RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy e preso visione delle opzioni per la gestione dei cookie.

OK, confermo


Puoi gestire in qualsiasi momento le tue preferenze cookie dalla pagina Preferenze Cookie, raggiugibile da qualsiasi pagina del sito tramite il link a fondo pagina, o direttamente tramite da qui:

Accetta CookiePersonalizzaRifiuta Cookie

Street: come rompere la barriera della timidezza?


  1. Forum
  2. »
  3. Tecnica, Composizione e altri temi
  4. » Street: come rompere la barriera della timidezza?





avatarjunior
inviato il 22 Giugno 2023 ore 0:11

Da quando, fotografando una quindicina di anni fa un gruppo di breakdancer in centro a Milano, venni aspramente ca**iato da uno di loro, la mia enorme timidezza mi ha impedito di fotografare soggetti umani per strada.

Non mi azzardo ad avvicinare essere umano per chiedergli se posso fotografarlo, e prendere foto "di nascosto" mi fa sembrare di fare qualcosa di profondamente illegale, anche se poi queste foto rimangono solo per me. Insomma, ho un vero e proprio blocco.

Chiedo a chi ha un carattere simile al mio (e non ai soliti sbruffoni che l'unico suggerimento che potrebbero darmi è: datti una mossa, che ci vuole?, non capendo assolutamente il problema): come si fa, macchina fotografica in mano, a superare questo limite?

avatarsenior
inviato il 22 Giugno 2023 ore 1:52

devi inquadrare il soggetto.
inquadrare nel senso di " capire ".

Esempi:
1) marocco : qualsiasi umano reagira' molto male a qualsiasi tua foto.
soluzione: prendi una macchina piccola e sii veloce di scatto e di gamba.
In Brasile praticamente il contrario, come India , Indonesia ecct.
2) grandi citta : la vita è cosi' frenetica che nessuno badera' a te. Se qualche umano regira' male usa la regola delle tre S : sorridi. poi sorridi e poi sorridi ancora.
3) surfer , skater , sportivi ecct : di solito se vai prima da loro e gli chiedi gentilmente di fare foto nessuno si arrabbia. sempre usando la regola delle tre S.
4) spiaggia : territorio ostico. serve velocità' e faccia tosta. non fotografare bambini se non vuoi problemi.
5) al chiuso, tipo teatri, musei, ristoranti ecct : se sei in piedi impratichisciti magari con la macchina sullo stomaco e grandangolo. se ti guardano male regola 3S
6) il rompiballe : c'è sempre poi qualcuno che ti riprendera ' in malo modo. sorridi sempre, spiegando che c'è una legge che te lo consente in pubblico. ora so gia che arriverà' la cavalleria della regola del "consenso firmato" che come dei paladini della giustizia misti a dei Furio di Verdone cominceranno a copiare e incollare sentenze , atti giuridici ecct dal Web. Sappi che nessun fotografo di street generalmente ha un foglio regolare del consenso ( Berengo Gardin ha invece un foglio legislativo sempre con se). arriva a un accordo semplice spiegandogli che sei un fotografo amatoriale ( che non ci guadagnerà' con le sue immagini)e se vuoi gli spedisci le foto.

Sempre sorridendo.

avatarsenior
inviato il 22 Giugno 2023 ore 1:56

Argomento molto complesso per essere liquidato con poche righe. In centro a Milano tutti fotografano gli artisti di strada senza essere ca@@@ti. A meno che non li disturbi e non scatti a lungo senza lasciare neanche una moneta. Se ti metti in mostra con una camera grossa e gli fai un book fotogtafico con 50 scatti magari ravvicinati, magari si alterano perché sono lì per raccogliere soldi e li distrai con una presenza invadente. Sono in decine a fotografarli col cellulare Quindi riprova perché sei stato sfortunato e sei discreto non ti dicono niente.

Proverei a mettermi nei panni di chi viene fotografato. Le campagne martellanti sulla privacy in generale hanno alzato l'attenzione di tutti e se vedono che li fotografi si domandano il perché. Non è lo scatto il problema ma è la loro interpretazione del tuo scattare (ad es: invade la mia privacy, mi mette a disagio, non mi piace essere fotografata, non mi ha chiesto il permesso, mi avrà trovata ridicola, non sono a sua disposizione…ecc) motivo per cui per queste intepretazioni scatta il no.
Se vuoi fotografare qualcuno devi proporre al soggetto una interpretazione della cosa che per lui va bene per esempio attaccare bottone e fargli vedere che stai facendo una collezione di foto di uomini con la cravatta ad esempio o mille altre possibilità. Bisogna abituarsi a prendere dei NO che non è un dramma (un amico mi diceva che da giovane si proponeva ad almeno 10 donne al giorno: 9 dicevano di no ed 1 diceva di si e quindi era soddisfatto.
Bisogna allenarsi a “saper parlare con tutti di tutto”, curare la timidezza (ci sono programmi cognitivo comportamentale specifici sia per timidezza che fobia sociale. A Torino c'è l'istituto Watson mentre a Genova c'è l'istituto Miller che li fanno). Usano tecniche cognitive e comportamentali come lo “shame attack” e tante altre. Nove mesi e sei “nuovo”. Non andate solo da uno psicologo generico, bisogna fare il modulo specifico breve.

