RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Report cipa settembre 2019: le mirrorless "hanno vinto".


  1. Forum
  2. »
  3. Fotocamere, Accessori e Fotoritocco
  4. » Report cipa settembre 2019: le mirrorless "hanno vinto".





avatarsenior
inviato il 10 Novembre 2019 ore 22:30

@Perbo

Se mangio troppo e vorrei vomitare, basta che guardi in un mirino ML e subito, ne sono sicuro, mi libero lo stomaco, magari me la faccio prestare per quello ad una cena.


che dire, mi spiace per te che hai di questi problemi. Io ho abbandonato serenamente il mirino ottico, e scatto senza alcun problema con quello elettronico che, anzi, mi dà molto di più di un semplice vetro con uno specchio.

Fare l'inquadratura con un mirino limpido fa parte del mio piacere di fotografare, ed a questo ci aggiungo il piacere tattile di avere roba fatta bene tra le mani, da qui l'ammiraglia e gli Zeiss che ho, ma anche le D 810 e gli Art sono fatti bene.


concordo sul fatto che il piacere dello scatto sia importante, ma metto davanti a tutto la cosa più importante per me, che è il risultato. E un'ammiraglia reflex quel risultato non me lo può dare, anzi è uno svantaggio non indifferente.

Ora dire che le ML sono confortevoli come un'ammiraglia mi fa credere che tu non abbia mai avuto il piacere di usarne una, idem per le ottiche fatte bene: le ottiche da ML sono delle emerite porcherie confrontate ad ottiche buone da Reflex, e montare ottiche tipo uno Zeiss Milvus o Otus su di una fotocamera tramite un anello adattatore e poi, estremo del masochismo, guardare l'immagine che trasmette in un mirino digitale, perdendo la trasparenza pura che ti dona uno Zeiss buono nel mirino, è come………... andare a letto con una bella Miss…….. ma senza mai togliersi il pigiama.


mi spiace di nuovo ma sbagli, e più volte.
In primis perché le ammiraglie le ho usate, ma per il mio lavoro (sì, con la fotografia ci lavoro) ne faccio volentieri a meno. Sono pesanti e ingombranti, e i vantaggi che danno non mi servono.
Poi non credere di essere l'unico ad avere obiettivi buoni, io per ML ho solo il 28 f2 (gioiellino) e l'ottica kit, che non uso mai. Le ottiche serie con cui lavoro sono adattate e perfette su ML, è più masochistico - per me - portarsi appresso un foratino come un'ammiraglia, quando fai generi come il reportage (giusto per fare un esempio).

E sbagli anche nell'esempio grossolano dell'andare a letto con una bella miss: il tuo bel mirino ottico limpido non ti farà MAI vedere la vera profondità di campo, quando scatti con aperture ampie. Di fatto, quello che per te è un pregio in realtà è un handicap, e anche grave. Ovvio che che se per te è più importante la sensazione di fare una bella foto rispetto a fare davvero una bella foto, allora il tuo ragionamento è legittimo.

In ultimo, gli Art ci sono anche per ML. Mi sa che quello che non ha mai provato le macchine o le lenti di cui parla, qui, non sono io ;)

Poi ciascuno, come dico sempre, i soldi propri li spende come gli pare, ed è giusto così, e...…. vendono di sicuro più Casio che Rolex ed il Casio è anche più preciso, ma io preferisco un Rolex.


e di nuovo, sbagli con un esempio atto a sminuire un parte rispetto all'altra. Una Sony A9 costa quando un'ammiraglia canikon, ma da la paga a entrambe, sotto praticamente tutti i punti di vista. Trova nuovi esempi più corretti, ce ne sono ;)

avatarsenior
inviato il 10 Novembre 2019 ore 22:54

Perno, ci sono fior di professionisti che al momento preferiscono ancora le reflex (penso a Lo_straniero, per esempio).

