Il forum di AutoElettrica101 è ospitato su JuzaPhoto (network di fotografia). JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo


Il forum di discussione di www.autoelettrica101.it è ospitato dal network fotografico JUZAPHOTO

Auto elettrica VS auto con motore termico

AutoElettrica101 » Forum » Auto elettrica VS auto con motore termico




Steff
avatarsenior
inviato il 25 Luglio 2019 ore 15:40

12 pagine quasi tutte off topic...
auto elettrica Vs auto a combustione:
sappiamo che il motore lettrico è enormemente + efficiente di quello termico ,localmente inquina zero ed in italia un'auto elettrica brucia energia al 40% e passa da fonti rinnovabili senza emissioni...le vetture a combustione (ICE) invece bruciano carburante al 100% non rinnovabile.
vediamo un esempio...
tesla model S performance da circa 700cv e 0/100 in 3 secondi..
con l'equivalente di 1lt di benzina ci si comprano 10kwh in casa presi da rete enel.
con 10kwh percorre 40/50km
esiste vettura ICE con tali prestazioni e tale efficienza?
NO
neppure una panda a metano ce la fa per consumi e neppure una panamera turbo ce la fa per prestazioni.
quindi l'unico svantaggio (non da poco ) dell'elettrico è il costo di produzione/acquisto.
per il momento una vettura elettrica seria (tesla e poco altro) è quindi competitiva nel solo settore premium del mercato.
una tesla model 3 ha costi di utilizzo ed efficienza inarrivabili ad esempio per una bmw serie3 di pari potenza ,non paga il bollo,entra nella ztl,qualche volta non paga il parcheggio ,non paga il bollo ecc ecc con prestazioni superiori
quindi deduco che la tecnologia della vettura elettrica fatta bene è enormemente superiore alla vettura ICE.
quando i prezzi arriveranno al livello delle vetture ICE anche per i segmenti inferiori non ci sarà scampo.
è solo questione di tempo e costi.
tutto il resto è a favore della vettura elettrica che tecnologicamente in pochi anni ha surclassato la vettura ICE.
po possiamo passare il tempo a dire che norvegesi,californiani,olandesi ecc ecc sono dei polli e noi dei ganzi ma non è cosi

Paolostok
avatarsenior
inviato il 25 Luglio 2019 ore 16:06

Steff, il nocciolo dell'auto elettrica è la batteria, lì ci devono essere miglioramenti, come prezzi ed autonomia, oltre che tempi di ricarica...è quello che si dovrebbe ottenere con le prossime generazioni di batterie.

Ooo
avatarsenior
inviato il 25 Luglio 2019 ore 16:17

il 1700 sta all'inventiva sulla meccanica come il 2000 sta all'inventiva sulle fonti energetiche.

( 1700 : meccanica = 2000 : energia )

Qualcuno ancora non se n'è accorto che in questo secolo l'uomo cercherà mai come prima d'ora, tutte le opzioni possibili per migliorare gli escamotage per sfruttare l'energia.

L'opzione nuove batterie è da inserirsi in questo percorso.
Sarà uno studio ed un rinnovarsi continuo.

Steff
avatarsenior
inviato il 25 Luglio 2019 ore 17:26

Steff, il nocciolo dell'auto elettrica è la batteria, lì ci devono essere miglioramenti, come prezzi ed autonomia, oltre che tempi di ricarica...è quello che si dovrebbe ottenere con le prossime generazioni di batterie.


il punto è che i margini di miglioramento sui motori termici sono di zero virgola mentre sulle batterie si farà parecchio...ma si è anche già fatto...guardiamoci 10 anni indietro.
comunque sul fonte batterie x autotrazione il litio dominerà i prossimi 15 anni ,poi vedremo.
parlare di stato solido e sogni vari è un modo come un altro per non fare niente oggi.
credo che vedremo fra 2/4 anni una evoluzione delle 2170 per aumentare la densità energetica ma per rivoluzioni ne serviranno 10.già oggi le 2170 montate sulla model3 hanno densità discreta.le attuali batterie allo stato solido sono lontanissime.quelle nei laboratori magari no ma fra una cosa in labortatorio e farne milioni di pezzi che durino 10 anni ce ne vuole.NESSUNO installerà sulle auto batterie che non reggono perchè vuol dire fallire.
quanto alla rete di ricarica oramai le tesla con le 2170 sono caricabili a 250kwh...parliamo quindi di minuti e non ore per le ricariche.
quindi la tecnologia esiste già.
quanto ai prezzi...questo resta lo scoglio maggiore ma dal 2012 ad oggi tesla è passata da vetture da +100000usd a meno di 50000usd...diamogli altri 7 anni ed arriveranno a competere molto più sotto.
cito tesla perchè è l'unico che le elettriche le deve vendere per forza.
gli altri sono 10 anni indietro



