RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Gattini e dintorni: ok, ma è tutto oro quello che...?


  1. Forum
  2. »
  3. Tecnica, Composizione e altri temi
  4. » Gattini e dintorni: ok, ma è tutto oro quello che...?





avatarsenior
inviato il 13 Gennaio 2020 ore 12:41

Poi però, ognuno deve anche percepire il proprio limite...


Ecco, io credo che questo sia il messaggio.
Anzi, sarei anche più morbido di te, dicendo non che "deve" ma "se ne ha voglia" Sorriso
A nessuno è vietato fare foto kitsch, o ignobili, od orrende, o insignificanti o.... quello che ti pare.
Solo, se ne ha coscienza è meglio.

Io, come ho detto mille volte, non ho mai fatto e mai farò una mostra, anche se le opportunità sono capitate spesso.
E il motivo è semplicemente che le mie foto non valgono una mostra.
Mica è grave, mica perdo autostima ;-)

avatarsenior
inviato il 13 Gennaio 2020 ore 12:51

All' approccio del fotoamatore. Si dice che fotoamatore e' colui che ambisce a trasmettere proprie emozioni, magari riuscirci, mentre l'artista? Io un idea l'ho, vorrei sentire la vostra.

avatarsenior
inviato il 13 Gennaio 2020 ore 12:55


ho trovato l'articolo sufficientemente kitsch ma sopratutto tristemente inutile.
L'articolo è kitsch perchè mi ha provocato delle emozioni (non positive) ed usando lo stesso metro di misura conseguentemente quello che ha scritto è kitsch ;-)
Probabilmente sbaglio, ma ho avuto la netta sensazione che come sa fare chi usa la penna per mestiere, celato tra le righe c'è una pesante critica NON costruttiva nei riguardi dei fotodilettanti.
Termine quello del fotodilettante usato appositamente per la possibilità dalla doppia interpretazione: colui che si diletta... oppure colui che ha scarse capacità, è stato scelto volutamente nella seconda definizione perchè ha rivolto solo critiche o peggio ha definito dei criteri come se fossero assolute verità.
Questo articolo lo vedo più vicino alle pagelle della gazzetta dello sport o pagina sportiva che ad un pezzo giornalistico dove si richiede una competenza ed analisi superiori avendo toccato argomenti importanti della fotografia.
Capisco che non è facile accontentare tutti anche al sig. Smargiassi che non usa mai il termine fotodilettante ma quasi sempre fotoamatore, ha rispolverato un termine ormai in disuso per l'occasione, a parer mio in questo caso vale il proverbio che :non tutte le ciambelle riescono con il buco....

buone letture

avatarsenior
inviato il 13 Gennaio 2020 ore 12:59

All' approccio del fotoamatore. Si dice che fotoamatore e' colui che ambisce a trasmettere proprie emozioni, magari riuscirci, mentre l'artista? Io un idea l'ho, vorrei sentire la vostra


L'artista credo abbia bisogno di trasmettere qualcosa.
E qualsiasi cosa, grossomodo, interagisce con le sensazioni.

Botticelli diceva di voler esprimere la grandeza di Dio per esempio.
Cosa che non vuol dire (se ben comprendo) che voleva semplicemente trasmettere emozioni, ma che al tempo stesso realizzava e realizza moltissimo a livello di sensazioni.

Se parliamo di arte concettuale contemporanea, mi pare che andiamo ancora da un'altra parte.
Dove massimamente (come numeri dico) di emozioni pare se ne stimolino poche.
Magari sensazioni di fastidio davanti a un Nitsch si.

Però ho il timore che quando si parla di "fotografia che trasmette emozioni", s'intenda una cosa un po' diversa.
Molto più terra terra.
Poi non sono esegeta di Smargiassi, e non so se lui intendesse questo. Va chiesto a lui.
Comunque si capisce che include nel concetto l'idea che "se pompo i colori è più emozionante", o roba così...

avatarsenior
inviato il 13 Gennaio 2020 ore 13:03

Probabilmente sbaglio, ma ho avuto la netta sensazione che come sa fare chi usa la penna per mestiere, celato tra le righe c'è una pesante critica NON costruttiva nei riguardi dei fotodilettanti.


Sai che ho molta stima del tuo punto di vista Rob, ma qui non concordo.
Se e quanto sia costruttiva non lo so.
Ma compito della critica (che non sono i commenti alle foto sul forum) non è quello di assolvere ogni vizio.
E secondo me, quello di cui parla, di vizio ne contiene.

