RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy e preso visione delle opzioni per la gestione dei cookie.

OK, confermo


Puoi gestire in qualsiasi momento le tue preferenze cookie dalla pagina Preferenze Cookie, raggiugibile da qualsiasi pagina del sito tramite il link a fondo pagina, o direttamente tramite da qui:

Accetta CookiePersonalizzaRifiuta Cookie

Ottiche , Reflex , Flash e Battery Grip tropicalizzati/e


  1. Forum
  2. »
  3. Obiettivi
  4. » Ottiche , Reflex , Flash e Battery Grip tropicalizzati/e





user11487
avatar
inviato il 03 Settembre 2012 ore 20:43

L.M., non capisco questa tua crociata sulla tropicalizzazione, magari se lo spieghi con una realtà potrei capire anch'io.

Vorrei capire cosa salvaguarda una tropicalizzazione, il pulviscolo no, l'entrata di acqua no perchè non pratica la tenuta stagna, l'escursione termica no, magari qualcuno pensa che la tropicalizzazione sia un beneficio per quelli che vanno a farsi un safari nel deserto senza sapere che è il peggiore ambiente per una fotocamera essendoci la più alta escursione termica che ci sia, penso che tutti sappiano i danni che fa una escursione termica.

Si fa affidamento a qualche anello di gomma, cosa che vedrei più appropriato semmai montato sulla fotocamera piutosto che sull'ottica....
sulla lista delle ottiche da te postate il canon 70-200L f2,8 ne è sprovvisto, cosa facciamo? glielo vuoi dire te a quelli della canon?

avatarmoderator
inviato il 03 Settembre 2012 ore 21:55

Non vi è in corso una crociata Rpolonio ma una corretta informazione con ricerca di dati e documentazione che poi vengono analizzati e successivamente confermati. Prenditi 5 minuti e rileggiti il topic e anche il mio ultimo intervento per evitare di scrivere :
Vorrei capire cosa salvaguarda una tropicalizzazione,il pulviscolo no
.
Se nell'elenco delle ottiche tropicalizzate trovi il canon 70-200mm f.2,8 che f.4 stabilizzati e non trovi i fratellini non stabilizzati è per dare un'alternativa al consumatore , almeno la canon è l'unica che in questo momento offre un'alternativaCool .
Se la Canon ha deciso che su alcune ottiche professionali l'esterno è bianco anziché nero non è casuale ma è proprio per allontanare le sollecitazioni durante le escursioni termiche con luce solare diretta Cool
Non è scoprire l'acqua calda che vi è una sensibile differenza di temperatura all'interno dell'abitacolo di 2 identiche autovetture parcheggiate sotto il sole cocente, quando il colore della carrozzeria è su una bianco e su una neroConfuso.
ciao e buona vita, lauro

avatarmoderator
inviato il 03 Settembre 2012 ore 22:07

Superalvi ha scritto :
Ho una domanda da porre: quando si parla di busta di plastica e elastico " Poi comunque prevenire e' meglio che curare, una bella busta di plastica e un elastico possono fare grandi cose :)" come si imbusta?

Semplicemente si infila la reflex e l'ottica all'interno di un robusto sacchetto trasparente (non laciandolo teso) e si chiude con l'elastico l'estremità. Il paraluce lo metti dopo e nastri con un nastro trasparente elastico la giuntura tra paraluce e ottica in modo che il film del sacchetto davanti alla lente non venga spruzzato da qualche goccia d'acqua.
questo è il nastro che trovi in qualsiasi ferramenta:



ciao e buona luce, lauro

user11487
avatar
inviato il 04 Settembre 2012 ore 0:29

Non è scoprire l'acqua calda che vi è una "sensibile differenza" di temperatura all'interno dell'abitacolo di 2 identiche autovetture parcheggiate sotto il sole cocente, quando il colore della carrozzeria è su una bianco e su una nero


Maddai L.M. se fosse vero anche le reflex dovrebbero farle bianche. Sorriso
Comunque adesso ci penso io ad avvisare i tuareg.