Ooo
avatarsenior
inviato il 25 Luglio 2019 ore 17:49

NESSUNO installerà sulle auto batterie che non reggono perchè vuol dire fallire.
quindi presumo che toyota non abbia intenzioni suicide.
red-live.it/auto/toyota-batterie-stato-solido/?refresh_ce-cp

Salt
avatarsenior
inviato il 25 Luglio 2019 ore 17:55

dunque.. ieri ho fatto Losanna- Freiburg e ritorno su una Bmw i3. Un viaggetto, tipo Torino- Sanremo e ritorno.

Aria condizionata e autostrada… partiti carichi al massimo di batteria in due piu 2 valigette 24 ore con 2 workstation portatili.


NON siamo arrivati a Freiburg con un pieno elettrico. Prima pausa quasi a Basilea per la ricarica (quasi un ora per ricaricare all 80%)
A Freiburg (citta piu verde d'europa) non c'era nessun caricatore rapido in prossimita' della ditta che ho visitato.

Per cui altra pausa per la ricarica in periferia sul piazzale di un supermercato, sotto al sole.. Ne abbiamo approfittato per fare spesa… Ritorno .. Altra pausa di un ora per ricaricare in autogrill..

+Risultato 5 ore di viaggio piu 3 ore di ricariche . per fare circa 500 km…
Parliamo di una utilitaria che costa 40mila euro… poco meno di una Lotus elise nuova

Nessun professionista puo accettare un servizio simile. Con la Lotus sullo stesso percorso faccio quasi i venti km con un litro, ci metto un'ora di meno di viaggio e un pieno prima di partire e' sufficiente per andare e tornare.
insomma risparmio 4 ore di vita.. e di costo del dipendente.

Con una qualsiasi multijet diesel, sullo stesso percorso faccio anche i 25 km-l ho autonomia per mille e rotti km ed il gasolio tedesco costa 1,19 euro al Lt


Con un'auto a gas il rapporto e' ancora piu' impietoso.


P.S. In realta' il pieno lo faccio in Germania perche costa molto meno.MrGreenMrGreen e la spesa al supermercato non la faccio perche' nella lotus non ci sta MrGreenMrGreen

Salt
avatarsenior
inviato il 25 Luglio 2019 ore 18:10

insomma la Bmw i3 che e' una bellissima utilitaria (mia moglie farebbe carte false per farsela comprare)
da manuale consuma:

Consumo di energia in kWh / 100 km (combinato): 13.1 - 14
In autostrada consuma ovviamente MOLTO di piu' a velocita' neppure troppo elevate.
Io credo arrivi tranquillamente a 25-30 kWh per cento km

un multijet 1.6 in autostrada invece fa i 25 con un litro.. quindi per 100 km richiede circa 40 kWh


Sembrano molti di piu'… ma se cominci a scaldare l'abitacolo, o a raffreddarlo il consumo del diesel resta costante.
L'elettrico invece va alle stelle raggiungendo velocemente i consumi del diesel.


In una giornata come quella di ieri con 40 gradi all'ombra misurati fuori Freiburg, viaggiare per lavoro senza condizionatore e' pressoche' impossibile. Sono altri 4 kWh solo per raffrescare e ventilare l'abitacolo.

Raffrescare non raffreddare… che con un'auto elettrica e' impossibile raffreddare davvero.

Del resto un'auto non e' un frigo… e abbassare di un paio di gradi e' gia molto.

Se dovessi fare il rappresentante di zona in una grande citta', con un buon garage e contratto elettrico, potrebbe forse avere un senso. Di notte ricarichi e di giorno i tuoi 100 km in citta' verrebbero a costare meno (se non conti i fissi del contratto trifase da 10kW picco che ti permettono di rabboccare l'auto in sei ore di notte.)

Per me viceversa che mi muovo su rotte piu lunghe e varie, e' una soluzione non ancora praticabile.

