RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Un brutto anno per tutti?


  1. Forum
  2. »
  3. Viaggi, Natura, Escursioni ed Eventi
  4. » Un brutto anno per tutti?





avatarsenior
inviato il 11 Novembre 2020 ore 8:12

Ad esempio lo scorso inverno in un noto capanno pubblico in Brianza prima della chiusura del lockdown quindi fino a fine febbraio c'era stata una bella frequentazione di diverse specie che gli anni precedenti erano assenti per cui la speranza che tornino anche quest'anno è molto altaSorriso

avatarsupporter
inviato il 11 Novembre 2020 ore 10:56

io sostengo che le foto più soddisfacenti ovviamente le si fa wild..


Beh, ma perchè considerate wild solo le foto fatte in itinere? Capisco se parliamo dei capanni gestiti a fini di lucro da alcune associazioni (nessuna polemica, anzi, meglio che certi pseudo fotografi naturalisti vadano a fotografare a pagamento in quei capanni, piuttosto che vederli far danni, anche grossi, in giro per il mondo), dove le specie sono davvero quasi addomesticate ed indifferenti alla presenza umana. Però, se prendiamo come esempio il mio capanno, non credo che le foto fatte lì siano meno "naturalistiche" di quelle che faccio sdraiato in riva al torrente coperto dal telo mimetico. Specie diverse richiedono approcci diversi. Per fotografare un animale nella sua naturalezza e naturalità, bisogna studiarne e assecondarne i comportamenti. Un capanno fisso, dopo un certo periodo, per gli animali diventa un elemento del luogo come lo sono anche alberi, cespugli e pozze d'acqua. Semplicemente, una volta capito che non è un pericolo, lo ignorano e si comportano in modo del tutto naturale. Posto come esempio questo scatto di un paio di anni fa

www.juzaphoto.com/galleria.php?l=it&t=3110130

Il capriolo, se non si sente sicuro e avverte anche solo lontanamente la presenza umana, scappa a distanza di sicurezza in un lampo. Questo della foto, invece, passeggiava tranquillamente davanti al mio capanno, mangiucchiando qua e là i germogli che sbocciavano dagli arbusti tutto intorno. Io credo che questa, nella sua pochezza tecnica e artistica, sia comunque una foto naturale perchè il soggetto si comportava in modo naturale. Insomma, una foto fata da capanno fisso in una zona non gestita e non eccessivamente frequentata, secondo me, non è meno "wild" di una fatta appostandosi tra i rami di un cespuglio o nascosti da un telo mimetico. Anzi, per avvicinare alcune specie senza danneggiarle, credo che sia l'approccio migliore, soprattutto se parliamo di passeriformi, che altrimenti sarebbero quasi inavvicinabili. Qualcuno mi dirà che modifichiamo i loro comportamenti fornendogli del cibo. In realtà (lo dico da biologo e non da fotografo) non modifichiamo proprio un bel niente. Le specie che vengono a nutrirsi alle nostre mangiatoie sono tutte specie che nei mesi invernali si adattano alle condizioni che sono costretti ad affrontare diventando, naturalmente, molto più opportuniste di quanto non lo siano nei mesi estivi. Non per niente, per alcune specie, le mangiatoie sono del tutto inutili, mentre le cinciallegre e i passeri (dove ancora ci sono ) li consideriamo quasi infestanti. A maggior dimostrazione di ciò, quest'anno ho frequentato il capanno anche nei mesi estivi e ho avuto delle bellissime sorprese, pur non rifornendo in alcun modo le mangiatoie. In termini di individui le presenze sono state sicuramente meno numerose rispetto all'inverno, ma ho avuto la possibilità di osservare e fotografare specie che non pensavo si sarebbero avvicinate (su tutti il pigliamosche e la balia nera): non erano attratte dal cibo, ma ogni tanto venivano ad utilizzare i posatoi e a bere nella piccola pozza d'acqua. Insomma, tutto questo pippone, per dire che anche le foto da capanno (per come le intendo io e per come mi pare di aver capito le intendano anche molti di voi) non sono meno naturalistiche di altre;-) (e poi avevo una mezz'oretta liberaMrGreen)

avatarsupporter
inviato il 11 Novembre 2020 ore 11:28

Io ale non la vedo come te..
Ho fatto anche io foto ai caprioli come è successo a te e in questo caso condivido il tuo pensiero..
L'uccello che io ho abituato a venire a mangiare alla mia mangiatoia perdonami ma non è wild.. wild è quando ti immergi nel "sistema natura" senza intergirvi..

avatarsupporter
inviato il 11 Novembre 2020 ore 12:03

Io ale non la vedo come te..
Ho fatto anche io foto ai caprioli come è successo a te e in questo caso condivido il tuo pensiero..
L'uccello che io ho abituato a venire a mangiare alla mia mangiatoia perdonami ma non è wild.. wild è quando ti immergi nel "sistema natura" senza intergirvi..