Quando scatto su treppiede uso Live View, che è come un grosso mirino elettronico. Ho provato praticamente tutte le ML di fascia alta e l'EVF, allo stato attuale, mi dà più problemi che vantaggi.

In particolare, so bene quale profondità di campo aspettarmi per le varie combinazioni apertura/focale/distanza, e credo che qualsiasi professionista sia più bravo di me in questo. So anche prevedere il risultato guadando attraverso il mirino ottico della mia reflex, che ho ricevuto mostrato a conoscere bene. Anche in questo sarò meno capace di un professionista, non credi?

Ancora una volta: gli indubbi vantaggi delle ML possono essere ininfluenti per alcuni ed essenziali per altri. I difetti possono essere marginali per alcuni e intollerabili per altri

Poi c'è un aspetto non misurabile che è il feeling. Ho guidato almeno quaranta modelli di auto diverse (quasi tutte aziendali, sette o otto personali), e il feeling che ho avuto con una Alfa 147 anni fa non l'ho mai superato, pur avendo guidato macchine nettamente superiori per prestazioni e qualità costruttiva, sia prima sia dopo.

L'importante è il risultato, e non ho ancora visto nei risultati una netta superiorità di un sistema sull'altro.

avatarjunior
inviato il 10 Novembre 2019 ore 22:56

@Alessandro Pollastrin
Per me, lente vuol dire solo: Leica (che spesso nel cinema si firma Leitz soprattutto negli USA), Zeiss, Schneider-Kreuznach, Cooke, Angeniux, ARRI e Panavision. Proprio proprio tra le giapponesi, ma proprio per tirarcele dentro, Tokina e Fujifilm.
Quindi quando leggo che le ottiche per le mirrorless sono peggiori mi vien da ridere.
La tua amata Zeiss (che compone la triade delle tre regine con Leica e Cooke) che produce in pratica pure le lenti ARRI, parte dal know how delle lenti (parola che identifica l'ottica cinematografica) per realizzare obiettivi (parola che identifica l'ottica fotografica) come Batis e Milvus. Non produce "per reflex"... anzi, ha intensificato la produzione per fotocamere dopo l'accordo con Sony e guarda un po', quelle sono mirrorless.

Smettiamola di dire sciocchezze.

avatarsupporter
inviato il 10 Novembre 2019 ore 23:01

" in particolare, so bene quale profondità di campo aspettarmi per le varie combinazioni apertura/focale/distanza, e credo che qualsiasi professionista sia più bravo di me in questo. So anche prevedere il risultato guadando attraverso il mirino ottico della mia reflex, che ho ricevuto mostrato a conoscere bene. Anche in questo sarò meno capace di un professionista, non credi?"

Sulla reflex c'è un tasto dedicato a vedere la profondità di campo al diaframma impostato.
Da tempo immemore.

Queste guerre di religione non hanno senso

avatarsenior
inviato il 10 Novembre 2019 ore 23:01

Perno, ci sono fior di professionisti che al momento preferiscono ancora le reflex (penso a Lo_straniero, per esempio).


è normale, è sempre stato così. Conoscevo un sacco di persone che inorridivano ai tempi della 300D e della 20D all'idea di scattare in digitale.

Quando scatto su treppiede uso Live View, che è come un grosso mirino elettronico. Ho provato praticamente tutte le ML di fascia alta e l'EVF, allo stato attuale, mi dà più problemi che vantaggi.


Mi spiace che in molti abbiano problemi con il mirino elettronico, io ho un occhio molto più tollerante da questo punto di vista. Se scatti in live view hai una marea di svantaggi che con il mirino non hai.