Sul discorso del 70-200L f2,8 che ho fatto a proposito di tropicalizzazione, la canon non ci ha montato sull'innesto a baionetta nemmeno la guarnizione in gomma che qualcosa se ci fosse servirebbe.

avatarmoderator
inviato il 04 Settembre 2012 ore 1:02

Le escursioni termiche non comportano problematiche particolari su un corpo reflex ma sulle ottiche .
La ragione tecnica per cui alcune ottiche della canon sono ricoperte di una vernice color avorio è nata dopo l'introduzione delle lenti alla fluorite . Il bianco avorio permette di raggiungere delle temperature interne al barilotto , più controllate, dato che la Fluorite può presentare delle vistose dilatazioni termiche che rischiano di compromettere la messa a fuoco già impostata Cool
La fluorite è caratterizzata da una bassa dispersione della luce, è in grado di combattere l'aberrazione residua che il vetro ottico tradizionale non riesce ad eliminare. La fluorite assieme alle lenti Super Ultra Low Dispersion (vetro ottico a bassa dispersione) è una costante degli ultimi obiettivi Canon serie L.
ciao e buona vita, lauro

avatarjunior
inviato il 11 Febbraio 2013 ore 15:32

ho scattato con una 40D con 17-85 per 3 settimane durante il cammino di santiago, ho preso pioggia tutti i giorni e non hanno mai dato problemi...certo non erano trombe d'aria ma di certo non c'era il sole ne avevo macchina e obiettivi tropicalizzati.
non spaventatevi di due gocce d'acqua, le reflex sono molto più resistenti di quanto si immagini...basti pensare se avete mai sentito che a qualcuno sia entrata acqua facevdo 2 foto sotto la pioggia...eppure di gente che scatta anche se piove ne è pieno il mondo...saluti
buone foto

avatarmoderator
inviato il 11 Febbraio 2013 ore 23:19

basti pensare se avete mai sentito che a qualcuno sia entrata acqua facendo 2 foto sotto la pioggia

ebbene si Confuso e poi ci sono casi di malfunzionamento per un uso ripetuto nel tempo in condizioni climatiche avverse... l'umidità e la condensa sono nemici dei contatti e quindi dell'elettronica ... non dimentichiamocelo. ;-)
ciao, lauro

avatarsenior
inviato il 12 Febbraio 2013 ore 16:43

Con la k30 ho sostato per circa mezza giornata sotto un temporale che a dir violento e' nulla ,....certamente io ero ben coperto con indumenti in gore-tex,....ebbene la k30 al ritorno rideva x la gioia di essersi fatta una bella doccia,.....k30 e nn ci sono problemi. :-)

avatarsenior
inviato il 12 Febbraio 2013 ore 21:06

Attenzione!

Parlando di ottiche Nikon, la lista delle ottiche citate in apertura di questa discussione è largamente errata, è quasi tutta errata: è stata fatta confusione tra la tenuta dell'ottica ad acqua e polvere e la tenuta dell'attacco dell'ottica sulla fotocamera ad acqua e polvere e non sono affatto la stessa cosa!.
Nikon produceva nel passato molte ottiche a tenuta d'acqua e polvere, mentre oggi ne produce ben poche, pochissime e quelle pochissime sono retaggio del passato.

