RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Progetto mini oasi con capanno


  1. Forum
  2. »
  3. Tecnica, Composizione e altri temi
  4. » Progetto mini oasi con capanno





avatarjunior
inviato il 02 Dicembre 2019 ore 19:55

Allora, ho un progetto in mente che vorrei condividere con voi per capire se è attuabile o meno. Magari qualcuno di voi l'ha già fatto. Il progetto mi sta frullando nella testa da diverso tempo ma ieri si è rafforzato perché dovendo andare a finire un lavoro ho avuto modo di passeggiare dietro una parte della mia officina. Mi sono seduto lì e ho aspettato. È arrivato il pettirosso, il fringuello, la cinciarella, lo scricciolo e il regolo. In più passano gazze, merli, e il gheppio (molto più diffidenti).

Pensavo in questo spazio di circa 20 metri per 15 di allestire una piccola oasi con capanno. Inserisco due foto per farvi capire di che spazio si tratta.








Nella prima immagine ho segnato una prima possibilità. Cioè acquistare una di quelle casette porta attrezzi con porta e finestra e usarla come capanno fisso e preparare l'area circostante con posatoi, due nuovi alberi (per ora scarseggiano) e valutare la possibilità anche di scavare uno stagno. Dove finisce la freccia c'è anche un fossato con poca acqua.
C'è anche la possibilità di mettere il capanno più in mezzo ed stendere l'ambiente tutt'intorno, ma non so se sia consigliabile. Certo lo spazio sarebbe più grande, ma il capanno dovrebbe avere anche due finestre oltre alla porta.

Nella seconda immagine invece (perdonate le cianfrusaglie, ma è un po' da ripulire) ho pensato di ridurre la grandezza della zona dimezzandola. Quindi piazzare il capanno-casa dove segnato e realizzare comunque uno stagno e vedere se oltre al fico e al prugno può starci un altro albero più consistente. Questo mi permetterebbe di restare più immerso nell'ambiente.

Nella parte sinistra ci sono arbusti e cespugli vari e poi campi. A destra il muro dell'officina adibita però a magazzino, quindi non ci sono macchinari.

Che ne pensate. Si può ricavare qualcosa?



avatarsenior
inviato il 02 Dicembre 2019 ore 20:54

Si può fare tutto.

avatarsenior
inviato il 02 Dicembre 2019 ore 21:01

Hai tutta la mia approvazione; prova. Per il capanno valuta l'orientamento, che sarà diverso a seconda che tu preveda foto prevalentemente mattutine o pomeridiane, anche se lo stesso potrebbe essere un fisso-mobile diversamente orientabile quindi buono per tutte le ore. Evita la luce laterale. Non è assolutamente vero che va bene l'intera giornata; in realtà dà contrasti a qualsiasi ora. Il resto lo fa la tranquillità del luogo,se c'è. Un'ulteriore piantumazione di siepi (biancospino, rosa canina) è altamente consigliabile.

avatarjunior
inviato il 02 Dicembre 2019 ore 22:29

Innanzitutto grazie per l'incoraggiamento e per le dritte. Non avevo pensato in effetti all'orientamento del capanno in base all'orario degli appostamenti. Di mattina lì sorge il sole e fino al primo pomeriggio d'estate è abbondante, poi va tutto in ombra perché il muro dell'officina che si vede è a ovest. Mi sa che le foto migliori si faranno di mattina ma allora devo posizionarlo vicino alla rete per evitare il controluce.
Questo parlando di capanno fisso.

Tranquillità ce n'è in abbondanza anche perché ho visto che è già molto frequentato. Al massimo devo piazzare i posatoi in modo da tenere lontani i gatti.

Per quanto riguarda le siepi c'è ancora spazio, quindi si può fare.

avatarjunior
inviato il 10 Dicembre 2019 ore 22:59

Allora, volevo aggiornarvi. Prima di lanciarmi in un progetto del genere ho iniziato a piazzare qualche mangiatoia per vedere la reazione degli uccelli.