In particolare, so bene quale profondità di campo aspettarmi per le varie combinazioni apertura/focale/distanza, e credo che qualsiasi professionista sia più bravo di me in questo. So anche prevedere il risultato guadando attraverso il mirino ottico della mia reflex, che ho ricevuto mostrato a conoscere bene. Anche in questo sarò meno capace di un professionista, non credi?


no, non credo. In molti qui dentro hanno un'idea parecchio romantica dei professionisti, ma vi assicuro che c'è un sacco di gente che con la fotografia ci lavora ma che è completamente estranea ai tecnicismi del forum. E per avere le foto a fuoco scatta a f22, magari.
Riguardo alla pdc dal mirino ottico, il problema non è stimarla ma è mettere a fuoco con precisione. E' fisicamente impossibile, con certe lenti.

Ancora una volta: gli indubbi vantaggi delle ML possono essere ininfluenti per alcuni ed essenziali per altri. I difetti possono essere marginali per alcuni e intollerabili per altri.


senza dubbio.

L'importante è il risultato, e non ho ancora visto nei risultati una netta superiorità di un sistema sull'altro.


oh io sì, li ho visti e ne ho visti parecchi. Probabilmente per i miei lavori le reflex erano un limite, mentre le ML non lo sono.

avatarjunior
inviato il 10 Novembre 2019 ore 23:01

Battuta a parte, quest' estate se dovevo contare le fotocamere che erano in giro mi sarebbero bastate le dita delle mie mani, tutto il resto smartphone, e parlo di concerti, spettacoli e altro


@Sandrofoto
Vero Sandro, anch'io se vado a un concerto uso solo l'iPhone. Perché è più comodo. Ma non per questo non posseggo macchine fotografiche... È cambiata la fruizione degli oggetti: lo smartphone è tutto in uno, leggero, lo metti in tasca e hai le foto ricordo e i video ricordo. Poi è iper connesso e trasferisci tutto in un attimo.
Quando si tratta però di fare già foto ricordo del compleanno, minimo minimo tiro fuori la Lumix G80... Alla fine il mercato virerà verso chi usa la macchina con consapevolezza. Come i computer. Oggi nessuno, con tablet e smartphone a portata di mano, usa un PC per uso domestico.

avatarsupporter
inviato il 10 Novembre 2019 ore 23:03

Il risultato,le foto sono le uniche cose che contano.

Non mi dire con cosa hai scattato (non me ne frega niente), fammi vedere il risultato

avatarsenior
inviato il 10 Novembre 2019 ore 23:05

Sulla reflex c'è un tasto dedicato a vedere la profondità di campo al diaframma impostato.
Da tempo immemore.

Queste guerre di religione non hanno senso


il tasto della pdc non c'entra con quello di cui si sta parlando: il vetrino a microprismi dei mirini ottici ha il limite intrinseco di mostrare la stessa pdc per qualsiasi apertura, sotto f2.8.
Per cui se hai un 1.4 e ti guardi in giro, vedi come se quello fosse chiuso a 2.8. Da cui è impossibile mettere a fuoco manualmente con precisione con le ottiche zeiss di cui parlava Alessandro.

Come vedi, non sono guerre di religione e un senso c'è.

avatarsenior
inviato il 11 Novembre 2019 ore 7:11

Otto, l'automatico scala quando rallenti e non frena ma riduce la velocità secondo il programma attivo.
Intendevo dire ad Alex che non può affidarsi alla "frenata" del cambio automatico in caso di necessità di arresto rapido perché la scalata segue e non affianca o precede l'azione del freno.
Se non fosse così, ogni volta che alzi il piede dell'acceleratore la macchina dovrebbe inchiodare.

avatarsenior
inviato il 11 Novembre 2019 ore 8:06

In effetti girare con una macchina fotografica mette in imbarazzo.
Ti guardando come un dinosauro redivivo.
Presto chi si mostrerà in pubblico con una macchina fotografica sarà deriso pubblicamente.



