RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy e preso visione delle opzioni per la gestione dei cookie.

OK, confermo


Puoi gestire in qualsiasi momento le tue preferenze cookie dalla pagina Preferenze Cookie, raggiugibile da qualsiasi pagina del sito tramite il link a fondo pagina, o direttamente tramite da qui:

Accetta CookiePersonalizzaRifiuta Cookie

Le vittime della nostra ricchezza-StefanoStranges


Escursioni, Attività, Eventi » Le vittime della nostra ricchezza-StefanoStranges

Tipo di evento: Conferenza, Proiezione, Serata

Proposto da: FotoLupo FotoClub

Montelupo Fiorentino, Via Rovai 43 (Toscana), il 25 Novembre 2022

Ore 21


Un viaggio tra gli ultimi nei luoghi del mondo dove si estraggono le risorse che alimentano lo stile di vita occidentale.








OSPITE

Stefano Stranges - www.strangesimage.com/

Stefano è un fotografo e fotoreporter indipendente italiano. Classe 1978, inizia la sua carriera professionale nel 2006 nel mondo della moda e del reportage di viaggio, ma ben presto punta il suo obiettivo verso le tematiche sociali più problematiche del pianeta. Iniziano quindi le collaborazioni con ONG nazionali e internazionali. I suoi scatti catturano le dure realtà che attanagliano la società contemporanea, dallo sfruttamento alle guerre civili, dai disastri causati dalle catastrofi naturali alle problematiche dovute ai cambiamenti climatici.




PANORAMICA

Stefano si ricollegherà al lavoro sviluppato in “Le vittime della nostra ricchezza” e ci racconterò dell'esperienza vissuta nei luoghi sfruttati e saccheggiati a causa delle materie prime, cioè quelle risorse naturali consumate dal nostro mondo di privilegiati. Il mondo di quegli uomini però è un mondo di “Ricchezze da morire”.
Ci racconterà quindi delle storie che avvengono ai bordi dell'Europa, dove carovane di esseri umani, nelle loro migrazioni cercano una vita più degna, ma in realtà non trovano altro che muri e miseria dell'indifferenza.


La partecipazione è gratuita ed aperta a tutti, ma si richiede iscrizione qui: www.eventbrite.it/e/biglietti-stefano-stranges-le-vittime-della-nostra










ASSOCIAZIONE FOTOGRAFICA FOTOLUPO

Associazione operante da oltre di dieci anni in provincia di Firenze, con molteplici forme ed interessi. Cultura, formazione, divulgazione, inclusione. Organizza con regolarità incontri con autori, fotografi, documentaristi ed attivisti.

Tutto parte dalla Fotografia che è la nostra passione, ma file ultimo è quello di creare storie, approfondire tematiche, cercare la bellezza, seguire percorsi, ed infine raccontare l'idea di mondo che ognuno ha dentro di se.

Tutti i riferimenti qui www.fotolupo.info/





COME RAGGIUNGERCI

IN TRENO fermandosi alla stazione di MontelupoFiorentino (tratta Pisa-Firenze) e da lì in 5 minuti a piedi.
IN AUTO percorrendo dalla Fi-Pi-Li fino all' uscita Montelupo Fiorentino (sia da Firenze che da Pisa). Poi percorrere la provinciale 67 per entrare in centro al paese. Intorno nostra sede ci sono alcune aree parcheggio, tra cui l'ampio e gratuito Parcheggio dei Pozzi dove vi consigliamo di dirigervi.




