RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Uso del Filtro polarizzatore> mini guida e test


  1. Forum
  2. »
  3. Fotocamere, Accessori e Fotoritocco
  4. » Uso del Filtro polarizzatore> mini guida e test





avatarjunior
inviato il 07 Ottobre 2020 ore 11:49

Vorrei rammentare che i prodotti Hoya, sono ai vertici della qualità, ove la qualità richiede anche ovvie precauzioni nel maneggio.

Con le fotocamere digitali, rimane ormai quasi d'obbligo l'uso di polarizzatori circolari.

In fotografia "tradizionale", trovo ancora spettacolare la qualità offerta dal mio "Polarisationsfilter nach Prof. Bernauer" di Carl Zeiss Jena, poi noto come "Bernotar".

Il Prof. Bernauer, fu il padre dei moderni polarizzatori, morto giovane, durante un bombardamento, nel '45.

avatarsenior
inviato il 07 Ottobre 2020 ore 13:32

Mmm, i B&W secondo me sono migliori degli Hoya, ma costano di più. Per quanto riguarda il Pro1, i graffi non hanno alcun impatto sulla resa fotografica.

avatarjunior
inviato il 07 Ottobre 2020 ore 13:53

Mi sono riferito alle marche citate, tra le quali, appunto, c'era Hoya che, come è noto, è una delle più importanti fabbriche al mondo di vetro ottico e specializzatissima nella produzione di filtri.

Senza mettere in dubbio certo la storica B+W tedesca.

Circa i graffi, qualcuno di certo non crea problemi particolari, ma più ce ne sono, alla fine il filtro si trasforma in un "soft".

La cosa migliore è trattarli con la stessa cura riservata alla lente frontale dell'obbiettivo ed avere sempre con sé gli appositi astucci ove riporli quando non in uso.

avatarsenior
inviato il 07 Ottobre 2020 ore 13:58

Ho acquistato dei polarizzatori Hoya - lineari - da 52, 58, 62, 67 e 77 mm, usati su Nikon D700/300/200. Non ho mai riscontrato errori od incertezze nell'autofocus, ed il loro effetto e' risultato mediamente piu' efficace delle controparti CPL, sebbene la perdita di luce sia maggiore. Un trucco per il paraluce e' di avvitarlo direttamente sul polarizzatore, se quest'ultimo ha una struttura sufficientemente robusta.

avatarsenior
inviato il 07 Ottobre 2020 ore 14:45

Un trucco per il paraluce e' di avvitarlo direttamente sul polarizzatore, se quest'ultimo ha una struttura sufficientemente robusta.

questa chicca non la sapevo ...grazie Jacopo

avatarsenior
inviato il 07 Ottobre 2020 ore 14:47

Vale solo per i paraluce a vite, che non sono proprio la maggioranza

avatarmoderator
inviato il 07 Ottobre 2020 ore 16:39

Precisazioni...

-Un polarizzatore lineare è un dispositivo che permette il passaggio solo della luce polarizzata secondo un certo piano.

-Un polarizzatore circolare blocca o permette il passaggio di luce polarizzata circolarmente ma è anche sensibile alla luce polarizzata linearmente. E'composto da un polarizzatore lineare più un secondo elemento che è un filtro a quarto d'onda incollato sul retro del polarizzatore lineare e con un orientamento tale da polarizzare circolarmente la luce che ha attraversato il polarizzatore lineare.

Con le reflex digitali non solo si possono avere dei problemi di esposizione, ma anche di bilanciamento del bianco con conseguenti alterazioni cromatiche utilizzando i polarizzatori lineari.
Quindi risulta preferibile utilizzare i recenti polarizzatori circolari.
citazione/fonte Nadir www.nadir.it/crea/POLA_DIGITALE/poladigitale.htm

citazione: Aristide Torrelli
www.aristidetorrelli.it/Articoli/Polarizzatore/Polarizzatore.htm

Il polarizzatore circolare è il solo utilizzabile con le macchine fotografiche autofocus, in quanto i sistemi di messa a fuoco automatica a contrasto di fase (misurato anche attraverso uno vetro semitrasparente ed uno specchio) non possono operare in presenza di luce polarizzata linearmente.
Fonte NikonSchool www.nikonschool.it/experience/polarizzatore.php

avatarsenior
inviato il 07 Ottobre 2020 ore 16:55

sempre più bello questo thread Cool

avatarsenior
inviato il 07 Ottobre 2020 ore 21:46

-Un polarizzatore circolare blocca o permette il passaggio di luce polarizzata circolarmente ma è anche sensibile alla luce polarizzata linearmente. E'composto da un polarizzatore lineare più un secondo elemento che è un filtro a quarto d'onda incollato sul retro del polarizzatore lineare e con un orientamento tale da polarizzare circolarmente la luce che ha attraversato il polarizzatore lineare.


La prima frase non ha molto senso, la toglierei così si capisce meglio cosa è un polarizzatore circolare, leggendo dalla seconda frase in poi.

Di fatto un polarizzatore lineare fa passare la componente della luce parallela ad un piano. Nel caso di luce non polarizzata, la polarizza perdendo buona parte dell'intensità. Poi il secondo elemento rende la polarizza rendendola circolare.

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 202000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.





Advertisement

Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me