RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Alla memoria di Alessio Beltrame: smontiamo insieme le bufale in fotografia digitale


  1. Forum
  2. »
  3. Tecnica, Composizione e altri temi
  4. » Alla memoria di Alessio Beltrame: smontiamo insieme le bufale in fotografia digitale





avatarsenior
inviato il 12 Settembre 2019 ore 9:37

Traduco con interpretazione:
SNR per la 1DIII a varie impostazioni ISO, come funzione del potere radiante della scena Phi
Sinistra : tempi e diaframmi aggiustati in base ai vari settaggi ISO [ in modo da avere zero nella scala della compensazione dell'esposizione della fotocamera, NDT ] . In questa situazione gli ISO più alti registrano meno elettroni e si ha minor SNR dei bassi ISO.
Destra : fissata una coppia tempo-diaframma, si alzano gli ISO da 100 a 3200. Gli alti ISO hanno un SNR migliore per una data "luminosità della scena", specialmente nelle zone più scure, ma portano anche ad una più precoce saturazione [ le linee verticali, NDT ] dei pixel.

avatarsenior
inviato il 12 Settembre 2019 ore 9:40

@TheBlackbird
Nel grafico di dx l'esposizione (quantità di luce che arriva al sensore) è costante, cambiano gli iso.
Il +1/3 o +2/3 di Tony cambia l'esposizione (vera ettr), l'effetto è come quello del grafico di sx, migliora tutto finchè non ti avvicini troppo alla saturazio




avatarsenior
inviato il 12 Settembre 2019 ore 9:42

un buon uso degli ISO migliori le ombre (se non sfondi le luci...)
Si 1
Se la scena è molto contrastata e la DR del sensore non è sufficiente a contenerla, finisce tutto a dx e può capitare di bruciare le luci ugualmente
E si 2
Sorriso
Riguardo il secondo quote, quando ho tanto contrasto e so che mi servirà recuperare qualcosa ma non posso fare più scatti, per il mio caso e la mia attrezzatura ho sempre pensato che mi valga la pena fare un bell'ettr, recuperando poi in post quello che consentono al massimo gli ISO che ho dovuto usare con la DR relativa, e tanti saluti! MrGreen

avatarsenior
inviato il 12 Settembre 2019 ore 9:46

Possiamo dire che è la stessa cosa che in fotografia analogica si chiama esporre per le ombre?

avatarsenior
inviato il 12 Settembre 2019 ore 10:23

La tendenza è la stessa, ma sono mondi diversi. La risposta alle alte luci della pellicola negativa e' molto più morbida. La risposta del sensore è lineare, da una parte bisogna stare attenti alle luci ma dall'altra e' ragion di più per stare a iso più bassi possibile e sfruttare tutta la gamma dinamica se possibile perché come abbiamo visto ad esempio alzando gli iso questa dinamica si riduce e nella zona delle luci la conseguenza è che si riduce anche la gamma dei toni, le sfumature, nel migliore dei casi. Almeno questo mi pare, poi..mi posso sbagliare!

avatarsenior
inviato il 12 Settembre 2019 ore 10:44

@Simone OK;-)

avatarsenior
inviato il 12 Settembre 2019 ore 10:51

L'articolo linkato ha portato Hasinoff dall'MIT a Google dove è diventato il capo della sezione fotografica e creato Gcam! Mica male, eh:-P In generale è meglio fare un attimo di fatica in più (a proposito: grazie Black!) e andare alla fonte, proprio come aveva fatto Alessio. In rete ci sono tanti peracottari sprovvisti di cultura specifica (ma con degli ego smisurati) che scrivono di fotografia digitale.Sorry

avatarsenior
inviato il 12 Settembre 2019 ore 11:31

Approfitto della domanda di Miki per cercare di smontare un'altra errata convinzione che avevo e di cui peraltro ci sono state diatribe, anche tra fotografi di un certo livello, provenienti dalla fotografia tradizionale, cioè la non comprensione della ettr.
Questa veniva vista come "innaturale" e "poco analogica". Abbastanza paradossale, visto che permette di registrare un maggior numero di sfumature ("informazioni"). L' inghippo sta nel successivo recupero in pp...basta non esagerare con quello e il gioco è fatto.
Con attenzione poi anche all'equilibrio cromatico (come la luce va a distribuirsi sui 3 canali RGB).