CONTATTI

Per comunicare direttamente con noi utilizzare la seguente mail: eventi@fotolupo.info














I NOSTRI PROSSIMI EVENTI

4 Novembre 2022 - Gruppo Astrofili Montelupo - Osservare, fotografare, misurare il cielo - L'incontro si focalizzerà sulle tecniche di osservazione del cielo notturno, sulla fotografia astronomica e sulle misure scientifiche che possiamo fare anche con l'attrezzatura fotografica di tutti i giorni. Dopo cena ci sposteremo all'osservatorio Beppe Forti per un poco di pratica. ISCRIZIONE: www.eventbrite.it/e/biglietti-osservare-fotografare-misurare-il-cielo-

11 Novembre 2022 – Mathias Marchioni – La fotografia del grande rock – Parleremo della massima espressione della fotografia di concerto. Ammireremo le foto delle grandi rockstar internazionali , e vivremo il back stage dei concerti. ISCRIZIONE: www.eventbrite.it/e/biglietti-mathias-marchioni-la-fotografia-del-gran

25 Novembre 2022 – Stefano Stranges – Le vittime della nostra ricchezza – Un viaggio tra gli ultimi nei luoghi del mondo dove si estraggono le risorse che alimentano lo stile di vita occidentale. Sfruttamento umano ed ambientale. ISCRIZIONE: www.eventbrite.it/e/biglietti-stefano-stranges-le-vittime-della-nostra

2 Dicembre 2022 – Andrea Tritto – A caccia di tempeste – Parleremo di caccia fotografica ai grandi eventi atmosferici, e delle relative tecniche di ripresa, pianificazione e meteo. ISCRIZIONE: www.eventbrite.it/e/biglietti-andrea-tritto-a-caccia-di-tempeste-43355

16 Dicembre 2022 – Federico Cammelli – Amazzonia ferita – Indagheremo i problemi dell'amazzonia, tra deforestazioni, incendi, sfruttamento delle risorse, e le necessità di sostentamento delle popolazioni locali. ISCRIZIONE: www.eventbrite.it/e/biglietti-federico-cammelli-amazzonia-ferita-43356

13 Gennaio 2023 - D.Bruzzese e D.Piazzolla - La fotografia nel Cinema - Un viaggio nel mondo del cinema, per spiegare ai fotografi come funziona quando l'immagine diventa movimento. ISCRIZIONE: www.eventbrite.it/e/biglietti-la-fotografia-nel-cinema-con-dbruzzese-e


















Partecipanti:
FotoLupo FotoClub
avatar
Gambacciani_FotoInViaggio
avatar


Questa pagina riguarda un evento già trascorso. Per vedere i nuovi eventi, vai nella pagina iniziale della Sezione Incontri!


Domande, commenti, discussione


avatarsupporter
inviato il 24 Ottobre 2022 ore 13:34

Beh .. Stefano è un fenomeno nel reportarge

avatarsenior
inviato il 08 Novembre 2022 ore 7:56

un grande per il suo genere, che forse non tutti conoscono...gio

avatarsenior
inviato il 15 Novembre 2022 ore 5:15

Meno male che grazie alla nostra ricchezza hanno qualcosa da fare che gli consente di campare...

avatarsupporter
inviato il 15 Novembre 2022 ore 9:58

Curioso punto di vista ...

avatarsenior
inviato il 15 Novembre 2022 ore 13:07

QUanta retorica...

avatarsenior
inviato il 17 Novembre 2022 ore 17:35

almeno ha usato l'aggettivo "nostra" e non "vostra"...ma quale sarebbe lo scopo di questa testimonianza/denuncia? Farmi cambiare stile di vita abbandonando tutta la tecnologia che genera tanta infelicità? Concedermi 10 minuti di tristezza per "guadagnarmi" la pizza, a cui non rinuncio di certo?
Mettere a tacere la coscienza acquistando, ogni tanto, qualche prodotto con uno di quei ridicoli marchi "sociali"?

LUI, in concreto, a cosa ha rinunciato?




avatarjunior
inviato il 18 Novembre 2022 ore 5:55

Ho avuto il piacere di condividere con lui alcuni giorni presso l'Ospedale Mauriziano di Torino durante la prima ondata di Covid. Io lavoravo come infermiere e nel tempo che mi rimaneva sviluppavo il mio progetto fotografico Rapsodia in C-19, lui era lì a sviluppare il suo. Gran fotografo e gran bella persona.

avatarjunior
inviato il 18 Novembre 2022 ore 8:24

Mi pare che lo scopo sia quello di documentare le condizioni di vita intorno alle miniere congolesi.
Al di là del titolo, che se fosse stato "I minatori di coltan" avrebbe dato meno fastidio, ho apprezzato molto tutto il lavoro.
Copio e incollo dal sito del fotografo:


Il Coltan, ovvero il minerale che ognuno di noi porta in tasca, è oggetto di una lunga catena commerciale che implica pesanti conseguenze sui diritti umani e ambientali.

