Il forum di AutoElettrica101 è ospitato su JuzaPhoto (network di fotografia). JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo


Il forum di discussione di www.autoelettrica101.it è ospitato dal network fotografico JUZAPHOTO

Incentivi fino a 6000 euro per l'elettrico dal 2019

AutoElettrica101 » Forum » Incentivi fino a 6000 euro per l'elettrico dal 2019




Musicapiccinini
avatarjunior
inviato il 05 Dicembre 2018 ore 20:40

Io ho una Opel Mokka a GPL e il concessionario mi ha detto che sono in attesa per il 2019 della Plug-in su Grandland X probabilmente con motore benzina 1.6 e batterie al posteriore. Al momento non so come interviene il Plug-in, ovvero se si combina con il motore termico o è a parte.

Banjo911
avatarsupporter
inviato il 05 Dicembre 2018 ore 21:43

“Seguo spesso le discussioni su elettrico vs termico, nessuno mai considera i vantaggi sull'inquinamento, si preferisce morire intossicati piuttosto che spendere dei soldi per migliorare”

E sì, perche' l'elettricita' come credi di produrla? Collegando la dinamo ai pedali della bici? Sempre carbone e petrolio devi bruciare. Non cambia nulla.

user151242
avatar
inviato il 05 Dicembre 2018 ore 22:10

@Banjo: non c'entra nulla il fatto che serva olio combustibile per produrla; le moderne centrali termoelettriche a ciclo Rankine (combinato), raggiungono un'efficienza molto alta anche del 60%, e fidati che nessun motore a combustione raggiunge questi rendimenti; ma la cosa più importante è che l'energia elettrica una volta prodotta in loco la trasporti dove e come vuoi alla velocità della luce attraverso le reti di trasmissione prima e distribuzione poi con un efficienza molto alta (le perdite resistive sulle linee di trasmissione sono basse, circa 6%, ed il rendimento dei trasformatori CP supera il 99,5%). Pensa quanto costa prima raffinare il petrolio per uso benzina, poi trasportalo in giro e poi stoccarlo nelle varie stazioni di servizio. Insomma non c'è confronto da questo punto di vista :)
E ti risparmio ulteriori analisi tipo il dispacciamento economico, la borsa dell'energia, e la migliore gestione complessiva del sistema attraverso la compensazione idroelettrica ;)

Alle79
avatarsenior
inviato il 05 Dicembre 2018 ore 23:52

Cioè non ho capito io che faccio 50000km all'anno tra montagna e città, non mi danno una valida alternativa al diesel e devo pure pagare un sovrapprezzo?
A me una macchina dura due anni dopo la do dentro altrimenti non vale più nulla.

Banjo911
avatarsupporter
inviato il 06 Dicembre 2018 ore 6:47

“Pensa quanto costa prima raffinare il petrolio per uso benzina, poi trasportalo in giro e poi stoccarlo nelle varie stazioni di servizio”

Pensa a quanto costa la filiera tra dismissione dei vecchi mezzi, produzione dei nuovi, costruzione altre centrali di produzione, produzione energia, smaltimento pacchi batterie e annessi. E domandati, bene, se l'inquinamento diminuira'. La risposta e' NO.
E' tutta una macchina messa in piedi, come diceva qualcuno, per muovere l'economia, dell'inquinamento, non frega nulla a nessuno. Tant'e' che con l'energia elettrica prodotta dall'idroelettrico, solare, e fonti pulite, non basta certo a alimentare milioni di mezzi in giro per il mondo. Si parla tanto di Norvegia, ma le condizioni di quel paese sono troppo diverse dalle medie comuni. Non si puo' ragionare con quelle teste, ma con le teste degli italiani, e quì si sa' benissimo dove si và a parare. Ste' macchine sono ancora sciccherie per benestanti, un buon 1.5 diesel con 20k(€) ancora me lo compro, e ci faccio 850km con un pieno di gasolio, per acquistare un segmento A elettrico ci devo smenare 30k(€). All faccia della convenienza.