Poi sui motivi e i bisogni profondi di Smargiassi... non li conosco e li considero fatti suoi ;-)

avatarsenior
inviato il 13 Gennaio 2020 ore 13:36

Caro Francesco quello che tu, a mio parere a ragione, definisci come prerogativa dell'artista almeno nelle intenzioni penso sia l'approccio di un gran numero di noi fotoamatori, piu'precisamwnte quelli definiti con velleita' artistiche. E. Questo a prescindere dai risultati. Io per abitudine do fiducia e penso positivo, fino a prova contraria almeno. Dire poi che le intenzioni e le aspettative si riesca a realizzarle e in quale misura e' altro discorso. Le belle, buone, valide, significarive che dir si voglia foto sono cosa piuttosto rara dal mio punto di vista, anche per quelli bravi tipo MC Curry, figuriamoci per le nullita' come il sottoscritto... :)

avatarsenior
inviato il 13 Gennaio 2020 ore 13:37

Seguendo le discussione emergono punti di vista simili, ma anche differenti,che semplificando potrebbero rapprensentarere modi di vivere la fotografia.Ogni tanto sembra che qualcuno dica "questo si" e quell'altro no.
Ad essere sospettosi si potrebbe pensare che non si butta niente e tutto fa gioco alla fotografia,oppure al grande meccanismo che vive sui click e poi sui contatti fino ai corsi e sono tutti numeri che alimentano il settore.
Anche discutere di argomentazioni considerate futili, potrebbe essere del tempo prezioso sottratto alle foto.
Forse non è tutto oro quello che luccica,ma di quell'oro c'è soltanto una spruzzatina di colore, anche se le alcune foto sembrano viaggiare su una nuvola d'oro rispetto alle altre. Di conseguenza tutto è un po' enfatizzato come se fosse oro vero o oro colato e forse spruzzabile, anche per buona parte di quello che si legge, o arriva da parte dei fotografi considerati grandi della fotografia o anche di successo e dalle immagini che spesso sono portate ad esempio.
Al cronista sta il compito di raccontare eventi e fatti secondo il suo punto di vista che forse, non sara' lo stesso del fotografo, dell'artista,del fotoamatore,del dilettante,pittore,turista,viaggiatore,ciclista,motociclista,pedone...

C'è stato qualche anno fa un concorso a premi legato al negozio bannato numero xxx
dove c'era proprio il fantomatico gatto che poi apriva un forziere...
foto premiata con congiudizio insindacabile.

avatarsenior
inviato il 13 Gennaio 2020 ore 14:04

Caro Francesco quello che tu, a mio parere a ragione, definisci come prerogativa dell'artista almeno nelle intenzioni penso sia l'approccio di un gran numero di noi fotoamatori


Per inciso Alessandro, anche se magari può a volte parere il contrario (perché nelle chiacchiere qui nel forum cerco una certa "neutralità" di approccio in genere), sono totalmente e pienamente d'accordo con te.

Fotoamatore è un'etichetta, è la definizione molto generale di una categoria di persone con qualcosa di condiviso.
Categoria che però è costituità di individui diversissimi, di ogni tipo, che hanno spesso assai poco in comune.

E quindi, che un fotoamatore possa avere doti e qualità di tipo artistico anche piuttosto elevate, per me è assolutamente certo.
Chi? Quanti? A che livello? Quien sabe!

Ma che fotoamatore voglia dire una cosa univoca e scolpita nella roccia, antitetica di per sé all'idea stessa di arte, proprio no.


avatarsenior
inviato il 13 Gennaio 2020 ore 14:07

Caro Caputo, spesso, leggendoti, non riesco a capire se, in definitiva:

1) Va tutto bene
2) Va tutto male Sorriso

avatarsenior
inviato il 13 Gennaio 2020 ore 15:31

Io, come ho detto mille volte, non ho mai fatto e mai farò una mostra

Se tu non esponi, a noialtri cosa resta? MrGreen
Io mi accontenterei di essere un "illustratore"; non nel senso di trasformare una foto in un disegno, ovviamente, ma in una figura che non è un artista e probabilmente non riesce nemmeno, o quasi mai, ad essere un narratore - sia pur di secondo piano - per immagini, ma che almeno produca foto che riescono ad illustrare in modo non pedissequo o noioso un discorso portato avanti con altri linguaggi: un articolo di divulgazione scientifica, una conferenza di analogo tema ecc.
Qualcosa del genere mi è capitato di fare in questi anni, sia col museo dove lavoro che per il gruppo naturalistico di cui sono socio, e penso (spero) di essermi almeno avvicinato allo scopo

