Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Parlare di/della fotografia - 4


Forum » Tecnica, Composizione e altri temi » Parlare di/della fotografia - 4




avatarsenior
inviato il 16 Marzo 2019 ore 11:12

Galimberti sicuramente fa un lavoro molto originale oltre che ben fatto...a volte mi manda in confusione la vista ma mi piace.

avatarsenior
inviato il 17 Marzo 2019 ore 12:00

Aaron Hawks è un artista complesso le cui opere inglobano una moltitudine di riferimenti e influenze che dialogano in un'originale reinterpretazione. Il risultato è una miscela interessante di fotografia artistica, feticismo, umorismo, introspezione e indiscusse capacità tecniche.


www.google.com/search?q=Aaron+Hawks&safe=off&client=ms-android-samsung

Un autore che può essere collegato a lui è Jan Saudek.
La fotografia di Jan Saudek esplora sogni più che realtà, ed è fortemente caratterizzata da soggetti spietati: composizioni evocative, che non nascondono la materialità dell'esistenza.


www.google.com/search?q=Jan+Saudek&safe=off&client=ms-android-samsung&

Come avevamo detto di fare propongo due fotografi legati da un filo conduttore. Sono due artisti molto particolari e se vogliamo un po' forti. Se avete voglia di parlarne questa è la mia proposta.

avatarjunior
inviato il 17 Marzo 2019 ore 13:21

Grazie Filiberto.
Vado in immersione

avatarsenior
inviato il 17 Marzo 2019 ore 14:03

Saudek viene dalla pittura è si vede. L'altro non lo conoscevo e ti ringrazio per averlo proposto. Due autori con stile totalmente diversi ma appartenenti in qualche modo allo stesso filone. Il nudo è un genere molto difficile e sottovalutato...ottima proposta.

avatarsenior
inviato il 17 Marzo 2019 ore 14:21

Volendo si potrebbe fare un trittico con Joel-Peter Witkin. Un po' il lato oscuro della fotografia.

L'opera dell'artista americano è un'esaltazione della diversità: dalle deformità fisiche, congenite o acquisite, alle devianze psicologiche e sessuali. La ricerca di una bellezza nell'orrore, la costante ossessione della morte, i continui rimandi alla simbologia cristiana e alla vulnerabilità corporea costituiscono la base concettuale di opere che si confrontano costantemente con alcuni autori della storia dell'arte, tra i quali Bosch, Goya, Velasquez, Miro, Botticelli e Picasso.

Utilizzando immagini e simboli del passato, Witkin costruisce quadri che trascendono l'aspetto macabro e morboso. Vita e morte, attrazione e repulsione, erotismo e disgusto si alternano. Parti di oggetti e parti di corpi umani entrano nelle composizioni in modo dissacrante e scandalosamente normale.


www.google.com/search?q=Joel-Peter+Witkin&safe=off&client=ms-android-s

avatarsenior
inviato il 17 Marzo 2019 ore 15:09

Witkin altro autore particolare. Anche qui la fotografia è usata come forma d'arte (sembra che prima di passare alla parte fotografica ,Witkin disegnasse degli schizzi). Immagini inquietanti e come se non bastasse aggiungeva graffi e macchie come ciliegina sulla torta!!!..." La ricerca di una bellezza nell'orrore"...direi proprio di sì.

avatarsenior
inviato il 17 Marzo 2019 ore 15:27

bizzarrobazar.com/2009/11/26/joel-peter-witkin/

Un interessante approfondimento sulla sua opera.

avatarjunior
inviato il 18 Marzo 2019 ore 2:04

Le mie impressioni su Hawks:
sono rappresentati, quasi come una geografia lucidamente descrittiva, i segni di una sensualità degradata, come se i simboli feticisti onnipresenti nelle immagini fossero il rantolo di un erotomane sfatto. C'è anche una lucidità realistica che non si spinge troppo nel visionario, come avviene invece

in Saudek: qui mi vengono in mente certe fotocartoline erotiche della fine '800, grazie anche al viraggio del colore e alla postura delle figure. Il carattere visionario mi sembra più accentuato, con toni crudeli, incubi e mostruosità, ricerca di elementi raccapriccianti, il tutto in luci e tonalità che, in modo più deciso, fuggono dalla 'realtà' per annidarsi in una sorta di teatro costruito con maestria.

