RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Gattini e dintorni: ok, ma è tutto oro quello che...?


  1. Forum
  2. »
  3. Tecnica, Composizione e altri temi
  4. » Gattini e dintorni: ok, ma è tutto oro quello che...?





avatarsenior
inviato il 14 Gennaio 2020 ore 13:37

L'artista produce per se stesso, per rispondere ad un' urgenza interiore. Se si priva di una sua opera lo fa per necessita' e lo fa con dispiacere. L'approvazione degli altri, il successo, la critica anche quella esperta gratificheranno in molti casi il suo ego ma non credo possano dare nulla alla sua arte. Pochi riescono a produrre arte e quei pochi che ci riescono non e' detto che lo facciano sempre e durante tutta la loro vita. L'arte e' espressione di uno stato di grazia, anzi piu' frequentemente di disgrazia.

avatarsenior
inviato il 14 Gennaio 2020 ore 13:38

Maserc, nella prassi sono in linea con te.

avatarsenior
inviato il 14 Gennaio 2020 ore 13:42

beh diciamo che mi riferivo a tempi più attuali.
Oggi è tutto più veloce, beatificazioni postume, è difficile averne di questi tempi...

Poi ci sono anche le fotografe portate in gloria, dopo in trapasso. Ma si sente forte, l'odore di speculazione.

avatarsenior
inviato il 14 Gennaio 2020 ore 15:35

Stiamo andando completamente fuori tema, credo ci siano state altre discussioni sull'argomento. Oggi mi sa che anche l'arte è diventata fenomeno di mktg, con perverso intreccio di interessi di galleristi, musei, "critici", istituti bancari e finanziari, speculatori-collezionisti che, per dirla in termini poco aulici, "se le cantano e se le sonano". Quando ci viene presentato un fenomenale "artista" contemporaneo, oggi bisognerebbe in primo grado applicare un po' di "sana" paranoia e chiedersi "cui prodest codesto fenomenale artista"? Quelli veri vanno giudicati ad almeno 50 ani di distanza dalla morte, già così si assiste ad una notevole scrematura.

avatarjunior
inviato il 14 Gennaio 2020 ore 15:37

ma anche in passato l'arte è sempre stata prodotta su commissione, non è che Michelangelo si è svegliato di notte in preda alle visioni per realizzare il Giudizio Universale. Oggi il mercato, perché tale è, dell'arte è molto più sofisticato e ben gestito da mestieranti più in stato di furbizia che di grazia. Si, l'arte è un lavoro ed è spesso molto ben retribuito ben oltre i meriti dell'artista.

avatarsenior
inviato il 14 Gennaio 2020 ore 15:46

Non per censurare posizioni e interventi (ognuno scrive quel che gli pare utile scrivere naturalmente), ma come autore del 3d suggerirei una cosa... ;-)

Benissimo i richiami all'arte: e se qualcuno, come chiede Maserc, vuole esprimere il suo rapporto con l'arte medesima ben venga.

Suggerirei però di lasciar fuori cosa arte è o cosa non è.
E anche cosa artista è e cosa artista non è.

Diciamo che ognuno può esprimere quel che crede nella cornice della sua propria visione.
L'idea di definizioni condivise è bella, ma la storia del forum ci dice che non è foriera di risultati apprezzabili ;-)

Poi nulla vieta che si possano aprire altri topic alla natura dell'arte dedicati, dove se ne possa parlare con maggiore profitto ;-)

avatarsenior
inviato il 14 Gennaio 2020 ore 15:49

Allora chiarisco, aggiungendo che ci sono gli artisti spiantati.


Artisti squattrinati e Artisti Prosperi è l'argomento principale di "Real Artists Don't Starve" di Jeff Goins che parte dall'immensa fortuna posseduta da Michelangelo in un viaggio tra anedotti vari nel mondo dell'arte (e non).

Approcci mentali differenti per risultati (economici) differenti.

Una lettura veloce che ha qualche spunto interessante.

avatarsenior
inviato il 14 Gennaio 2020 ore 15:54

Grazie della segnalazione Cos! ;-)

avatarjunior
inviato il 14 Gennaio 2020 ore 16:13

Per questo motivo credo che lo sforzo di sviluppare senso critico su quel che ci circonda (e su quel che facciamo) sia quanto mai importante.
E quanto più con consapevolezze possibili riusciamo a collocare quel che facciamo, più è probabile che riusciremo anche a dargli un qualche valore.


Chiedo scusa a Francesco per aver divagato proprio io che avevo riportato al centro la sua domanda e ritorno ai suoi interrogativi.
Io sono un semplice appassionato di fotografia, l'ho respirata sin da bambino perchè mio padre era un fotografo, ne sono stato lontano decenni e sono ritornato di recente per regioni che vi risparmio di conoscere. Cerco di fare fotografia in modo serio senza perdere di vista il sano divertimento, per quelle che sono le mie possibilità, ma sicuro non sono certo la persona più adatta a contribure ad uno sviluppo, secondo me imprescindibile, di posizioni e visioni (diciamo pure una poetica) che leghi più autori sul territorio nazionale e che emerga dal mare magnum facendo capire al pubblico che esiste un modo di fare fotografia che non ha alcun interese materiale, che non dipende dai megapixel usati né da quelli che si riescono a vedere a monitor, ma che nasce dall'elaborazione interiore della realtà che ci circonda, che usa il mezzo per esprimere se stesso, è consapevole e soprattutto intellettualmente onesta. A quel punto per davvero i gattini e le pizze troveranno maggior apprezzamento del panorama mozziafiato da 14 scatti sette sopra e sette sotto.

