RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

digital ICE technology... ma che è sta schifezza?


  1. Forum
  2. »
  3. Computer, Schermi, Tecnologia
  4. » digital ICE technology... ma che è sta schifezza?




PAGINA: « PAGINA PRECEDENTE | TUTTE LE PAGINE |

avatarjunior
inviato il 04 Dicembre 2019 ore 17:39

Se hai una lente macro per digitale, procurati una lavagna da radiografia o qualcosa simile e digitalizza con la fotocamera. Impieghi molto meno e puoi mettere a fuoco in maniera corretta.


Se... stiamo parlando di pellicola mezzo formato, è un metodo empirico e di ripiego che escludo possa portare a qualche risultato ragionevolmente accettabile; forse, su formati da banco ottico, sempre come ripiego, potrebbe anche essere ragionevolmente efficace.

Se... si parla di 24x36 è assolutamente da escludere, i problemi di micromosso, inquadratura, messa a fuoco, taratura colore ecc... ecc... sono veramente enormi ed i risultati saranno sicuramente molto scarsi.

Personalmente: ormai da tempo duplico le pellicole negative con uno scanner Canon FS400 US, buono per i negativi, in particolare colore, ma non ottimale per le dia. Le diapositive, invece, le duplico col 'vecchio metodo': D850 -che ha più risoluzione dello scanner- ottica nikkor 55 f3.5 micro, soffietto macro con accessorio porta diapositive ed illuminazione flash riflessa da un pannello bianco (con l'aggiunta di un pannello dorato per scaldare un poco la temperatura colore).

Dopo le opportune tarature i risultati sono ragionevolmente buoni, a volte quasi ottimi, ma il problema è sempre quello: la polvere, anche con la massima attenzione, qualche granello o pelino ci scappa sempre.

Va detto che i graffi che con l'ICE verrebbero eliminati, con questo metodo rimangono visibili.

avatarsenior
inviato il 04 Dicembre 2019 ore 18:16

Ho un 60/2,8 micro afd, lo avevo considerato pure ma... Consuma l'otturatore e la mia d200 non è di primo pelo ora dovremmo stare a 60000 scatti, da un po' voglio affiancargli una d700 o d600/10 la seconda è più moderna ma la prima è quasi identica come corpo con meno differenza d'uso, per me coss importante, ed abbiamo una vita di negativi del padre della mia compagna da digitalizzare, motivo dell'acquisto, medioformato 35mm bn colori dia... Il v600 ci è sembrato il giusto compromesso.. finale, comprato nuovo, spero sia l'ultimo modello, non sapevo ci fosse un mark i e mk ii...

avatarsenior
inviato il 04 Dicembre 2019 ore 18:41

Diciamo che l'ice eviterei di usarlo visto quanto allunga i tempi, senza ice la scansione di 12 fotogrammi alla risoluzione finale di 7mpx è abbastanza veloce, per ora ho provato negativi e dia e già i risultati automatici non vanno malaccio per archivio, fastidioso il caricamento dei negativi o dia non incorniciate, 2 striscie da 6 fotogrammi con una struttura che sembra deboluccia e non sembra stendere bene tutti i negativi, quello singolo del 1250 permetteva di usare il rullino intero e sembrava stendere meglio il negativo

avatarjunior
inviato il 04 Dicembre 2019 ore 19:16

Le diapositive, invece, le duplico col 'vecchio metodo': D850 -che ha più risoluzione dello scanner- ottica nikkor 55 f3.5 micro, soffietto macro con accessorio porta diapositive ed illuminazione flash riflessa da un pannello bianco (con l'aggiunta di un pannello dorato per scaldare un poco la temperatura colore).

Non abbiamo appena detto la stessa cosa? Ho consigliato la lavagna perché non usando il flash mi dimentico della sua esistenza

avatarjunior
inviato il 04 Dicembre 2019 ore 19:47

Non abbiamo appena detto la stessa cosa? Ho consigliato la lavagna perché non usando il flash mi dimentico della sua esistenza


Oddio... può darsi, ma hai omesso di menzionare un sistema per sostenere la diapositiva che fosse solidale con la fotocamera/lente, soffietto o tubo portadia che fosse, questo mi ha spinto a puntualizzare la metodologia da usare

Comunque: avere un bel pannello luminoso che abbia anche un bello spettro colore e la giusta temperatura cromatica sarebbe il top ma non saprei proprio dove trovarlo.

Va considerato anche l'invecchiamento delle pellicole, che per le dia, in genere, comporta una scomparsa dei colori più caldi. Un problema che andrebbe corretto di volta in volta in funzione di quanto e come la pellicola si è deteriorata. Come detto, io impiego un pannello dorato, che a volte scalda anche troppo il duplicato, ma è più facile correggere la dominante calda che quella fredda; magari ci sono altre soluzioni.

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 184000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.





06 Dicembre 2019

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)
PAGINA: « PAGINA PRECEDENTE | TUTTE LE PAGINE |


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me