RCE Foto






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Godox V1 - Prime impressioni.


  1. Forum
  2. »
  3. Fotocamere, Accessori e Fotoritocco
  4. » Godox V1 - Prime impressioni.





avatarsenior
inviato il 08 Settembre 2019 ore 12:37

HO acquistato il flash V1N (versione per Nikon), ed in attesa di provarlo sul campo, (in condizioni operative reali), ho fatto qualche prova casalinga.
E' mia abitudine provare SEMPRE le nuove attrezzature prima di usarle in shooting reali, sia per curiosità, sia sopratutto per testarne il comportamento onde evitare sorprese sul campo.
Ciò premesso, non sto ad elencarne caratteristiche e funzionalità che si possono dedurre da altre fonti, mi interessa invece condividere alcune perplessità riscontrate nel corso delle prime prove.
(La fotocamera utilizzata è una Nikon D850)

1)- Rispetto ad un altro flash Nikon che posseggo (SB700), IN MODALITA' TTL, a parità di parametri (focale, diaframma, ISO, tempo di posa e scena inquadrata), il Godox sembra manifestare una tendenza a sottoesporre. (Ovviamente ho verificato che non fossero state immesse compensazioni);
2) Molto comoda l'interfaccia "trigger" per pilotare altri flash remoti della casa, in modalità slave. Oltre al master si possono configurare agevolmente tre gruppi distinti; MA ... commutando il flash in modalità commander, l'esposizione dell'unità master (montato sulla slitta della fotocamera), subisce una forte attenuazione rispetto alla stessa scena ripresa in modalità i-TTL. Ciò è molto strano, anche perchè l'attenuazione si verifica anche in assenza di unità remote . Triste Confuso
Si può sempre ricorrere alla compensazione...ma l'anomalia rimane.. anche perchè può far comodo disattivare il flash remoto con un'unica pressione del pulsante di comunicazione. Ripeto, la sottoesposizione è molto vistosa. .. probabilmente dovuta ad una staratura dell'esemplare in mio possesso. Se qualcuno dei lettori ha lo stesso flash, gradirei le sue valutazioni in proposito.
3) Inconveniente secondario... (ma non troppo) .. NON mantiene l'impostazione Auto dello Zoom. dopo breve tempo si commuta da solo in modalità M, quindi la parabola del flash si imposta sulla focale minima (28mm), e non segue più la focale utilizzata sull'obiettivo. Occorre a tal fine premere nuovamente il comando Zoom.
Questo è quanto riscontrato sinora... se noterò altre particolarità non mancherò di riferire.

avatarjunior
inviato il 30 Settembre 2019 ore 12:19

Ciao Frank_pb

io sto valutando l'aquisto dell'omonimo flash.

Ho il sb700 che venderei e prenderei il v1 .. Come ti trovi oggi? hai scoperto il problema del "sottosporre"?
Lo usi con l'High Speed Sync?

Io per il momento ho l'ad 200 e va alla grande.

Buona giornata.


avatarsenior
inviato il 30 Settembre 2019 ore 20:57

Ciao,
ho usato recentemente il flash V1 per un servizio di battesimo, e mi sono trovato benissimo.
Preciso che l'ho sempre usato con un diffusore di una nota marca... con risultati nettamente migliori
rispetto all'utilizzo "nudo".
Rispetto a quanto emerso in occasione delle prime prove, non ho avuto problemi di sottoesposizione.
La D850 interagisce benissimo anche con questo flash... che ho sempre usato in modalità i-TTL , in quanto non ho avuto il tempo di installare un flash remoto, da pilotare tramite il V1. Confermo comunque che ricorrendo alla modalità commander, il Master V1 sottoespone visibilmente rispetto alla stessa configurazione come flash singolo. Se si tratti di una scelta progettuale, per dare maggior risalto ai flash remoti, non saprei dirlo... rimane il fatto che sarebbe preferibile ricorrere alla compensazione intenzionale.
In alcune occasioni ho notato che il flash si era commutato in modalità manuale, senza che avessi intenzionalmente premuto l'apposito pulsante. Probabilmente, durante l'uso, potrei aver sfiorato accidentalmente il pulsante delle modalità.
In esterni non ho scattato... pioveva e non ho avuto la necessità di utilizzare tempi più rapidi del synchro flash nominale; ho provato l'High Speed Synch in altra occasione, e mi è sembrato tutto regolare.
Posso dire inoltre che ho effettuato oltre 500 scatti... e l'indicatore del livello batteria non è sceso neppure di una tacca... nonostante che il diffusore adottato si mangi quasi 2 f-stop. (prova effettuata rigorosamente in modalità manuale) Direi pertanto che l'autonomia non sia più fonte di preoccupazioni...
Spero di utilizzarlo al più presto in maniera ancora più intensiva..

avatarsenior
inviato il 30 Settembre 2019 ore 21:03

Preciso che l'ho sempre usato con un diffusore di una nota marca... con risultati nettamente migliori
rispetto all'utilizzo "nudo".


