RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Cornici portatrici di malattie


  1. Forum
  2. »
  3. Tema Libero
  4. » Cornici portatrici di malattie





avatarsenior
inviato il 01 Aprile 2021 ore 8:41

Sabato all'Obi di Roncadelle bs ho provato ad acquistare delle cornici, dopo essere stata in fila in cassa per 6-7 minuti e aver incrociato nella mia breve permanenza nel negozio almeno un centinaio di persone che compravano di tutto al mio turno in cassa mi hanno detto che le cornici non le potevo acquistare perché siamo in zona rossa.
Mi hanno pure apostrofato perchè c'era un nastro davanti allo scaffale che non ho visto.
Me ne sono andata a mani vuote felice di non aver mai votato per scelta, non avvallerò col mio sostegno la presenza dei sistematici i-dioti di ogni colore che siedono a Roma.

avatarsenior
inviato il 01 Aprile 2021 ore 9:39

In questo casino provocato dalla pandemia, abbiamo misurato tutti quanto vale la classe politica di questo globo....non esiste un filo logico e conseguente in ciò che fanno si tira un sasso e si guarda ciò che accade, con tutte le persone studiate e imparate, chi ha vinto è stato lo studio totalmente empirico delle cose a sto punto mio nonno devo riconoscere fosse una mente superiore, perchè dove non arrivava con lo studio (poco) applicava la saggezza e l'esperienza che la vita gli aveva dato, purtroppo viviamo tempi in cui chi ricopre ruoli apicali alla fine ne sa meno di te, quindi spazio ai furbi alle lobby e a tutto ciò che ne consegue.

avatarsenior
inviato il 01 Aprile 2021 ore 10:11

Non voglio difendere la classe politica, ne tantomeno i vari funzionari statali.

Ma non è facile prendere decisioni in questo caso.
E' chiaro che il principio è limitare le attività non indispensabili in modo da ridurre il contatto e gli assembramenti tra persone.

avatarsenior
inviato il 01 Aprile 2021 ore 10:36

Lungi da me difendere le tante regole emanate che non hanno alcun senso, ma in questo caso è una questione di rispetto delle attività commerciali che non possono tenere aperto.

All'OBI è permesso di tenere aperto perchè si ritiene che venda anche articoli "necessari", ma se la vendita fosse permessa anche per quelli "non necessari" (per esempio le cornici), sarebbe una chiara ingiustizia nei confronti dei negozi che vendono solamente gli stessi articoli "non necessari" (per esempio chi vende solo cornici) ma che non possono rimanere aperti.

Così come nei supermercati è vietata la vendita di certe categorie di articoli normalmente presenti sugli scaffali.

avatarsupporter
inviato il 01 Aprile 2021 ore 12:07

i sexishop sono aperti,direi indispensabili:-P

avatarsenior
inviato il 01 Aprile 2021 ore 12:36

Quanti negozi di cornici conoscete? Nei 1000 km quadrati che frequento abitualmente ce ne sono zero. Per cui non danneggerebbero nessuno vendendole e non penso sia quello il motivo .
Non ha senso perché se tieni un'attività commerciale aperta la fai lavorare prendendoti anche il rischio di assembramenti, se no la chiudi e basta...non che la tieni aperta con gli assembramenti e non le fai vendere le cornici!
Sono stupidi

avatarjunior
inviato il 01 Aprile 2021 ore 12:50

Vi è confusione e non poca. Qui a modena il sabato e la domenica negli iper Conad non puoi comprare sapone, dentifricio ecc, ma se vai all'iper della coop la vendita è libera. Come al solito in Italia non si capisce che accade e perchè.

avatarsenior
inviato il 01 Aprile 2021 ore 12:58

Dicevano gli antichi "primum vivere deinde filosofare"
Rolubich ha perfettamente centrato il problema: se il negozio di cornici rimane chiuso perchè "non indispensabile" non è permesso comperare le cornici in un negozio che tra le tante cose indispensabili vende anche le cornici...non ci vuole molto a capirlo , ma non ci vorrebbe neppure tanto a smettere di sparare c...e... con la solita tiritela su chi dirige...ed è costetto a prendere decisioni...
Mi piacerebbe vedere quelli che da buoni "commissari tecnici" discettano su strategie, organizzazione, divieti e via cantando cosa farebbero al posto di chi si è trovato improvvisamente tra capo e collo sta maledetta pandemia...sarebbe riuscito a fare meglio...? Siamo tutti bravi a criticare gli errori degli altri ma quasi sempre (se non sempre) una volta chiamati a dimostrare quel che sappiamo fare falliamo come e peggio degli altri...
Mio figlio è una partita IVA (TAXI) e di certo non se la passa bene (eufemismo) però quando sente i soliti dire che bisogna riaprire tutto è il primo a dire che dopo 7 giorni staremo messi molto peggio di prima.
Un esempio lampante è la politica del Brasile, Bolsonaro nega che il Covid sia quello che è e il Brasile paga quello che paga; in più per il resto del mondo il Brasile sarà il grosso "bubbone" della post pandemia.
Questo è un problema mondiale e sino a quando TUTTI o almeno il "gregge" mondiale non sarà vaccinato avremo purtroppo a che fare con il virus...a mio modestissimo parere per qualche anno dovremmo periodicamente vaccinarci (poveri no VAXCool) così come quando negli anni '50 si scopri il vaccino anti polio; Prima di darla per morta i bambini erano obbligatoriamente sottoposti a vaccinazioni (forse, ma non so, ancora oggi è così ?)

