RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Il grido di dolore di Andrea


  1. Forum
  2. »
  3. Viaggi, Natura, Escursioni ed Eventi
  4. » Il grido di dolore di Andrea





avatarsupporter
inviato il 21 Agosto 2019 ore 10:17

Cari amici metto in evidenza il commento che ha scritto sulla mia ultima immagine (Cupi pensieri) un giovane fotografo di 14 anni mio amico Andrea Casolin di cui ho un grande rispetto come persona per la sua serietà e sensibilità e come promettente e appassionato fotografo, chi mi conosce sa come la penso sull'uomo e quindi potrei rafforzare i suoi concetti ma lascio in evidenza solo il grido di dolore di questo giovane che si rende conto del disastro cui sta andando incontro il mondo, mentre noi grandi incuranti del futuro dei nostri figli continuiamo imperterriti nonostante i terribili segnali che la terra nella sua sofferenza ci sta mandando, la distruzione è vicina, la nostra unica casa fra pochi anni sarà invivibile e non ne abbiamo una di scorta, buona giornata a tutti e a tutte.

“Caro Emme e voi tutti iscritti a Juza, questo mondo si sta distruggendo. L'unico pianeta, fin'ora, in tutto l'universo che ci ha voluto suoi figli per mezzo di una volontà più grande di noi e a noi incomprensibile. Provate a pensare, quando si conosceva meno, si era più rispettosi e più attenti al mondo che ci circonda; ora invece si è sempre preoccupati di se stessi nel web e nella società viziata di oggi. In qualche pagina di Juzaphoto c'è scritto: possa la bellezza essere ovunque intorno a me. Ma cos'è questa bellezza? Cos'è? Be', tante cose. Qualunque cosa noi vogliamo. Quindi se amiamo così tanto un telefonino amiamo così tanto anche l'ambiente che ci circonda. L'uomo vive senza il telefonino, senza l'ambiente invece non saremmo mai nati.”

avatarsupporter
inviato il 21 Agosto 2019 ore 10:23

Un ragazzo molto sensibile, ce ne vorrebbero molti ma molti di più di ragazzi come Andrea, forse il futuro sarebbe più roseo...
Un saluto Andrea ed Emme Cool
Alessandro

avatarsenior
inviato il 21 Agosto 2019 ore 10:25

Ho visto la foto e il suo commento - e commentato a mia volta. Dicono che la loro generazione sarà quella dell'inversione di marcia. Ma lo dicevano già della mia... Confuso

avatarsenior
inviato il 21 Agosto 2019 ore 10:30

Speriamo nella sensibilità di questi giovani ragazzi per il futuro.
Bravo Emme ad evidenziarlo.
Ciao a tutti Andrea

avatarsenior
inviato il 21 Agosto 2019 ore 10:32

Io direi che ci vorrebbero anche molti più adulti come Andrea

avatarsupporter
inviato il 21 Agosto 2019 ore 10:33

Io direi che ci vorrebbero anche molti più adulti come Andrea


I rami si drizzano da piccoli, per gli adulti non c'è speranza...
La speranza invece la dobbiamo riporre in questi giovani, sperando appunto che rimangano come sono ora, così da adulti faranno la differenza.

avatarsupporter
inviato il 21 Agosto 2019 ore 10:50

Porto la testimonianza di anni di educazione ambientale nelle scuole, purtroppo si può incidere a fondo solo se si seguono i ragazzi iniziando dalla scuola materna e proseguendo con le elementari, iniziare dalla scuola media è già tardi i ragazzi grandicelli prestano pochissima attenzione ai temi ambientali a meno che non abbiano appreso l'amore per la natura dai loro genitori, la scuola ormai fa poco nel campo dell'educazione ambientale, i ragazzi grandi in vista di panorami meravigliosi alzano lo sguardo solo pochi secondi per guardare il panorama e poi riabbassano subito la vista cercando il display del loro telefonino che gli interessa molto di più, i bambini invece sono molto ricettivi e partecipano con emozione e si dimostrano molto severi anche nei confronti dei loro genitori redarguendoli per i loro eventuali comportamenti scorretti, apprendono subito il rispetto per l'ambiente e gli animali e lo mantengono tutta la vita.

avatarsenior
inviato il 21 Agosto 2019 ore 11:00

Che possa essere realizzato ogni tuo sogno e aspettativa Andrea. Buona giornata Emme

avatarsenior
inviato il 21 Agosto 2019 ore 11:26

Ce ne fossero di Greta!
Il problema è che la maggioranza delle persone adulte resta sempre parecchio infastidita quando una ragazzina le mette davanti alle proprie responsabilità.

