Il forum di AutoElettrica101 è ospitato su JuzaPhoto (network di fotografia). JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo


Il forum di discussione di www.autoelettrica101.it è ospitato dal network fotografico JUZAPHOTO

Prove di ricarica con colonnine Enel X

AutoElettrica101 » Forum » Prove di ricarica con colonnine Enel X




Juza
avataradmin
inviato il 30 Luglio 2019 ore 14:13





Pur utilizzando principalmente i supercharger Tesla, in questi mesi ogni tanto ho avuto occasione di provare le colonnine Enel - vi racconto la mia esperienza (aggiornata a luglio 2019), che purtroppo è tutt'altro che positiva. Enel offre principalente due tipi di colonnine sul territorio italiano: la maggior parte sono piccole colonnine da 22kW, prive di cavo, mentre qualche altra raggiunge i 50kW ed è dotata di cavi.

Per cominciare, è necessario avere l'app "Juice Pass" (ex. Enel X) sul cellulare. Nell'applicazione si inseriscono i propri dati e carta di credito, che verrà poi utilizzata per i pagamenti. L'app permette di vedere tutte le colonnine Enel, e per ogni colonnina indica la potenza, il costo e la disponibilità.

Ho iniziato provando una colonnina da 22kW. Raggiunta la colonnina (singola colonnina nel giro di 10km), tiro fuori il cavo dal baule, faccio un pò di prove per attaccarlo alla colonnina (operazione meno intuitiva di quanto si possa pensare), e quando finalmente riesco ad attaccarlo la sessione è scaduta. Riapro l'app, avvio una nuova sessione, inizio la ricarica a... 22kW? purtroppo no: queste colonnine sono in corrente alternata, quindi la velocità reale dipende dal caricatore incorporato nell'auto. Con la Tesla Model 3, la velocità effettiva è 11kW, col risultato che servirebbero 7 ore per una ricarica completa! Chiaramente impensabile quando si è in viaggio...

Dopo un'ora e pochi kWh caricati mi arrendo, concludo la sessione aprendo di nuovo l'applicazione, selezionando "termina ricarica", e quindi smonto il cavo e lo ripongo nel baule.

Questa esperienza dà l'idea di quanto sia avanti Tesla: con i supercharger Tesla, la ricarica consiste nel raggiungere i supercharger (da 8 a 30 colonnine per location!), collegare la macchina, 20-30 minuti di ricarica a 120kW e... finito. Non serve nessuna applicazione e il pagamento verrà addebitato automaticamente sulla carta di credito, l'auto viene riconosciuta semplicemente collegando il cavo (che ovviamente è già presente sulla colonnina).

Inoltre, il costo delle colonnine Enel va dai 0.45 ai 0.50 euro/kWh, contro gli 0.25 - 0.30 euro/kWh dei supercharger Tesla!

Ho quindi proseguito le prove con una colonnina Enel serie "Eva+", data come 95 kW, ma che in realtà carica al massimo a 50kW (i 95kW sono la somma totale di quello che può caricare con i tre cavi in dotazione).





Arrivo alla colonnina, anche qui singola e posta davanti a un supermercato, e per cominciare bene gli spazi riservati alla ricarica sono occupati da due auto a benzina. Per fortuna il proprietario di una delle auto mi ha visto e sposta prontamente la macchina. Parcheggio la Tesla - non senza difficoltà, lo spazio parcheggio è minuscolo e il cavo è corto, per cui devo mettere l'auto di traverso.

Questa colonnina ha già i cavi incorporati: avvio la ricarica dall'app, collego il cavo CCS e parte la ricarica in corrente continua. Stavolta la velocità è come previsto, 50kW che corrispondono a circa un'ora e mezza per caricare la Tesla, certo non è come i 120kW dei supercharger ma già più accettabile delle 7 ore delle colonnine 22kW (11kW).

Termino la ricarica e scollego il cavo. Per concludere con un pò di suspence, l'app Enel non mostra la ricarica avvenuta, quindi non ho modo di sapere quanto ho speso (anche a distanza di giorni, la sessione non è stata registrata... immagino che dovrò aspettare l'estratto conto della carta di credito per scoprirlo Eeeek!!! )


Che dire: se questo è lo stato attuale del circuito di ricarica in Italia, è impensabile acquistare un'auto elettrica per chi viaggia spesso, con l'unica eccezione delle Tesla (che oltre a usare le colonnine pubbliche hanno la rete dedicata, e privata, dei supercharger).

Non ci resta che sperare che la rete Ionity, paragonabile a Tesla per velocità ed efficienza, si diffonda rapidamente anche in Italia, rendendo più realistico l'utilizzo di auto elettriche.

Luigi T.
avatarsenior
inviato il 30 Luglio 2019 ore 14:54

Siamo in italia... e si vede MrGreen

Alvar Mayor
avatarsenior
inviato il 30 Luglio 2019 ore 15:05

Hai voluto l'auto elettrica?
Adesso pedala!
(nel vero senso del termine)

Non ho potuto trattenermi!!MrGreen

Juza
avataradmin
inviato il 30 Luglio 2019 ore 15:13

eh eh ma io non mi lamento "a livello personale", con la rete di ricarica Tesla si viaggia bene ;-) il problema è più per gli altri brand che non avendo una propria rete devono affidarsi a Enel...

