Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Uscite in Montagna, cosa vi portate?


  1. Forum
  2. »
  3. Fotocamere, Accessori e Fotoritocco
  4. » Uscite in Montagna, cosa vi portate?





avatarjunior
inviato il 13 Agosto 2019 ore 16:42

per lunghe escursioni conviene portare qualche additivo in polvere, da aggiungere all'acqua di montagna che è pura e scarsa di sali minerali.
In questo modo ti disseti con minore quantità: borraccia meno pesante e più autonomia ;-)



avatarsenior
inviato il 13 Agosto 2019 ore 16:48

Diciamo che in generale per camminata 7-800mt di dislivello 10-12Km 1.5 ore andare e 1.5 ore tornare:

Garmin ST64 GPS
Gerber Militare
Gerber Pietra fuocaia
Medical pouch (con coperta termica).
Petzl Frontale
Crema solare 50 (sono pelato)
Borraccia da 1.5l super lite
Panino con la mortadazza MrGreen da bruciore di stomaco assicurato
Sony A7RIII
Tamron 17-28 f2.8
Filtro PL più DN64 DN1000 DN100K

Dipende da dove vado e aggiungo a quello sopra
Tamron 28-75 f2.8
Sony 70-200 GM (raramente)

Treppiedi MTPIXIEVO-BK se voglio stare leggerissimo
Panno
Penna per lenti
Zaino dipende ho un po' di tutto





avatarsenior
inviato il 13 Agosto 2019 ore 17:28

Dall'alpe di siusi a fie scavallando lo sciliar, dislivello non impegnativo ma comunque sulle 7 ore, i punti di ristoro fino a malga saltner non si contano, poi trovi bolzano, seggiola, hofer, tuff e via andando. Mercato o collina non mi sembravano. MrGreen

Possiamo inserire nel contesto montagna Siusi e dintorni per il fatto che non è a livello del mare ma per il resto siamo un'attimo lontani,
le escursioni che intendevo nel mio intervento erano un filo diverse, tanto per fare un esempio con cose già fatte personalmente mettiamo traversate varie sull'immenso Lagorai, o con partenze da Pampeago fino a Costalunga, da Rabbi per finire in Val d'Ultimo, dalla Val di Vizze per finire a Lappago passando dalla Cima Gran Pilastro e Lago di Neves, Salire sul Cevedale o sul Gran Zebrù, solo alcuni percorsi dove trovi qualche gruppetto di persone a ferragosto e di certo non tanti posti di ristoro dove comperare formaggi e quadretti.Cool

avatarjunior
inviato il 13 Agosto 2019 ore 18:17

Salire sul Cevedale o sul Gran Zebrù, solo alcuni percorsi dove trovi qualche gruppetto di persone a ferragosto e di certo non tanti posti di ristoro dove comperare formaggi e quadretti.


Oggettivamente... seguendo i tuoi criteri, il Cevedale non è esattamente una gita per pochi, ma una divertente gita da merenderos affollatissima in questa stagione, con tre rifugi a un'ora e mezza di distanza l'uno dall'altro... Per contro, il Gran Zebrù a ferragosto, secondo i MIEI criteri, è una difficile salita molto pericolosa (sono stato in zona 3 giorni fa).

Molto più seriamente e per rimanere in tema: il Cevedale con i suoi 3769m richiede buona acclimatazione ma i suoi 1600 metri di dislivello (partendo dal rif. dei Forni, seguendo per la Pizzini e poi dal Casati fino alla cima), avendo un buon allenamento sono anche fattibili senza pernottare in rifugio. L'assenza di grosse difficoltà tecniche (quota e lunghezza a parte e considerando la progressione su ghiaccio) consente -mi consente- di portare anche una FF con un 12-24 più la RX100 (12-24 perché ci sono panorami vastissimi). Va detto che la cima non è più facilmente accessibile come un tempo, e ad agosto presenta tratti di ghiaccio grigio.

Altra storia il Gran Zebrù: in questo agosto è diventato una piramide di sfasciumi grigi e inconsistenti che ricoprono il ghiaccio nero e che non sostengono nemmeno indossando i ramponi, perché il permafrost non c'è più. Salirlo ora -agosto 2019- presenta consistenti pericoli oggettivi. L'ho fatto 4 volte e 2 di queste salendo direttamente dalla macchina, ma ora non lo rifarei nemmeno se mi pagassero. Se... dovessi salirlo, giocherei sulla massima leggerezza e porterei la RX100 (le altre 4 volte avevo portato la OM2 con un 21, prima, e la F3 con un 24-50, poi). Comunque: astenetevi da questa cima, se dovete salirla fatelo in giugno.

