RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy e preso visione delle opzioni per la gestione dei cookie.

OK, confermo


Puoi gestire in qualsiasi momento le tue preferenze cookie dalla pagina Preferenze Cookie, raggiugibile da qualsiasi pagina del sito tramite il link a fondo pagina, o direttamente tramite da qui:

Accetta CookiePersonalizzaRifiuta Cookie

RAW: il negativo digitale

Il RAW è l'unico formato di file che permette di sfruttare pienamente il potenziale della fotocamera; è una sorta di "negativo digitale", dato che fornisce un'immagine non elaborata che deve essere ottimizzata con un programma di fotoritocco prima di essere stampata o pubblicata su internet.  
 
Non c'è un solo formato raw. Ogni casa produttrice usa un formato RAW proprietario: per esempio, il RAW della Canon è .cr2, il RAW Nikon è .nef, il RAW Olympus è .orf, ecc. Inoltre, ogni nuova reflex ha files raw leggermente diversi, quindi se comprate una reflex recente non riuscirete ad aprirne i files finchè il vostro convertitore RAW viene aggiornato per supportare il formato della nuova reflex.  
 
I file RAW sono quasi completamente non elaborati; potete cambiare numerosi parametri (contrasto, nitidezza, spazio colore, bilanciamento del bianco) quando aprite il file col convertitore raw. Questo è uno dei grandi vantaggi del RAW: per esempio, se applicate accidentalmente uno sharpening eccessivo con la fotocamera, è possibile correggerlo. Col JPEG, invece, non c'è nessun modo per correggere un eccesso di sharpening o altri errori.  
 
Un altro vantaggio dei raw è la profondità di bit : il files RAW sono a 12 o 14 bit, mentre il JPEG è 8 bit. La profondità di bit è un importante attributo di ogni formato d'immagine; definisce quanti bit vengono usati per create un colore, e quindi quante tonalità di colore possono essere rappresentate. I bit sono le unità basilari dell'intero mondo digitale. Un computer può comprendere solo due valori : 0 (spento) e 1 (acceso); un bit è proprio questo : uno 0 o un 1. Per ottenere più valori è necessario combinare più di un bit. Con due bit si hanno quattro (2²) valori : [0,0]; [0,1]; [1,0]; [1,1]. Tre bit corrispondono a 2³ -> 8 valori, 4 bit ->16 valori,ecc. Una profondità di bit comunemente usata è 8 bit, che ha 256 valori (per esempio, il JPEG è un formato ad 8 bit). Altre profondità di bit utilizzate in fotocamere e scanner sono 12 bit (4096 valori) e 16 bit (65536 valori). Questi valori si riferiscono ad un solo canale di colore: se prendete in considerazione tutti i tre canali (rosso, verde e blu), avete 16,8 milioni di tonalità con un'immagine a 8 bit, mentre un'immagine a 16 bit ha 281474,9 miliardi di tonalità! L'ovvio vantaggio di un'alta profondità di bit è che rende possibile rappresentare tonalità di colore molto più fini, e fare correzioni più marcate durante l'elaborazione. Inoltre, è necessaria un'ampia profondità di bit per registrare l'intera gamma dinamica che la fotocamera è in grado di riprendere.  
 
Questi ritagli mostrano i vantaggi del RAW in confronto col JPEG.


 
L'immagine A è un ritaglio da una zona in ombra, molto scura. L'immagine B è lo stesso ritaglio, preso dal JPEG schiarito per mostrare un pò di dettaglio. C è il ritaglio dal file RAW, schiarito di circa 4 stop. I colori e il dettaglio nel file RAW sono molto migliori; la foto è più nitida e ha colori più naturali.  
 
Vediamo ora un esempio nella situazione opposta: un'area molto sovraesposta.


 
Quando è necessario recuperare le alte luci, la differenza tra RAW e JPEG è enorme. L'immagine A è un ritaglio dalla foto originale, sovraesposta di circa 3 stop. B è il ritaglio recuperato dal JPEG, mentre C è recuperato dal RAW: la versione raw è nettamente migliore, è stato possibile recuperare molto più dettaglio e nel complesso ha un aspetto molto più piacevole.  
 
Se fate fotografia naturalistica, vi consiglio di usare sempre il RAW. Il JPEG è ottimo per l'uso su internet, ma non dà la stessa qualità del RAW. I fotografi di sport e i foto-giornalisti possono rinunciare a un pò di qualità in cambio del workflow più veloce dato dai JPEG, ma per i fotografi naturalisti non c'è nessun motivo per usare il JPEG in-camera: l'unico "vantaggio" del JPEG sono le dimensioni più ridotte, ma attualmente le schede di memoria hanno raggiunto capacità enormi a prezzi contenuti.  
 
Negli ultimi anni, alcune fotocamere hanno aggiunto il formato "sRAW". Vi consiglio di evitare questo formato: non avete alcun vantaggio e perdete molta risoluzione. Il rumore è lo stesso che avreste scattando in RAW a piene dimensioni e poi riducendo le dimensioni immagine con photoshop; è vero che le dimensioni del file sono un pò minori, ma al giorno d'oggi le schede di memoria hanno grandissima capienza.
 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me