RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Gestione colore in Windows: tutto fumo e niente arrosto


  1. Forum
  2. »
  3. Computer, Schermi, Tecnologia
  4. » Gestione colore in Windows: tutto fumo e niente arrosto





avatarjunior
inviato il 25 Marzo 2020 ore 15:12

Ciao a tutti

Qualcuno mi può confermare che, come sembra da qui
www.craigstocksarts.com/tutorials.html
( Video Showing how Windows Uses Monitor Profiles )
e da queste discussioni
superuser.com/questions/1303799/is-color-management-used-on-windows-de
answers.microsoft.com/en-us/windows/forum/windows_10-start-winpc/windo

la gestione colore in Windows, che ad oggi si imposta ancora con il modulo Gestione colori del Pannello di controllo, in realtà non ha alcun effetto o quasi (nemmeno lo sfondo del desktop cambia i propri colori) ma è solo un "suggerimento" per ciascuna applicazione fotografica/browser, che, tramite l'opzione "usa profilo monitor del sistema operativo", ove presente, consente effettivamente di impiegare tale profilo per la visualizzazione delle immagini? Quindi, la gestione colori di fatto non si può imporre a livello "universale" di sistema operativo in Windows?

Lo stesso non sembra vero per il sistema Mac, a quanto leggo, dove ogni singolo pixel dello schermo passa attraverso il motore di gestione del colore; suppongo che questo renda inutile specificare un profilo monitor nelle singole app come RawTherapee.

Tornando a Windows, secondo la vostra esperienza, potete condividere quali sono i software/browser che consentono non solo di riconoscere i profili ICC associati alle immagini, ma anche di usare il profilo monitor per la visualizzazione (software "fully colour-managed"?) E' vero che ad oggi l'unico browser capace di ciò è Firefox?
Finora a me sembra che, tra i software che io uso, abbiano
gestione completa del colore
1. GIMP
2. RawTherapee
3. Software di sviluppo RAW proprietari: Canon DPP, Nikon Capture NX-D, Olympus Workspace
4. XNView
5. Visualizzatore foto di Windows (vecchio)

gestione parziale del colore (solo riconoscimento ICC incorporati in foto)
1. Google Picasa e Visualizzatore foto Picasa
2. Windows Foto app
3. Google Chrome e il nuovo Microsoft Edge basato su Chromium

Correggetemi se mi è sfuggito qualcosa, e condividete la vostra esperienza, penso che questo sia un punto piuttosto oscuro di Windows e meriti più rilievo.
Grazie,

Simone


avatarjunior
inviato il 25 Marzo 2020 ore 15:31

Benvenuto nel mondo Windows
Scherzi a parte purtroppo la situazione non é rosea.
Come gia ho avuto modo di dire e non solo io, in Windows la parte sviluppo non ha interesse a curare l'aspetto della gestione dei colori, per cui ad esempio su Win10 l'applicazione Foto o quella precedente Visualizzatore Immagini sono capaci di farti vedere la stessa foto in modo diverso !!! MrGreen sopratutto nel caso di Tiff e profilo AdobeRGB, per assurdo il vecchio visualizzatore fa meglio....quindi anche se serve aprire una foto su cui si è lavorato meglio optare per Photoshop o comunque un catalogatore cime Adobe Bridge o comunque qualsiasi altro software in grado di interpretare i profili colore.
Butta quindi Foto e Visualizzatore Immagini di Windows.

