Il forum di AutoElettrica101 è ospitato su JuzaPhoto (network di fotografia). JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo


Il forum di discussione di www.autoelettrica101.it è ospitato dal network fotografico JUZAPHOTO

Tesla Model 3, 10000 km dopo

AutoElettrica101 » Forum » Tesla Model 3, 10000 km dopo




Ironmanu
avatarjunior
inviato il 04 Maggio 2019 ore 11:32

Juza una domanda per te su model3 (anche se in parte hai risposto con la descrizione del camper mode):

Rispetto ad una tradizionale termica trazione posteriore, c'è un significativo aumento delle dimensioni dell'abitacolo data l'assenza di motore anteriore e trasmissione?

Non ho mai visto una tesla all'interno ma mi aspetterei una abitabilità di guida e passeggeri decisamente superiore rispetto ad una pari categoria termica.

È così?




Juza
avataradmin
inviato il 04 Maggio 2019 ore 12:00

Rispetto ad una tradizionale termica trazione posteriore, c'è un significativo aumento delle dimensioni dell'abitacolo data l'assenza di motore anteriore e trasmissione?


dipende cosa intendi per significativo...sicuramente è più spaziosa della S5 che avevo prima, e probabilmente ha un pò più spazio rispetto a una BMW serie 3 o Audi A4, però non è una differenza immensa, è abbastanza in linea con le auto della sua categoria (per dare l'idea auto di fascia più alta come una Tesla Model S, Audi A8, BMW serie 7 sono decisamente più spaziose).

per il resto, la Tesla ha un baule posteriore molto grande a cui si somma il piccolo baule anteriore; inoltre anche tra i due sedili anteriori c'è un grande vano portaoggetti.

Stepie
avatarjunior
inviato il 04 Maggio 2019 ore 21:51

Problema batterie: non è la prima volta video.corriere.it/auto-elettrica-tesla-esplode-dentro-parcheggio/9af7c

Paolostok
avatarsenior
inviato il 05 Maggio 2019 ore 1:38

Se si cerca in giro nel mondo...un'auto "normale" che prende fuoco si trova sicuramente.... lo dobbiamo fare??

Stepie
avatarjunior
inviato il 05 Maggio 2019 ore 5:21

Personalmente sono convinto che vivere sia un'attività pericolosa: infatti conduce irreparabilmente alla morte. So perfettamente che il rischio di combustione di un'auto a benzina non è certamente zero ma, di solito, succede in seguito ad un incidente. Purtroppo la tecnologia delle batterie al litio attuali comporta un rischio in questo senso, non solo in seguito ad un incidente, ma anche nel normale funzionamento, anche a riposo per così dire. Detto questo sono sicuro che le batterie che verranno saranno molto più sicure passando da un elettrolita liquido a uno solido; e rimango della mia idea di acquistare una vettura elettrica, anche di prestazioni mediocri ma per me sufficienti, appena i prezzi saranno alla mia portata

Ironmanu
avatarjunior
inviato il 05 Maggio 2019 ore 9:26

@paolostock

Si facciamolo, insieme al dato dell'incidenza percentuale sull'intera popolazione di veicoli però.

Steff
avatarsenior
inviato il 05 Maggio 2019 ore 9:29

Stepie,ci sono migliaia di casi di autocombustione di vetture a benzina o gasolio.ci sono vetture a gas che esplodono e stazioni di rifornimento che prendono fuoco.
Notoriamente le vetture elettriche ottengono migliori risultati nei test di sicurezza proprio per il pianale indeformabile ,l assenza di motore e cambio che entrano nell abitacolo e perché non si incendiano.poi casi limitati sono sempre possibili ma non dimentichiamo le migliaia di morti in strada che potrebbero essere ridotti con vetture più sicure....per me lo scandalo è che vendano vetture economiche e quindi in grandi numeri che hanno gravi problemi ai test di sicurezza.un esempio è la panda che presto andrà in pensione proprio per questo.
X le batterie allo stato solido....serviranno tanti anni...ma tanti.o meglio esistono già ma la densità energetica è troppo bassa quindi inutili su autovetture.
Inoltre non vedo grandi differenze di sicurezza a pari densità energetica.
Quando arriveranno sul mercato vedremo.......al momento dobbiamo pensare a migliorare le tecnologie esistenti che hanno margini di sviluppo enormi per densità e velocità di ricarica.
Ad esempio esistono già batterie 2170 col doppio della densità energetica attuale.ovvio che al momento non sono garantibili per centinaia di migliaia di km.
Appena lo saranno non ci sarà alcun motivo per produrre vetture a combustione che hanno come unico reale vantaggio autonomia e velocità di ricarica

Paolostok
avatarsenior
inviato il 05 Maggio 2019 ore 11:26

www.google.it/search?source=hp&ei=MqvOXOiqK9CvkwXUsILQDw&q=auto+che+si
attivissimo.blogspot.com/2018/06/quali-auto-sincendiano-di-piu-quelle.

