RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy e preso visione delle opzioni per la gestione dei cookie.

OK, confermo


Puoi gestire in qualsiasi momento le tue preferenze cookie dalla pagina Preferenze Cookie, raggiugibile da qualsiasi pagina del sito tramite il link a fondo pagina, o direttamente tramite da qui:

Accetta CookiePersonalizzaRifiuta Cookie


  1. Gallerie
  2. »
  3. Fotogiornalismo / Street
  4. » Ferdinandopoli (Ingresso principale)

 
Ferdinandopoli (Ingresso principale)...

Ferdinandopoli (San Leucio-CE)

Vedi galleria (3 foto)

Ferdinandopoli (Ingresso principale) inviata il 13 Marzo 2018 ore 9:00 da Raffaele Carangelo. 16 commenti, 849 visite.

, 1/250 f/7.1, ISO 200, mano libera.

Ferdinando IV di Borbone, il lazzarone.Il rozzo.L'ignorante che inventò il '700 napoletano.Quello che dall'alto della sua goffaggine seppe circondarsi del meglio dell'arte,della cultura e della tecnologia europea.Fermiamoci quì.Ferdinandopoli,l'attuale San Leucio.Perfetto incrocio tra "La città del sole" di Campanella,l'isola di "Utopia" di Tommaso Moro,e la Res-Pubblicae di Platone.Qiì,si coniugò alla perfezione Monarchia e socialismo reale,che neanche gli Stati più moderni ed avanzati sanno fare oggi.Quì,furono istituite scuola pubblica gratis con spese a carico personale del Re,pensione sociale,"assicurazione" contro gli infortuni,sanità gratis,lavoro obbligatorio per tutti,compresi eventuali detenuti.All'architetto Collecini,il compito di costruire case a schiera per tutti gli operai dei setifici e date in comodato d'uso gratuito. (Primo caso al mondo) una sorta di INA-casa ante litteram.Tutti i residenti avevano i medesimi diritti e doveri,conservazione del posto di lavoro alla vedova o al figlio di un operaio reso invalido dalla vecchiaia o dal lavoro,o morto,una cassa comune,gestita da tre Seniori,per far fronte ad eventuali spese impreviste di una famiglia bisognosa.una dote a chi si sposava con cittadini del posto,o una sorta di una tantum a chi sposava un'altro non residente,corso di formazione obbligatorio per chi proveniente da altri paesi decideva di stabilirsi a Ferdinandopoli.Il tutto,regolato dal "Codice ferdinandeo"In pratica la massima espressione pratica di un Illuminismo circoscritto ad un luogo che mai esisterà più al mondo.Poi,vennero ad insegnarci la "civiltà" ed i diritti,ma questa è un'altra storia.



Vedi in alta risoluzione 1.4 MP  



Che cosa ne pensi di questa foto?


Hai domande e curiosità su questa immagine? Vuoi chiedere qualcosa all'autore, dargli suggerimenti per migliorare, oppure complimentarti per una foto che ti ha colpito particolarmente?


Puoi farlo iscrivendoti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 240000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.




user133558
avatar
inviato il 13 Marzo 2018 ore 9:07

bello scato, interessante la didascalia, bravissimo Raffaele, ti saluto, Felice:-P

avatarsenior
inviato il 13 Marzo 2018 ore 11:02

'O Nasone!

Ossequio.

Bad Brain

avatarsupporter
inviato il 13 Marzo 2018 ore 13:37

Conoscevo in parte le illuminate vicende borboniche ... sagace, frizzante ed esauativa la tua didascalia! ;-)
Ciao, Simone

avatarsenior
inviato il 14 Marzo 2018 ore 9:00

Felice,bentrovato.
"Se comprendere è impossibile,conoscere,è necessario"
Così ragionava Primo Levi.
Aveva ragione,noi certi meccanismi non li comprendiamo,o meglio,non più.
100 anni prima della Comune di Parigi (spazzata con il sangue) a Ferdinandopoli il Re,recintava ed assegnava ai primi 134 abitanti 82 ettari di terreno,dal quale potevano e dovevano trarre sostentamento,oltre alla prima grande industria tessile.Con la comune di Parigi,però,vi era una grande,enorme differenza.Il generale Mac-Mahon che massacrò 20000 parigini,rispondeva ai liberal massoni del suo operato.
Ferdinando di Borbone,alla sua ragione e coscienza.Il Re,forse esagerando,si sentiva l'intermediario tra Dio ed il popolo,e si comportava di conseguenza,i suoi sudditi,erano più cittadini di noi e di quelli post rivoluzione francese.Ma la storia è ancora lunga.
Bello che apprezzi,grazie.
Raffaele

