Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

La resa dei vari formati, oltre le formule - II parte


Forum » Fotocamere, Accessori e Fotoritocco » La resa dei vari formati, oltre le formule - II parte




avatarsupporter
inviato il 06 Dicembre 2018 ore 21:06

Mi spiaceva far cadere così il discorso che, polemiche a parte, era piuttosto interessante..

Quindi ho pensato di riaprire il topic per capire se ci fossero ulteriori spunti di riflessione.. quando all'improvviso l'illuminazione...

chi glielo spiega a made in italy che tra un 1/2000 e 1/4000 c'è esattamente la stessa differenza che c'è tra 30" e 15"... o che tra 1.4 e 2.8 c'è esattamente la stessa differenza che c'è tra 16 e 32.. che tra 200 e 100 è uguale a quello che c'è tra 25600 e 12800??


certo in termini assoluti parliamo di confrontare 1/1000 e 15". 1.4 e 16. 100 e 12800.... ma sempre di uno stop si parla (tranne nel secondo caso, in cui gli stop sono 2).

Uno stop è uno stop, SEMPRE e COMUNQUE!

MrGreen

Ovviamente si scherza, anche perche mi è venuto in mente un altro esempio, questa volta a sostegno della tesi "opposta", quella cioè secondo la quale le proporzioni non dicono tutto.. tra una casa, per assurdo di 1 mq e una di 2 non cambia nulla, sono ugualmente inutili, mentre tra una di 50 e una di 100 la differenza c'è eccome.

Tutto questo perche, al di là della natura goliardica del topic, è interessante approfondire la questione delle differenze tra formati, non solo da un punto di vista teorico ma, magari, anche con esempi pratici.

avatarsenior
inviato il 06 Dicembre 2018 ore 22:20

@Vulture lasciatemi in pace Master-Made che è un folletto che fa da lievito a qualsiasi 3D e va ascoltato su colore e tutto quanto sia pro:-P
Su % e affini il problema è intendersi sui termini usati fin dall'inizio. Nella mia esperienza alcuni negozianti non hanno chiarissima la differenza fra ricarico e margine, per cui talvolta moltiplicano per 1.30 il loro costo e sono convinti di fare un margine del 30% sul vendutoTriste
Tenendoci alla nuova Fuji e all'FF, il 4:3 complica un po' le cose a livello di dettagli (risoluzione). Lato lungo il fattore è 1.22, lato corto 1.375. Per il SNR va bene il fattore 1.69 perché si parla di rapporti di superfici dei sensori.
Se ci riferiamo a stampe indistinguibili (virtuali) e apriamo il diaframma di una FF dividendo per sqrt(1.69)=1.30 per avere la stessa luce e mettere in pari SNR (ETTR), ci resta di occuparci dei dettagli messi giù su carta (o su schermo).
Preso il fattore 1.22 lato lungo, l'ottica usata per una FF deve avere a pari MTF una risoluzione più alta del 22% per stampare gli stessi dettagli (per esempio MTF50 a 40 lp/mm la MF, la FF deve essere MTF50 a 40*1.22=48.8 lp/mm). Gli obiettivi MF sono favoriti perché è più facile progettare ottiche risolventi di focale più lunga. È come dire che le ottiche FF (a focale minore) partono da posizione svantaggiata (se parliamo di stampe indistinguibili!).
Un pro con MF non sta a pensare alla stessa stampa di un FF, fotografa sempre con focali più lunghe, si trova in difficoltà con supergrandangoli/supertele, ma in mezzo non c'è storia...MrGreen

avatarsupporter
inviato il 06 Dicembre 2018 ore 22:50

sulla differenza tra ricarico e margine non sai quanto ti capisco Sorry poi quando i conti non tornano i chiedono anche perché..

per quanto riguarda made l'ho solo voluto punzecchiare un po', ma leggo i suoi interventi sempre con interesse perchè è uno di quelli che quando scrie da un contributo sostanziale.

per il resto è chiaro ciò che dici e in fin dei conti lo stesso si applica nel raffronto con altri sensori (con moltiplicatori e/o divisori diversi a seconda del formato al quale ci si rapporta).

c'è da dire che le variabili in gioco sono tali per cui avere un confronto reale all'atto pratico è quasi impossibile. E' forse più facile un confronto tra ff e apsc, dato che condividono lo stesso apporto tra lato lungo e lato corto.. ma anche in questo caso è soprattutto la teoria a darci indicazioni, meno la pratica. Di fatto i sensori più piccoli partono svantaggiati in termini di qi non tanto per la caratteristica dimensionale, quanto perchè tendenzialmente sono più densi. del resto il sensore ff più risoluto attualmente in commercio è il 51 mpx canon, che non è comunque denso quanto il sensore più risoluto tra le apsc, che ad oggi arriva a 24 mpx (se non sbaglio). il tutto senza considerare prototipi e affini.

avatarjunior
inviato il 06 Dicembre 2018 ore 23:14

" o che tra 1.4 e 2.8 c'è esattamente la stessa differenza che c'è tra 16 e 32"

Non so di cosa stavate parlando nel vecchio thread...ma qui intendi dire che tra f1.4 e f2.8 ci passerebbe uno stop? Confuso

avatarsupporter
inviato il 07 Dicembre 2018 ore 0:00

due stop come ho scritto chiaramente. esattamente la stessa differenza che passa tra 16 e 32

avatarsupporter
inviato il 07 Dicembre 2018 ore 0:00

" ...ma sempre di uno stop si parla (tranne nel secondo caso, in cui gli stop sono 2)"

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 161000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.







Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me