Il forum di AutoElettrica101 è ospitato su JuzaPhoto (network di fotografia). JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo


Il forum di discussione di www.autoelettrica101.it è ospitato dal network fotografico JUZAPHOTO

Smaltimento batterie. Auto elettriche.

AutoElettrica101 » Forum » Smaltimento batterie. Auto elettriche.




Trackmaster
avatarsenior
inviato il 20 Febbraio 2019 ore 13:30

sto parlando di centinaia di anni, cose che noi non vedremo mai..


Se l'andazzo è quello di oggi e si corre dietro all'economia tra un centinaio di anni saremo estinti....

Spero vivamente di sbagliarmi.

se fossimo una civiltà coesa e priva di subdoli interess


Hai detto bene.....se fossimo.....

Già non siamo d'accordo in questa discussione figuriamoci mettere d'accordo 10.000.000.000 di persone....
Io ho perso la speranza......e lo dico da ecologista convinto!!!

Goldrake
avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2019 ore 13:40

Peccato che Bombassei dimentica di dire che i freni perciò che gli compete e i pneumatici insieme fanno il 50% di inquinamento del globale di un auto, ricordatevi che per i nostri governanti e per chi sta sopra di loro voi non siete l'interesse principale, quindi l'elettrico nascerà se ci sarà un interesse a farlo non perchè l'ambiente starà meglio o tutte queste belle frasi ad effetto, il mondo non gira intorno a voi per parafrasare una notà pubblicità, ma intorno al denaro ;-)

Stile70
avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2019 ore 13:45

per inquinare meno, bisognerebbe consumare meno (o meglio).... MrGreen

può sembrare una battuta,
ma il modello economico da sempre è basato su crescita costante e aumento dei consumi , purtroppo non può durare all'infinito.


Goldrake
avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2019 ore 13:51

Viviamo in mondo dove parlare di decrescita intelligente fa rizzare i capelli, ogni paese per mantenere cio che possiede ha la necessità di crescere del 3% all'anno, mi spiegate come campiamo se tutti continuiamo a crescere all'infinito in un mondo che è per definizione finito? In senso di dimensioni..nell'altro senso ci stiamo arrivando.

Siamo di fronte a problemi globali di dimensioni gigantesche e abbiamo la classe dirigente mondiale probabilmente peggiore degli ultimi 50 anni, vorrei capire come se ne puo uscire, dalle mie parti si dice che chi vive sperando muore.......

Ho visto giusto due giorni fa un servizio su report riguardante la produzione tessile fatta dai nostri stilisti e anche altri marchi mondiali in Cina e Tunisia, lasciamo stare cio che potete immaginare, la cosa sconcertante è che lo stesso paio di jeans venduto in Italia a 200 € e confezionato in Tunisia per 20 €, costerebbe se prodotto in Italia 2 € in più, quindi questi personaggi per un guadagno di 2 € vanno a inquinare in giro per il mondo schiavizzano uomini donne e bambini fanno fallire aziende in Italia, per la miseria di 2 €, gente con capitali di qualche decina di miliardi di dollari, qualcuno lo chiama business io lo chiamo in un altro modo....di cosa vuoi avere fiducia

Buh
avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2019 ore 13:56

fra centinaia di anni con tutta probabilità saremo ancora qua, sicuramente "cambiati" e con altri problemi ma non vedo un'estinzione di massa all'orizzonte..

il mondo invece gira proprio intorno ai singoli, a me, te e chiunque altro, ed è un peccato che pochi se ne rendano conto.. specialmente quando viviamo in un mondo capitalista che risponde ad una sola logica, ossia quella del consumo.. e indovina un po' chi decide cosa viene prodotto e cosa no..?! i consumatori, con i loro acquisti..

Trackmaster
avatarsenior
inviato il 20 Febbraio 2019 ore 14:09

i consumatori, con i loro acquisti.