E allora non siamo proprio d'accordo, ma possiamo essere amici lo stesso;-)
Cosa intendi per sistema natura? Troppo spesso ci dimentichiamo che, per quanti danni facciamo e per quante modifiche apportiamo, anche noi esseri umani facciamo parte della Natura del nostro pianeta. Siamo una specie che modifica pesantemente l'ambiente e i comportamenti animali, ma anche questo, ahimè, è in realtà più naturale di quanto pensiamo. Per me non è naturale se c'è allevamento o cattività. Non è una giustificazione per rendere meno artefatti i miei scatti, ma una semplice constatazione. Comunque, finalmente una discussione interessante in cui non ci si scanna per obiettivi, sensori o altre amenità tecnologiche.

Ciao
Alessandro

avatarsupporter
inviato il 11 Novembre 2020 ore 13:13

Certo amici! È così bello avere degli scambi di opinioni..
Seguendo il tuo ragionamento (ed è una cosa che penso davvero) anche le bottiglie di plastica, le bombe atomiche, i prodotti chimici ecc sono naturali.. provengono dal pianeta terra.. (lo dico davvero non per sfottò) ma entriamo in meriti..

Però nelle foto al capanno viene meno la spontaneità del soggetto.. si, x lui ora è spontaneo e naturale venir li.. ma non lo era..
Cmq non mi dilungo che non voglio certo convincerti ;-)

avatarsenior
inviato il 11 Novembre 2020 ore 13:54

Per noi lavoratori autonomi con pochissimo tempo libero il capanno è una bella comodità Sorriso
Chi ha tempo di andare per boschi a cercare i soggetti??Sorriso

avatarsupporter
inviato il 11 Novembre 2020 ore 15:29

Ah sì guarda! Io sono fortunato che ho dei turni che mi lasciano molto tempo libero.. in compenso ho un bimbo piccolo.. MrGreen

avatarsupporter
inviato il 11 Novembre 2020 ore 17:42

anche le bottiglie di plastica, le bombe atomiche, i prodotti chimici ecc sono naturali.. provengono dal pianeta terra..

Beh no, non sono certo naturali e non era quello il senso della mia affermazione. Però (e qui ragiono in generale, non attribuisco certo a te pensieri che non hai espresso) pensando di essere un corpo estraneo rispetto alla Natura che ci circonda, alla fine, secondo me si rischia di cadere nello stesso errore di chi la Natura la sfrutta e la violenta senza ritegno. Certo, è chiaro che persone come noi la Natura la amano e la rispettano, ma spesso abbiamo la tendenza a vederla come qualcosa di cui non facciamo parte, qualcosa di cui magari siamo responsabili (ed è vero) ma che guardiamo dall'esterno, un po' come fosse un'opera d'arte in un museo, di cui ci prendiamo cura e a cui stiamo attenti non succeda niente di male. Però noi in quell'opera d'arte ci viviamo e ne facciamo parte. Cosa c'entra tutto questo con la naturalezza delle foto? C'entra perchè la mia presenza in realtà non modifica la naturalezza dei comportamenti di una data specie animale. Se si accorge di me, fuggirà (e cosa c'è di più naturale della fuga per paura di un predatore?). Se non se ne accorgerà, continuerà a fare quello che stava facendo. Poi attenzione, però, la prima regola da seguire sarà sempre quella del buon senso applicato a delle buone conoscenze. Semi vari per i granivori sono un valido e concreto aiuto a superare l'inverno per specie che altrimenti, anche a causa dei nostri danni, farebbero più fatica a sopravvivere. Spingersi oltre cercando di attrarre predatori con esche (morte o vive che siano) o utilizzare insistentemente richiami artificiali, sono pratiche che vanno censurate e che producono solo danni. Ma per un discorso strettamente limitato al capanno (che, ripeto, è il meno invasivo dei modi possibili per delle buone osservazioni) e ad una mangiatoia invernale con semi vari, non sono d'accordo nel ritenere che il comportamento dei piccoli visitatori non sia naturale: è proprio il venire a mangiare lì che fa parte della loro Natura. Poi, per fortuna, ogni tanto capitano anche visite inaspettate di specie che semplicemente stanno esplorando i dintorni, indifferenti a mangiatoie e capanni. Se mi vedessero, quelle specie non si avvicinerebbero mai, ma nascosto nel capanno qualche bella osservazione l'ho fatta e sicuramente la stessa cosa sarà successa a chiunque come me ha o ha avuto il privilegio e la fortuna di poter frequentare un capanno in una zona poco frequentata.