Mi piacerebbe soprattutto per le prestazioni… Anche se considero chi tira per strada un incivile e qui in Svizzera, se solo lasci un po' il gas ti fanno male con le multe per eccesso di velocita'.

Daniele 1974
avatarjunior
inviato il 25 Luglio 2019 ore 18:56

Comunque bisogna considerare che superare un rendimento del 40% con un ciclo combinato è come superare il muro del suono. Invece un turbogas a ciclo aperto ha un rendimento intorno al 25%. Quindi, affinché il motore elettrico delle auto sia veramente amico dell'ambiente, è necessario che tutta la filiera energetica a monte sia virtuosa (ben vengano a tal riguardo le fonti alternative). Infatti anche il prof. Dolara in uno dei primi video postati dice che con l'attuale mix energetico europeo il risparmio di CO2 con i veicoli elettrici è del 15-20%. Io sinceramente cerco di essere amico dell'ambiente solo se c'è per me anche e soprattutto una convenienza economica, quando per me il rapporto benefici/costi di un motore elettrico saranno maggiori di quelli di un ICE sarò ben felice di passare all'elettrico, fino a quel momento mi dispiace ma devo guardare prima al mio portafoglio e poi potrò pensare di salvare il mondo, tanto tutto questo vantaggio per il pianeta a conti fatti secondo me non c'è.

Salt
avatarsenior
inviato il 25 Luglio 2019 ore 19:31

Guarda, Daniele, con piu di 50 ettari di foreste gestite, sequestro piu co2 di quella che posso produrre con tutte le mie attivita' imprenditoriali.
Il concetto che deve passare a mio avviso e' che, ben venga la riduzione di consumi ma, a monte deve esserci un ripristino della capacita di recupero del pianeta.
Qui invece si fa passare che montando un motore elettrico alimentato da centrali fotovoltaiche si possa risolvere qualcosa.

Non e' cosi… una centrale fotovoltaica e' drammaticamente dannosa per l'ambiente. Sottrae spazio all'agricoltura, che non deve essere intesa come produzione di trinciato di mais da inserire nei termovalorizzatori-digestori. Ma deve essere intesa come ripristino della capacita di recupero naturale.
Una foresta sequestra co2 e produce ossigeno… oltre che biodiversita', energia, fotosintesi etc etc...
Usiamo pure le vecchie auto a benzina, e investiamo la spesa che faremmo per cambiare tutta la rete di distribuzione in foreste e recupero di zone contaminate. L'Italia e' zeppa di foreste e boschi abbandonati, campi coltivati a mais intensivo solo per alimentare digestori e termovalorizzatori.

Gestire una foresta con tutte le sue biodiversita' oggi e' costoso e non redditizio. Ma anche vendere il mais a 13 euro il quintale o i fagiolini bio a 40 cent il kg... NON E' POI COSI REDDITIZIO.

Il letame prodotto dalle vacche spargiamolo nei campi, che diventeranno fertili e verdi prati. Invece che morte distese di rovente silicio azzurro.

Ooo
avatarsenior
inviato il 25 Luglio 2019 ore 19:41

uno scorcio come tanti sopra l'Italia, qualche pannello solare.
Lo spazio che rimane per metterne molti altri c'è, senza invadere le campagne.


Salt
avatarsenior
inviato il 25 Luglio 2019 ore 19:46

Ooo se fosse per me i tetti e tutte le autostrade andrebbero coperti di pannelli solari.

Ma hai mai visto da vicino un fotovoltaico da 1MW a terra?..

E' uno scempio… le migliori coste, ben soleggiate, rese sterili e ricoperte di silicio che durante il giorno arroventa a temperature che non permettono neppure all'erba di crescere.

Dal punto di vista ambientale per me equivale ad una centrale a carbone.

Musicapiccinini
avatarjunior
inviato il 25 Luglio 2019 ore 22:02

Oggi in concessionaria ho fatto due conti per la Grandland x Hybrida e il totale supera bene i cinquantamila euro senza tetto panoramico, fari full led sono opzionali, raffrescamento sedili non abbiamo capito se si possono avere o meno... Parlando poi delle varie offerte su metano e gpl da parte di altri marchi di auto mi è stato detto che le auto a gpl ormai sono morte perchè quei motori tra due anni saranno invendibili. A me non sembra un settore morente www.patentati.it/listini-auto/gpl.html e mancano le audi e mercedes a metano, tanto per fare un'esempio. Per l'elettrico mi sa che aspetto.