avatarsenior
inviato il 12 Settembre 2019 ore 12:42

@Simone ETTR fu proposta nel lontano 2003 da due autentici guru: Knoll (ideatore di Photoshop) e Reichmann (fondatore di Luminous Landscape). Allora solo le aps-C erano alla portata di tutti e non erano dei fenomeni in DR e SNR. Giustamente i due proposero di riempire tutto l'istogramma raw a dx senza sfondare le luci. Uno era un programmatore, l'altro un fotografo con laurea in fotografia. Entrambi non hanno considerato il rumore che, paradossalmente, è molto più alto a dx nelle alte luci che nelle ombre. Per cui avere metà degli scalini del registro dedicati alle alte luci non era una grande idea perché in quella zona il rumore è talmente alto che bastavano una trentina di punti, altro che 2,000 e passa! Questo è stato chiarito da Martinec nel 2008. Col passare del tempo i paesaggisti hanno avuto sempre meno bisogno dell'ETTR perché sono comparse FF abbordabili e il CMOS ha ridotto il read noise. ETTR oggi serve ai paesaggisti per fare uno scatto solo invece di HDR. Va bene a cavalletto. Ha senso a ISO base. Qualsiasi ETTR a ISO più alto di quello base è riducibile a un ISO più basso, fino ad arrivare a quello base. Purtroppo molti indicano con ETTR quello che è una sovraesposizione (ossia ottenuta a ISO superiore a quello base). La sovraesposizione in ogni caso va compensata in PP, il che rende obbligatorio lavorare dall'inizio alla fine in RAW. In PP si riaggiustano anche i livelli tonali, all'occorrenza. Oggi a chi può servire ETTR nei paesaggi? Fondamentalmente agli m4/3 e 1". Se a ISO base si riesce a sovraesporre una aps-c crop 1.5 di ~ 1.20 EV, allora si fa arrivare al sensore la stessa luce di una FF.

avatarjunior
inviato il 12 Settembre 2019 ore 13:46

In effetti l'articolo di Hasinoff è un must!

Ma andrebbe aggiornato per riflettere l'evoluzione tecnologica dai tempi della D1s ;)

Diciamo che nel caso di una macchina parecchio iso INvariante le curve si "raddrizzerebbero" fino a diventare delle rette ( read noise=0 ) con pendenza identica a quella che hanno a dx?

MrGreen

Marco

avatarsenior
inviato il 12 Settembre 2019 ore 14:05

@Marco read noise 0 è impossibile, a meno di lavorare a 0 °K (altrettanto impossibile MrGreenMrGreen). In sostanza vale per i Canonisti con macchine anteriori alla 5DIV, comprese le aps-C crop 1.6. Per chiarire cosa si può strizzare fuori oggi con gli ISO da un ISO-Invariante, dovremo accordarci su prove standard. La mia A7R non è il massimo perché ha ARW lossy, pensa che salva solo i valori raw pari, non i dispari, una vergognaSorry, rimediata da Sony con le serie Alpha successiveEeeek!!!

avatarsenior
inviato il 12 Settembre 2019 ore 15:09

ARW lossy, pensa che salva solo i valori raw pari
Eeeek!!!
E allora schiaffi a due a due finché non diventano dispari!!! MrGreen

avatarjunior
inviato il 12 Settembre 2019 ore 15:12

@TheBlackbird: espressione che uso spesso anche io , condivido! MrGreen

@Valgrassi: e infatti ho parlato di raddrizzare fino a ;)

Ma riflettendoci, alla fine, tutto il casino tra iso Variante e ISO INvariante si riduce , GRAFICAMENTE, a quello Sorriso

Marco

avatarsenior
inviato il 12 Settembre 2019 ore 16:23

@Marco ISO-Invariante al 100% è la mia SIGMA Merrill dp2m. C'è stata una diatriba durata anni se fosse 100 o 200 ISO base. Vai a vedere i dati raw dei suoi file X3F e scopri che non si sono neanche presi la briga di applicare un gain digitale (per i programmatori: un LEFT SHIFT sui dati grezzi). Perciò 100 ISO è l'istogramma che va più a dx e gli altri a seguire rimpiccioliscono in ragione di 2. Ovviamente quando alzi gli ISO nei Foveon (che soffrono di read noise più alto dei Bayer) viene presto il momento che i colori degenerano. Però anche l'occhio umano si comporta così: a bassi livelli di illuminazione comincia a non distinguere i colori e vede in BN! Qualche medico o biologo ce lo può spiegare meglio.Cool

avatarjunior
inviato il 12 Settembre 2019 ore 16:35

In effetti alcune scuole di pensiero sull PP suggeriscono di desaturare le ombre ;-)

Cmq: il read noise =0 è ovviamente un "passaggio al limite", ma la minore o maggiore curvatura
no!

Marco


27 Febbraio 2020

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)



Questa discussione ha raggiunto il limite di 15 pagine: non è possibile inviare nuove risposte.

La discussione NON deve essere riaperta A MENO CHE non ci sia ancora modo di discutere STRETTAMENTE sul tema originale.

Lo scopo della chiusura automatica è rendere il forum più leggibile, sopratutto ai nuovi utenti, evitando i "topic serpentone": un topic oltre le 15 pagine risulta spesso caotico e le informazioni utili vengono "diluite" dal grande numero di messaggi.In ogni caso, i topic non devono diventare un "forum nel forum": se avete un messaggio che non è strettamente legato col tema della discussione, aprite una nuova discussione!





 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me