Il forum di AutoElettrica101 è ospitato su JuzaPhoto (network di fotografia). JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo


Il forum di discussione di www.autoelettrica101.it è ospitato dal network fotografico JUZAPHOTO

Nuova Volkswagen ID.3

AutoElettrica101 » Forum » Nuova Volkswagen ID.3




Stepie
avatarjunior
inviato il 18 Luglio 2019 ore 15:33

Fonte affidabile è una fonte che in QUALSIASI momento può generare ed immettere in rete energia. Il fotovoltaico quando e se sarà supportato da sistemi di stoccaggio dell'energia prodotta diventerà una fonte affidabile. Al momento non lo è. [IMG][url=https://postimages.org/]

[/IMG]

Goldrake
avatarjunior
inviato il 18 Luglio 2019 ore 17:09

Io l'ho installato quasi 9 anni fa, piccolo da 2,5 kW, devo dire che a livello mentale fa un bell'effetto produrre energia gratuita dal sole e immetterla in rete, certo il sistema che manca è la possibilità di stoccare energia a prezzi delle batterie concorrenziali

Stepie
avatarjunior
inviato il 18 Luglio 2019 ore 18:24

Purtroppo abito in città (Torino) e potrei mettere dei pannelli solo sul terrazzo ma con 3 o 4 metri quadri cosa potrei fare? Occorrerebbe una politica nazionale (coprire i tetti dei condomini ad esempio). Rimarrebbe il problema dello stoccaggio dell'energia

Paolostok
avatarsenior
inviato il 19 Luglio 2019 ore 0:10

Lo stoccaggio dell'energia è già attuale: diversi impianti fotovoltaici prevedono accumulatori...
Per capire se un paese sfrutta le rinnovabili, bisogna vedere le percentuali rispetto al fabbisogno, non i dati in assoluto:
www.accumulatorefotovoltaico.it/magazine/energie-rinnovabili-nazioni-v

Stepie
avatarjunior
inviato il 19 Luglio 2019 ore 9:54

Le nazioni presenti nel link sono piccole e irrilevanti dal punto di vista industriale e, non casualmente, la fonte maggiore dell'energia rinnovabile è prodotta dall'idroelettrico e, nel caso dell'Islanda, dal geotermico. Queste fonti sono fonti continue, presenti di giorno e di notte, niente a che vedere con il fotovoltaico (che potrà dare il suo contributo quando ci saranno sistemi di accumulo non solo previsti ma presenti ed efficaci). Vorrei precisare che non ho nulla contro le fonti rinnovabili, anzi sarei felice se il nostro paese ma anche il resto del mondo potesse avere energia solo rinnovabile. Purtroppo però bisogna sempre vedere cosa è possibile QUI ed ORA e lasciare i voli pindarici ai poeti. Prima della seconda guerra mondiale la maggior parte dell'elettricità prodotta in Italia era di fonte idroelettrica: si stava meglio quando si stava peggio? No semplicemente quasi tutto quello che si poteva sfruttare è stato sfruttato e il paese ha oggi necessità che allora semplicemente non c'erano. Vorrei sempre ricordare che all'inizio del secolo scorso l'Italia fu la prima a sfruttare la fonte termoelettrica, purtroppo da oltre 100 anni non facciamo investimenti in tal senso.

Ilcentaurorosso
avatarsenior
inviato il 19 Luglio 2019 ore 10:36

Lo stoccaggio dell'energia è già attuale: diversi impianti fotovoltaici prevedono accumulatori...

E' una questione delicata, produrre green per poi accumulare non è vincente. Purtroppo, come detto in altri topic, il futuro passa per la power grid. Serve una rete intelligente, connessa, agile che permetta in e out di potenza dove serve, quando serve. Non è cosa da pochi anni, soprattutto da noi, dove per stendere due cavi occorrono mesi se non anni. Ne riparliamo tra 40-50 anni buoni (ne riparlerete, io non ci sarò).

Goldrake
avatarjunior
inviato il 19 Luglio 2019 ore 10:52

Attualmente per gestire il fotovoltaico, che rispetto ad altre fonti ha priorità 1 sulla rete, vale a dire che nel momento che produce va immesso in rete per i motivi sopra menzionati (mancanza di accumulo), per non creare picchi o carenza di energia, Terna che gestisce la rete abbassa e alza a seconda delle necessità le turbine a gas delle centrali Enel, senza mai spegnerle, nel senso se improvvisamente tutti i pannelli in pianura padana, che fino a quel momento erano sotto un cielo coperto, se quest'ultimo si libera improvvisamente e si rasserena i pannelli fotovoltaici buttano in rete una valanga di energia e automaticamente le centrali Enel devono abbassare la loro immissione, abbassare non spegnare perchè se improvvisamente il cielo si richiude deve essere immediatamente pronta a far girare le turbine a regime per compensare è un gioco di magia gestito da computer e reti non è uno scherzo.

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Iscrivendoti potrai sfruttare tutte le funzionalità di AutoElettrica101 e di JuzaPhoto.







Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

Forum AutoElettrica101 su JuzaPhoto - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it