Esiste poi la teoria dello scatto rubato giustificato per motivi ambientali quando vuoi portare a casa foto ricordo o foto autoriali con soggetti non riconoscibili. Ad esempio girando per i mercati in Marocco, camera sulla pancia, a tracolla, scatto remoto, mai ingaggiarsi col soggetto nello scambio visivo e molta dimestichezza con la tua fotocamera perché scatti senza inquadrare
Ti arriveranno molte risposte, diciamo che ho provato a farti il mio punto di vista


avatarsenior
inviato il 22 Giugno 2023 ore 1:59

Non credo di poterti aiutare: fotografo raramente persone e non sono attratto per nulla dall'idea di fotografare persone che non conosco. Perciò l'unica cosa che potrei dirti è, visto il carattere che dici di avere e che credo non sia molto diverso dal mio, che se vuoi avvicinare delle persone che ti attirano forse sarebbe meglio avvicinarle in prima battuta per conoscerle un po', e solo in un secondo tempo tirar fuori (eventualmente) la fotocamera.
Penso sia un modo di procedere che possa portare a buoni risultati, probabilmente migliori del semplice gironzolare in cerca di individui "pittoreschi" (o forse dovremmo dire "fotografereschi"?) da immortalare.

avatarsenior
inviato il 22 Giugno 2023 ore 2:30

La prima cosa è non sembrare un fotografo. La camera al collo identifica subito la fisionomia del fotografo, una bella tracolla in pelle a spalla abbinata alla giacca passa più inosservata. Meglio evitare borsa al seguito.
Se si vuole sempre il consenso e la complicità degli sconosciuti dobbiamo sembrare non solo innocui ma impacciati al punto da dare per scontato che con la foto non ci farà nulla: altrimenti si va a fortuna e dipende dai casi ed anche l'età e l'abbigliamento contano.

Con la x100 ho capito come usare una camera sembrando uno inesperto e anche un po' imbranato se serve. Sia per l'aspetto retrò che per l'assenza di rumore mentre scatti puoi lavorare anche da vicino e nel mio caso i 35mm fissi sono stati uno stimolo molto forte. Prima usavo il tele ma in effetti è una pratica meno elegante e comunque da risultati diversi. Nel mio caso street si fa col 35mm o con un tele per cui cambia proprio l'approccio.

Per i più smaliziati c'è la finta lente con specchio a 45gradi per fotografare quello che hai a lato, io l'ho provata ma lo specchio da paparazzo degrada l'immagine per cui lo usi solo per rubare immagini.

user109536
avatar
inviato il 22 Giugno 2023 ore 5:54

Chiedere, chiedere e spiegare e se ti dicono di no amen.
Chiamare rompiballe qualcuno che non vuol farsi fotografare mi sembra completamente fuori luogo così come appellarsi ad una legge che te lo consente in pubblico ( ma è poi sempre vero ?)

avatarjunior
inviato il 22 Giugno 2023 ore 6:14

Ma il senso di fotografare gente a caso a loro insaputa? E lamenti pure che devi superare la timidezza nel fare ciò!

avatarsupporter
inviato il 22 Giugno 2023 ore 6:41

I miei due cents , riferendomi a quest'ultimo intervento : non si tratta di fotografare gente "a caso" ma di riprendere situazioni il più possibile curiose , particolari , interessanti , spiritose o comunque momenti in cui luce , composizione , contesto creano effetti grafici gradevoli , forse più difficile a dirsi che a farsi .
Anch'io , non particolarmente sfacciato ma molto attratto dal genere , ho faticato un po' a "partire" ma si tratta appunto di iniziare , poi poco a poco ci si fa la mano .
Come ? In questo caso , il mezzo può aiutare : io spesso e volentieri adopero una macchina dal display completamente orientabile e quindi , scattando in live view e tenendo la macchina appunto al livello dello stomaco e inquadrando da display dai sicuramente meno nell'occhio che puntando l'obiettivo in faccia al soggetto , uno zoom "lungo" , sempre a mio modesto parere , è utile per regolare facilmente l'inquadratura e non avvicinarsi troppo .
Poi , ogni caso fa storia a se : la discrezione e la "noncuranza" sono comunque d'obbligo e in fin dei conti non è che i nostri potenziali soggetti siano sempre in guardia contro noi poveri fotoamatori e lo scatto "rubato" guadagna in naturalezza e interesse .
Quello che posso consigliare anch'io è attenzione con i bambini , a meno che lo scatto non sia veramente interessante e il soggetto non sia riconoscibile .