Banjo911
avatarsupporter
inviato il 25 Luglio 2019 ore 23:14

Non prendere una Opel. Sono assemblate come accozzaglie con pezzi di scarto di altre marche. Diversi amici e conoscenti hanno avuto parecchi problemi (anche sui cambi) con quella marca.

Paolostok
avatarsenior
inviato il 25 Luglio 2019 ore 23:52

Ma hai mai visto da vicino un fotovoltaico da 1MW a terra?..

E' uno scempio… le migliori coste, ben soleggiate, rese sterili e ricoperte di silicio che durante il giorno arroventa a temperature che non permettono neppure all'erba di crescere.

Dal punto di vista ambientale per me equivale ad una centrale a carbone.

Ce l'ho a 20 KM da casa mia...ci passo davanti molto spesso... niente a che vedere con una centrale a carbone, o qualsiasi altra centrale a combustibili fossili, molto meglio.
Unpannello solare dura almeno 10 anni, ma in media anche il doppio, vogliamo mettere la porcheria che fanno gli altri combustibili in tutti questi anni??? MAH...Eeeek!!!

Daniele 1974
avatarjunior
inviato il 26 Luglio 2019 ore 7:55

@Salt, anche io ho fatto e faccio qualcosa per l'ambiente, ma ne faccio una questione economica. Ad esempio d'inverno mi scaldo con la legna, ho un magnifico termocamino della CLAM che mi fa risparmiare circa 1000€/anno (anzi se dalle tue foreste avanzano 35 q.li di legna, anche quella già secca del sottobosco ci mettiamo d'accordo;-)). Poi ho un pannello solare termico, purtroppo però la falda del tetto disponibile per l'installazione è a nord-ovest e solo in questo periodo vado solo col pannello, nel resto del tempo l'acqua entra solo un po' preriscaldata nella caldaia a GPL. Inoltre ho fatto un recupero acqua piovana per innaffiare il giardino per il quale ho speso molto e che con quello che recupero non me lo ripagherò mai.
In ultimo vado il più possibile con i mezzi pubblici che inquinano meno dell'auto privata.
Ritornando più o meno in tema, per quanto riguarda l'auto, penso che tanto dovrò aspettare ancora molto prima di poter sostituire la mia grande Punto 1.3MTJ con la quale ho un rapporto di amore-odio. Come prestazioni e consumi sono entusiasta (venivo da una Punto 1.2 a benzina 8V), ma come manutenzione la odio quasi, per come la usiamo in famiglia devo cambiare l'olio ogni sei mesi, a causa della rigenerazione del FAP (è la prima generazione Euro 4 e quindi col FAP) manda Diesel nell'olio e lo degrada, comincia a lampeggiare la spia dell'olio ed entro 1000km devo cambiarlo. Solo per questo motivo passerei all'elettrico domani mattina, solo che queste macchine costano e poi ci sono i tempi di ricarica piuttosto lunghi e tutta la serie di problematiche che sono emerse in questo e nel precedente thread. Forse la strategia giusta è quella di Paolo: prenderne una usata quando sarà più matura la tecnologia delle batterie (e sarà al tempo stesso migliorata anche la rete per ricaricarle).
Al momento i posti auto riservati alle auto elettriche vicino all'ufficio li vedo quasi sempre vuoti
Comunque lo sviluppo dell'elettrico lo vedo positivamente, quando avranno prezzi competitivi con quelli delle auto a combustibili fossili, magari spingeranno la concorrenza tra le due tecnologie.



Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)



Questa discussione ha raggiunto il limite di 15 pagine: non è possibile inviare nuove risposte.

La discussione NON deve essere riaperta A MENO CHE non ci sia ancora modo di discutere STRETTAMENTE sul tema originale.

Lo scopo della chiusura automatica è rendere il forum più leggibile, sopratutto ai nuovi utenti, evitando i "topic serpentone": un topic oltre le 15 pagine risulta spesso caotico e le informazioni utili vengono "diluite" dal grande numero di messaggi.In ogni caso, i topic non devono diventare un "forum nel forum": se avete un messaggio che non è strettamente legato col tema della discussione, aprite una nuova discussione!





 ^

Forum AutoElettrica101 su JuzaPhoto - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it