Per effettuare la tenuta all'acqua ed alla polvere NON basta la guarnizione posteriore soltanto, quella fa la tenuta ad acqua e polvere sull'attacco dell'ottica alla fotocamera, evita che acqua e polvere entrino dall'attacco dentro la fotocamera e dentro l'ottica, dal dietro.
Per dichiarare un'ottica a tenuta di acque e polvere, ci vuole ANCHE quella guarnizione lì, ma NON basta assolutamente, dato che acque polvere possono penetrare nelle ottiche anche dalle ghiere di fuoco e di zoom, se zoom, dalla superficie di contatto del corpo mobile con il barilotto, se l'ottica atrude focheggiando o zoomando, e dalla superficie di contato della lente frontale col barilotto o corpo mobile.
Per fare le tenute sulle ghiere e sul corpo mobile, si usano guarnizioni di tenuta, tipicamente Oring, inserite in sedi ricavate di fresa sulle ghiere di fuoco e di zoom, se di zoom si tratta, e sul corpo mobile in caso che l'ottica estruda, e poi ci vuole tenuta, sempre con guarnizione, sulla lente frontale.
Queste guarnizioni, contrariamente alla posteriore in gomma, NON sono visibili osservando l'ottica, per vederle, va smontata.
Nikon trae in inganno i poco esperti coi dati tecnici e bisogna fare attenzione a non fraintendere per tenuta ad acqua e polvere le ottiche che Nikon cita dotate di "rubber gasket", perché con quel termine Nikon intende la guarnizione posteriore sull'attacco dell'ottica alla fotocamera presente praticamente su tutte le ottiche, salvo qualche rara eccezione di ottich veramente di bassa lega e prezzo nel parco Nikon: ripeto, quella non basta assolutamente a fare la tenuta contro acqua e polvere di tutta l'ottica.
L'ottica che fa tenuta contro acqua e polvere, in gergo "tropicalizzata" ha questa sua caratteristica messa bene in evidenza dal costruttore, ed anche Nikon la mette esplicitamente in evidenza, e le caratteristiche delle varie ottiche sono riportate sul sito ufficiale della casa, qui:
imaging.nikon.com/lineup/lens/list.htm#zoom
andando, ottica per ottica, ad esaminare la scheda tecnica.
Quelle che fanno tenuta VERA, e non solo posteriore, ad acqua e polvere Nikon le cita nella scheda tecnica come: " Engineered to Nikon professional D-SLR standards to effectively resist dust and moisture ".
Quelle che non hanno quella caratteristica, non sono tropicalizzate.

Nikon ha abbassato lo standard qualitativo, e molto, sulle ottiche di progetto e produzione recenti:
- Tropicalizzate lo sono il 24 ? 70 f 2,8 ed il 14 ? 24 f 2,8 ed il 70 ? 200 f 2,8 VR I (NON VRII!) che sono state progettate alcuni anni fa, mentre le ottiche progettate recentemente, salvo alcuna rara eccezione, comunque rilevabili sul sito della casa madre citato sopra, non hanno più la tropicalizzazione.
Tutta le serie dei fissi ( 24 ? 35 ? 59 ? 85) F 1,4, ottiche anche molto costose, NON sé tropicalizzata, nessuna ottica F 1,4 nuova lo è, come pure NON lo è nessuno degli zoom nuovi F 4 e simili (16-35, 24 ? 120, 70-200, 28 ? 300 etc).

Il 70 ? 200 f 2,8 VR II, il nuovo, la tenuta ad acque e polvere Non ce l'ha più, mentre ad esempio il 70-200 VR I l'aveva: aggiornando l'ottica, oltre che ad avere completamente rifatto lo schema dell'ottica per toglier un astigmatismo di tipo obliquo che il VRI presentava alle lunghe focali, per cerchio di copertura striminzito su FX, da 16 mm in poi, hanno risparmiato sulla lavorazione meccanica e tolto le guarnizioni di tenuta sull'ottica, lasciando solo la posteriore

I tele lunghi e costosi, tipo il 300 F 2,8 VR I ERANO tropicalizzati, ma quando sono stati rifatti, adesso riproposti nella versione VR II, la tropicalizzazione è stata tolta.