user109536
avatar
inviato il 22 Giugno 2023 ore 7:03

Scattare con l'inganno, manco ci penso e mi sembra scorretto.
Bambini mai e poi mai. In USA se ti beccano chiamano la polizia cosa che farei anch'io se dovesse capitare ai miei nipoti

avatarjunior
inviato il 22 Giugno 2023 ore 7:06

SorrisoIl mio trucco che uso sempre…cerco la scena, aspetto che passi qualcuno e se quel qualcuno mi guarda in malo modo, come se stesse pensando che io lo stia fotografando, tengo ancora la macchina fotografica alta come se stessi ancora facendo foto e aspetto che passi così da fargli credere che il soggetto non era lui/lei. Funziona SEMPRE;-) . Anzi a volte ti chiederanno scusa per essere passati dove stavi facendo la fotoMrGreen

avatarsenior
inviato il 22 Giugno 2023 ore 7:45

Se la motivazione per la street è forte, riuscirai senz'altro a fare qualcosa di buono. Non ci sono tante regole oltre a quelle che ti hanno già detto. Fatti un'idea personale di street perché fare tutti le stesse foto è abbastanza inutile. Se la gente è infastidita al massimo ti può chiedere di cancellare la foto, ma in genere dopo sorrisi e spiegazioni si convincono o. Le S Comunque non sono 3, ma c'è una quarta: se menano, Scappa.
Posso solo suggerirti di iniziare in luoghi particolarmente affollati o in occasioni di manifestazioni pubbliche, dove difficilmente troverai persone che faranno opposizione. Inutile anche nascondersi; al contrario è proprio il fare abiture la gente alla presenza di uno che fotografa a renderti invisibile, magari evitando attrezzature vistose che danno l'idea del professionale. Meglio macchine compatte, da usare un po' distrattamente e alla maniera turistica

avatarsenior
inviato il 22 Giugno 2023 ore 7:55

Segui la regole delle due S ... Scatti e Scappi chiaramente scherzo. Io inquadro e scatto poi se qualcuno si arrabbia sorridi e torni alla regola delle due S ... in pratica è un loop MrGreen MrGreen

avatarsenior
inviato il 22 Giugno 2023 ore 8:00

SorrisoIl mio trucco che uso sempre…cerco la scena, aspetto che passi qualcuno e se quel qualcuno mi guarda in malo modo, come se stesse pensando che io lo stia fotografando, tengo ancora la macchina fotografica alta come se stessi ancora facendo foto e aspetto che passi così da fargli credere che il soggetto non era lui/lei. Funziona SEMPRE;-) . Anzi a volte ti chiederanno scusa per essere passati dove stavi facendo la fotoMrGreen


Geniale. Non solo non si incazzano ma si sentono pure in colpa per aver creato un disturbo al fotografo.
Molti ottimi consigli in questa discussione, io non riesco quasi mai a fotografare persone per ragioni molto simili a chi ha aperto il topic. Salvo in situazioni molto facili, ad esempio grandi città piene di turisti dove di fatto qualsiasi fotografo è nascosto in piena vista e nessuno si infastidisce.

Magari proverò a mettere in pratica qualche suggerimento...



avatarsenior
inviato il 22 Giugno 2023 ore 8:08

Ma il senso di fotografare gente a caso a loro insaputa? E lamenti pure che devi superare la timidezza nel fare ciò!

Perchè il senso di fotografare delle montagne ferme immobili? O un uccello in volo? O un paio di persone che corrono dietro a un pallone?
Se vogliamo decontestualizzare per buttarla in cagnara facciamolo pure...

Un'altro povero fotografo della domenica che scatta foto di gente a caso a loro insaputa quindi senza senso



avatarsenior
inviato il 22 Giugno 2023 ore 8:09

tengo ancora la macchina fotografica alta come se stessi ancora facendo foto e aspetto che passi così da fargli credere che il soggetto non era lui/lei. Funziona SEMPRE
Questo espediente lo uso anch'io Sorriso E confermo che funziona.
Applico anche alcune varianti.

Qualche giorno fa sono stato vittima di uno scatto rubato.
Passo sul marciapiede vicino a una coppietta di turisti in classica posa sorridente da selfie davanti allo smartphone tenuto con il braccio teso.
Li supero e mi giro per vedere cosa fanno e noto che non stavano inquadrando loro stessi. Stavano usando la fotocamera sul dorso dello smartphone.
Quindi fotografavano chi veniva loro incontro. Cioè me!
Bravi! MrGreen

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 240000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.






Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve una commissione in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - Preferenze Cookie - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me