Mentire a se stessi penso sia la cosa più stupida che si possa fare e di sicuro non ci fa stare sereni, perché in fondo lo sai che prendi te stesso in giro.

avatarsenior
inviato il 14 Gennaio 2020 ore 16:25

Chiedo scusa a Francesco per aver divagato proprio io che


Ma no, figurati! Scusa anzi tu, se è parso che volessi bloccare qualche ragionamento in particolare.
E' che, piaccia o meno, cosa è arte e cosa no, qui nel forum e non solo, tende a una china specifica che in questo topic, se possibile, può essere superfluo percorrere ;-)

Per il resto trovo condivisibile quel che dici.
E' vero che ognuno fa quel che vuole e apprezza quel che gli pare.
Ma pure io sono convinto che una fotografia più densa di idee (e/o di poesia) che di megapixel sia una fotografia più ricca.
Anche se puoi croppare un po' meno Sorriso

Sull'ultima parte sarei meno ottimista, ma ci sta quel che dici ;-)

avatarjunior
inviato il 14 Gennaio 2020 ore 16:34

Sull'ultima parte non sono ottimista neanche io ma credo che sia l'unica via percorribile se si trovano i viandanti. Sorriso

avatarsenior
inviato il 15 Gennaio 2020 ore 13:31

Leggendo e scrivendo mi tornano in mente due cosette,che per qualcuno seguendo alcune logiche non troverebbero nessun tipo di utilità.Si parlava del film di natale che è lo stesso da anni,cosi' cambiando canale davano un film diverso con altri protagonisti attori e quindi forse artisti, che poi nella figura del personaggio potrebbero rappresentare altri clichè.E se qualcuno direbbe che c'è una somiglianza con la proffessoressa,forse anche il termine di proffessoressa è un po' cambiato,pensando a quei programmi culturali,dove anche li' ,sono presenti opinionisti favorevoli e contrari.
Si assiste forse ad una modifica dei significati, nel passaggio fra significante e significato e risultato finale,
attraverso azioni o forme di espressioni ripetute, che poi vengono mostrate come segno tangibile della presenza.
Cio' che era non è ,ma è diverso,per ragioni varie, attingendo da un libro di immagini attuali o iconiche,
che sono state pensate in un modo o per una funzione e che si scoprono poi
dall'esito imprevisto,per uniformarsi ad ad altre,a metodi ostentati fino alla noia.
Il soggetto piace in foto,per questo si cerca e diventa ricorrente.
L'attenzione durante la gita non è principalmente rivolta al mondo esterno,ma alle fotografie da scattare e poi mostrare.Dalla passeggiata all'acquisto al ricordino un po' kitsch,quella distrazione si è orientata diversamente verso le immagini e che spesso saranno condivise.
E se l'oggettino puo' sembrare un ricordo simpatico,come elemento d'arredo o per abbellire la casa ,potrebbe risultare anche di dubbio gusto e produrre un altro effetto ,nel confronto con altre opere,anche d'arte.

avatarsenior
inviato il 15 Gennaio 2020 ore 13:46

Caputo, forse ho capito e forse no, per cui non rispondo, che sarebbe a vanvera ;-)

Circa la tua chiusura (sempre se ho ben capito: la tua natura criptica non consente di più Sorriso), hai ragione.
Ed è il motivo per cui, di solito, l'acquirente dell'oggettino, per quanto lo trovi un ricordo simpatico, possiamo immaginare non lo comprerebbe se costasse come un'opera di Emilio Vedova. E i conti, più o meno, tornano ;-)


avatarsenior
inviato il 15 Gennaio 2020 ore 13:47

Ma almeno, si può sapere che film è?MrGreen

avatarsenior
inviato il 15 Gennaio 2020 ore 13:58

Che film è? Cool

20 Febbraio 2020

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)



Questa discussione ha raggiunto il limite di 15 pagine: non è possibile inviare nuove risposte.

La discussione NON deve essere riaperta A MENO CHE non ci sia ancora modo di discutere STRETTAMENTE sul tema originale.

Lo scopo della chiusura automatica è rendere il forum più leggibile, sopratutto ai nuovi utenti, evitando i "topic serpentone": un topic oltre le 15 pagine risulta spesso caotico e le informazioni utili vengono "diluite" dal grande numero di messaggi.In ogni caso, i topic non devono diventare un "forum nel forum": se avete un messaggio che non è strettamente legato col tema della discussione, aprite una nuova discussione!





 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me