RCE Foto

(i) Per navigare su JuzaPhoto, è consigliato disabilitare gli adblocker (perchè?)






Login LogoutIscriviti a JuzaPhoto!
JuzaPhoto utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per ottimizzare la navigazione e per rendere possibile il funzionamento della maggior parte delle pagine; ad esempio, è necessario l'utilizzo dei cookie per registarsi e fare il login (maggiori informazioni).

Proseguendo nella navigazione, acconsenti all'utilizzo dei cookie e confermi di aver letto e accettato i Termini di utilizzo e Privacy.

OK, confermo

Che fine hanno fatto le rondini?


  1. Forum
  2. »
  3. Viaggi, Natura, Escursioni ed Eventi
  4. » Che fine hanno fatto le rondini?





avatarsenior
inviato il 25 Luglio 2019 ore 11:50

Dopo che erano sparite, da un po' di anni sono riapparse nella mia zona. Anche questa primavera erano arrivate numerose. Ho notato però che in questo periodo di nuovo sono completamente scomparse. Cosa è successo, troppo caldo?

avatarmoderator
inviato il 25 Luglio 2019 ore 21:05

Nel 2013 , rispetto al 2003, quasi il 50% di rondini in meno era arrivato in Italia per la primavera.
Motivazioni, secondo uno studio condotto dalla Fondazione Cariplo con la Lipu e con l'università Bicocca di Milano, erano legate a tre fattori :
- cambiamento climatico
- stravolgimento dell'habitat naturale, collegato all'inquinamento. Caccia in volo insetti e per questo è molto utile all'agricoltura. Purtroppo l'uso indiscriminato di pesticidi ne ha ridotto enormemente il numero.
- le frequenti uccisioni delle rondini durante il percorso, specie in alcuni paesi africani (es. Nigeria)
cit.ne Redazione Agorà-Avvenire.it

nota sul percorso migratorio: percorrono in cielo circa 11.000 km con un ritmo medio di 322 km al giorno
preferenze: Le rondini preferiscono la campagna

avatarsenior
inviato il 25 Luglio 2019 ore 22:54

E dal 2013 ad oggi? Ci sono stati ulteriori cambiamenti?
Per esempio ho notato che rispetto alle città marchigiane Roma ha una quantità incredibile di rondini!

avatarsenior
inviato il 25 Luglio 2019 ore 23:44

Avevo letto che quest'anno il protrarsi di un clima freddo a maggio aveva creato dei problemi, ma la loro scomparsa dalle mie parti è più recente.
Hanno fatto la stessa fine dei passeri!
Da me ormai prosperano solo tortore e cornacchie.

avatarmoderator
inviato il 26 Luglio 2019 ore 7:27

ho notato che rispetto alle città marchigiane Roma ha una quantità incredibile di rondini

Molto probabilmente sono rondoni dal colore grigio scuro con parti inferiori nere. E' più grande delle rondini, con zampe cortissime, ali strette e rigide, coda corta e forcuta. Vola molto in alto, in stormi non troppo numerosi ed è rarissimo che tocchi terra.
La colorazione delle parti superiori delle rondini è comune nelle campagne e zone coltivate, molto meno, se non del tutto assente, in cittàè di un nero bluastro, le parti inferiori sono bianche mentre la fronte e la gola sono rosse - Vola in maniera elegante e acrobatica . La rondine è comune nelle campagne e zone coltivate, molto meno, se non del tutto assente, in città.

nidi: I rondoni in città nidificano in cavità o buchi dei sottotetti delle case e non necessitano di fango (a differenza delle rondini) per la costruzione del nido.

avatarsenior
inviato il 26 Luglio 2019 ore 7:51

Il problema non è la scomparsa delle rondini (rondini e balestrucci), che sono molto sensibili alle alterazioni dell'ambiente (ormai alterato)

Il problema vero è la scomparsa dei passeri che dalle mie parti (Brianza), anni fa erano numerosissimi, a centinaia intorno a casa, ed ora non ci sono più, ZERO. Erano tanto comuni che non meritavano nemmeno una foto, che oggi, invece, diverrebbe uno scoop.
Un fenomeno tanto radicale ed un indicatore biologico tanto preciso che mi fa seriamente temere anche per la MIA salute

Anche i merli e cornacchie grigie sono molto diminuiti (per le cornacchie, forse è una conseguenza della diminuzione dei passeri).

Tuttavia, sulle prealpi lecchesi il rondone alpino è ancora molto numeroso.