Mauro.mo
avatarjunior
inviato il 06 Dicembre 2018 ore 6:57

si diceva che non esisteva inquinamento negli anni ottanta, ed era tutto normale.
chi é sopravvissuto se lo ricorda.
l'energia si può produrre in altri modi oltre il petrolio e carbone.
Esiste il riciclo, non si usa, ma c'è.
Ci troviamo le microplastiche in corpo e continuiamo a suicidarci.
ok.
io non ci sto

user151242
avatar
inviato il 06 Dicembre 2018 ore 8:55

@Banjo: ma che stai a di? tu non sai di cosa parli, fidati ;)

Juza
avataradmin
inviato il 06 Dicembre 2018 ore 8:59

ragazzi non bisticciamo anche qui ;-) ciascuno dica la propria in modo pacato e cordiale.

user151242
avatar
inviato il 06 Dicembre 2018 ore 9:01

Si va bene, allora sentiamo tutte le sciocchezze e diciamo pure che magari sono giuste ahhh

Alvar Mayor
avatarsenior
inviato il 06 Dicembre 2018 ore 17:29

Nel 2009, quando ho acquistato la mia Grande Punto bialimentata (benzina e GPL), di listino costava oltre 18'000 Euro, con supersconti, rottamazione, incentivo (5'000 Euro!) ecc, alla fine è costata poco più di 10'000 Euro.
Pochi mesi dopo sono terminati gli incentivi e la Punto Evo (modello peraltro successivo) costava ... 9'900 Euro.

Questo per dire che gli incentivi verranno fagocitati dalle case produttrici, sono solo un modo per dare soldi ai produttori (in quel periodo alla FIAT senza figurare come aiuti di stato, che poi li ha utilizzati per farsi i fatti suoi e abbandonare l'Italia), per l'acquirente finale non cambia nulla.
Come i cash back validi solo sui negozi che praticano prezzi di listino.

Paolo Iacopini
avatarsenior
inviato il 06 Dicembre 2018 ore 17:57

Pare che stiano cambiando l'idea iniziale perchè avrebbero colpito le utilitarie...mai buona la prima.....

Nicola De Crecchio
avatarsenior
inviato il 06 Dicembre 2018 ore 20:31

Io sono convinto che la soluzione migliore sia l'ibrido che consente di recuperare energia in discesa e frenata senza avere comunque batterie enormi, mantenendo il combustibile tradizionale come fonte primaria. Se guardiamo ai recenti propulsori di F1, che sono ibridi, si può riscontrare che hanno superato il 50% di efficienza complessiva. Con l'elettrico puro, se si abbreviano i tempi di ricarica, l'efficienza energetica complessiva si riduce molto. Dire che un'auto elettrica non ha emissioni di CO2 non è corretto, semplicemente non la emette nel luogo in cui si muove.

Alvar Mayor
avatarsenior
inviato il 06 Dicembre 2018 ore 20:43

" Dire che un'auto elettrica non ha emissioni di CO2 non è corretto, semplicemente non la emette nel luogo in cui si muove. "

Ohhhhh, un altro che è arrivato alla verità ... non ci pensa nessuno!

user151242
avatar
inviato il 06 Dicembre 2018 ore 21:09

ma quale verita'? ne emette si ma moooltaaa meno ;) Se quello che dite fosse vero saremmo ancora con le macchine a vapore dappertutto ahahah

Nicola De Crecchio
avatarsenior
inviato il 06 Dicembre 2018 ore 21:18

" Se quello che dite fosse vero saremmo ancora con le macchine a vapore dappertutto"
Le moderne centrali termoelettriche a ciclo combinato hanno una turbina a gas i cui fumi caldi vengono recuperati in un generatore di vapore che aziona una turbina a vapore... Le macchine a vapore ci sono ancora!



Questa discussione è chiusa: non è possibile inviare nuove risposte.




Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

Forum AutoElettrica101 su JuzaPhoto - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it