Il forum di AutoElettrica101 è ospitato su JuzaPhoto (network di fotografia). JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo


Il forum di discussione di www.autoelettrica101.it è ospitato dal network fotografico JUZAPHOTO

Accesso liberto a tutte le ZTL per le auto elettriche

AutoElettrica101 » Forum » Accesso liberto a tutte le ZTL per le auto elettriche




Juza
avataradmin
inviato il 01 Gennaio 2019 ore 18:25





A partire da oggi (1 gennaio 2019), le auto elettriche e ibride potranno accedere liberamente alle ZTL di tutte le città. Già in passato in molte città offrivano libero accesso alle ZTL per le elettriche, ma ora il codice della strada è stato aggiornato in modo da avere una regolamentazione unificata in tutte le città italiane. Di seguito il testo ufficiale della nuova legge:





Anche se è sicuramente una buona novità per le auto elettriche, restano alcuni dubbi su come verrà attuata:

- Sarà necessario registrare la propria auto in qualche database delle auto elettriche/ibride? Pare di no, però penso che sarebbe benvenuta una conferma in tal senso, dato che in passato alcuni comuni richiedevano di registare la propria auto elettrica per poter accedere alla ZTL (anche dove c'era già l'incentivo, pena pesanti multe).

- Le elettriche sono facilmente identificabili, ma le ibride? Esistono numerosi tipi di ibrido: l'ibrido plug-in, che può effettivamente essere utilizzato anche come elettrico per percorrenze significative, l'ibrido "classico" che si ricarica tramite le frenate e permette di percorrere solo pochissimi km in elettrico, e infine il "mild hybrid" che è un ibrido "simbolico", non permette mai di utilizzare l'auto in modalità solo elettrico e serve solo a ridurre i consumi di una piccolissima percentuale (per assurdo, diverse auto 'mild hybrid' inquinano di più di auto non ibride, magari a gpl o metano).

Mi auguro che l'accesso libero riguardi solo le ibride plug-in e non le mild hybrid, che di ecologico hanno ben poco (per dare l'idea l'Audi A4 mHEV promette consumi di 5.7 l/100 km ed emissioni di 129 g/km, il modello precedente senza mild hybrid prometteva 5.8 l/100 km e 132 g/km).


Se qualcuno ha maggiori informazioni in merito è benvenuto :-) Come al solito vi chiedo di non portare la discussione sulla politica ma a limitarsi a discutere degli aspetti tecnici e delle modalità di questa nuova agevolazione per le elettriche e ibride.

Hardy
avatarsenior
inviato il 01 Gennaio 2019 ore 20:39

Non sono d'accordo con questa "condanna" dell'ibrido leggero. In teoria dovrebbe dare i maggiori vantaggi proprio nei percorsi cittadini, diminuendo il maggior consumo rispetto all'extra urbano; questo almeno in termini di economia, se non di inquinamento.

D'altro canto l'ibrido tradizionale non plug-in non credo dia maggior vantaggi se l'uso è limitato a brevi percorsi in città, senza che le batterie abbiano tempo di effettuare una ricarica consistente (e considerando anche il maggior peso di queste). Non parliamo poi di lunghi percorsi in autostrada dove il contributo dell'elettrico è limitato e il confronto con una motorizzazione diesel è impari.

La possibilità di una ricarica dalla rete elettrica potrebbe essere sicuramente un vantaggio, ma quanto costa attualmente avere un punto di ricarica domestico?

Juza
avataradmin
inviato il 01 Gennaio 2019 ore 22:47

l'ibrido "classico", non plug-in (tipo la Toyota Yaris Hybrid per dare l'idea) è già un ibrido molto "leggero", però almeno può dare un reale vantaggio nell'uso cittadino... nulla di rivoluzionario, però esiste.

il mild-hybrid in alcuni casi non ha neppure una sua batteria, si limita a ricaricare la classica 12V presente su tutte le auto Eeeek!!! altre versioni sono un pò più avanzate con una batteria da 48V, ma comunque i vantaggi sono veramente marginali.

Juza
avataradmin
inviato il 01 Gennaio 2019 ore 22:50

riguardo la ricarica domestica, se non hai fretta puoi anche caricare l'auto da una normale presa schuko, quindi nessun costo a parte l'elettricità consumata.

per una ricarica più veloce direi che siamo sugli 800-1000 euro tra wallbox, spese di installazione e di aumento contatore.

Hardy
avatarsenior
inviato il 01 Gennaio 2019 ore 23:12

Che potenza serve?


Juza
avataradmin
inviato il 02 Gennaio 2019 ore 8:26

in teoria già con la 3 kW presente in tutte le case dovresti riuscire a caricare 100-150km a notte, però dipende anche da che elettrodomestici usi e quanta energia puoi dedicare alla ricarica auto.

molti fanno l'upgrade a 6 kW in modo da poter dedicare 3 kW interamente all'auto (con 200-300km di ricarica a notte) e lasciare 3 kW per l'uso domestico.