@paolostock

Si facciamolo, insieme al dato dell'incidenza percentuale sull'intera popolazione di veicoli però.


Ironmanu...se hai tempo e voglia leggiti qualcosa...per me è scontato, per te forse no..

Domenic
avatarsenior
inviato il 05 Maggio 2019 ore 12:01

Allo stato attuale delle cose, le batterie sono il vero problema si aggiunge inquinamento invece di diminuirlo .
Però c'è da tenere conto della delocalizzazione dell'inquinamento dell'aria e di una maggiore efficienza dei veicoli elettrici che non so se sia in grado di controbilanciare l'energia che ci vorrà per smaltire o riciclare le batterie .
Da parte mia ho già in casa 2 Ebike al posto di 2 scooter e la mia prossima auto sarà totalmente elettrica però sono conscio che non è tutto oro quello che luccica Cool
Per gli entusiasti e ottimisti delle batterie non vorrei che finisca come con le centrali nucleari dove non si tiene in conto dello smaltimento delle scorie e dello smantellamento delle centrali stesse , problemi ancora irrisolti .
Batterie più potenti ed efficienti comportano un maggiore inquinamento Triste

Paolostok
avatarsenior
inviato il 05 Maggio 2019 ore 12:09

Domenic, sulle batterie devono completare gli sviluppi...ci sono diverse alternative...sicuramente non si potrà andare ancora solo con quelle al litio, sia per la rarità del materiale, sia per l'efficienza ancora non ottimale, sia per l'effettivo inquinamento causato dalla produzione.

Stepie
avatarjunior
inviato il 05 Maggio 2019 ore 12:19

Si infatti ho visto molti incendi nella mia vita automobilistica, quasi tutti mezzi a benzina. Non mi sembra di ricordare incendi primari di mezzi a gasolio (cioè causati dal mezzo stesso). Mi ha sorpreso il fatto che anche le auto elettriche soffrono di questo problema (ma ricordiamo che Samsung dovette cessare la produzione del Note 7 per le batterie che si incendiavano)

Domenic
avatarsenior
inviato il 05 Maggio 2019 ore 12:29

Paolo si cerca di valutare i pro e i contro , non ha senso chiedere all'oste se il vino è buono ...;-)

Paolostok
avatarsenior
inviato il 05 Maggio 2019 ore 12:36

Ma infatti Domenic, si può dire che concordo con te sul fatto che non si può puntare sulle attuali batterie, e sulla attuale percentuale di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili...

Steff
avatarsenior
inviato il 05 Maggio 2019 ore 12:43

Guardate che il litio è abbondatissimo e reciclabile.
Paesi come la cina ne hanno riserve immense che neppure estraggono visto che ai prezzi attuali conviene comprarlo in cile australia,argentina o altrove.
Anche usa,portogallo,brasile e zimbabwe hanno discrete riserve MA...nessuno diventerà ricco come i paesi petroliferi col litio perché è RECICLABILE.
C era un bellissimo articolo dell economist che spiegava la cosa nei particolari altrimenti i cileni sarebbero già i nuovi sceicchi...ma non lo saranno mai.
Invece vorrei ricordare a tutti che non sono reciclabili i 5.1 miliardi di barili anno estratti e bruciati che finiscono nell atmosfera.
L auto è solo una parte del problema ma da qualcosa vogliamo cominciare o facciamo finta di nulla?

Paolostok
avatarsenior
inviato il 05 Maggio 2019 ore 15:08

Steff.. il problema non è solo il Litio, che non è abbondantissimo, perlomeno come costi di estrazione, ma su una batteria al Litio ci sono altri materiali, es. il Cobalto, che sono molto critici... per questo vengono valutate alternative come le batterie allo stato solido, quelle a ricambio di flusso, quelle Zinco-aria, quelle Ioni-Fluoruro...etc.etc.
Ripeto, ci sono diversi studi al momento... Lo scandalo del E6 in America ha aperto una breccia, le case automobilistiche hanno per la prima volta capito che: "costa di più adeguare i motori termici alle ultime normative che sviluppare auto elettriche" questo ha dato il via a tutte le novità che ci sono... che non sono novità... c'erano anche prima...solo che non conveniva a chi di dovere... Ma ce ne sono tante altre di "novità" da scoprire...

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Iscrivendoti potrai sfruttare tutte le funzionalità di AutoElettrica101 e di JuzaPhoto.







Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

Forum AutoElettrica101 su JuzaPhoto - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it