avatarsenior
inviato il 13 Gennaio 2020 ore 15:37

Beh Daniele, mi pare che sia un terreno interessante.
Chissà se assisteremo alla tua celebrazione planetaria! ;-)

avatarsenior
inviato il 13 Gennaio 2020 ore 15:38

Ne dubito, di solito si celebra chi scrive l'articolo, non chi lo illustra Cool

avatarsenior
inviato il 13 Gennaio 2020 ore 15:46

Biasimarti Francesco? Buon Dio perché mai?Sorriso
Non sono nemmeno certo di conoscere il significato esatto del termine. E se proprio fossi quel genere di persona, dovrei prima cominciare, per coerenza, da me stesso.
A quel punto il lavoro diventerebbe insopportabilmente oneroso...MrGreen

Ho letto l'articolo di smargiassi (ma veramente si chiama così?Eeeek!!! cognome impegnativo da portare...).
Non ci ho trovato chissà quale spessore. Mi sembra più una sorta di decalogo del perfetto fotoamatore, o dilettante.
Il kitsch c'appizza poco, se non come, definizione di chi si atteggia ad artista, senza esserlo.

Questa ultima definizione mi ha fatto riflettere sulla questione dell'arte in fotografia. O cosa significa il ruolo dell'artista.
Ho sempre pensato all'artista, come ad una persona con un'urgenza. L'urgenza di tirare fuori da sé qualcosa che sente di avere dentro.
E questo forse lo differenza dal dilettante.
Per lui non è un diletto, ma una necessità. Biologica.
Non per nulla, spesso alla figura dell'artista, si associa la parola "ossessione".
Adesso non voglio dire che tutti gli artisti siano ossessionati dal proprio lavoro, però sicuramente ci si dedicano con maggiore intensità di quanto faccia il dilettante.

Sarebbe interessante chiedere a tutti gli intervenuti (Francesco non scappare...MrGreen), se in una qualche misura si sentono "artisti".
Se già chiedere di mostrare una propria foto, ha creato il vuoto, posso ben immaginare, cosa sortirá questa piccola provocazione.

Bene allora rispondo io per primo.
Se mi sento in qualche modo un artista? Ovviamente sì.
Il mio lavoro può essere definito artistico? Beh al momento direi di no, mi piace considerarmi un artista potenziale, o in erba...MrGreen
Immagino che quello che scrivo possa suscitare differenti reazioni. Che possono essere interpretate con definizioni che vanno dal ridicolo al presuntuoso.
Però non posso fare a meno di credere, che questa idea non abbia sfiorato la mente di tutti quelli che in una qualche maniera si cimentano in questa attività.
Secondo la definizione smargiassiana, dovrei fare foto kitsch? Mi va bene anche questa definizione.

Francesco hai detto di non aver mai fatto una mostra e mai ne farai? E perché mai? Fai buone foto.
Credo che la paura maggiore, e non mi riferisco a te in particolare, sia la paura di essere ridicolizzati.
La mia prima mostra fotografica l'ho fatta a 21 anni e ricordo di essermi divertito molto. Ho presentato foto completamente diverse da quelle che adesso ho in galleria.
Foto assurde, dove in primo piano c'era una lampadina accesa, che illuminava degli oggetti diversi.MrGreen
Una specie di luce della ragione...
Chissà se anche quella ha generato mostri, o era semplicemente kitsch.

Un saluto a tutti gli artisti invisibili.

avatarsenior
inviato il 13 Gennaio 2020 ore 15:46

E allora agisci a 360 gradi. Un artista completo e pluriforme funziona sempre! ;-)

avatarsenior
inviato il 13 Gennaio 2020 ore 15:49

Vale a dire? Te l'ho detto che sto ancora lavorandoci sopra...

23 Febbraio 2020

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)



Questa discussione ha raggiunto il limite di 15 pagine: non è possibile inviare nuove risposte.

La discussione NON deve essere riaperta A MENO CHE non ci sia ancora modo di discutere STRETTAMENTE sul tema originale.

Lo scopo della chiusura automatica è rendere il forum più leggibile, sopratutto ai nuovi utenti, evitando i "topic serpentone": un topic oltre le 15 pagine risulta spesso caotico e le informazioni utili vengono "diluite" dal grande numero di messaggi.In ogni caso, i topic non devono diventare un "forum nel forum": se avete un messaggio che non è strettamente legato col tema della discussione, aprite una nuova discussione!





 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me