Questo minerale, utilizzato nella produzione di svariati materiali di alta tecnologia, è soprattutto fondamentale per la realizzazione degli smartphone. Il consumo compulsivo e il rinnovo costante di questi oggetti ha fatto sì che dalla fine degli anni '90 il commercio del Coltan sia cresciuto in modo esponenziale. Da qui gli sfruttamenti da parte delle grandi multinazionali e le conseguenze catastrofiche nei confronti delle popolazioni di territori come il Congo, essendo questa terra grande riserva di Coltan.

Il mio progetto fotografico parte quindi da questa zona del mondo, in quanto primo anello di un processo che comincia con l'estrazione del minerale e, passando dalla produzione dell'oggetto (sud est asiatico) e relativo utilizzo spropositato in ogni angolo del globo, finisce nelle immense discariche africane (Ghana in particolare).

Le foto qui presentate sono parte del risultato della prima tappa.

Visitando la regione del Nord Kivu, in particolare il territorio del Masisi, dove sono concentrate molte delle miniere di Coltan del paese, ho affrontato le principali problematiche della popolazione dei villaggi circostanti. Questo territorio e? a prima vista una landa paradisiaca, dai verdi prati ricchi di pascoli e di terreni acquistati per lo piu? dai ricchi politici e imprenditori del Paese. Al suo interno pero? il paesaggio e? interrotto da migliaia di tende di plastica bianche dei campi profughi affollati di famiglie che scappano dai vicini villaggi in un contesto caratterizzato dalla presenza di gruppi ribelli mossi dalla sete di potere.

La mancanza sostanziale di alternative per sopravvivere e lo scarsissimo livello di scolarizzazione costringe la popolazione di tutto il territorio ad essere schiavi all'interno delle loro terre e a lavorare come minatori, con dei livelli di sicurezza pari a zero. I villaggi a ridosso delle miniere, come ad esempio Rubaya, sono abitati da centinaia di famiglie spezzate, dove una vedova o una madre spesso non puo? nemmeno piangere il corpo del proprio caro, sepolto e abbandonato dentro le voragini della montagna. I diritti e i sostegni di queste donne da parte delle compagnie minerarie sono inesistenti; gli aiuti per sopravvivere arrivano soltanto dalle ONG che operano sul campo.

avatarsenior
inviato il 18 Novembre 2022 ore 11:22

non sono d'accordo...non è questione di avere un titolo che dia più o meno fastidio. Se le parole hanno ancora un significato, a me pare chiaro che lo scopo del lavoro sia una denuncia nei nostri confronti (la parola vittime non lascia alternative).

E allora credo sia il minimo poter capire se l'autore crede veramente in quello che scrive o se si tratta semplicemente del solito ×, o peggio di uno che sfrutta disgrazie altrui per proprio tornaconto personale.

Di personaggi che si permettono di pontificare e giudicarci ce ne sono anche fin troppi.
Mi sono stancato di subire passivamente i giudizi e le critiche di questi falsi moralisti...visto che poi spesso si finisce per scoprire che sono anche ben peggio di quelli che osano criticare (cit. coop di un certo parlamentare).

PS: avevo scritto ip ocrit a (non so perchè il sistema l'ha preso come insulto o parola vietata)


avatarjunior
inviato il 18 Novembre 2022 ore 14:08

Ho riportato apposta la presentazione con le parole dell'autore, che a mio parere mostrano meglio il pensiero che c'è dietro.
Il titolo può essere anche vagamente provocatorio, e in fin dei conti lo apprezzo anche per questo.
Le reazioni diverse e la discussione che ne può scaturire contribuiscono ad accrescere l'efficacia di un lavoro che vuole divulgare.