avatarjunior
inviato il 11 Novembre 2020 ore 20:49

Secondo me dipende da come è il posto e come viene gestito e cosa offre, il mio dista da casa 3/400 metri, è dentro un parco non curato, ho tanti alberi da frutta (caco, melo, fichi, prugne, uva, olivo e gelso) oltre a vari arbusti spontanei con le bacche. non uso nè pesticidi nè altro e lascio alcune zone senza taglio per dare un rifugio.. e per me sono wild eccome, uso un paio di fototrappole per orientarmi e capire cosa avviene e chi arriva. di casuali interessanti quest'anno ho fotografato un pecchiaiolo con un 200mm senza crop, anche un fanello e una averla piccola sempre attirati per bere l'acqua nella pozza.. ci sono i ricci e so dove è la tana (fatta da me), di notte girano volpe civetta e gufo, come di giorno ogni tanto sparviero o gheppio.. tutto questo secondo me è perché ho cercato di impattare l'ambiente il meno possibile .. ieri ho montato (prima volta) un video forse un po' lungo ma .. www.flickr.com/photos/eyas_awad/50587812936/in/dateposted/

avatarsupporter
inviato il 11 Novembre 2020 ore 21:56

Complimenti per i visitatori!
X me attirare col cibo non è wild.. con l'acqua dai.. diciamo di sì.. MrGreen
il fatto è che spesso (io pure lo faccio ovviamente) creiamo dei veri e propri set fotografici ad hoc.. il che (x me) toglie la parola wild dalla tipologia dello scatto..

Cmq la mia l'ho già detta più di una volta e non voglio sembrare ridondante

Una buona serata a tutti e buona luce (freddo) ai nostri capanni!!!!

avatarjunior
inviato il 21 Novembre 2020 ore 18:43

Da me, Toscana, c'è ancora caldo, mangia solo un pettirosso ad un capanno in sottobosco mentre in argine non mangiano nulla. Non vengono toccati i semi di girasole ma solo il pastoncino insettivori. Avevo messo anche un melograno e i cachi maturi ma non se li sono filati. Come specie ho occhiocotto, capinera, scricciolo, passera scopaiola, pettirosso, luì piccolo, beccamoschino, saltimpalo, migliarino di palude, codirosso spazzacamino, cinciallegra, regolo. Ad inverno inoltrato verranno anche i cardellini. Da me mancano i granivori quali fringuelli, verdoni, peppola, lucherino e frosone, ma si trovano poco distanti in altre zone più fredde (dove però non ho capanni MrGreen)

avatarjunior
inviato il 21 Novembre 2020 ore 19:16

Eyas, il video è molto carino. Complimenti !!

avatarsenior
inviato il 21 Novembre 2020 ore 20:05

Anche per me bel video Eyas.

Rita, hai parecchi soggetti,ti divertirai.

Da me inTrentino da domani le temperature vanno sotto zero e si torna in media, vediamo se i soggetti scendono dalla montagna


avatarsenior
inviato il 21 Novembre 2020 ore 21:12

Prima uscita nel bosco in un piccolo capanno in Brianza: oltre alle solite cince onnipresenti, pettirosso, scricciolo, cincia dal ciuffo , fringuello, picchio muratore, picchio rosso e lo scoiattolo grigio ( rossi ormai spariti) quindi un bel po' di movimento. Speriamo continui e che si avvicinino altre specie.

avatarsenior
inviato il 21 Novembre 2020 ore 21:27

Da una settimana ho allestito il nuovo posatoio/mangiatoia x passeriformi ....ma l'unico ad alimentarsi e' il Pettirosso -cince, occhiocotto e spazzacamino, girano ma non si alimentano ancora - in + il forte vento, ha tirato giù la rete/capanno che avevo preparato (tornerò al capanno mobile Confuso) - penso ci vorrà ancora qualche settimana x avere visite regolari e non voglio trasgredire alla regola di un'alimentazione regolare ma minimal .... max un bicchiere da caffè tra semi di girasole e frutta secca

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 204000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.





21 Gennaio 2021

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me