
inviato il 13 Febbraio 2020 ore 23:39

Fileo, mi è piaciuto molto questo excursus storico sui sistemi di inquadratura. Personalmente, da utente di banco ottico e di folding posso dire che il vetro smerigliato per me rimane il top. A seguire i mirini a pozzetto delle medio formato (il gigantesco pozzetto della GX680 è una goduria di prima classe).

Detto ciò, mi permetto di aggiungere (e spero arricchire) il primo post.

-le acrobazie meccaniche di cui parlavi per correggere l'errore di parallasse con la Mamiya 330, consistevano in un sistema che permette di sollevare la macchina (su treppiedi) della misura esatta per portare la lente inferiore (che impressiona la pellicola) all'altezza di quella superiore (che inquadra) al momento dello scatto. Si chiama Paramender.

-la visione capovolta e speculare dei banchi ottici può essere corretta mediante apposito visore reflex. Toyo view ne produce diversi tipi, molto buoni ma non proprio a prezzo popolare.

-infine esistevano le folding con triplo sistema. Mi riferisco alla Horseman 985 (ma anche la 970 e 980) che hanno vetro smerigliato, mirino galileiano con cornici per le diverse focali, e mirino a telemetro che, con le apposite camme, consente la messa a fuoco anche a stima. Sì tratta di una delle poche macchine di grande formato (il nativo è un 6x9 ma permette l'uso di pellicole piane 4x5 pollici) utilizzabile anche a mano libera. Un gioiello di ottica e di meccanica.

Scusate l'intrusione MrGreen

avatarjunior
inviato il 17 Febbraio 2020 ore 8:56

@Domenico Mancuso
Vedo che qualcuno apprezza un contributo che voleva essere essenzialmente storico e tecnico, cercando di far capire a tutti che non hanno senso le "guerre" tra reflex e ML.
Ricordo le Horseman, le "foldingone", macchine interessanti, perché trasportavano all'aperto la qualità e le possibilità creative di un banco ottico.
Giorni fa ho visto la mostra di Basilico al Palazzo delle Esposizioni a Roma. Interessantissima sia per la quantità enorme di immagini di qualità pazzesca, e poi quel documentario girato in una Beirut distrutta, con un "pazzo" che se ne andava in giro a fotografare con una Linhof in spalla, meritava da solo la visita.

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 188000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.





17 Febbraio 2020

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me