Il discorso sul tornaconto personale è ampio, riguarda tutti e qualsiasi atto, anche quello di fotografare un barbone per strada e pubblicarlo sul web come #streetphotography

avatarsenior
inviato il 19 Novembre 2022 ore 17:30

mi sembra più che vagamente provocatorio...e ci vedo solo due possibilità: l'autore ci crede veramente, ossia che quelle persone che ha immortalato con le loro sofferenze siano veramente le vittime della nostra ricchezza, e allora mi chiedo con che coraggio continua imperterrito a perpetrare questo crimine?

L'alternativa è che, in fondo in fondo come tutti noi, ritenga di meritare in qualche modo i privilegi che condanna, ossia gli stessi che gli consentono di andare a fotografare persone che, con quello che lui ha speso solo di attrezzatura fotografica, probabilmente vivono per mesi.

E torno alla domanda originaria: quale è lo scopo di questo lavoro? Denuncia? Documentario (modello zoo)?
Come ho detto, sono ormai stanco di profeti e pensatori che si mettono su piedestalli più o meno traballanti a spargere morale.

avatarjunior
inviato il 22 Novembre 2022 ore 18:58

La fotografia è soprattutto documentazione e racconto. Ce lo insegnano i grandi reporter della storia.

Seguiamo il lavoro di Stefano da diverso tempo e non è la prima volta che lo incontriamo. Lo riteniamo uno dei più bravi nel suo genere, sia come fotografo che come persona, e siamo onorati che tra un viaggio e l'altro trovi ancora il tempo di venirci a trovare.

Certo non tratta temi facili... i suoi scatti catturano le dure realtà che attanagliano la società contemporanea, dallo sfruttamento alle guerre civili, dai disastri causati dalle catastrofi naturali alle problematiche dovute ai cambiamenti climatici.

Il titolo dell'evento deriva da uno dei suoi lavori più belli fatto in Congo 2016 ma è una tematica che ha sviluppato molte volte con reportage in diverse zone del mondo. Gli abbiamo chiesto noi di approfondire questi argomenti. D'altronde è sotto gli occhi di tutti che il mondo in cui viviamo, ha una distribuzione di ricchezza e benessere che possiamo definire quantomeno grottesca. Lo stile di vita occidentale, così privilegiato e sprecone, crea "ai confini dell'impero" sfruttamento di materie prime, enormi problemi di smaltimento dei rifiuti, l'insorgere di mafie e dittature, guerre ecc. Non possiamo far finta che tutto questo non esista.

Se dopo l'incontro con Stefano torneremo a casa un po' scossi, e con qualche certezza in meno ... beh ... allora Stefano avrà fatto bene il suo lavoro e reso onore a questa bellissima forma d'arte che noi chiamiamo fotografia.

avatarjunior
inviato il 25 Novembre 2022 ore 7:36

Vi aspettiamo questa sera a Montelupo

avatarsupporter
inviato il 25 Novembre 2022 ore 7:43

Bella iniziativa e lavoro che merita attenzione piuttosto che facili reazioni da haters digitali.
Troppo distante per me altrimenti questa volta sarei venuto.
Complimenti

avatarjunior
inviato il 25 Novembre 2022 ore 8:20

Grazie Fabrizio Zerbini

congiuntamente all'evento pubblico, faremo con Stefano la registrazione di una nuova puntata di FotoLupoStories che poi caricheremo sul nostro canale YT quando pronta. facciamo questa cosa proprio per chi non potrà essere presente dal vivo e perchè crediamo che sia necessario dare la parola ai fotografi.

questo il nostro canale se vuoi vedere le prime puntate registrate: www.youtube.com/@FotoLupo

queste video interviste hanno un taglio diverso rispetto alla chiacchierata pubblica, si cerca di far uscire la persone, raccontare la sua storia, e capire il suo punto di vista sul mondo, pur con richiami al lavoro fatto ed alla parte tecnica di fotografica.




Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)




Escursioni, Attività, Eventi » Le vittime della nostra ricchezza-StefanoStranges



 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me