Per il browser la quasi totalità delle immagini sono rgb per il web e alcune non hanno neanche un profilo, per cui il browser interpreta, nin sono rare le foto dove non é specificato alcun profilo. Comunque chrome é dalla 22 che supporta i profili colore, sempre che il sito dove fai un upload non provveda a ulteriori compressioni, striping dei meta dati....picasa é morto e sepolto....
Qui una idea di cime si comporta un browser se l'immagine comunque é stata caricata di suo in modo errato

www.boscarol.com/blog/?p=13584

Test browser

www.color.org/version4html.xalter

photographylife.com/is-your-browser-color-managed

Quindi la morale é: per l'editing usa programmi che permettono la gestione de colore, lascia stare i software nativi windows, per il browser alla fine dipende da chi ha caricato come e cosa e da come il sito eventualmente manipola ulteriormente le immagini dopo l'upload.


avatarsenior
inviato il 25 Marzo 2020 ore 15:37

"Gestione colore in Windows: tutto fumo e niente arrosto"

Windows, sul colore, fa quello che gli dice di fare l'Utente, semplicissimo, nulla più e nulla meno.

E gestisce non solo bene, ma benissimo i profili che gli imposta l'Utente, basta farsi i profili giusti ed impostarli opportunamente coi mezzi, ottimi, che Windows mette a disposizione.

E gestisce benissimo pure spazi colore e profili per tutte le varie applicazioni operative che li necessitano e che sono installate sul sistema operativo.

Se poi un browser di casa terza o uno degli infiniti software applicativi di casa terza è fatto di merda e non gestisce opportunamente il colore (DxO Photolab non lavora, ad esempio, in Prophoto RGB su conversione di RAW), ma che ci azzecca Windows? Assolutamente nulla.

E la gestione del colore di Windows, DEVE essere separata dalla gestione colore dei vari software applicativi, altrimenti diventa tutto un casino, un bailamme, è l'operatore che deve decidere come gestire il colore con le diverse app.


Se poi l'operatore è un miccio, con gli orecchi lunghi un metro ed il raglio forte, che non sa gestire il colore come e quando con Windows e/o con l'applicazione che usa nel momento, son razzi suoi, Windows non c'entra nulla.


Mahhhhhh.......


Un Inglese, noto, diceva che il contenuto d'intelligenza del mondo è un invariante, mentre la popolazione è in aumento: leggendo certe asserzioni, a volte mi viene proprio di dargli ragione

avatarsupporter
inviato il 25 Marzo 2020 ore 15:38

Seguo.

avatarjunior
inviato il 25 Marzo 2020 ore 15:45

Be che gestisce bene i colori windows avrei mooooolto da dire, ti basta aprire un tiff a 16 bit con profilo adobergb con Foto o Visualizzatore Immagini....la stessa foto...software di casa MS su cui non puoi settare nulla.
Nel dipartimento Digital dell'azienda l'ultimo update 1903 ha fatto saltare dei profili custom su oltre 200 monitor calibrati sostituendolo con uno di default MrGreenMrGreen .... un nuovo script per i sysadmin da applicare sulle policy di dominio....

Per il resto concordo che é il software che deve gestire il profilo, per cui tutte le foto le vedo in Bridge o Photoshop e vivo felice, se pubblico sul web esporto in srgb con icc incorporato.
Un monitor poi deve lavorare nel suo gamut nativo, Ramiel docet, poi é nell'applucativo, se puoi, che gli dici come comportarsi....ad esempio Profilo pro-foto in photoshop, apro una foto e il siftware mi chiede cosa fare....gli dico di mantenere il profilo che legge nella foto....naturalmente Foto come detto prima non lo fa e hai colori sballati.

avatarjunior
inviato il 25 Marzo 2020 ore 15:56

Su Windows 10 io vedo correttamente le foto visualizzate col vecchio Visualizzatore Foto di Windows, mentre le vedo male con la app Foto Confuso (ignora il profilo colore del monitor) (limitatamente alle foto in sRGB).
Stesso problema con Chrome, mentre con Firefox nessun problema.

avatarjunior
inviato il 25 Marzo 2020 ore 16:01

Visualizzatore Foto e Foto vanno aboliti MrGreen
In srgb magari non ci sono troppi problemi, anche se come hai notato Foto di suo anche qui ha problemi.
Se poi hai immagini in AdobeRgb allora ne vedi delle belle....MrGreen

avatarjunior
inviato il 25 Marzo 2020 ore 16:02

Alessandro: infatti il dubbio mi è venuto che io stessi applicando in RawTherapee e XNView la gestione colore due volte , una dal modulo Windows e una dalle impostazioni del software. Questo potrebbe creare casini.