La mia è una pura e costante osservazione 'sul campo' visto che abito proprio in campagna.

avatarmoderator
inviato il 26 Luglio 2019 ore 8:10

Daniela Rustichelli, delegato della sezione di Carpi della Lipu: Le cause sono numerose anche se il comune denominatore è sempre uno: l'uomo. “Passeri, cinciallegre, cinciarelle… stanno continuando a diminuire perché in campagna non ci sono più siepi e, quelle che resistono negli ambienti urbani, vengono continuamente potate e manutenute. Questi uccellini - che amano nidificare tra gli intrichi di rami spesso protetti da spine - non trovando più anfratti e luoghi sicuri per fare il nido e difendere i piccoli, vengono maggiormente predati, in particolare dai corvidi”. Predatori che, soprattutto in questa stagione primaverile, “razziano i nidi, nutrendosi delle uova e dei piccoli neonati, contribuendo così alla progressiva scomparsa di numerose specie di amici alati”.

fonte Temponews maggio 2017

Quindi le cause principali per il calo della popolazione dei i passeri sono la riduzione delle siepi - macchie di verde in campagna ovvero stravolgimento dell'habitat naturale dovuto ad un'agricoltura sempre più intensiva.
+
l'utilizzo in agricoltura dei fitofarmaci contro gli insetti, fonte principale di proteine per l'allevamento dei nidiacei. Durante la riproduzione il passero ha bisogno di trovare insetti nel raggio massimo di un chilometro dal nido.

Come concause:
-riduzione dei siti di nidificazione in città (calo dell'uso dei tetti classici con tegole)
-aumento dei predatori = corvidi
-caccia


avatarsenior
inviato il 26 Luglio 2019 ore 8:30

@Elleemme. Assolutamente vero, tant'è che qui accanto a casa mantengo un cespuglio di canne,benché infestante, perché è il rifugio dei passeri e di piccoli gruppi di storni di passaggio. Nonostante la mia zona sia coltivata intensamente sono circondato da volatili. In questo momento è tutto un cinguettio.MrGreen

avatarsenior
inviato il 26 Luglio 2019 ore 8:36

Passeri, cinciallegre, cinciarelle… stanno continuando a diminuire perché in campagna non ci sono più siepi


Non discuto sull'analisi, ma non si applica a dove abito io

Non sto a descrivere l'ambiente circostante alla mia abitazione che in sostanza è sul preciso e netto confine tra cittadina e campagna coltivata. Di fatto, siepi e tetti non sono cambiati in questi anni.
La scomparsa dei passeri, quasi netta quanto lo spegnersi di una lampadina, risale grossomodo all'ormai lontano 2005, dopo un inverno particolarmente rigido (si tratta di una mia ricostruzione 'a memoria', anni fa ho visto il fenomeno e l'ho ricollegato a quell'inverno freddo).

Forse il freddo, forse l'introduzione di nuovi pesticidi... non so.

avatarsenior
inviato il 26 Luglio 2019 ore 8:38

Aggiungerei alle probabili cause la sempre maggior diffusione di Sony A9 che col 100-400 GM e col nuovo 200-600 priva totalmente i poveri volatili di ogni più basilare privacy...

avatarjunior
inviato il 26 Luglio 2019 ore 9:35

Le rondini della mia zona sono scomparse assieme alle stalle. Le poche coppie superstiti magari riescono a fare una nidiata ma poi non trovano abbastanza mosche per tenerla in vita. Specie se piove a lungo non riescono a cacciare un numero sufficiente di insetti. Nelle stalle invece potevano trovarne anche con la pioggia, ma nessuno ha più le vacche a casa. Niente vacche, niente mosche.

avatarsenior
inviato il 26 Luglio 2019 ore 9:57

fortunatamente dove sono io ho abbondanza di passeri e rondini :)...queste ultime l'anno scorso avevano nidificato nel sottotetto della casa che stavo ristrutturando...ho dovuto aspettare settembre per controsofittare MrGreen

avatarsenior
inviato il 26 Luglio 2019 ore 11:07

Bravo, bel gesto, ti fa onore. Anche se, temo, da te non nidificheranno più ora che hai ristrutturato.

avatarsenior
inviato il 26 Luglio 2019 ore 12:38

In realtà si...ma almeno non più dentro casa...MrGreen
Quest anno son tornate e trovando chiuso (le finestre) si sono messe nel sottotetto esterno

user23063
avatar
inviato il 18 Agosto 2019 ore 11:28

Ottimo!

Da me (o meglio, nel paese più vicino) un numero ancora considerevole di rondini quest'anno ha nidificato e popolato sottotetti e cieli, peraltro paese bagnato da un fiume (quindi presenza di insetti notevole, probabilmente questo compensa la mancanza di spazi verdi non coltivati o non trattati con pesticidi). Ora, già da 2 settimane, non se ne vedono quasi più. Speriamo ritornino l'anno prossimo in egual o maggior numero.

Che cosa ne pensi di questo argomento?


Vuoi dire la tua? Per partecipare alla discussione iscriviti a JuzaPhoto, è semplice e gratuito!

Non solo: iscrivendoti potrai creare una tua pagina personale, pubblicare foto, ricevere commenti e sfruttare tutte le funzionalità di JuzaPhoto. Con oltre 207000 iscritti, c'è spazio per tutti, dal principiante al professionista.





11 Aprile 2021

Metti la tua pubblicità
su JuzaPhoto (info)


 ^

JuzaPhoto contiene link affiliati Amazon ed Ebay e riceve un compenso in caso di acquisto attraverso link affiliati.

Versione per smartphone - juza.ea@gmail.com - Termini di utilizzo e Privacy - P. IVA 01501900334 - REA 167997- PEC juzaphoto@pec.it

www.juzaphoto.com - www.autoelettrica101.it

Possa la Bellezza Essere Ovunque Attorno a Me