In entrambi gli autori la Fotografia ormai è fotografia di ciò che non esiste oggettivamente, ma è costruito con l'intento di rappresentare le visioni 'di dentro', grazie anche all'uso del colore che rende il tutto più pittorico rispetto al bianconero di una certa Fotografia tradizionale.

A livello puramente personale ed emotivo, pur essendo interessato a conoscere autori prima sconosciuti, devo dire che è una Fotografia che non mi coinvolge particolarmente. La osservo come fenomeno sperimentale e mi incuriosisce come frontiera di un possibile modo di concepire la Fotografia, ma non riesce a rimanermi impressa o a spingermi a restare a lungo ammirato.

avatarjunior
inviato il 18 Marzo 2019 ore 5:08

" " Galimberti sicuramente fa un lavoro molto originale oltre che ben fatto."
"


Purtroppo la sua originalità... non è farina del suo sacco, ed è quindi farlocca.

Se ne è appropriato copiando da colui che ne è stato ideatore ed il primo a proporre tale tecnica e che risponde al nome di David Hockney. ;-)

www.google.com/search?tbm=isch&sa=1&ei=ixWPXOXbLKSC1fAP6q6CwA0&q=david

www.google.com/search?tbm=isch&sa=1&ei=ixWPXOXbLKSC1fAP6q6CwA0&q=david

avatarsenior
inviato il 18 Marzo 2019 ore 8:13

" in Saudek: qui mi vengono in mente certe fotocartoline erotiche della fine '800, grazie anche al viraggio del colore e alla postura delle figure."
Una piccola aggiunta sul colore, Saudek scatta in bianco e nero solo successivamente colora le foto

avatarsenior
inviato il 18 Marzo 2019 ore 9:11

Paolo ho presentato due fotografi che come hai detto tu fotografano quello che "hanno dentro", una fotografia in antitesi a quella della ricerca dell"attimo fuggente. La mia intenzione era proprio quella di stimolare una discussione in merito.

avatarsenior
inviato il 18 Marzo 2019 ore 9:16

@Remember... grazie per la segnalazione. Hai perfettamente ragione...originalità farlocca.Sorry

avatarsenior
inviato il 18 Marzo 2019 ore 10:53

smargiassi-michele.blogautore.repubblica.it/2018/12/03/simone-bramante

Mi viene un collegamento a questo articolo di Smargiassi

avatarsenior
inviato il 18 Marzo 2019 ore 11:13

Dal sopra citato articolo:

" Ogni ricetta per fare buone foto si riduce a una biografia."

+ 100 !!!! Molte volte è proprio così.

avatarsenior
inviato il 18 Marzo 2019 ore 11:26

Più precisamente dice che l'emozione è il fotografo. È la capacità di emozionarsi del fotografo che trasmette emozioni alla fotografia.

19 Marzo 2019

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)



Questa discussione ha raggiunto il limite di 15 pagine: non è possibile inviare nuove risposte.

La discussione NON deve essere riaperta A MENO CHE non ci sia ancora modo di discutere STRETTAMENTE sul tema originale.

Lo scopo della chiusura automatica è rendere il forum più leggibile, sopratutto ai nuovi utenti, evitando i "topic serpentone": un topic oltre le 15 pagine risulta spesso caotico e le informazioni utili vengono "diluite" dal grande numero di messaggi.In ogni caso, i topic non devono diventare un "forum nel forum": se avete un messaggio che non è strettamente legato col tema della discussione, aprite una nuova discussione!





 ^

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me