Tuttavia diverse fonti sul web, tra cui quelle che ho citato, propendono per la mia stessa conclusione e - se ho ben capito - di Mar75: è solo il software che si deve occupare di applicare il profilo monitor, ed alcuni, come Foto e lo stesso desktop di windows, ignorano completamente il profilo impostato in Gestione colori. Guardate il video nel mio primo link, rende benissimo la situazione; anche se è di 10 anni fa il modulo gestione colori sembra essere rimasto identico, e così gli effetti.

Il dubbio mi rimane ed è per questo che chiedo pareri, tuttavia non mi sento un asino, in riferimento all'accusa di Alessandro, sia perché ho fatto diverse prove, sia perché mi sono documentato sul web. Al massimo puoi dire inesperto.
La tua frase sulla gestione colore in Windows che "deve essere separata dalla gestione dei colori dei vari software" non l'ho capita. Come si fa a far sì che Gestione colori applichi il profilo solo agli elementi di Windows e non alle immagini viste nei software terzi? O così è, o così non è, ed è appunto quello che sto cercando di appurare.

Infine, Mar75: per quanto riguarda i browser non mi riferisco al riconoscere l'ICC incorporato (es. Adobe) o ad eventuali compressioni, ma all'applicare il profilo monitor prima di mostrare la foto in una pagina web. Io ad esempio in Edge vedo una certa foto come nell'app Foto (che non dovrebbe applicare profilo) e non come in XNView (che invece applica il profilo).

avatarjunior
inviato il 25 Marzo 2020 ore 16:12

Non é cosi, apri le impostazioni del software e li decidi come deve comportarsi, non c'è 2 volte. Se puoi setta profoto come spazio e se poi una foto ha magari un profilo srgb o adobe, il software ti avverte in apertura e ti chiede cosa fare.
Intendo dire che il monitor lavora in gamut NATIVO (e va calibrato) e poi tu decidi nel software in quale spazio fare editing o aprire le immagini.
Nel caso dei browser se c'é una immagine sul web con profilo INCORPORATO AdobeRGB, il monitor supporta questo spazio, e il browser pure bene , nessun problema....se non c'è profilo, ed é errato, iniziano i problemi (vedi link).
Scusa ma io non ho fatto nessuna accusa MrGreen ci mancherebbe
Per i browser leggi il link....é spiegato.

avatarjunior
inviato il 25 Marzo 2020 ore 16:40

L'accusa non era tua, perdonami!
Dunque per te, come ipotizzavo e dicono le mie fonti, la gestione colore sembra davvero essere eseguita solo nei software .

Ho visto il link al sito di Boscarol, grazie, davvero chiaro!
Il mio problema su Chrome/Edge, e quello di Matteo, potrebbe quindi essere il punto (5) - io mi riferivo a una pubblicazione su Facebook.

L'unica soluzione per Windows sembra quindi essere usare Firefox!

avatarjunior
inviato il 25 Marzo 2020 ore 16:47

Si corretto, certo che se hai un monitor che non supporta Adobergb e devi lavorare con questi spazi non c'è nulla da fare....e ti devi accontentare di srgb, che se non stampi non é una tragedia MrGreen

Per il web....Purtroppo qui si va pure nel campo delle ipotesi, per cui a meno che il sito non garantisca un upload 1 a 1, alcuni per esigenze di banda oltre che una ulteriore ricompressione e resize, potrebbero eliminare il profilo colore come nel caso di alcune cdn, o fornire una foto in versione diversa in funzione del browser come jpg per tutti tranne che per chrome in webp (tanto meglio) ......risolvi esportando sempre in srgb per il web, almeno la mancanza del profilo in molti casi é superata dal browser.

