Il forum di AutoElettrica101 è ospitato su JuzaPhoto (network di fotografia). JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo


Il forum di discussione di www.autoelettrica101.it è ospitato dal network fotografico JUZAPHOTO

Tesla Model 3, 10000 km dopo

AutoElettrica101 » Forum » Tesla Model 3, 10000 km dopo




Stepie
avatarjunior
inviato il 20 Aprile 2019 ore 12:40

Infatti io aspetto che arrivino le prime auto a costi "umani" (= alla portata di Stefano). Poi, come ho avuto occasione di dire altre volte, mi basterebbe una percorrenza reale di 150 km quindi assolutamente alla portata anche della più scarsa auto elettrica

Paolostok
avatarsenior
inviato il 20 Aprile 2019 ore 20:04

C'è da dire anche un'altra cosa sulle batterie: in pochi anni è stato ridotto il prezzo di quasi la metà, e la configurazione delle batterie dei vari costruttori è per la maggior parte modulare, quindi tra 8 anni il prezzo delle batterie sarà ancora più basso, e si potranno sostituire i moduli usurati con tipologia di batterie più evolute...insomma l'auto elettrica non è proprio come un telefonino che si cambia quando la batteria cede.

Alvar Mayor
avatarsenior
inviato il 20 Aprile 2019 ore 20:32

telefonino che si cambia quando la batteria cede


No, io cambio la batteria ...

Lufranco
avatarsenior
inviato il 20 Aprile 2019 ore 21:56

In pratica, come sapevamo,il confronto termico/elettrico attualmente ha senso solo con auto sportive di lusso, dove l'elettrico aldilà dei problemi di autonomia e tempo di ricarica, può anche avere dei vantaggi.

Per auto di classe media e peggio ancora utilitarie, dobbiamo attendere almeno 5-6 anni per avere vantaggi.
Attualmente i piccoli motori termici turbocompressi a GPL o metano, sono nettamente i migliori.

Alvar Mayor
avatarsenior
inviato il 20 Aprile 2019 ore 23:32

Ho guardato cosa costa la Tesla Model 3 ... ciao ... io ho una Grande Punto a GPL, pagata 10'800 Euro (nuova) ... mi pare che la Tesla costi quasi 5 volte tanto ... poi usarla sarà anche più economico, non discuto, inquinerà meno (ma la mia vede la banzina solo per accendersi!) ma ... sossoldi!

Paolostok
avatarsenior
inviato il 21 Aprile 2019 ore 1:54

In pratica, come sapevamo,il confronto termico/elettrico attualmente ha senso solo con auto sportive di lusso, dove l'elettrico aldilà dei problemi di autonomia e tempo di ricarica, può anche avere dei vantaggi.

Per auto di classe media e peggio ancora utilitarie, dobbiamo attendere almeno 5-6 anni per avere vantaggi.
Attualmente i piccoli motori termici turbocompressi a GPL o metano, sono nettamente i migliori.


Non è vero...su percorso quotidiano medio di 40Km per lavoro, l'elettrico va alla grande, chiaro, non facciamo il paragone con la Tesla, ma con un'utilitaria elettrica

Paolostok
avatarsenior
inviato il 21 Aprile 2019 ore 1:56

“ telefonino che si cambia quando la batteria cede ?


No, io cambio la batteria ...

No, con i nuovi telefoni, stanno dappertutto mettendo la batteria non sostituibile... ma non era questo il punto

Kermit68
avatarjunior
inviato il 21 Aprile 2019 ore 11:42

Per auto di classe media e peggio ancora utilitarie, dobbiamo attendere almeno 5-6 anni per avere vantaggi.
Attualmente i piccoli motori termici turbocompressi a GPL o metano, sono nettamente i migliori.