(perlomeno finchè non arriva Ionity, che però impiegerà parecchi anni per avere una buona copertura in Italia)

Alvar Mayor
avatarsenior
inviato il 30 Luglio 2019 ore 15:59

La tua descrizione dell'esperienza Enel è davvero disarmante ... come si può pensare di rimanere fermi SETTE ORE con la macchina in carica per "fare il pieno" ... con la benzina servono pochi minuti ... semplicemente il tempo non è comparabile.

Per dare un'idea:
la mia prima auto era a benzina, ho fatto installare l'impianto a metano nel 2004 per spendere meno, ma i tempi di rifornimento, che a volte raggiungevano i 15-20 minuti dovendo attendere la fila, erano già inaccettabili, a volte vedendo la fila ma lettevo a benzina e rimandavo il rifornimento.
Nel 2009 ho cambiato auto e l'ho presa a benzina e GPL: molti più distributori, tempi di rifornimento più rapidi, nell'ordine di 5 minuti quando c'è da attendere, va già meglio.

Ma niente vale la comodità di fare benzina di notte al self, non trovare nessuno, arrangiarmi e sbrigarmi in un attimo.

E io uso poco l'auto ... quella attuale, del 2009, ha 93 MILA km.

SergioFermi
avatarsupporter
inviato il 30 Luglio 2019 ore 16:00

ma uno deve stare vicino alla macchina un ora?oppure va a mangiare una pizza e torna?

Nerone l'imperatore
avatarsupporter
inviato il 30 Luglio 2019 ore 16:07

Purtroppo attualmente è ancora presto per l,elettrico, sia per questo tipo di problemi della ricarica, almeno in Italia, oltre al fatto di un autonomia di percorrenza ancora insufficiente delle auto, quando si inizierà ad avere autonomie di oltre 1000 km effettivi con una ricarica se ne riparlerà.
Indubbiamente ci si arriverà molto presto ma attualmente la trazione a combustione è ancora la più conveniente e pratica per molti anni a venire.

Alvar Mayor
avatarsenior
inviato il 30 Luglio 2019 ore 16:24

Uno può anche andare a mangiare e tornare, se vicino c'è un posto in cui farlo (penso alle colonnine nei parcheggi del Lidl nella mia zona, che in pratica sono di fronte al deserto dei tartari).
E poi, bisogna anche aver fame e non aver fretta!

Ulisse Di Bartolomei
avatarsenior
inviato il 30 Luglio 2019 ore 16:32

E poi, bisogna anche aver fame e non aver fretta!


... e poi lasciare il veicolo incustodito per decine di minuti... mi sa che per i ridistributori delle risorse non autorizzati, le opportunità aumenteranno parecchio...


Nascerà lo specialista elettrico dell'automobile elettrica al distributore elettrico...MrGreen

Ooo
avatarsenior
inviato il 30 Luglio 2019 ore 16:56

inventare il cavallo senza aver inventato la biada è un bel casino. Triste

Imik
avatarjunior
inviato il 30 Luglio 2019 ore 17:22

un pieno teorico quanto ti costa e quanta autonomia hai?

Juza
avataradmin
inviato il 30 Luglio 2019 ore 17:33

un pieno teorico quanto ti costa e quanta autonomia hai?


dipende dall'auto e dal circuito di ricarica ;-)

con la Tesla Model 3 l'autonomia reale è 380-400km, e il pieno costa 37 euro alle colonnine Enel oppure 18 euro a quelle Tesla.

caricandola a casa siamo tra gli 8 e i 12 euro a seconda del proprio contratto.

Luigi T.
avatarsenior
inviato il 30 Luglio 2019 ore 18:15

Alvar Mayor
E io uso poco l'auto ... quella attuale, del 2009, ha 93km.


93km in 10 anni? Eeeek!!!

Cammino di più a piedi che tu in auto! MrGreen

Alvar Mayor
avatarsenior
inviato il 30 Luglio 2019 ore 21:36

Scusa, 93mila km ...
In realtà certi anni ho percorso più km in bici che in auto.

Gf31
avatarjunior
inviato il 31 Luglio 2019 ore 22:16

Scusate io con la mia vettura diesel 200 cv non spendo 37 euro x fare 380 km.

dovè la convenienza? (parlo in costi)



Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)



Questa discussione ha raggiunto il limite di 15 pagine: non è possibile inviare nuove risposte.

La discussione NON deve essere riaperta A MENO CHE non ci sia ancora modo di discutere STRETTAMENTE sul tema originale.

Lo scopo della chiusura automatica è rendere il forum più leggibile, sopratutto ai nuovi utenti, evitando i "topic serpentone": un topic oltre le 15 pagine risulta spesso caotico e le informazioni utili vengono "diluite" dal grande numero di messaggi.In ogni caso, i topic non devono diventare un "forum nel forum": se avete un messaggio che non è strettamente legato col tema della discussione, aprite una nuova discussione!





 ^

Forum AutoElettrica101 su JuzaPhoto - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it