Poi per alcuni browser i settaggi per abilitare la gestione non sono attivi, bisogna andare nella gestione delle avanzate , tipo chrome:// e scegliere il comando, tipo chrome://flags ma ce ne sono altri.

avatarjunior
inviato il 26 Marzo 2020 ore 0:17

Gestione colore di Windows è uno schifo e non funziona una pippa, questo è il fatto...

Se lo facesse, una volta impostato il profilo colore in "gestione colori", esso dovrebbe appunto preoccuparsi di far fare la compensazione in ogni momento al sistema operativo... cosa che invece non accade, tanto è vero che ci ritroviamo il desktop saturo in caso di monitor widegamut e i software devono essere scritti color management, altrimenti è un casino... se lui facesse il suo dovere, non ci sarebbero questi problemi (so che su mac questo problema non c'è o cmq si può evitare facilmente)



Invece non gestisce assolutamente nulla, e non parlatene a gente che ha speso migliaia di euro in monitor SERI e poi si ritrova desktop e browser NATIVI DI WINDOWS (ovvero edge) ipersaturi... solo perché "gestione colori" non si degna di applicare al desktop appunto il profilo impostato...

Il fatto è che per la gestione colore, i software con cui visualizzamo le foto, devono essere color management... ed i software o visualizzatori nativi del sistema operativo NON LO SONO.

Aprite con visualizzatore foto di windows un file per il test dei monitor 10bit (ovviamente dovete avere un monitor 10bit per capire di cosa parlo) e ditemi cosa vedete...
In Photoshop (che gestisce i 10bpc ed è anche color management) vedrete una sfumatura omogenea... in visualizzatore foto di windows, vedete DEL BANDING... bello schifo eh?


È un argomento abbastanza noto... ma il punto è che gestione colore è messo lì a caxxo... e qualcuno ne sa qualcosa più di me...

Cmq... per i software che gestiscono il colore, io uso Firefox (vanno cambiati un paio di parametri, ma funziona), XnView funziona (basta semplicemente dirgli quale profilo icc usare dalle impostazioni, esempio, se calibro il monitor e creo il profilo icc del monitor, ovviamente va abbinato quello in xnview), irfanview funziona... per il resto non uso altro (a parte Photoshop che di suo supporta tutto)

avatarjunior
inviato il 26 Marzo 2020 ore 7:54

A me il desktop ipersaturo dà fastidio, molto.
Evidentemente non ho capito come fare a far gestire la cosa a Windows a livello di s.o. sulle sue applicazioni native e piacerebbe anche a me aprire Word ecc tutto in color managed senza vedere tutto ipersaturo, quindi dopo la consueta accusa di ignoranza e stupidità da parte di Alessandro Pollastrini, clgli chiederei gentilmente come fare senza ricorrere a utility che reimpostino il monitor in base all'applicazione, in quanto Microsoft non ha mai dichiarato color managed il s.o. ma evidentemente qui c'è chi ne sa più del produttore.

Grazie.

P.S. Cercare di comprendere le domande è fondamentale per poter rispondere, altrimenti serve solo alla propria autostima ma non certo agli altri, come necessiterebbe su un forum.
Soprattutto, non vedo l'utilità nello scrivere che se si sa fare si fa, senza specificare come, è piuttosto fastidioso.

avatarsupporter
inviato il 26 Marzo 2020 ore 8:02

Non voglio accendere alcuna miccia, la mia è solo curiosità, se qualcuno sa rispondermi.
Uso Mac ormai da 15 anni, e nonostante 3 computer e forse una decina di sistemi operativi non ho mai notato di questi problemi. Tantomeno con gli ultimi tre in cui ho finalmente uno schermo esterno widegamut.
Che apra un raw come anteprima, con PS o qualsiasi altra applicazione me la mostra uguale. Idem con i jpeg sRGB da applicazioni o browser.

Come funziona con Apple?

avatarsenior
inviato il 26 Marzo 2020 ore 10:30

Con Apple funziona,con Windows no...Semplice...MrGreenMrGreen

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 190000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.







Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me