avatarsenior
inviato il 14 Marzo 2018 ore 9:20

Bad :-P
Si,'o nasone.
Quello che 44 anni prima della Breda e 57 anni prima della F.I.A.T. fece di Pietrarsa il primo polo industriale italiano.In tutto vi erano 1..189582 addetti a fronte dei 345.563 del Piemonte e Liguria e 465.003 della LombardiaLo Stato del nasone aveva in cassa 443,2 milioni,a fronte dei 225,4 del resto d'Italia.(Dati tratti da :Scienze delle finanze di Francesco Saverio Nitti.Pierro,1903 pag.292) in pratica 'o nasone era ricchissimo mentre i Savoia erano indebitati per oltre un miliardo presso tutte le corti europee.Ecco spiegato i motivi di tutto.Ma in giro questo non si legge,non si può.Intanto,io,mi sento orgoglioso di abitare e calpestare una terra che obtorto collo con sudore,lacrime e sangue della sua gente ha fatto dell'Italia un grande Paese.
Ossequio Bad.
Grazie.
Raffaele

avatarsenior
inviato il 14 Marzo 2018 ore 9:32

Simone :-P
Acuto Amico della prima ora.
Spero di riuscire a scrivere ancora,non fosse altro per far conoscere ai tanti giovani,le loro origini,ed ad alcuni,l'origine delle loro ricchezze,dando ragione a Pierre-Joseph Proudhon.quello della ricchezza è un furto.
Un abbraccio Simone.
Grazie.
Raffaele

avatarsupporter
inviato il 14 Marzo 2018 ore 12:30

Ho terminato la serie, grande soddisfazione. Sul serio, con sincerità, grazie!
FB

avatarsenior
inviato il 14 Marzo 2018 ore 23:07

Le tue foto assieme alle didascalie , sono un viaggio nella
cultura e ce ne tanto bisogno amico mio

Claudio C

avatarsenior
inviato il 15 Marzo 2018 ore 5:44

Grazie a te Franco,che nonostante hai in casa chi può raccontarti più di me ti accontenti di così poco.
Un caloroso saluto a tutti voi.
Raffaele

avatarsenior
inviato il 15 Marzo 2018 ore 5:45

Claudio.:-P
Ultimamente bado più alle didascalie che alla foto,tanto delle mie foto,il mondo può farne a meno.
Un salutissimo.
Raffaele

avatarsupporter
inviato il 15 Marzo 2018 ore 23:00

Tutti i nostri governanti avrebbero potuto e forse potrebbero ancora studiare la storia e prendere degli spunti, naturalmente rivisti e aggiornati...ma questa è solo utopia, sono altre le mire che li spingono al potere.
Cari saluti,
Marisa

avatarsenior
inviato il 16 Marzo 2018 ore 2:41

Quando un governo dipende dai banchieri per il denaro, questi ultimi e non i capi del governo controllano la situazione, dato che la mano che dà è al di sopra della mano che riceve… Il denaro non ha madrepatria e i finanzieri non hanno patriottismo né decenza; il loro unico obiettivo è il profitto.
(Napoleone Bonaparte)
Marisa,ci piace o no,la situazione è restata invariata.
Abbiamo gentaglia che andrebbe arrestata e trascinata in catene a Norimberga.Hanno tradito il popolo,la Costituzione,la Bibbia sulla quale hanno giurato,ci hanno volontariamente trasformato in una colonia,mentre loro si arricchiscono e la gente dopo 50 anni di lavoro,si trascinano tra i rifiuti dei mercati,noi,distratti ci accontentiamo degli Amici di Maria,e dei Festival di canzonette.Non siamo più degni dell'eredità dei Leonardo,dei Cellini,dei Dante dei Sanmartino,abbiamo segato ormai il ramo sul quale eravamo seduti,e stiamo precipitando nel nuovo oscurantismo.Stiamo entrando ancora una volta nei secoli bui.
Una pena infinita.
Ciao Marisa,grazie della riflessione.
Raffaele

avatarsenior
inviato il 24 Marzo 2018 ore 23:11

la storia che non insegnano a scuola
lorenzo

avatarsenior
inviato il 27 Marzo 2018 ore 3:22

Lorenzo :-P
Nicholas Butler divideva il mondo in tre categorie di persone.
Un piccolissimo gruppo che dava il via ad importanti avvenimenti.Un gruppo più numeroso,che assisteva ai fatti.Ed il resto degli uomini,che mai avrebbero saputo,ciò che realmente era successo.
Noi tutti,siamo parte del terzo gruppo,riguardo gli avvenimenti passati,almeno del presente,facciamo in modo di lasciare testimonianze tangibili,in modo che chi dovrà leggere di storia/e abbia documenti di prima mano e non troppo taroccati.La fotografia,è un documento importantissimo,forse il migliore per far da testimone,ma noi,tutti,anche i tantissimi professionisti,siamo ancora nell'infanzia meravigliosa di quest'arte,e ci facciamo ancora incantare dai gattini, i tramonti e c.li, che (spero) ci saranno sempre,mentre quello che ci succede intorno di importante sparisce assieme al ricordo.
Grazie Lorenzo della riflessione.
Serene festività a tutti.
Raffaele

avatarsupporter
inviato il 17 Agosto 2020 ore 17:50

Didascalia molto interessante.....
7 ciao Ray Palm-

avatarsupporter
inviato il 17 Agosto 2020 ore 18:44

Bellissimo scatto. Complimenti anche per la didascalia.
Un saluto
Annamaria




Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)

Alcuni commenti possono essere stati tradotti automaticamente con Microsoft Translator.  Microsoft Translator



 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve una commissione in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me