Quale? Ho un V1 anche io, mi interessa :)

avatarsenior
inviato il 30 Settembre 2019 ore 21:08

Seguo

avatarjunior
inviato il 01 Ottobre 2019 ore 0:37

Ma questo V1 (senza diffusori ecc.) ha la luce veramente più diffusa/uniforme/morbida dei suoi fratelli godox (o comunque dei flash convenzionali) da cui deriva? Non fidandomi delle immagini pubblicitarie gradirei avere un parere dai possessori. Grazie.

avatarsenior
inviato il 01 Ottobre 2019 ore 2:07

Quale? Ho un V1 anche io, mi interessa :)


Il Prof... Soft Bounce...! E' perfettamente compatibile... ;-);-)

avatarjunior
inviato il 01 Ottobre 2019 ore 6:42

Sono interessato anche io, vorrei sostituire il Metz 64 che invece tende a sovraesporre, sopratutto con soggetti vicini.
Niente che non si possa risolvere con una staratura di 2/3 stop ma resta quell'effetto sparaflashata che risolvi solo col bounce.
Non è che la taratura del Godox è volutamente così per evitare questo?

avatarsenior
inviato il 01 Ottobre 2019 ore 9:23

Il Prof... Soft Bounce...! E' perfettamente compatibile... ;-);-)


G1000!

avatarjunior
inviato il 25 Marzo 2020 ore 18:41

Se non vado errato si potrebbe aggiornare con firmware preimpostati dalla casa madre e quindi regolarlo in funzione delle proprie esigenze e in funzione del proprio corpo macchina.

avatarsenior
inviato il 27 Marzo 2020 ore 13:02

Se non vado errato si potrebbe aggiornare con firmware preimpostati dalla casa madre e quindi regolarlo in funzione delle proprie esigenze e in funzione del proprio corpo macchina.


Il mio V1 è già aggiornato con l'ultimo firmware rilasciato. Non mi risulta ne esistano altri " preimpostati dalla casa madre" Che significa..?

avatarjunior
inviato il 27 Marzo 2020 ore 13:24

Gianni, più morbida no, perché dipende dalla dimensione della fonte luminosa. Io lo uso per avere ombre nette perché più puntiforme delle parabole dei flash da studio, che sono larghe 18cm.

Può avere una distribuzione migliore sull'angolo inquadrato, ma di sicuro non è morbida.

avatarjunior
inviato il 27 Marzo 2020 ore 13:46

Scusa frank, ma io purtroppo non lo possiedo ancora. Mi sto documentando perché sarà il mio prossimo acquisto probabilmente, e purtroppo le dichiarazioni della casa madre sembrerebbero un pó pragmatiche. Sto ancora cercando di approfondire meglio il discorso aggiornamenti. In quanto non molto approfondito dalla godox. Ma da quello che avevo letto alcuni firmware sembrerebbero dedicati ai corpi macchina.
Se poi un'anima pia vorrebbe chiarirmi meglio il suo funzionamento, grazie mille. :-P

avatarsenior
inviato il 28 Marzo 2020 ore 0:52

Ma da quello che avevo letto alcuni firmware sembrerebbero dedicati ai corpi macchina.


Mi sembra un errore di interpretazione... ;-) sul sito ufficiale Godox esistono firmware dedicati , ed esplicitamente rivolti ai vari tipi di innesto per le fotocamere più diffuse: Il V1C è per Canon, il V1N è per Nikon, il V1S è per Sony...
Per gli aggiornamenti occorre dunque scaricare ed aggiornare solo la versione adatta al proprio modello di flash;
ovviamente non puoi scaricare il firmware Nikon sul flash per Canon e viceversa.
I firmware solitamente correggono eventuali bug che potrebbero coinvolgere gli esemplari già in commercio, o aggiungono nuove funzioni (ad esempio la regolazione della potenza in maniera più fine, etc)

avatarjunior
inviato il 28 Marzo 2020 ore 9:18

Sì le varie serie le avevo letto infatti sarei interessato alla serie n. Ma a questo punto i firmware servono a regolare il flash in maniera più fine rispetto alla serie del corpo macchina o in generale?

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 190000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.







Metti la tua pubblicità su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me