Per 8 giorni nulla. Venerdì ho visto il primo, poi il secondo ed ora sempre di più. In quelle che ho messo qui a casa meno, forse per la vicinanza a noi esseri umani.

In quelle che ho messo al lavoro molto di più perché alle sera quando vado a controllare le trovo belle spazzolate. Probabilmente essendo più isolate si sentono al sicuro.

Però vedo che mangiano meno granaglie, semi e larve mentre le palline di grasso spariscono alla grande. Solo se le spacco però. Altrimenti le lasciano quasi intatte. Non è che siano troppo dure a causa del fatto che la notte restano fuori? Caspita faccio fatica anche io a romperle con le mani. Sembrano sassi. È normale o posso fare qualcosa?

avatarsupporter
inviato il 11 Dicembre 2019 ore 10:45

Dire per prima cosa che hai un grande fortuna ad avere questo ritaglio di terreno. Concentrati bene sulla direzione della luce al mattino e sulle possibili ombre che verranno proiettate verso i posatoi. Io ho prestato molta attenzione anche all'ingresso verso le mangiatorie perchè se metti quelle circolari, gli uccelli arrivano da tutti i lati e spesso non fai in tempo a scattare. Ti allego una foto che spiega meglio questo concetto........con il posatoio difronte all'ingresso mangiatoia sono "costretti" (brutto termine) a posarsi dove voglio io.

Buon lavoro !!!!!!!!!!!!!!!!!








avatarjunior
inviato il 11 Dicembre 2019 ore 11:01

Anni fa andavo nell'oasi a pochi Km da casa mia è immensa ha almeno 6 capanni, ma i gruccioni
andavano in riva al fiume, comprai per circa 150 euro un capanno portatile feci così foto eccellenti
con il vantaggio di portarlo ovunque, e posizionarlo in ogni direzione, quando avrai fatto tante
foto nel tuo giardino ti troverai qualcosa di inutile che occuperà spazio.


saluti

avatarsenior
inviato il 11 Dicembre 2019 ore 12:24

Mangiano le palline di grasso perché più caloriche; se mettessi solo semi di girasole sparirebbero rapidamente anche quelli. Eviterei i piccoli semini da pappagallo, non sono apprezzatissimi. Da quello che dici è chiaro che si tratta in larghissima prevalenza di cinciallegre; per esse e per il pettirosso aggiungi strutto puro. Nella mia oasi ho ridotto a tre i capanni di mia costruzione; quando dopo anni il legno è andato devo solo svitare i singoli pezzi; è quanto sto facendo in questi giorni per la necessaria sostituzione con altri. Non mettere il capanno a contatto con il terreno ma lascialo sollevato su due paletti di cemento e prima di posizionarlo dai un paio di mani di impregnante, a cera mi raccomando. Oggi, se ho tempo, aggiungo un paio di foto, dopo di che, visto che sei nel padovano, vieni pure quando vuoi a vedere i miei allestimenti; ormai ho un'esperienza pluridecennale in merito.

avatarsupporter
inviato il 11 Dicembre 2019 ore 12:51

Ciao Tommaso,
se hai la possibilità e dando per scontato che non ci siano problemi di disponibilità d'acqua, ti consiglio di costruire uno stagnetto rialzato contenete due/tre cm di acqua e del ghiaietto.
Dovrai renderlo ovviamente impermeabile, arricchendolo con un sfondo di vegetazione verde, cortecce o rocce.
Se hai la possibilità, cerca di far in modo d'aver spazio per far riflettere i soggetti mentre fanno il bagno, tipo una cosa del genere, giusto per capirci :

www.juzaphoto.com/galleria.php?l=it&t=2129597
www.juzaphoto.com/galleria.php?l=it&t=3029657