avatarjunior
inviato il 01 Aprile 2021 ore 13:01

il fatto è che sei esci solo per comprare cose essenziali, esci poco e giri poco. Se, invece, ogni volta che vuoi esci per comprare quello che ti viene in mente, esci e vai in giro spesso.
Siccome c'è una pandemia in atto, lo scopo del gioco è uscire poco ed andare in giro poco.
Se un centro commerciale ha sia cose essenziali che cose non essenziali, con una norma di buon senso, invece di chiuderlo, hanno delimitato le zone con articoli non vendibili, lasciando così anche la solita capillarità dei punti vendita per non costringere la gente ad allontanarsi per comprare cose essenziali, che comporterebbe girare di più, e concentrare di più le persone nei pochi punti vendita aperti.
Tu sei andata per comprare solo una cornice, quindi dovevi evitare di andare in giro.
E' più criticabile, per chi lo ritiene, la scelta su cosa sia essenziale e cosa no. Una cornice, onestamente, mi sembra di no.

avatarsenior
inviato il 01 Aprile 2021 ore 13:04

Quanto ai comportamenti di noi Italiani ci sarebbe da scrivere un'altra Divina Commedia....Gli assembramenti da chi dipendono? forse dallo Spirito Santo...? e le furberie interpretative di imprenditori e singoli individui...pure? Suvvia un minimo di autocritica non farebbe male, verò è che il Covid sta rendendoci la vita "amara" ma anche noi non è che non ci si metta del nostro! MrGreen

avatarjunior
inviato il 01 Aprile 2021 ore 13:08

ancora oggi è così ?

ci sono ancora i vaccini obbligatori per i bambini, oltre ad ulteriori vaccinazioni consigliate ma praticamente obbligatorie. In un passato recente è stato negato il rientro a scuola per i bambini non vaccinati, con degli × che portavano i bambini a contatto con malati infettivi per farli immunizzare. Il mio pediatra di famiglia era sconvolto, avendo visto nelle sue passate esperienze in corsia cosa combinava ai bambini una malattia considerata comune come il morbillo.

avatarjunior
inviato il 01 Aprile 2021 ore 13:14

Gli assembramenti da chi dipendono?
Non è facile. Un mio lontano parente si è recentemente suicidato per aver avuto la vita sociale interrotta del tutto, nonostante la famiglia. Persona corretta in tutto, 75 anni molto ben portati. Per altri è quasi un sollievo starsene per i cavoli propri. Serve il senso del dovere che indirettamente hai richiamato, dobbiamo metterci in testa che l'interesse pubblico viene prima di tutto in barba agli egoismi.

avatarsenior
inviato il 01 Aprile 2021 ore 13:24

@ Fastgiaco

Mi piacerebbe vedere quelli che da buoni "commissari tecnici" discettano su strategie, organizzazione, divieti e via cantando cosa farebbero al posto di chi si è trovato

Non ti hanno obbligato a fare il politico se non sei in grado di gestire fai altro, io nella vita faccio ciò che non sono in grado di fare se sei pagato un fracco di soldi devi valere più di chi becca 1000€ al mese non fare paternali.

avatarsenior
inviato il 01 Aprile 2021 ore 14:22

C'è un grande impegno nel fronteggiare una situazione particolare e i divieti hanno una loro logica. In un sistema che però è totalmente inadeguato, va bene per chi va in vacanza alle maldive o alle baleari, quelli si che hanno capito come funziona MrGreen

avatarsupporter
inviato il 01 Aprile 2021 ore 15:10

Discorso difficile ; a mio modesto avviso , il problema nasce dall'assoluta mancanza di controlli.
Il discorso "bene indispensabile" può essere soggettivo e le chiusure totali potrebbero essere evitate se si ponesse un "tetto" alla presenza di clienti nei negozi in rapporto alla loro capienza : non penso ci sarebbero assembramenti in negozi di scarpe , di abbigliamento , di giocattoli , i barbieri , le palestre e via discorrendo se gli stessi negozianti/esercenti/gestori fossero tenuti a far rispettare il "numero chiuso" , pena multe salate o la chiusura per i trasgressori ; certo , per far questo occorrerebbe una vigilanza attenta e costante che tuttavia non c'è.
Se le forze dell'ordine in numero di settantamila agenti predisposte dagli Interni per evitare "fughe" pasquali fossero impiegate per controlli capillari e giornalieri , i negozi potrebbero stare aperti senza problemi ... non mi risulta , inoltre , che la stessa severità sia applicata al trasporto pubblico , forse perché l'adeguamento in frequenza e numero dei mezzi costerebbe di più alle amministrazioni cittadine e allora lì si preferisce chiudere un occhio : che paghi il solito pantalone e si vada pure avanti a "gride" di manzoniana memoria .



Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me