La maggior parte dei consumatori seguono la moda....e indovina chi è a dettare le mode e le tendenze del mercato??
L'uomo fondamentalmente è un animale evoluto e segue il branco....ma il branco è guidato da pochi potenti che pensano solo ai loro interessi......
Io per scelta cerco sempre di utilizzare mezzi pubblici per spostarmi e cerco di acquistare prodotti fatti in Italia pur pagandoli di più......
I miei amici mi prendono in giro perché ho un telefono vecchio di quasi 6 anni e loro ne cambiano uno l'anno.....
Quando vedo queste cose allora capisco che meritiamo l'estinzione e che la terra merita di meglio..... Ormai ne sono sempre più convinto......Triste

Jaclarmax
avatarsenior
inviato il 20 Febbraio 2019 ore 14:17

A chi piace filosofeggiare in modo "mooltooo discutibile", vorrei far presente solo una cosa: la filosofia come forma di libero pensiero e possibilmente fondata sulla logica aristotelica la stimo, anzi, voglio esagerare, la ammiro. Mi riferisco per farla breve a quella filosofia che affonda le radici nell'antica grecia, se non anche prima, per poi arrivare ai tanti esponenti che nei secoli a venire la hanno praticata per poi sfociare con Galileo Galilei nel metodo scientifico. Tanto di cappello a quella filosofia che era massima espressione del libero, autonomo, incondizionato pensiero e una delle massime forme della capacità dell'intelletto umano.

Dopo di che ragazzi miei io so solo una cosa: i problemi che la realtà ci pone davanti sono complessi, senza dubbio, e sfuggono alla piena ed assoluta comprensione di chiunque. Su questo non ci sono dubbi.
Ma attenzione perché di fronte alla complessità, 7000 anni di civiltà umana ci hanno insegnato e dimostrato che solo la scienza, nelle sue prime rudimentali forme per giungere poi ai metodi più strutturati su cui si fonda oggi, è in grado di fornire le "migliori risposte possibili".

Ogni giorno ognuno di noi si alza la mattina, chi in un settore e chi in un altro, e si trova a dover risolvere problemi più o meno complessi e come prova a farlo: usando la testa, spero! Ovviamente ciascuno con le proprie capacità cognitive/intellettive e con il proprio bagaglio culturale che si porta dietro.

Per cui le paure per problemi più grossi di noi e che sfuggono alla totale comprensione scientifica son insite nella natura umana e sono comprensibili. MA QUESTO NON DEVE PORTARCI A DIRE: "FERMIAMO IL MONDO, VOGLIO SCENDERE", ANZI L'ESATTO CONTRARIO, CIOE' SFORZARSI DI CAPIRE COME "MEGLIO SI PUO' FARE".

Quindi parlare di cose non scientificamente provate, previsioni che fra l'altro si propongono anch'esse di essere scientifiche ma molto spesso non lo sono affatto, analizzare problemi in modo sempliciotto, fidarsi del primo pagliaccio che nella sua vita ha fatto il comico e poi pretende di poter parlare di problemi complessi sui quali la comunità scientifica composta da gente seria e che ha studiato e lavorato una vita per risolvere problemi profonde con entusiasmo, responsabilità ed onore i suoi sforzi intellettivi, be va esattamente nella direzione opposta al "TROVARE LE MIGLIORI SOLUZIONI POSSIBILI" che la civiltà, nei sui più di 7000 anni di presenza sulla faccia della Terra, ha sempre cercato di adottare.

Quindi basta pessimismo cosmico, profezie Maya, e altre sciocchezze. Piuttosto rimbocchiamoci le sinapsi ed iniziamo a provare ad imparare seriamente qualcosa, piuttosto che fidarci dei primi creduloni e × che possiamo incrociare nella nostra breve esistenza ;). Saluti :)

Buh
avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2019 ore 14:21

le mode non hanno mai puntato la pistola alla tempia di nessuno.. ci possono provare, "loro", ma la scelta rimane ancora solo e solamente nostra e pertanto noi tutti prendiamoci la responsabilità di quello che compriamo o vediamo o facciamo..

www.google.com/amp/s/www.repubblica.it/ambiente/2018/12/03/news/l_aust
ci sono cose che non si possono fermare.. fra centinaia di anni guarderemo a questa epoca con gli occhi con cui una mamma guarda il proprio bambino..