Proprio ieri ero in montagna in Val Sesia approfittando di una fredda ma limpida domenica autunnale. Per girare "leggero" avevo solo la stenopeica 6x17 e la folding





Eppure, si sono avvicinati in tanti incuriositi ed alcuni anche realmente interessati a fotografare così. Soprattutto giovani. La cosa più significativa che ho sentito è che non c'è confronto tra il vetro smerigliato ed i loro mirini. E non dirò se avevano al collo reflex o ML ;-)

P.s. Non so che risultati ho prodotto, ma di sicuro mi sono divertito e comunque il bello (per me) deve ancora venire, con lo sviluppo e la stampa in camera oscura. In questa dimensione di fotografo amatoriale nessuno mi convincerà mai a passare a qualcosa di moderno né ad inseguire il risultato a tutti i costi.

avatarsenior
inviato il 11 Novembre 2019 ore 8:19

Caro Nove,
dovresti sapere che non è affatto complicato scrivere un SW che modula la risposta alla potenza ed alla velocita con la quale si schiaccia il freno per attivare funzioni diverse...
Figurati che la mia Yaris quando schiacci il freno non solo attiva il freno motore, ma ne utilizza anche la potenza per ricaricare le batterie!Cool

Certo si deve fare un minimo sforzo per capire le differenze e cambiare lo stile di guida di conseguenza... ma, come per per fotocamere, non tutti sono disposti a cambiare!MrGreen;-)MrGreen

avatarsenior
inviato il 11 Novembre 2019 ore 8:21

Vero Sandro, anch'io se vado a un concerto uso solo l'iPhone. Perché è più comodo. Ma non per questo non posseggo macchine fotografiche... È cambiata la fruizione degli oggetti: lo smartphone è tutto in uno, leggero, lo metti in tasca e hai le foto ricordo e i video ricordo. Poi è iper connesso e trasferisci tutto in un attimo.
Quando si tratta però di fare già foto ricordo del compleanno, minimo minimo tiro fuori la Lumix G80... Alla fine il mercato virerà verso chi usa la macchina con consapevolezza. Come i computer. Oggi nessuno, con tablet e smartphone a portata di mano, usa un PC per uso domestico.


Certo Pogo, è proprio questo che fa degli smartphone i veri vincitori della fotografia, l'immediatezza, la condivisione in tempo reale, l'averlo sempre pronto a disposizione, inutile scontrarsi tra reflex mirrorles e quant'altro è lui che ha preso il dominio e continuerà progressivamente;-).

Domenico mancuso


Questa si che una fotocamera con i cogl..niMrGreen;-)

avatarsenior
inviato il 11 Novembre 2019 ore 9:21

@Sandrofoto

Sì, lo è ;-)
È anche lenta, macchinosa, pesante, complicata e con tutti i suoi limiti. Ma già solo a guardare il negativo che è otto volte più grande di qualunque display di fotocamera, ripaga di tutto!

Mi scuso se il legno del cavalletto non è abbinato al legno della fotocamera. Prometto di rimediare :-P

avatarsupporter
inviato il 11 Novembre 2019 ore 10:47

Alexander ha comunque detto una cosa corretta inserendo nel discorso la modalità sport, che di freno motore ne ha a pacchi, perlomeno sulle bmw.

Banjo, mi parli di uso in città, fammi capire, quando mai in città ti può servire il freno motore? I freni li consumi a prescindere in città.

Certo che se nel valutare il freno motore di un cambio automatico guidando con le modalità eco/basso consumo andiamo bene visto che sono fatte per ridurre i consumi e in rilascio vanno di inerzia. Se non si sanno queste cose ovvio che in discesa si rimanga spaesati. Ma queste cose si sanno. O si dovrebbero sapere.

avatarsenior
inviato il 11 Novembre 2019 ore 10:53

Non ho letto tutta la discussione ma riferendomi solo all'ultimo messaggio di Vulture direi che in città le auto elettriche danno due vantaggi

Il primo è che non emettono inquinanti in loco

Il secondo è che non emettono nemmeno gli inquinanti dati dall'uso dei freni, che non sono pochi... Perché le auto elettriche le puoi guidare con un solo pedale, senza dover usare i freni

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 184000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.







Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me