Nel capanno, lo sfondo dell'interno deve essere nero ed il vetro antiriflesso, altrimenti percepiscono la tua presenza.
Puoi mettere la mangiatoia nelle immediate vicinanze sempre ben rifocillata, ma devi creare uno spazio nascosto sui bordi dello stagnetto per depositare il cibo quando andrai a fotografarli.
Buon divertimento
Eros

avatarjunior
inviato il 11 Dicembre 2019 ore 12:57

Bravo Tommaso, lo stagno fallo rialzato se puoi. Un contorno di mattoni in tuffo alti circa un metro o più e poi un sottovaso in plastica con l'acqua. Il. Contorno di mattoni lo riempi di terra così hai la possibilità di mettere anche il muschio e qualche sasso con rami dalle forme un po particolari per posatoio.

avatarjunior
inviato il 11 Dicembre 2019 ore 12:57

Ecco mi ha anticipato Eros....

avatarjunior
inviato il 11 Dicembre 2019 ore 21:04

Grazie a tutti per essere intervenuti. Sono consigli molto preziosi.

@Btiziano91
Sì è bello poter avere un pezzo di terreno anche se confina con un muro, ma è meglio di niente. E poi lì dietro è diventato un habitat del tutto naturale perché nessuno va a farci nulla. Hai fatto un ottimo lavoro con le tue mangiatoie. Le mie per ora sono solo per capire la reazione degli uccelli. E penso tu abbia fatto bene a metterle vicino a quegli arbusti perché ho letto (qui su Juza) che in questo modo si sentono più sicuri di potersi nascondere velocemente lì in mezzo in caso di pericolo. Vedo che le palline le hai lasciate intere. Di notte non ghiacciano? Non diventano dure?

@Michele Siciliano
È un posto già inutilizzato, da umani almeno. Per ora il progetto e meno fotografico e più per osservazione e cura di quella poca fauna rimasta in zona. Il capanno mobile non lo escludo, anzi ma per altre situazioni.

@Francesco Sestili
Ieri cercando consigli su cosa e come dare da mangiare agli uccelli selvatici ho letto tanti tuoi interventi su alcune discussioni su cui sono intervenuti anche Ellemme, Steff e Carmelo Miluzzo e devo dire che mi sembrate molto preparati. L'esperienza sul campo non si compra, per fortuna. Hai un repertorio in galleria invidiabile. Il Martin pescatore è l'ossessione mia e di mia moglie. Comunque osservando da un'apertura di un vetro rotto ho riconosciuto le cinciallegre e anche il pettirosso. Sento i merli ma non li ho mai visti mangiare. Ma anche questa sera sono andato a controllare e ci hanno dato dentro. Ho notato però che mettendo del cibo in un luogo più isolato, con rami e arbusti il cibo va via ancora di più. Devo metterlo ogni sera. E non è nemmeno in una mangiatoia ma sugli alberi, su una vecchia scala che è lì da una vita e su una lastra di marmo che è lì da più tempo della scala. L'inconveniente è che non riesco ad osservarli e a capire chi è che mangia. L'importante è che mangino.

@Eros Penatti
Hai un'immagine profilo che non ho potuto ignorare. Ci vivo insieme da 10 anni ormai. Adoro quel cane.
Pensavo a qualcosa di più profondo per lo stagno, ma se dici che è sufficiente seguo le tue indicazioni. Ho visto quello delle foto, e credo di potercela fare. Ma l'acqua la rabbocchi o hai portato una gomma da sotto?

@MarcoVeronese76
Come mai a un metro di altezza da terra? Pensavo di farlo appena rialzato per renderlo più naturale con l'ambiente circostante e mimetizzarlo con materiali naturali. Dici che è meglio rialzato?

avatarjunior
inviato il 11 Dicembre 2019 ore 22:02

Perché avresti un miglior punto di ripresa, a livello del tuo obiettivo. Se la fai a livello del terreno il soggetto lo riprendi dall'alto verso il basso e risulterebbe schiacciato. Fai una prova fotografa un soggetto a livello del tuo obiettivo, poi fanne una a un soggetto più alto dal tuo punto di ripresa. Un' altra foto un soggetto più basso dal tuo punto di ripresa. Confronta i tre scatti e poi dimmi qual'è il migliore dal punto migliore di ripresa. Non so se sono riuscito a spiegarmi, spero che si.

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 184000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.





offerte di natale



 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me