Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Come funziona un centro assistenza


Forum » Tecnica, Composizione e altri temi » Come funziona un centro assistenza




avatarsenior
inviato il 15 Gennaio 2019 ore 22:00

Ammazza Br1H2o che traversone Sorriso

Provo a rispondere, la domanda non è banale. Premetto che io non sono un tecnico: ovvio, di ottiche e ne fotocamere maneggio tante (di tutti i tipi, tutti i giorni), le conosco, ma non le smonto - non ho quel tipo di competenza.

Personalmente credo che quella del "silent upgrade" sia prassi comune e del resto mi pare abbastanza ovvio che su prodotti così complessi, che restano in produzione anche dieci anni o più, ci siano affinamenti e aggiustamenti "al volo" degli standard di fabbricazione, che le case non pubblicizzano (e perché dovrebbero?). Senza contare le altrettanto probabili variazioni più o meno marcate nella qualità finale se - per esempio - il marchio X sposta la produzione dal paese A al paese B in a metà del ciclo, o anche solo da uno stabilimento all'altro.

Per cui sì, non dubito che per ogni modello possano esserci differenze di resa, costruzione e affidabilità tra annate o versioni diverse. In teoria è non solo possibile ma anche logico.

Però nella pratica è tutt'altro che facile fare una casistica in base a quello che si vede in un CS. Esempio stupido, i seriali: buona parte dei produttori usa seriali "opachi" che non permettono (in teoria) all'end user di risalire immediatamente allo stabilimento o all'anno effettivo di produzione del pezzo. Ovvio, queste informazioni sono nei database a cui i CS hanno accesso, ma nella vita reale sto controllo non lo si fa quasi mai, se non in quei (pochissimi) casi in cui effettivamente serva farlo. Novantanove virgola nove volte su cento al tecnico Tizio arriva la macchina X o Y con la tal descrizione del problema, lui fa la sua diagnosi, e via così - il seriale manco lo guarda, a meno che non ci sia una ragione ben precisa per guardarlo.
E comunque, anche se gli venisse la curiosità tutta personale di sapere dove e quando il pezzo è stato prodotto, dovrebbe fare una richiesta sul database... e fidatevi, i tecnici tutto sto tempo da perdere non ce l'hanno. Magari quelli più stagionati un'idea loro, dopo aver fatto il decimillesimo intervento sulla fotocamera X o sull'ottica Z, se la sono anche fatta... ma nel caso se la tengono per sé. NDA, remember?

Già che sono (più o meno) in argomento, vorrei anche sfatare un'idea un po' idealizzata che secondo me molti fotoamatori (e anche professionisti) hanno di un CS come di un ambiente quasi monacale in cui si aggirano tipi ascetici col camice bianco e la loupe incollata all'occhio, che ti sanno diagnosticare un disallineamento semplicemente tenendo l'ottica in mano, e passano ogni minuto libero a discutere se sia abbia migliore trasmittanza il 100 Elmarit Apo Macro o il 100 Makro Planar.

Ecco, questo forse succede nei video promozionali Leica MrGreen nella realtà in un CS c'è gente di ogni età ed origine, testosterone a manetta, molta pressione. I tecnici sono, appunto dei tecnici, non dei sacerdoti o degli artigiani: molti sono appassionati di fotografia, molti altri no, non glie ne frega niente al di fuori del lavoro, e non è detto che questi ultimi siano i più scarsi, anzi. Per riparare un serie L non serve saperlo usare - serve sapere, e bene, com'è fatto, come funziona, come smontarlo, e come rimontarlo senza avanzare dei pezzi. Punto.

Corollario all'ultimo paragrafo: se avete un problema intermittente, che magari si presenta ogni tot mila scatti o solo in certe condizioni, mandate pure l'attrezzatura in assistenza - è sacrosanto - ma non incazzatevi se vi rispondono che non hanno trovato il difetto. Non è per menefreghismo, è semplice mancanza di tempo: nessun tecnico ha il tempo, materialmente, di testare una fotocamera facendo 4000 scatti in sequenza (ci è stato chiesto) o di testare l'ottica nel parcheggio quando piove perché il problema si presenta quando c'è umido (ci è stato chiesto). Il tecnico farà i suoi test di routine, mettendoci anche qualcosa di più se il problema non è ovvio, potrà fare qualche ipotesi e richiedere più informazioni... ma a un certo punto se non salta fuori niente deve arrendersi, non può permettersi di passarci la giornata, specie se magari gli arrivano cinque sei approvazioni di preventivi in mezz'ora, e sullo scaffale c'è ancora da diagnosticare la roba dell'inviato Reuters con livello CPS Plutonium in partenza per l'Afghanistan MrGreen