Nicola De Crecchio
avatarsenior
inviato il 02 Gennaio 2019 ore 9:01

Non capisco il senso di questa norma. Le ZTL più che ridurre fenomeni di inquinamento servono a ridurre il traffico per tutelare i residenti di alcune zone. A mio avviso consentire l'accesso ad una ZTL ad automobili ad emissioni zero senza altre motivazioni non è corretto.

Alvar Mayor
avatarsenior
inviato il 02 Gennaio 2019 ore 10:23

molti fanno l'upgrade a 6 kW

Andando ad aumentare la richiesta di produzione che alla fine aumenta l'inquinamento "altrove" (dove l'energia viene prodotta)

Ficofico
avatarsenior
inviato il 02 Gennaio 2019 ore 10:33

Oltretutto aumentando i costi e a quel punto anche l'eventuale vantaggio di pagare meno al km va a farsi benedire...

Ora per gli abbienti il problema non c'è, ma non è ipotizzabile che la massa passando all'elettrico vada a spendere più che con la benzina...

Gli incentivi vanno bene, però dovrebbero a questo punto, solo per proprietari di macchine elettriche, consentire l'upgrade al 6kw senza perdere il benefit della tariffa ridotta per chi usa 3kw su prima casa

Kermit68
avatarjunior
inviato il 02 Gennaio 2019 ore 18:42


Andando ad aumentare la richiesta di produzione che alla fine aumenta l'inquinamento "altrove" (dove l'energia viene prodotta)

Non necessariamente. L'energia elettrica è prodotta per una percentuale non indifferente (e in crescita di anno in anno) da fonti rinnovabili. Quindi tagliare auto a combustione interna non fa aumentare l'inquinamento in maniera uguale per l'aumento dei consumi elettrici. Questo senza contare che l'efficienza di un motore elettrico (ma anche di una centrale che produce da fonti fossili) sono maggiori dell'efficienza di un motore di un'auto. Quindi tutto concorre nel diminuire l'inquinamento.


Oltretutto aumentando i costi e a quel punto anche l'eventuale vantaggio di pagare meno al km va a farsi benedire...


Anche qui non necessariamente. Se la ricarica dell'auto viene fatta prevalentemente di notte, si può compensare l'aumento di costo della fornitura di 6kw passando alla tariffa bioraria. Il punto di pareggio è 33/67 ovvero almeno il 67% dei consumi nella fascia 19-8 dei giorni feriali e 0-24 di sabato, domenica e festivi. Per una famiglia normale dove di giorno a casa non c'è nessuno o quasi (scuola e lavoro) è veramente facile arrivare e superare quella soglia. A quel punto il costo medio della corrente può anche essere inferiore al costo della tariffa monetaria con 3kw.


Sarà necessario registrare la propria auto in qualche database delle auto elettriche/ibride? Pare di no, però penso che sarebbe benvenuta una conferma in tal senso, dato che in passato alcuni comuni richiedevano di registare la propria auto elettrica per poter accedere alla ZTL (anche dove c'era già l'incentivo, pena pesanti multe).

A Roma funziona così.Devi mandare una mail con la copia del libretto alla mobilità del comune. In un giorno o due ti rispondo con la conferma che la targa è registrata e puoi passare i varchi. Lo stesso per non pagare le strisce blu. Ho dovuto fare due mail separate però...Eeeek!!!

Lillo
avatarjunior
inviato il 03 Gennaio 2019 ore 21:34

Buongiorno kermit68,
potresti mettere gli indirizzi per inviare le mail?
Grazie

Kermit68
avatarjunior
inviato il 05 Gennaio 2019 ore 16:16


Buongiorno kermit68,
potresti mettere gli indirizzi per inviare le mail?
Grazie


Ciao Lillo, qui c'è il link alla pagina del comune di Roma (nel caso cambiassero le istruzioni):
romamobilita.it/it/faq/ztl/auto-elettrica
e questa è la mail a cui scrivere:
pubbliciserviziZTL@agenziamobilita.roma.it

Per il parcheggio gratuito sulle strisce blu di auto elettriche e ibride il link con le istruzioni è
romamobilita.it/it/servizi/strisce-blu
che rimanda allo stesso indirizzo di posta elettronica.

Ciao



Lillo
avatarjunior
inviato il 05 Gennaio 2019 ore 18:44

Gentilissimo, grazie

Banjo911
avatarsupporter
inviato il 05 Gennaio 2019 ore 23:07

Quanto costa la fornitira da 6kw rispetto alla 3kw?

Juza
avataradmin
inviato il 06 Gennaio 2019 ore 9:22

Quanto costa la fornitira da 6kw rispetto alla 3kw?


la tariffa per kW rimane uguale, però c'è un costo addizionale annuo di 72 euro, più il costo dell'upgrade (una volta sola) attorno ai 230 euro.

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Iscrivendoti potrai sfruttare tutte le funzionalità di AutoElettrica101 e di JuzaPhoto.







Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

Forum AutoElettrica101 su JuzaPhoto - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it