avatarsenior
inviato il 13 Agosto 2019 ore 18:33

A Neves ci arrivi anche vicino con la macchina, dipende da che periodo dell'anno, al Giovanni Porro è obbligatorio passarci, li ci ho fatto diversi pernottamenti negli anni passati ( molto passati), avendo due macchine come dicevo prima per arrivare a Neves da Vipiteno è una bellissima escursione per tutti, non corta ma dai paesaggi molto selvaggi, però serve lasciare una macchina a Lappago e con l'altra ci si porta fino al parcheggio della Val di Vizze, si sale fino a 2700 fino al rifugio Gran Pilastro, da li con percorso non corto ma facilissimo si arriva fino alla forcella e poi si scende al lago.

avatarsenior
inviato il 13 Agosto 2019 ore 18:46

Altra storia il Gran Zebrù: in questo agosto è diventato una piramide di sfasciumi grigi e inconsistenti che ricoprono il ghiaccio nero e che non sostengono nemmeno indossando i ramponi, perché il permafrost non c'è più.

Che casino 'sto clima...

avatarsenior
inviato il 13 Agosto 2019 ore 19:58

"Panino con la mortadazza"
...questo è obbligatorio in ogni escursione! MrGreen

Io da quando è nato mio figlio porto un olympus omd10 con due obiettivi e basta. Ho un gorillapod e un filtro uv come accessori.

Un must per me è il telo impermeabile da mettere a terra e il kit di pronto soccorso per il figlio che ovviamente si fa male sempre.

Un po' invidio voi che fate gite così impegnative ma una cosa non la invidio più, 20kg sulle spalle MrGreen

avatarsenior
inviato il 13 Agosto 2019 ore 20:28

@Gsabbio
Giuste puntualizzazioni le tue,
Riguardo al Gran Zebrù diversi anni fa mi toccò stare tre giorni fermo al Pizzini perchè si vedeva solo grigio, poi una notte ci nevicò quel tanto che basta per partire con i frontalini e arrivare in cima con i soli ramponi, alle 11 già di ritorno e già la neve non teneva più niente, una specie di granita mezza sciolta sopra la lastra di ghiaccio vecchio, come saprai il punto critico è l'ultimo pezzo dove se parti arrivi giù a Solda dritto filato. Le condizioni una volta erano sicuramente migliori, ti dico che il Gavia era ancora sterrato.
Per il Cevedale ho anche vecchi ricordi quando ancora le due cime erano collegate dalla neve con accesso facilissimo, ora mi dicono che il clima si è mangiato tutto quanto, la gamba era buona da fare tutto senza pernottamento, macchina a Malga Mare, meno di un'ora per arrivare al Larcher, riposino e poi su di botta.
Nello zaino la Pentax Mx con 28/35/50 mm, il resto era per sussistenza.Cool

avatarsenior
inviato il 13 Agosto 2019 ore 20:44

Io uso un telo come questo ma è blu ed è 150×130
Ho provato a cercarlo uguale ma non lo trovo. Della ferrino trovo solo questi:
www.mercoledisantorescueadventure.com/accessori-outdoor/coperte-da-pic

avatarsenior
inviato il 13 Agosto 2019 ore 20:48

Dimentichi caschetto, moschettoni e un pezzo di corda..non sia mai che devi assicurare qualcuno.

avatarsupporter
inviato il 13 Agosto 2019 ore 20:56

Ragazzi io vi dico cosa porto nel mio zaino da 35 litri, adatto all'alpinismo.
Allora:
EM1II
7-14 PRO
12-40 PRO
40-150 “plasticotto”
Corda da 30 metri
Imbrago
3 rinvii
Secchiello
3 moschettoni
2 cordini in kevlar
Caschetto
Treppiede SIRUI T-025X
1,5 litri da bere
Giacca softshell
Pile
calze di ricambio
2 barrette energetiche
2 panini
Impermeabile

E qualche volta pure il drone DJI MAVIC 2 Pro Sorriso

Cerco comunque di stare tassativamente sotto i 10 kg di peso, altrimenti diventa veramente un sacrificio anziché un piacere MrGreen

avatarjunior
inviato il 13 Agosto 2019 ore 22:01

In montagna Pentax mx1

avatarjunior
inviato il 13 Agosto 2019 ore 22:19

Per me lasci a casa l'unico obiettivo utile: un macro per fotografare i fiori

avatarjunior
inviato il 13 Agosto 2019 ore 22:26

un macro per fotografare i fiori


Con un bel grandangolare vengono stupende immagini ambientate

avatarsupporter
inviato il 14 Agosto 2019 ore 6:11

Federico, il secchiello e' per la polvere di magnesio o intendi altro?


No è quell'attrezzo che ti permette di far sicura ad una persona mentre arrampica, oppure di calarti su una doppia in autonomia ;-)

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 179000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.





AutoElettrica101



 ^

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me