avatarjunior
inviato il 21 Agosto 2019 ore 11:36

Io ritengo le persone dai 50 ai 65 anni il male dell'Italia, quelli che hanno portato il nostro paese nello stato in cui ci troviamo.
Mafia, ndrangheta, terrorismo politico, corruzione, evasione, crimini ambientali e chi più ne ha più ne metta....
X favore nessuno si offenda, è un mio pensiero, so bene che ci sono state delle grandi menti e grandi personalità.

avatarsenior
inviato il 21 Agosto 2019 ore 11:53

Ormai è troppo tardi per evitare la catastrofe, spiace per i giovanissimi di oggi che non hanno fatto nulla per meritarselo e saranno quelli che ci perderanno di più, ma così va la vita.
Godetevi questo pianeta finchè dura.

avatarsenior
inviato il 21 Agosto 2019 ore 11:55

Caro Emme, come insegnante posso confermare che i bambini sono davvero molto sensibili su questa tematica. Per il "Friday for future" due classi quarte, armate di cartelli e volantini hanno incontrato il sindaco e sfilato per il paese per sensibilizzare le persone alla salvaguardi del Pianeta . Beh, devo dire che alcune non hanno apprezzato, deludendo le aspettative dei bambini. Quanto gli adulti devono ancora imparare...

"Abbiamo voluto avvisare le persone che il nostro mondo è in pericolo, ma che ci possono aiutare a salvarlo."

"Io voglio bene al pianeta e quando sarò grande continuerò e continuerò per sempre, finché non morirò!"

Loro sono la speranza per il futuro!

Nadia

avatarsupporter
inviato il 21 Agosto 2019 ore 11:59

Sono completamente del parere di Newbie purtroppo abbiamo pensato solo a noi stessi e abbiamo tolto il futuro ai giovani, abbiamo sperperato tutto inquinato tutto razziato la terra e il mare e ai giovani sono rimaste solo le briciole e un mondo distrutto, manco la pensione avranno mai, per quanto riguarda quello che ha detto Selios il commento di Andrea l'ho messo in risalto io lui è un ragazzo semplice non cerca notorietà lo seguo da un bel po' e mi piace molto la sua passione sincera verso la natura e la fotografia, se qualche giovane si azzarda a protestare vuole mettersi in mostra? I giovani dovrebbero rovesciare il tavolo e pretendere rispetto noi gli abbiamo tolto anche la speranza sono nella maggior parte rassegnati e pretendiamo pure che non rialzino la testa.
Grazie a tutti per il vostro contributo, Alex, Giammarco, Andrea (Andnol), Andrea (Andrè), Raffaele, Selios, Roy, Newbie, Arcanoid e Nadia, parlarne sembrerebbe velleitario ma dovremmo pure tacere?

avatarsenior
inviato il 21 Agosto 2019 ore 14:02

Provate a pensare, quando si conosceva meno, si era più rispettosi e più attenti al mondo che ci circonda; ora invece si è sempre preoccupati di se stessi nel web e nella società viziata di oggi


Mi sembra un ragionamento molto incompiuto (anche se, vista l'età, lodevole)
Quando si conosceva meno(o si faceva finta) si aveva meno consapevolezza.
I danni di oggi vengono da lontano.
L'educazione ambientale non c'entra, il problema è l'educazione punto,
che in primis deve arrivare dalle famiglie con il forte supporto dell'ambiente scolastico.
I telefonini non hanno colpe, manca la cultura in questo paese.


Io ritengo le persone dai 50 ai 65 anni il male dell'Italia, quelli che hanno portato il nostro paese nello stato in cui ci troviamo.


Scendi in piazza a protestare per far cambiare le cose come hanno fatto quelli dai 50 ai 65.
Non perdere tempo a scrivere caxxate dietro una tastiera.

avatarsupporter
inviato il 21 Agosto 2019 ore 14:48

Quelli dai 50 ai 65 anni hanno fatto i loro comodi volevano andare in pensione a 40 anni e hanno eliminato la possibilità ai figli di andare almeno a 65 invece in pensione non ci andranno mai, volevamo vivere alla grande e abbiamo inquinato e distrutto il mondo, quando ero piccolo il mondo era ancora intatto e l'acqua del mare la bevevo per andare di corpo adesso la posso bere per andare al creatore, le famiglie sono disgregate piene di violenza la scuola è impotente senza soldi non riesce a portare i ragazzi neanche a una piccola escursione nei boschi per far conoscere l'ambiente, l'educazione ambientale è importante molto importante chi rispetta la natura e gli animali rispetta il mondo e l'uomo, passare per negativo un messaggio positivo non lo accetto ammiro questo ragazzo che ha il coraggio di parlare fate parlare anche i vostri figli che le cose miglioreranno ma se non li lasciamo neanche esprimere perchè subito li critichiamo come in cerca di notorietà o addirittura di scrivere fesserie pretendiamo che scendano in piazza ma se scendono in piazza siamo noi la generazione da eliminare

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 205000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.





26 Febbraio 2021

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me