Trackmaster
avatarsenior
inviato il 20 Febbraio 2019 ore 14:39

www.google.com/amp/s/www.repubblica.it/ambiente/2018/12/03/news/l_aust
ci sono cose che non si possono fermare.. fra centinaia di anni guarderemo a questa epoca con gli occhi con cui una mamma guarda il proprio bambino..


Lo spero vivamente.....
Da noi invece fanno il caffé in cialde che non si possono smaltire......Confuso
Questo della plastica è un altro grave problema....

Quindi basta pessimismo cosmico, profezie Maya, e altre sciocchezze. Piuttosto rimbocchiamoci le sinapsi ed iniziamo a provare ad imparare seriamente qualcosa, piuttosto che fidarci dei primi creduloni e × che possiamo incrociare nella nostra breve esistenza ;). Saluti :)


Su questo hai ragione ma dovevamo farlo già molto tempo fa.....

Paolostok
avatarsenior
inviato il 20 Febbraio 2019 ore 14:51

Ma attenzione perché di fronte alla complessità, 7000 anni di civiltà umana ci hanno insegnato e dimostrato che solo la scienza, nelle sue prime rudimentali forme per giungere poi ai metodi più strutturati su cui si fonda oggi, è in grado di fornire le "migliori risposte possibili".

Dipende, la scienza mette a disposizione gli strumenti, ma poi quali strumenti vogliamo utilizzare, e in che modo?
Voglio dire: anche la bomba atomica è stata fatta grazie alla scienza, e non mi sembra una gran scelta.

Goldrake
avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2019 ore 15:02

rimbocchiamoci le sinapsi ed iniziamo a provare ad imparare seriamente qualcosa


Alla gente hanno fatto il lavaggio del cervello, oramai la grande maggioranza non ragiona più con la sua di testa è stata svuotata per riemp.irla con cose che servono a chi vuole far andare le medesime in un senso, qui hai poco da filosofeggiare, la baracca la gestiscono 100 personaggi che manco conosci, credi che il mondo sia governato da teste vuote e che quelle teste vuote ci siano piovute per caso? Sono li e portano avanti le istanze di chi ce li ha seduti, non le tue, armati con quello che ti pare è come voler imbrigliare il vento con il retino delle farfalle. lo sanno bene che le masse possono fare tanto, ma la massa deve essere consapevole, quindi riducono la massa a una sostanza gelatinosa e la nutrono con cio che serve a loro.

Paolostok
avatarsenior
inviato il 20 Febbraio 2019 ore 15:24

assolutamente no. il bilancio energetico deve contenere anche la loro produzione, lo smaltimento è solo la parte finale


Pannelli solari...questo è interessante no?

www.lifegate.it/persone/stile-di-vita/estinto-debito-ambientale-solare

Buh
avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2019 ore 16:15

credo lo sforzo maggiore sarà rendere la produzione e stoccaggio di energia non più centrale ma locale, familiare.. e non solo in condizioni "rurali" ma anche cittadine, e delegare se ce ne fosse bisogno a semplice supporto la centrale come oggi viene intesa..

in realtà già a livello "condominiale" sarebbe un grossissimo passo in avanti, ma finché non diventa obbligatoria la dotazione per nuovi e poi vecchi edifici è difficile..

Andreasampieri
avatarjunior
inviato il 20 Febbraio 2019 ore 17:25

Per i nuovi è già obbligatoria

Domenic
avatarsenior
inviato il 20 Febbraio 2019 ore 17:49

Jaclarmax io forse ero così fiducioso a vent'anni forse...
Se c'è un sapere che salverà l'umanità ( non il mondo) sarà proprio la filosofia.
Non voglio offenderti ma chi di solito si esprime così ha basi scientifiche quasi nulle , non sa che ci sono leggi della natura incotrovvertibili.
Purtroppo o per fortuna stiamo vivendo in un momento storico che l'umanità fin'ora mai si era trovata, il pianeta terra sta cominciando a chiedere il conto , restando in tema la pietra filosofale che risolve tutto la scienza non ne è in possesso.

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Iscrivendoti potrai sfruttare tutte le funzionalità di AutoElettrica101 e di JuzaPhoto.







Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

Forum AutoElettrica101 su JuzaPhoto - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it