avatarjunior
inviato il 15 Gennaio 2019 ore 22:06

"CPS plutonium" MrGreen

avatarsenior
inviato il 16 Gennaio 2019 ore 9:43

ManInTheMaze grazie per la risposta lunga e ben argomentata MrGreen, ma io mi riferivo ad confronto più vicino tra 2 articoli di recente produzione tipo 2 Sony A7III o 2 D850. Eeeek!!!

avatarsenior
inviato il 18 Gennaio 2019 ore 19:21

Hombre, su questi non saprei cosa dire... cioè valgono tutte le riserve che ho elencato sopra, ma al quadrato visto che non sono nemmeno stare in produzione così a lungo...

avatarsenior
inviato il 21 Gennaio 2019 ore 15:56

" Se mai posso dire che c'è una certa tendenza alla "riduzione" nella componentistica delle ultime, per esempio riparare una mirrorless è un gioco rispetto a una reflex, ci sono molti meno pezzi singoli e componenti, è tutto molto più accorpato in un numero relativamente ristretto di blocchi - e infatti i preventivi tendono a essere da infarto, perché magari per un semplice flat andato ti tocca sostituire tutto l'assemblaggio sensore/otturatore/IBIS. "
Questa mi ha fatto pensare molto, è una cosa che si dice poco in relazione alle "nuove e mirabolanti ML".

Comunque al netto di questa osservazione personale, un'esortazione da me che sono interessato al topic, che trovo opportuno ed utilissimo: quando presumerai che le domande saranno finite, tira le fila racchiudendo tutte le Q/A pervenute e fanne un bell'articolo riassuntivo qui su Juza "Centri di Assistenza e affini"!
In tanti saranno interessati come chi è intervenuto qui!

avatarsupporter
inviato il 22 Gennaio 2019 ore 7:12

“Per riparare un serie L non serve saperlo usare - serve sapere, e bene, com'è fatto, come funziona, come smontarlo, e come rimontarlo senza avanzare dei pezzi. Punto.“

Penso ci sia un database con i DWG e “passi” da seguire. Ma i vetri piu' ardui e “lunghi” da sistemare? Quelli che danno grattacapi. Grazie.

avatarjunior
inviato il 24 Gennaio 2019 ore 20:39

Rieccomi con qualche altra domanda stavolta riguardo agli obiettivi e le loro difettosità di fabbrica:
1) è corretto definire che un'ottica è decentrata quando uno dei lati del frame dell'immagine (di solito in tutta la sua lunghezza) presenta una sfocatura anomala, mentre invece l'ottica è disallineata (in modo non bene precisato) quando la sfocatura interessa una porzione diversa/minore del fotogramma? O si usa semplicemente il termine decentrata/disallineata/"altro" generico?
2) nei casi di cui sopra si riesce sempre ad intervenire positivamente?
3) è inoltre più difficile/facile correggere una casistica di disallineamento in particolare?

ps. mi è arrivato il preventivo per la sostituzione del display della T2 (fortunamente è un po' più ottimista delle tue previsioni Cool) e fra gli interventi indicati mi hanno segnalato, oltre ovviamente alla sostituzione del display, una voce "riparazione scheda madre": che sia dovuta al fatto che devono dissaldare il flat del vecchio display?
Tra l'altro c'è anche una voce "pulizia sensore" che mi hanno confermato essere compresa nel "pacchetto"...immagino sia una prassi, dal momento che dovranno smontare la macchina, giusto?

Grazie di nuovo ;-)

avatarsenior
inviato il 24 Gennaio 2019 ore 22:43

@ManInTheMaze le case vi chiedono un feedback dei clienti(pregi,difetti,quello ch và non và)perchè è chiaro che voi siete il front office,quelli che poi si relazionano coi clienti stessi,e i clienti sono i migliori tester in assoluto.

avatarsenior
inviato il 25 Gennaio 2019 ore 1:04

Mi scuso se ho lasciato un po' tutti in sospeso, giorni frenetici e poco tempo per rispondere... vediamo di fare con ordine.