Il 400 f 2,8 VR ed il 500 mm f 4VR ed il 600 F 4 VR sono ottiche anche quelle progettat e realizzate alcuni anni fa, ed HANNO le tenuta ad acqua e polvere, mentre il recentissimo 800 F 5,6, oltretutto molto costoso, la tenuta all'acqua ed alla polvere NON ce l'ha, delle ottiche nuove, ultime nate, nessuna è tropicalizzata in Nikon, mentre in Canon, che oltretutto usa molto di più il metallo, la tropicalizzazione c'è sempre e comunque su ottiche lunghe buone.
Anche senza smontare le ottiche, si può stabilire se ci sono o meno le guarnizioni di tenuta sulle ghiere e sul corpo mobile o il barilotto: basta mettere a fuoco e stare ben attenti a rumore di sfregamento: il leggerissimo "sfriggolio" che si sente, ad esempio, focheggiando il Canon 16 ? 35 F 2,8 II L è dovuto all'Oring del corpo mobile che sfrega sul barilotto, facendo appunto tenuta all'acque e polvere sull'ottica..
Mettere guarnizioni di tenuta sulle ghiere di fuoco e zoom, significa fare lavorazioni meccaniche molto precise, di fresa, sui corpi mobili o sul barilotto esterno, per alloggiarci la guarnizione, guarnizione che deve essere di elevata qualità e di elevata stabilità dimensionale,, altrimenti o non fa la tenuta, o blocca la ghiera al variare della temperatura: il tutto costa dei gran soldi e Nikon le ha tolte, mentre la guarnizione posteriore lavora a pressione, Non ha sede ricavata di fresa in modo preciso, è tenuta insede da flangia esterna e NON essere stabile molto dimensionalmente, dato che viene solo compressa e se si flette non blocca nlla, l'ottica si monta e si smonta ugualmente bene: il tutto costa poco ed è stata mantenuta anche nelle ottiche nuove.
Canon, sulle ottiche costose e "serie" ha impostazione ingegneristica vera, produce a standard qualitativi seri e professionali, quelli in uso non da adesso, ma da sempre, mentre Nikon, che standard professionali aveva, oggi non li ha più ed ha abbassato, a tappeto lo standard di produzione delle ottiche, per quanto concerne la tenuta ad acque e polvere sono prettamente amatoriali anche quelle costose.
Da notare, ed è a parer mio metterlo bene in evidenza, che la tenuta ad acqua e polvere comporta in modo inderogabile l'adozione di lubrificanti sofisticati, NON igroscopici e stabili in temperatura, altrimenti la tenuta non si fa.
Ottiche che tenuta ad acque e polvere non fanno, no usano quei lubrificanti, li hanno più igroscopici, il che comporta indurimenti delle ghiere, ed alla fine stop del funzionamento di AF, in temperatura bassa ed aria molto secca, tipica del profondo nord.

Da notare che "tropicalizzare una fotocamera è un lavoro semplice, non costoso e non delicato, dato che non ci sono, in pratica lavorazioni meccaniche serie, la tenuta si fa tra superfici fisse, la guarnizione lavora solo per compressione tra superfici fisse, e una stabilità dimensionale elevata non è necessaria, mentre per le ottiche, con tenuta tra superfici mobili, il lavoro è di tutt'altra entità, difficoltà e costo.

Saluti cordiali

avatarjunior
inviato il 12 Febbraio 2013 ore 23:08

Mi sembra che anche il 14 mm f/2,8 II sia tropicalizzato.

avatarsenior
inviato il 13 Febbraio 2013 ore 12:54

Grazie Alessandro per la disamina tecnica molto precisa e apprezzata.
Lorenzo

avatarmoderator
inviato il 13 Febbraio 2013 ore 13:43

Volevo solo segnalarti Alessandro che nel corso del topic sono state fatte da me alcune precisazioni che forse ti sono sfuggite...

A pag.1 si è evidenziato che la lista di ottiche Nikon è composta da 2 livelli di protezione
Nikon-Nikkor (ottiche tropicalizzate e Weather prof):
e sono state quindi sviluppate 2 liste.
A pag.1 e pag.2 si è segnalata la presenza di ottiche weather prof grazie alle informazioni date da Diego1
Grazie all'incrocio di dati e alla segnalazione di D1ego ecco una lista di ottiche "Weater resistent" Nikon
.

Appena ho del tempo sfrutto il link che hai inserito per incrociare di nuovo i dati.
ciao e grazie x il tuo intervento;-), lauro

avatarjunior
inviato il 03 Aprile 2013 ore 8:51

Ciao a tutti
Volevo aggiungere la nostra esperienza personale a questa discussione.

Premetto che siamo fotografi non professionisti, abbiamo una Canon 7D con ottiche EF.S 10-22 / EF.S 15-85 / EF 50mm f1.8.

La passata estate in Florida, siamo usciti per cena con mia moglie, tempo caldo molto umido ma bello. Temperatura esterna intorno ai 35°C Umidità oltre 85%, Temperatura nei locali/autobus intorno ai 20°C (aria condizionata sparata a manetta). Fotocamera con 15-85.

Eravamo a Downtown Disney (Orlando) e dopo cena abbiamo passeggiato per negozi, nulla faceva presagire che da li alla mezzanotte si sarebbe scatenato un fortissimo temporale e che inoltre a mezzanotte (un po come Cenerentola) c'era l'ultimo Bus per il rientro in albergo.

