RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy e preso visione delle opzioni per la gestione dei cookie.

OK, confermo


Puoi gestire in qualsiasi momento le tue preferenze cookie dalla pagina Preferenze Cookie, raggiugibile da qualsiasi pagina del sito tramite il link a fondo pagina, o direttamente tramite da qui:

Accetta CookiePersonalizzaRifiuta Cookie



Jeandemetz
www.juzaphoto.com/p/Jeandemetz



Recensioni di fotocamere, obiettivi, treppiedi, teste e altri accessori pubblicate da Jeandemetz


minolta_af70-210_f4Minolta AF 70-210mm f/4

Pro: Costruzione robusta in metallo, ottime le plastiche per ghiera zoom, made in Japan, fa percepire la profondità e la tridimensionalità, resa dello sfuocato (bokeh) bella, AF veloce

Contro: Peso, ingombro, sbilanciamento reflex, resa del colore tipo pellicola anni '80, richiede luce

Opinione: Ho il "beercan" dal 1986, usato ininterrottamente prima su Minolta 7000, ora su Sony A350. È un vero bestione, pesantissimo, costruito con criteri oggi non riproducibili su prodotti di largo consumo: made in Japan, tutto in metallo, attacco baionetta in metallo, munito di paraluce, ghiera di gomma morbida a spirale per lo zoom, diagramma per le distanze e per la messa a fuoco e per la profondità di campo (come si usava al tempo). Intendiamoci, trasmette una sensazione di ottima fattura ma sulla reflex è pesantissimo e può sbilanciare la presa e l'inquadratura. Sulle macchine a pellicola è un ottimo tele, da 70 a 210 e, al massimo della focale, diventa macro e permette la messa a fuoco da molto vicino. Sulle Reflex APSC diventa problematica la gestione della massima focale atteso che appare come un 300 mm e sarebbe meglio un corpo stabilizzato. La resa è quella di 30 anni fa, i colori sembrano quelli di una pellicola, come se ci fosse un filtro, ma nel complesso è tutto equilibrato e definito. Al centro dell'obiettivo la qualità è buona a tutte le aperture a 70 mm, la resa dello sfuocato (il bokeh dei giovani d'oggi) è ottima a f/9 (anche a 210mm !!!), dove le singole luci assumono una forma tondeggiante con sette lati (come le lamelle del diaframma) distinguibili. Sempre a 70mm la foto ha una bellissima profondità, rende molto bene la distanza tra il soggetto in primo piano e lo sfondo. Ideale per ritratti poiché molto nitido. A 210mm solo foto sportive, con tutte le difficoltà derivanti dal peso. Buona luminosità poiché è f/4 fisso ma poi, in concreto, la luce non basta mai, soprattutto in movimento. AF discreto e preciso se si considera che sono passati più di trenta anni. Un obiettivo sicuramente vintage nella resa e nella costruzione, difficile da trasportare ma comunque gradevole, nitido, veloce e qualitativamente superiore a molte ottiche attuali. Visti i prezzi potrebbe essere un valido acquisto.

inviato il 05 Ottobre 2017


sigma_28-105_f2-8-4Sigma 28-105mm f/2.8-4 Aspherical

Pro: Grande escursione focale, colori vintage se piacciono, buona luminosità 2.8-4, robustezza Made in Japan

Contro: Definizione da f/5.6, al massimo dell'apertura anomalie cromatiche ed aberrazioni e poca precisione

Opinione: Ho comprato l'obiettivo Sigma 28-105mm Aspherical 1:2.8-4 con attacco Minolta nel 2004 in un negozio ed era usato. L'utilizzo sulla Minolta 7000 era perfetto (soprattutto a 28mm come grandangolo). Da ultimo ho acquistato una Sony A350 usata per rivitalizzare il corredo Minolta. La qualità costruttiva del Sigma non si discute, è made in Japan: solido, le plastiche per l'impugnatura sono rimaste morbide dopo 13 anni. L'autofocus è veloce e preciso per un impiego amatoriale. Il diametro da 72mm lascia intravedere tanto vetro all'interno. Con il sensore APSC purtroppo si perdono le inquadrature che ci aspetterebbe da un grandangolo 28mm, e l'obiettivo si riduce ad un tuttofare piuttosto standard ma dotato di buona luminosità. La resa dei colori non è al top, ma può piacere a chi è abituato alla pellicola. Il punto debole è la definizione dei dettagli. A 28 mm fino a f/4.5 l'immagine al centro non è definita in modo preciso, sembra quasi "opaca" mentre sui bordi è assolutamente indefinita oltre che affetta da aberrazioni. Il tutto migliora da f/5.6 in poi, dove i dettagli, anche agli estremi, riacquistano una buona definizione ed i colori divengono più accesi e fedeli. Insomma molto gradevole. Utilizzato come tele per ritratti mantiene gli stessi difetti ma, l'opacità di cui sopra ai lati tipica delle aperture maggiori, potrebbe anche essere un piacevole e caratteristico effetto in cui il centro del ritratto è abbastanza definito con deterioramento verso i margini. Abbastanza buono lo sfuocato. Consigliato a fotografi amatoriali e per sperimentazione. Un foto importante che deve "rimanere" non la farei con il Sigma ma con obiettivi più moderni anche più economici, visti i miglioramenti che ci sono stati nel tempo.

inviato il 05 Ottobre 2017




 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me