@Blackbird è una buona idea, ci metterei anche un vademecum delle cose da NON chiedere al CS MrGreen sul discorso delle "nuove e mirabolanti mirrorless" siamo d'accordo. Per le case produttrici è l'uovo di colombo, possono avere margini più alti abbattendo i costi di produzione e manutenzione, e allo stesso tempo ritoccare all'insù i prezzi al dettaglio. I clienti si vedono proporre tutte le funzioni di fine di mondo, l'EVF, la raffica a 20 fps etc e strisciano felici la carta MrGreen

@Banjo esatto, ci sono decine di migliaia di pagine di manualistica. I vetri più rognosi comunque sono gli zoom stabilizzati (per il numero di elementi e gruppi ottici) e i superluminosi (per la difficoltà di tararli e le aspettative spesso irragionevoli dei proprietari).

@Ndrew ti rispondo punto per punto:

1) si usa il termine più o meno indifferentemente, gira tutto intorno al fatto che si interviene sempre sui gruppi ottici e non sui singoli elementi. Una volta confermata la sfocatura sulla mira ottica, si fanno altri test di fino per identificare il gruppo ottico difettato ed escludere altre cause (vedi sotto) e lo si cambia. Tutto sommato interessa poco sapere se sia decentrato o disallineato, visto che sempre nella rumenta finisce MrGreen

2) se identifichi correttamente il gruppo di solito sì. Spesso poi in questi casi si devono testare anche gli allineamenti del barilotto, delle guide interne e della baionetta.

3) no, per i motivi di cui al punto 1. Ancora una volta, i più rognosi da correggere in questo senso sono gli zoom - in generale la regola è che più vetro c'è, più cose possono andare storte. Noi non trattiamo Sigma ma al loro CS con la serie Art devono vederne delle belle MrGreen

4) mi fa piacere per il preventivo inferiore al previsto! Ti avevo citato il prezzo UK del 2016 perché al momento non avevo sottomano listini più recenti, se non sono indiscreto quanto ti hanno chiesto? La sostituzione della scheda potrebbe benissimo essere dovuta al motivo che immagini (non posso confermare non avendo mai visto una Fuji aperta), altra cosa che mi viene in mente è che ci abbiano trovato registrati degli errori in diagnostica e deciso di sostituirla in via precauzionale. Vedi quindi che la politica del prezzo fisso di Fuji paga? Avessi avuto una A7 (ma anche una A6XXX) per fare lo stesso intervento in Sony ti avrebbero chiesto un rene, fidati ;-) il sensore viene sempre pulito in tutti gli interventi sui corpi, è routine - come ben immagini durante lo smontaggio e il rimontaggio ci può finire sopra di tutto e non sarebbe il massimo per il cliente...

@Prcollins: quello che dici avviene in maniera automatica - ogni tot il capo sezione passa alla casa madre le metriche degli interventi fatti nel periodo, quindi se - per dire - in un certo arco di tempo tot clienti lamentano lo stesso difetto con l'attrezzo X o Y, prima a poi la magagna salta fuori. Però non c'è un sistema di raccolta feedback strutturato, non presso di noi almeno, che siamo un CS autorizzato ma esterno - in un centro assistenza interno credo abbiano anche quello.

avatarjunior
inviato il 25 Gennaio 2019 ore 6:58

Grazie Man, sempre preciso ed esaustivo ;-)

Per il preventivo mi han chiesto 165€ con le tre voci che ti ho scritto: non avevo però specificato che sono passato x Livolsi quindi la differenza di prezzo/listino potrebbe essere legata anche all'importazione italiana.

Per il discorso sfocatura scrivi che la verifica avviene tramite mira ottica: potrebbe o è mai capitato che una sfocatura "subdola" (non quelle ai lati che son facili da beccare anche su lcd della macchina) visibile su uno scatto in condizioni "normali" sia difficile da replicare con la mira ottica?

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 169000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.





21 Marzo 2019

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)


 ^

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me