Se parli di vantaggi economici é così, il punto di pareggio tra quanto paghi in più l'auto elettrica e quanto risparmi per il combustibile è ancora piuttosto lontano.
In città però hai qualche vantaggio ulteriore: non paghi la sosta sulle strisce blu, entri nella ztl. Per chi lavora in zona blu e non può arrivare con i mezzi pubblici, sono 70 euro/mese risparmiati. Lo stesso vale per le ibride che costano meno va detto ...
Per alcuni potrebbe comunque valere l'altra spesa.
Sul fronte autonomia invece il problema, in città, non sussiste (parlo per esperienza, due anni con i3, 20.000 km, mai un problema di autonomia / ricarica).

Paolostok
avatarsenior
inviato il 22 Aprile 2019 ore 2:01

Ottimo riscontro Kermit68;-)

Domenic
avatarsenior
inviato il 22 Aprile 2019 ore 6:42

Entro l'anno almeno uno dei tre veicoli della famiglia sarà totalmente elettrico sono indeciso ancora se la prima elettrica che acquisterò sarà una city car o una berlina per le medio lunghe percorrenze che per me vuol dire almeno 4 o 500 km con una ricarica e qui mi pare che ancora non ci siamo almeno per modelli di fascia bassa.
Batterie e motori elettrici più potenti e performanti penso generino campi magnetici non indifferenti.

Domenic
avatarsenior
inviato il 22 Aprile 2019 ore 6:44

Com' è la situazione da questo punto di vista?

Jaclarmax
avatarsenior
inviato il 22 Aprile 2019 ore 11:09

Domenic i campi elettromagnetici sono pienamente descrivibili attraverso le Equazioni di Maxwell.
Innanzitutto faccio una premessa, anche se c'entra poco e dopo spiego il perché. La faccio a carattere generale.
L'intensità energetica di un'onda elettromagnetica é rappresentata matematicamente attraverso il suo vettore di Poynting, ed esso è proporzionale linearmente all'ampiezza e quadraticamente alla frequenza dell'onda che rappresenta.

Dopo di che, andiamo al punto: bisognerebbe sapere come funziona un motore elettrico ed avere ben chiaro il concetto di forza magnetomatrice (fmm). Con correnti relativamente basse, in un motore attraverso gli avvolgimenti e la struttura magnetica con cui è costituita una macchina elettrica rotante si riescono a generare fmm notevolmente superiori. E' simile al concetto che si usa nel trasformatore (anche se il trasformatore è una macchina statica ed il flusso magnetico è confinato nel nucleo ferromagnetico, non deve attraversare traferro) per trasferire energia dal primario al secondario: il campo elettromagnetico e la relativa onda prodotta è confinata nel percorso al trafferro, proprio per ottimizzare le efficienze ed il rendimento della macchina. I campi dispersi sono esigui e del tutto trascurabili ;-)

Piccolo OT: Ora racconto un aneddoto MrGreen Una volta mi è capitato di discutere con un dirigente Terna per alcuni problemi legati ad un PST (su un linea d'interconnessione Francia Italia, a Rondissone, esattamente). Ebbene non sapeva che anche se il flusso del campo magnetico è confinato nel nucleo magnetico, l'onda elettromagnetica vera e propria si propaga trasversalmente quindi fuori dal nucleo magnetico. Piccolo OT Sorriso

Comunque Domenic, dovresti essere molto più accorto alle onde ricevute e trasmesse dai nostri telefoni cellulari MrGreen

Domenic
avatarsenior
inviato il 22 Aprile 2019 ore 11:27

Meglio così allora MrGreen

Jaclarmax
avatarsenior
inviato il 22 Aprile 2019 ore 11:44

Ma si tranquillo, buona pasquetta MrGreen

Domenic
avatarsenior
inviato il 22 Aprile 2019 ore 12:04

Grazie altrettanto Sorriso

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Iscrivendoti potrai sfruttare tutte le funzionalità di AutoElettrica101 e di JuzaPhoto.







Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

Forum AutoElettrica101 su JuzaPhoto - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it