Facciamo per uscire da uno dei tanti negozi e fuori si era scatenato una specie di diluvio universale: abbiamo aspettato sperando che passasse ma niente da fare. La mezzanotte era ormai vicina e con coraggio ci siamo tuffati nell'acqua. Era come stare sotto una doccia fortissima. Non avevamo con noi ne uno zaino ne la borsa fotografica, quindi ho abbracciato la macchina cercando di ripararla e siamo corsi verso le fermate dei Bus: preso al volo, ci siediamo e la macchina non si accende. Era completamente bagnata. La spengnamo, la riaccendiamo e sul display compare un Err.40; spegniamo tutto. Autobus con aria condizionata fortissima. Usciamo dall'autobus e la pioggia continua a scendere anche se con minore intensità e la temperatura è scesa, ma non l'umidità.

Rientriamo in camera, aria condizionata. Provimo a riaccendere la macchina ma nulla da fare: Err.40. Apriamo internet e la preoccupazione sale parecchio: Problemi elettrici? Condensa? ... ?

Dopo averla asciugata bene bene, tolto il pacco batteria, decidiamo il giorno successivo di lasciarla in camera, chiusa in valigia, con un paio di pacchi silicagel a fargli compagnia.

Nel tardo pomeriggio, rientriamo da uno dei parchi della Disney, apriamo la valigia: reinseriamo la batteria e la macchina ancora non si accende. Stacchiamo l'ottica, cambiamo obiettivo, puliamo bene i contatti che comunque erano già asciutti e dopo un paio di tentativi la macchina si riaccende: sospiro di sollievo. Riproviamo tutte le ottiche, facciamo qualche scatto di prova, qualche raffica. Tutto Ok.

Certo abbiamo passato quasi 24 ore nel dubbio di aver fatto fuori la reflex sotto 10 minuti di pioggia. Ci siamo domandati: "ma non era tropicalizzata???"

Certo chi tra voi è professionista magari ha anche ottiche tropicalizzate e l'unione delle due forse tiene un po di più alla larga il cosidetto "Fattore Sfiga".

La domanda ora è questa. C'è da preoccuparsi ulteriormente? Intendiamo dire: con una macchina che ha avuto un problema di questo tipo, ci si può aspettare che si ripeta? Oltre al fatto di portarsi dietro un sacchetto in cui richiuderla nel caso in cui si verifichi nuovamente un evento straordinario come quello accaduto, c'è qualcos'altro che possiamo fare?

Sempre considerando che la nostra fotografia è per diletto e non per professione e che le ottiche in nostro possesso non sono tra quelle in elenco, potrebbe aver senso cambiare ad esempio la 15-85 che è quella più usata con una "tropicalizzata" che abbia un range simile o a seguire (es. 24-xxx)?

Grazie
Ricky

avatarmoderator
inviato il 03 Aprile 2013 ore 9:21

Bisogna sempre ricordarsi che con reflex tropicalizzate o semi-tropicalizzate come la tua in nessun manuale viene affermato che resistono all'acqua battente.... anzi si specifica che e' da evitare il contatto con l'acqua.
Upgradare comunque la tua ottica con una tropicalizzata e di alta qualità come il canon 17-40mm l o un 24-105mm f.4 l la trovo una saggia mossa per contrastare al massimo probabili incidenti come quello che che hai descritto.
(imho)
ciao e buona luce, lauro

avatarsenior
inviato il 03 Aprile 2013 ore 9:38

@Alessandro Pollastrini quando passi a Canon? MrGreen

Quando ci dai il grado IPX del loro materiale? Non affannarti non lo specificano da nessun parte MrGreen

Ma soprattutto quando dirai a Munier che le sue ottiche non sono tropicalizzate?





Morten Hilmer? Ti sei dimenticato di avvertirlo!





Unterthiner l'hai già avvertito del pericolo che corre? Jari Peltomaki? Jasper Doest? Bence Matè? Tutta gente che quando nevica e piove sta chiusa in casa MrGreenMrGreenMrGreen

Ma soprattutto, tutti hobbysti che usano materiale da amatori MrGreenMrGreenMrGreen

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 226000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.






Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me